17 Gennaio 2021

Il tipo di terreno di gioco incide sugli infortuni?

Le più lette

Una vita da mediano, seconda puntata

Continuano le nostre rubriche focalizzate sui protagonisti del calcio giovanile piemontese. Questa settimana, in edicola e sullo store digitale,...

Altabrianza Promozione, Rossetti: dalle tappe bruciate con l’Arcellasco alla passione per il ciclismo, pedalando sempre in doppia cifra

Più di 100 gol in Promozione e una carriera vissuta sempre in doppia cifra, prima con la maglia dell'Arcellasco...

Orobica – Perugia Serie B Femminile: Zigic salva l’Orobica, vittoria fondamentale per la salvezza delle bergamasche

Si gioca sul campo di Cologno al Serio la sfida salvezza tra Orobica e Perugia che vede trionfare nel...

Gli studi scientifici e l’esperienza Isokinetic su un tema dibattuto: esistono differenze tra terreni di gioco naturali e artificiali per infortuni al ginocchio e infortuni alla caviglia?

Le superfici di gioco sono argomento di discussione nel mondo del calcio. Dall’avvento dei campi di gioco sintetici e in seguito alla loro grande diffusione si è fatta strada l’ipotesi che questi siano collegati a un aumento degli infortuni dei calciatori. I terreni naturali a fondo compatto sono composti da erba e terreno naturale, sono ancora molto diffusi e spesso rappresentano il campo da gara ufficiale per le partite di campionato.

I terreni artificiali a fondo sintetico maggiormente in uso sono quelli di terza (con granuli di gomma) e di quarta generazione (con granuli di gomma e sabbia) e spesso vengono utilizzati come campo di allenamento, ma sempre più frequentemente le società sportive li adottano anche come campi da gara. Molti studi scientifici negli ultimi anni hanno indagato l’ipotesi che i terreni di gioco a fondo sintetico portassero a un aumento del numero di infortuni (ad esempio, infortuni al ginocchio con lesione del legamento crociato anteriore, distorsioni di caviglia).

Nessuno degli studiosi tuttavia ha evidenziato un rischio di infortunio aumentato per queste superfici né durante le partite ufficiali né durante gli allenamenti. Uno gruppo di esperti ha valutato la possibilità che frequenti cambi di superficie durante la stagione, da terreno naturale a terreno artificiale e viceversa, potessero avere un impatto sulla salute dei calciatori e sulla loro predisposizione all’infortunio. Non è stato tuttavia riscontrato nessun aumento del rischio di infortuni.

Un risultato interessante di questo studio è che i giocatori delle squadre con terreno naturale in casa hanno subito meno infortuni nelle partite in trasferta giocate su terreno artificiale rispetto a quelle giocate su terreno naturale. Sulla base degli studi scientifici e dell’esperienza clinica di Isokinetic, non vi è attualmente ragione per consigliare agli sportivi di evitare la pratica del gioco del calcio sulle superfici sintetiche di terza e di quarta generazione. Non esiste ad oggi la prova che i terreni sintetici portino a un aumento degli infortuni. La prevenzione degli infortuni nei calciatori è un percorso che passa attraverso altri punti: il miglioramento della flessibilità, il rinforzo muscolare, l’analisi delle strategie di movimento con successiva correzione degli schemi motori a rischio e l’adeguata preparazione fisica.

Dr. Marco Gastaldo
(Medico specialista in Fisiatria e riabilitazione sportiva presso Isokinetic Torino)

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli