25 Novembre 2020 - 00:54:32

#Calciocultura, ecco il secondo episodio della rubrica sul lato culturale del calcio!

Le più lette

Zibido San Giacomo: La formula del sorriso, così cresce la Scuola Calcio giallorossa

«Quando ci sarà permesso, torneremo più forti di prima!», così la dirigenza di casa Zibido via Facebook come dichiarazione...

Alcione Eccellenza, arrivato in sordina Giugno si è subito imposto: «Sono qua per Albertini, sento la sua fiducia e insieme possiamo puntare in alto»

Giacomo Giugno, terzino di spinta dell'Alcione, racconta il suo inizio di stagione da titolare inamovibile e le impressioni di...

Rozzano, Francesco Semeraro e Maurizio Piacenti: «Mettiamo i nostri 20 anni di esperienza al servizio degli Esordienti»

Al Rozzano gli Esordienti sono stati divisi in Squadra A e Squadra B, per un totale di circa 40...
Avatar
Umberto Maria Porreca
Nato e cresciuto sulla costa Abruzzese, a Milano da sei anni per trovare me stesso e la mia strada. Milanista da battaglia, amante del buon cibo, venerazione per Federico Buffa e amore sconfinato per Fabrizio De André.

Eccoci al secondo appuntamento con l’esplorazione dei media riguardanti il calcio! Nella scorsa puntata abbiamo preso in analisi alcuni libri sul gioco più bello del mondo, mentre oggi daremo uno sguardo al calcio nel cinema! Pellicole e documentari in primo piano!

Il primo film consigliato è Febbre a 90°. Un titolo leggendario, la diretta trasposizione dell’omonimo libro di Nick Hornby. Un film che è una dichiarazione d’amore per il calcio, vissuto attraverso gli occhi di uno sfegatato tifoso dell’Arsenal che vive la volata finale del campionato 1988-89 contro i diretti rivali del Liverpool. Il finale è una perla, da vivere col fiato sospeso. Una visione assolutamente fondamentale per gli amanti di questo gioco!

Lasciamo per un attimo i film e ci spostiamo sui documentari con uno dei più belli mai prodotti su un personaggio e calciatore mitico: parliamo di Maradona di Kusturica. Una esplorazione totale della vita del Pibe de oro, dall’infazia alle travagliate amicizie con personaggi di ogni tipo, da Buenos Aires a Napoli sempre sul filo del rasoio. Si tratta senza dubbio di uno dei migliori documentari mai usciti sul calcio, in cui l’abilità e l’esperienza del regista Emir Kusturica vengono fuori impetuose e travolgenti.

Fuga per la vittoria è invece un film di diverso lignaggio. Non è un capolavoro, e palesa tutte le difficoltà arcinote nel riportare su schermo una partita di calcio. Però il contesto storico in cui è ambientato (1942, piena seconda guerra mondiale) e il cast misto tra stelle del cinema e stelle del calcio rende obbligatoria la visione: avete sempre desiderato vedere Sylvester Stallone e Michael Caine giocare a calcio con Pelè, Bobby Moore e Osvaldo Ardiles? Allora siete nel film giusto.

L’ultima proposta è un film che è nel cuore di tantissime donne, e all’epoca riscosse un gigantesco successo: come avrete già intuito, parliamo di Sognando Beckham. Lo Spice Boy aleggia costantemente in questo film che narra della passione di una giovanissima ragazza indiana per il calcio e per lo stesso centrocampista inglese. La sua comparsa è fugace, ma lascia il segno. Un racconto leggero e diverso, divertente senza dubbio.

La seconda puntata di calciocultura si chiude qui, ci rivedremo presto per esplorare un media che col calcio è da sempre legato a doppio filo: la musica! Restate sintonizzati!

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli