21 Gennaio 2021

La figura determinante del DS: come ottimizzare il proprio lavoro

Le più lette

Stefano Lo Bartolo, Il tecnico della Folgore Pavia «Il progetto femminile è la scommessa che vogliamo vincere»

Stefano Lo Bartolo all’età di diciotto anni si trasferisce dalla Sicilia a Pavia per poter studiare scienze motorie all’Università....

Imperia – Sanremese Serie D: la Sanremese si illude con Romano, Capra salva l’Imperia

Termina 1-1 il match tra Imperia e Sanremese: al vantaggio iniziale degli ospiti con Romano risponde la formazione di...

Serie D, Saluzzo – PHDAE: Bedino all’ultimo respiro regala i tre punti ai granata

Una vittoria che vale oro in ottica salvezza per il Saluzzo di Boschetto, che supera in casa il Pont...

Il ritorno al calcio giocato, dopo l’emergenza della pandemia che sembra ormai terminata, quantomeno nella fase più acuta, ha riacceso entusiasmi e accelerato la voglia di ripartenza del calcio dilettantistico.
Le tante ombre e la visibilità persa da tanti partecipanti in questo momento particolare, renderanno ancora più complicato il lavoro del Direttore Sportivo, figura fondamentale per le attività concernenti l’assetto organizzativo, oltreche amministrativo, delle Società. Tra queste ovviamente, anche la gestione dei rapporti contrattuali fra società e calciatori o tecnici e la conduzione di trattative con altre Società Sportive, aventi ad oggetto il trasferimento di calciatori.
Ogni anno si assiste a lavori in corso, con squadre rivoltate come calzini e dirigenti sottoposti a un ritmo infernale di colloqui alla ricerca del migliore assetto per affrontare la prossima stagione. La ricerca disperata di ruoli difficili da reperire, come portieri, attaccanti o giovani che tutte le squadre dei campionati dilettantistici hanno l’obbligo di fare scendere in campo, nella misura stabilita dal Consiglio Direttivo della LND, sono la vera spina nel fianco delle società che, se poco attrezzate, non hanno un buon settore giovanile.
La mancanza di informazioni è uno dei maggiori ostacoli da superare per chi è costretto a rivolgersi a società più blasonate, non sempre completamente trasparenti, sia per ciò che concerne le richieste economiche, sia nelle informazioni offerte per piazzare coloro che, in estrema sintesi, sono loro esuberi.
Oggi, grazie a InGol, la carenza di informazioni e la modesta visibilità di questi protagonisti, siano essi giocatori, allenatori o dirigenti, possono sensibilmente migliorare. La possibilità di avere a disposizione un data base che si sta sempre più popolando, offre più scelte e riduce i tanti colloqui inutili e le perdite di tempo. Filtri ad hoc (geo-localizzatore per la distanza, età, ruolo, presenze e statistiche) costituiscono un significativo aiuto e la chat interattiva con ogni giocatore o allenatore, è un mezzo diretto per raggiungere i soggetti che suscitano interesse.
La mancanza di informazioni graverà ancora di più sulla scelta delle rose che si andranno a formare, gli esuberi saranno anche questi una necessità sempre più impellente da espletare, ma le società tramite InGol potranno più facilmente allestire le squadre.
La tecnologia è la nuova frontiera ancora poco esplorata, sia dagli atleti che dai tecnici, ma soprattutto dai Direttori Sportivi, che andranno a colpo sicuro, solo su profili che reputano interessanti.
Non meravigliamoci quindi se, anziché il solito Almanacco, sempre più Direttori Sportivi cercheranno un contatto diretto tramite una chat sull’App in dotazione dei calciatori che hanno sottoscritto InGol. Pensiamo quindi ad un Almanacco interattivo e digitale. Distanziamento sociale, poca voglia di spostarsi, poche informazioni e colloqui inutili conclusi a notte fonda, ci spingono in modo virale verso un modo più diretto, semplice ed efficace per fare calcio.

Per le prime 100 società di Lombardia e Piemonte ed i primi 1250 atleti o dirigenti in tutta Italia che si registrano su InGolconfermiamo che verrà offerto un periodo gratuito di 90 giorni a decorrere dalla data di iscrizione. Sta ora a voi iniziare questa nuova partita digitale dandogli vita con la vostra adesione.! Non esiste VAR, non esistono scuse, se non si vuole andare in fuorigioco ora c’è InGol!

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli