19 Gennaio 2021

Piemonte, niente assemblea in presenza, la Prefettura nega l’autorizzazione

Le più lette

La Chivasso, Camillo Gialanella: «Riforma improponibile, aspettiamo ulteriori aiuti economici dallo Stato»

Camillo Gialanella, direttore sportivo del La Chivasso, è molto scettico sulla ripresa dei campionati che non avverrà sicuramente prima...

Lucchese-Renate Serie C: Diana rallenta al «Porta Elisa», 1-1 il derby delle Pantere

Si ferma sulla mura di Lucca la corsa della capolista Renate, che al «Porta Elisa» non riesce a vincere...

Chiari Under 15, l’esterno Manuel Rivetti e la voglia di tornare in campo

Dopo le interviste all’allenatore Claudio Prandelli del Chiari Under 15 (clicca qui per leggerla) e al goleador Mattia Bergamaschi...
Claudio Verretto
Claudio Verretto
Direttore irResponsabile, bastian contrario, sempre dalla parte degli indiani

Com’era facilmente preventivabile, la Prefettura ha bloccato l’assemblea in presenza organizzata dal Comitato regionale Piemonte Valle d’Aosta che, inizialmente, si doveva svolgere a Venaria presso il teatro Concordia domenica 10 gennaio. Il no è stato comunicato già ieri mattina, lunedì 4 gennaio, ma, nel momento in cui stiamo andando in pubblicazione, nulla è stato ancora comunicato dal Comitato regionale. Né alle società, men che meno al candidato Filippo Gliozzi e la sua lista. I soliti malpensanti, e naturalmente tra questi non ci siamo noi, sperano che in realtà il giovane avvocato torinese non abbia raggiunto il quorum, le fatidiche cento firme necessarie per la canddidatura. In questo modo l’assemblea, che a questo punto dovrà svolgersi online attraverso la piattaforma della Federcalcio, diventerebbe poco più che una formalità. In caso di una doppia candidatura le cose da gestire sarebbero più complesse. In ogni caso non sembra in dubbio l’affermazione dell’attuale presidente Christian Mossino e resta quindi di difficile comprensione questo modo di procedere.

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli