11 Aprile 2021

Il ruolo dell’ecografia e delle procedure ecoguidate nella riabilitazione ortopedica e sportiva

Le più lette

Pirola e Zappa, il salto dalle file della Cosov Villasanta alla Nazionale Under-21

La presidente della Cosov Villasanta Angela Calloni non ha dubbi: la forza della società sta nel settore giovanile. E...

Juventus Under 17, come sei Galante: i bianconeri si candidano a un ruolo da protagonisti

Continua a vincere e lo fa in grande stile la Juventus Under 17 di di Francesco Pedone che nelle...

Under 17 e 15 Femminili: pubblicate dal CRL le linee guida per l’organizzazione dei “test match nazionali”

È notizia di poche ore fa la delibera, da parte del CRL, delle linee guida per le formazioni iscritte...

L’ecografia trova una sempre maggiore applicazione in traumatologia e in particolare nelle patologie muscolo – tendinee (1) e permette di studiare nel dettaglio muscoli, tendini, legamenti e alcune caratteristiche delle principali articolazioni del corpo (spalla, gomito, polso, mano, anca, ginocchio, caviglia e piede).

 

L’ecografia non deve essere effettuata come indagine isolata ma come esame di supporto alla visita medica, richiesto dal medico per confermare la diagnosi, definire l’entità del quadro patologico e per monitorarne nel tempo l’evoluzione.

Uno vantaggi dell’ecografia è quello di poter effettuare l’esame in dinamica, durante l’esecuzione di movimenti mirati. Ciò permette di definire con maggiore precisione le alterazioni funzionali eventualmente riscontrate.

 

Un altro aspetto importante da considerare è l’assenza di radiazioni ionizzanti, dunque l’ecografia non presenta rischi per la salute.

 

Nel caso specifico del sospetto di un infortunio muscolare, è preferibile attendere almeno 48 ore dopo il trauma prima di effettuare l’ecografia, per garantirne l’attendibilità (Fig. 1).

 

Inoltre, è opportuno ripetere uno o più controlli a distanza di tempo per valutare l’evoluzione dei processi di riparazione delle fibre muscolari.

 

Fig. 1 Esempio di lesione muscolare (delimitata dalle crocette) a livello del muscolo retto femorale (uno dei quattro muscoli che compongono il quadricipite femorale)

 

In ambito di riabilitazione ortopedica e sportiva, l’ecografia è sempre più utilizzata anche per guidare procedure interventistiche come aspirazioni e iniezioni diagnostiche o terapeutiche (1).

 

La guida ecografica permette infatti di visualizzare con grande precisione le strutture bersaglio e di seguire il percorso dell’ago dall’inizio al termine della procedura, riducendo il rischio di complicanze e aumentando la tolleranza del paziente alla procedura.

 

Le procedure interventistiche possono riguardare le grandi e le piccole articolazioni (ad esempio spalla, gomito, polso, mano, sacro – iliaca, anca, ginocchio, caviglia e piede), che possono essere trattate, ad esempio, con farmaci antinfiammatori (cortisone) o con acido ialuronico.

Con il supporto ecografico si possono raggiungere con precisione anche strutture di dimensione molto ridotta (pochi millimetri), come le borse dei tendini, che possono andare incontro a fenomeni infiammatori (borsiti) per i quali può essere utile un trattamento infiltrativo.

Gli studi scientifici lo confermano con forza: le procedure interventistiche muscoloscheletriche ecoguidate permettono una maggiore accuratezza e sono più efficaci rispetto alle procedure tradizionali non ecoguidate (1) per quanto riguarda infiltrazioni articolari alla spalla, all’anca e ad altre articolazioni maggiori, oltre che ai tessuti molli (2, 3).

 

  1. Finnoff JT et al. BJSM 2014
  2. Aly AR et al. BJSM 2015
  3. Hoeber S et al. BJSM 2016

 

Il dott. Marco Gastaldo - Isokinetic Torino
Il dott. Marco Gastaldo – Isokinetic Torino

Dr. Marco Gastaldo

Medico Chirurgo

Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa

Isokinetic Medical Group – Isokinetic Torino


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0