25 Febbraio 2021

Osal Novate Under 14: Gabriele Grassi, tanta imprevedibilità per arrivare al professionismo

Le più lette

Prima Categoria: Il River Leinì pensa ad un torneo per i suoi 70 anni

È un’idea che sta stuzzicando molti. Come già dimostrato dalle molte società che abbiamo contattato fra tutte le categorie...

Le “nostre” bandiere: dalla tradizione di Baccaglini al colpo di fulmine tra Matees e il Venaria, chi ha scelto una maglia e non la...

Continua il nostro viaggio tra le bandiere piemontesi. Questa settimana un'altra pagina dedicata ai fedelissimi, a chi sceglie un...

Alcione Under 14, il tecnico Calderoli e la sua filosofia: «I miei ragazzi devono capire il calcio»

Il volto al centro del nostro approfondimento di oggi è quello di Beniamino Calderoli, tecnico della formazione Under 14...

Il nostro consueto appuntamento alla scoperta dei migliori prospetti del calcio giovanile del milanese ci porta oggi a conoscere Gabriele Grassi, attaccante in forza alla Osal Novate Under 14.

Il rapporto del giovane con la squadra neroverde è consolidato dal tempo e dalla stima, come lo stesso racconta: «Questo è il sesto anno che indosso questi colori, sono all’Osal da quando ero in terza elementare. Qui sono migliorato tanto, grazie alla guida esperta degli allenatori e all’ottimo rapporto coi compagni». Solide radici dunque, che sono l’ottimo trampolino di lancio per ambizioni più grandi, come Grassi dichiara: «L’anno prossimo vorrei cambiare squadra per tentare l’avventura nel professionismo. So che è una strada difficile e in salita, ma mi piace fare bene e puntare sempre al massimo. Il mio sogno, come tutti quelli che giocano a calcio, è di arrivare in Serie A e giocare la Champions League».

OsalNovate-under14
Foto di squadra della Osal Novate Under 14, realizzata nel rispetto di tutte le norme anticontagio.

Michael Cavallaro, attuale tecnico della squadra, ripone grande fiducia nel giovane attaccante e dichiara: «Gabriele è un ottimo ragazzo, da tutti i punti di vista. È molto intelligente e sveglio: è lui il primo a venire a chiedere consigli su come migliorare, senza la timidezza che spesso hanno i ragazzi della sua età. Ha una sana ambizione che lo spinge a voler arrivare in alto, ma non per questo ha perso l’umiltà che lo contraddistingue. Io ho vissuto un’esperienza nel professionismo, nella Pro Patria e nella Pro Sesto, e posso rappresentare per lui un’ottima guida per fare questo salto, anche grazie al bel rapporto che abbiamo costruito. È mio obiettivo impegnarmi al massimo per fare in modo che Gabriele raggiunga gli obiettivi che desidera».

Per conoscere meglio che tipo di giocatore sia Grassi, ci illuminano nuovamente le parole del tecnico dei neroverdi: «È un brevilineo che negli spazi è imprendibile. Lo schiero dietro la punta, dove lui grazie alla sua innata visione di gioco e al suo ottimo dribbling riesce a garantirmi quell’imprevedibilità che è essenziale nel calcio. Ha veramente ottimi colpi dal punto di vista tecnico. Quest’anno avremmo voluto lavorare sull’aspetto mentale, dove a volte risulta meno forte, ma purtroppo lo stop ci ha impedito di lavorare bene». Per arricchire di dettagli la presentazione, ascoltiamo le parole dello stesso Grassi, che si descrive: «Tecnicamente sono abbastanza forte. Ho una buona velocità, un tiro preciso e sono bravo a smistare i palloni. Mi considero un ottimo tiratore di punizioni, qualità che è sempre utile sviluppare. Se dovessi paragonarmi a un grande del calcio, direi che mi rivedo nel Papu Gomez, un giocatore che stimo molto».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli