14 Agosto 2020 - 17:32:02

Le difficoltà delle società dilettantistiche alla ripartenza

Le più lette

Comitato regionale Piemonte e quel sorteggio che puzza di spot elettorale

Quattro anni fa, quando Christian Mossino era stato eletto da pochi mesi alla guida del Comitato regionale Piemonte Valle...

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

Abbiamo letto il Protocollo Figc, sarà una stagione infernale ma effettivamente alcune cose non possono essere evitate

Protocollo Figc, andiamo contro corrente e sappiamo anche che ci attireremo l'ira funesta di molti presidenti dicendo era difficile...

Perché InGol. L’emergenza coronavirus è entrata pesantemente nelle nostre vite, portando grande preoccupazione per tutti, oltre a danni importanti per qualcuno. Le abitudini sono cambiate, le attività cancellate: tra queste anche il calcio dilettantistico si è fermato.
Il blocco forzato ha ulteriormente complicato le cose per un segmento sportivo già in difficoltà, causa i cronici problemi economici, gli sponsor che appaiono e scompaiono, la carenza di informazioni e la modesta visibilità sui principali protagonisti, giocatori, allenatori e dirigenti, situazioni che hanno portato spesso a scelte che parecchie volte si sono rivelate inadeguate.
Ora, con i campionati terminati per forza maggiore con largo anticipo e fermi da mesi, questa mancanza di informazioni graverà ancora di più sulla scelta delle rose che si andranno a formare e con gli esuberi diventati una necessità ancora più impellente da espletare.
Ci sarà chi purtroppo non ripartirà più, ma le società che, in mezzo a tante difficoltà riusciranno a farlo, avranno la necessità di rivedere la composizione delle squadre, adeguandole alla nuova realtà economica e sportiva del club. Diventerà quindi ancora più essenziale avere maggiori informazioni e più scelte per potere allestire le squadre. La stessa problematica dovranno affrontare atleti e tecnici che per forza maggiore, rimasti liberi, dovranno cercare di trovare una nuova società, proponendosi ai club.
Queste necessità andranno ad inserirsi in un contesto profondamente cambiato. Il distanziamento sociale prolungato ha lasciato qualche pensiero in ciascuno di noi, che si traduce in una certa riluttanza, almeno iniziale, a colloqui e frequentazioni. Ma i candidati vanno trovati, visionati, valutati ed infine scelti. Ecco perchè la tecnologia e strumenti come Ingol possono costituire un aiuto significativo, sia alle società che hanno poca visibilità sui media e nessun procuratore in organico, sia agli atleti
La possibilità di individuare i protagonisti ed analizzare i loro curricula, associata soprattutto all’opportunità di contattarli direttamente in chat privata, non ha eguali. Ottimizzazione della ricerca, ampliamento della platea di potenziali candidati, viaggi pressochè azzerati, incontri ridotti all’ indispensabile. Questo è il valore aggiunto di Ingol
InGol è la risposta innovativa alla voglia di ripartenza di tutti i partecipanti a questo meraviglioso sport. La voglia di provare a riprendere il filo interrotto con nuovi mezzi e nuovi stimoli, un procuratore sempre vigile ed attento che vi consentirà scelte ed opportunità che mai avresti avuto
Per le prime 100 società di Lombardia e Piemonte ed i primi 1250 atleti o dirigenti in tutta Italia che si registrano su InGol confermiamo che verrà offerto un periodo gratuito di 90 giorni a decorrere dalla data di iscrizione. Sta ora a voi iniziare questa nuova partita digitale dandogli vita con la vostra adesione.! Non esiste VAR, non esistono scuse, se non si vuole andare in fuorigioco ora c’è InGol!

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli