10 Luglio 2020 - 18:40:02

Parole O_Stili, seconda edizione dell’iniziativa

Le più lette

Gavirate, ufficializzate le panchine delle giovanili. Dal 27 luglio arriva lo Juventus Summer Camp

Quadri tecnici dell'agonistica definiti in casa Gavirate che ripartirà da molte conferme. Cristian Genovesi proseguirà anche la prossima stagione...

Virtus Feralpi Lonato, Alessandro Testa ricomincia dal camp estivo del Guidizzolo

Se si potesse misurare la voglia di ricominciare che persiste tra allenatori e addetti ai lavori, un buon punto...

Zaccarelli-Chieri, ora è ufficiale: allenerà l’Under 15

Zaccarelli al Chieri, ora è ufficiale. Come avevamo anticipato nelle settimane scorse, sfumato l’arrivo di Giorgio Tonino sull’Under 15,...

Il 7 giugno a Trieste si è tenuta la seconda edizione di Parole O_Stili, «per continuare a dialogare sui temi dei linguaggi ostili online» e proseguire nella riflessione sulle «nostre relazioni digitali», su come si sono trasformate, nel bene e male. ma soprattutto per continuare a sensibilizzare in particolare giovani e giovanissimi su un tema che ha ancora tanta strada da fare, cercando, attraverso il Manifesto della comunicazione non ostile, «soluzioni che riescano a rispondere ai nuovi bisogni delle persone». Secondo Swg, società che «progetta e realizza ricerche di mercato, di opinione, istituzionali, studi di settore e osservatori, analizzando e integrando i trend e le dinamiche del mercato, della politica e della società», negli ultimi dodici mesi si è abbassato il livello di attenzione all’hate speech (odio, in particolare su piattaforme social). Secondo il sondaggio da 7 persone su 10 che avevano un buon livello di attenzione all’uso delle parole online, il dato è sceso al 53% di persone; in calo anche il livello di attenzione delle persone alle fake news, dal 65 al 59%. L’aggressività la fa da protagonista tra gli atteggiamenti e i modi di comunicare sui social, oltre che una poca considerazione per il fatto che anche «virtuale è reale» e le conseguenze delle azioni sul web hanno ripercussioni sulla vita delle persone. Il Manifesto, tradotto in diverse lingue, ha al centro della sua produzione alcune parole chiave da cui partire: grazie, sorriso, spiegazione, cura, espressione, empatia, ascolto, risonanza, rispetto, riflessività, ricerca, coraggio, curiosità, apertura, mediazione, e tu? Il tema sono i ponti che collegano il mondo dei ragazzi al mondo degli adulti, «quali i “mezzi” che li aiutano ad attraversare l’infanzia e l’adolescenza? La scuola e la famiglia sono una straordinaria “cassetta degli attrezzi” per percorrere questo momento». Scuola e famiglia, il mondo dell’educazione, dei mezzi di comunicazione, devono fare fronte comune per edificare questi ponti, «prendendo per mano i ragazzi, creando consapevolezza e aiutandoli a costruire le fondamenta della loro futura vita adulta». Con questi presupposti si deve costituire una lotta per combattere questo disinteresse crescente e mantenere sempre alta l’attenzione a questi temi, proprio per educare alla prevenzione e proseguire in un necessario percorso di formazione che prosegua nel tempo.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli