11 Luglio 2020 - 14:33:01

Il nostro Calcio femminile è una scelta, non un’esigenza, e vi spiego perché

Le più lette

La Roce diventa RG Ticino e incassa cinque innesti

Mentre la dirigenza cambia la denominazione sociale da Ro.Ce. a RG (Romentino-Galliate) Ticino, il Ds Bratto, insieme al neo...

Settimo Milanese, Marco Falsettini è il nuovo Responsabile del Settore Giovanile

Nome pazzesco quello annunciato dal Settimo Milanese come nuovo Responsabile del Settore Giovanile. Alla corte del presidentissimo Alberto Albertani...

Caravaggio Serie D, dopo le conferme ecco i botti: dal Brusaporto arriva Cristian Spampatti

Dopo le 7 conferme ufficializzate nel pomeriggio di mercoledì, il Caravaggio piazza un colpo per l'attacco: dal Brusaporto arriva...
Giancarlo Padovan
Giancarlo Padovan
Editorialista e allenatore di Base

Da oggi anche il nostro sito ha una sezione dedicata al calcio femminile. Non è un’esigenza, ma una scelta. Non sappiamo quanto forte, sicuramente giusta. E la vogliamo spiegare.
Il calcio femminile, pur in crescita per numero di praticanti e di spettatori allo stadio, è un calcio diverso: il calcio delle persone serie. Non che sia immune a tutto, perché atti di stupidità, ancorché rari, sono ancora presenti, ma mira a diventare un calcio totalmente pulito. Dove vince il più meritevole, dove chi va in campo non bara (niente simulazioni, nessuna protesta), dove la sconfitta è accettata come un esito naturale e non traumatico.
Un esempio spiegherà meglio di troppe altre parole. Domenica scorsa, per Sky tv per la quale commento anche il calcio femminile, ho assistito a Juventus-Inter, attesa gara di campionato tra due club divisi da una rivalità storica. Il risultato (5-1) è stato a suo modo eclatante, ma lo svolgimento della partita, almeno fino all’ora di gioco, è stato assolutamente equilibrato.
La Juve, dopo aver penato tanto in fase di impostazione e avere subito le iniziative delle nerazzurre almeno in un paio di occasioni, è andata in vantaggio alla fine del primo tempo con Bonansea e ha raddoppiato all’inizio della ripresa con Cernoia. Ma l’Inter, per nulla demoralizzata, ha riaperto la gara con un super gol di Regina Baresi, figlia di Beppe, rimettendo tutto in discussione e creando più di qualche preoccupazione alla Juve. Poi il crollo: tre gol in quarto d’ora (doppietta di Girelli e colpo di testa di Sembrant) hanno chiuso la gara.
A fine partita le analisi più serie e aderenti alla gara le hanno fatte proprio l’allenattrice (Rita Guarino) e le calciatrici della Juventus parlando di un risultato punitivo rispetto all’andamento della gara e della grande crescita dell’Inter rispetto alla partita d’andata.
La donna che gioca al calcio è meglio dell’uomo. Non cerca una solidarietà pelosa, dice quel che pensa, parla per quel che ha visto e vissuto. Il rispetto non è caritatevole, ma fiero. L’Inter, che aveva fatto benissimo nei primi quaranta minuti di partita, meritava la considerazione dell’avversario e, alla fine, sono state le vincitrici a riconoscergliela.
Nel libro “Storia reazionaria del calcio”, scritto da Massimo Fini e da me, con postfazione di Antonio Padellaro, uscito l’anno scorso per Marsilio, ci sono due capitoli dedicati al calcio femminile. Uno mio e uno di Massimo, ovviamente agli antipodi. Quello scritto da me, che racconta la mia esperienza di allenatore, sia nella rappresentativa regionale del Piemonte, sia in serie A con il Torino, comincia così: “Per allenare il calcio delle donne bisogna essere donna o diventarlo. Quindi un uomo può farlo solo a patto di cambiare, di essere donna almeno nei requisiti psicologici”.
E proseguivo: “(…) A differenza dei calciatori, la donna ha una sopportazione del dolore nettamente più alta. Le donne partoriscono, gli uomini no e la differenza è antropologica: l’uomo va alla guerra, la donna dà la vita”.
Non so se sono stato convincente, ma mi piacerebbe che i lettori di Sprint e Sport partissero da qui. Ci sono tutti gli elementi per una grande storia. E non solo di calcio.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli