14 Aprile 2021

Brescia-San Marino Primavera femminile: Belli e Stirati i gol biancazzurri, Titane strapazzate e stropicciate

Le più lette

Bra-Lavagnese Serie D: un grande Capellupo non basta agli uomini di Daidola

Le partite si possono controllare, ma per vincere serve qualcosa in più. Daidola non può essere felice: i suoi...

Club Milano-Accademia Pavese Eccellenza: Doria entra e trascina i ragazzi di Scalise, ai biancorossi non basta una grande prova di Catania

La partita dei "quindici minuti" vede esultare il Club Milano, costringendo l'Accademia Pavese a leccarsi le ferite. Nei primi...

Castanese-Ardor Lazzate Eccellenza: gialloblù spreconi, i neroverdi in inferiorità numerica strappano il pari

All' “Annibale Sacchi” di Castano Primo fra i padroni di casa della Castanese e l'Ardor Lazzate si verifica l'unico...

Al Campo Sportivo Comunale Ignazio Simoni di Paratico il Brescia è andato a prendersi l’intero bottino piegando per 2-1 le ragazze del San Marino Academy grazie alle reti di Belli e Stirati maturate nella prima frazione di gioco. In questi casi, però, forse il risultato emerso dal campo non ha nemmeno così tanta importanza. Quattro mesi. Questo il tempo trascorso dall’ultima volta sul rettangolo verde per queste piccole ma volenterose Leonessine. Un’eternità – calcisticamente parlando – quasi come uno di quegli infortuni che pongono fine all’annata e forse alla carriera. Questo il periodo trascorso in cattività dalle baby feline che in fondo desideravano solo tornare in campo libere nelle loro ampie praterie. Sono stati mesi duri, mesi di soli allenamenti e con la costante minaccia di aver già terminato la stagione ad ottobre, in quell’ultima volta in cui peraltro le bresciane festeggiarono il 2-0 ai danni del Chievo per le reti di Asia Algisi e Vera Plodari, le autrici delle prime 2 reti di stagione. Era il 18 ottobre. Non era facile, né resistere, né continuare. Ancor più difficile è stato ritrovare le motivazioni giuste per andare avanti. «La voglia che c’è di giocare non è classificabile ed è tantissima – ha confermato Alessandro Mondini, tecnico bresciano – sono sicuro che le ragazze daranno tutto» le parole della vigilia. E come dargli torto. A prescindere dal risultato le biancazzurre hanno dato tutto come promesso, al massimo delle loro possibilità per dare un calcio all’inattività e alla pandemia. Anche perché lo stesso Mondini ha rivelato il generoso impegno delle sue, che hanno «lavorato bene e sono cresciute al di là del non aver potuto giocare le partite», e questo fattore «lascia ben sperare per il futuro». Nello stesso tempo Mondini era conscio di dover incontrare un avversario in salute, perché «avrà più gamba di noi e hanno avuto la possibilità di fare partite e tornei, cosa che in Italia non è stato possibile fare in questo periodo». Il responso del campo lo smentirà categoricamente. Che campionato sarà d’ora in avanti? Difficile dirlo, anche «perché è una stagione anomala e la situazione che c’è al di fuori è sotto gli occhi di tutti, soprattutto qui nel bresciano» ha proseguito sempre il tecnico di casa. Di certo, l’importante era ritornare in campo con la speranza di finire una stagione difficilissima, a prescindere dal risultato e dal resto. Le prossime, saranno 6 partite utili alle ragazze per sgranchirsi le gambe e guardare con fiducia alla prossima stagione, sperando sia meno tribolata di questa. La prima parte era stata interrotta con le biancazzurre all’ottavo posto dopo 4 gare. L’avvio non era stato facile anche perché il calendario non aveva aiutato (Juventus e Inter nelle prime 3 giornate, oltre all’Orobica). Tre sconfitte pesanti da digerire e masticare, visti i 7 gol incassati e gli 0 messi a referto. Fortunatamente alla 4ª il Chievo ridestò le biancazzurre e dispiace molto il mancato seguito alla vittoria per via della seconda ondata e del nuovo stop. Comunque, esattamente un girone dopo, si è ripreso dal 5° turno di ritorno e non di andata contro il San Marino Academy che è squadra in buona condizione fisica, anche se contro le bresciane ha trovato parecchio filo da torcere sin dalle prime battute del match. D’altro canto le sammarinesi non potevano di certo vantare una grande differenza reti (4 gol fatti e 13 subiti anche se 9 incassati solo contro l’Inter). Buona la partenza con 2 vittorie (Orobica e Verona) ma altrettante sconfitte contro Cittadella e Inter e ora con quella odierna rimediata in trasferta con vista sul Lago d’Iseo non hanno interrotto il trend negativo. Mondini è partito con un 4-2-3-1 avente Zanaglio in porta e Belli come unico terminale offensivo. In difesa Zamblera e Canobbio centrali, Olivini e Ragnoli esterne. Mediana composta da Zonca e Stirati, mentre Lumina giostrava dietro Belli, con Tengattini e Algisi convergenti larghe sulle corsie esterne. Il Brescia in questo assetto ha messo subito le tende nella centrocampo avversaria e ha dominato la prima ventina di minuti portandosi sul 2-0: in occasione della prima rete Belli è stata lestissima nello sfruttare le incertezze dalla retroguardia ospite, mentre poco dopo Stirati è stata freddissima, dagli undici metri, nello spedire alle spalle di Scotti una palla che non scottava più. Il doppio vantaggio è stato il giusto coronamento per una squadra che è entrata sul terreno di gioco con l’adrenalina a mille e la voglia costante di prendersi l’intera posta in palio. Certo, verso la mezz’ora le ragazze della Serenissima Repubblica di San Marino hanno accorciato anch’esse dagli undici metri con Pirini, anche se quello rimarrà l’unico sussulto di una gara in cui comunque sulla palla arrivava prima lo scarpino biancazzurro. Infatti la variante che fa più paura in campo è quella felina e con Algisi per poco il Brescia non ha allungato in chiusura di frazione. E anche nella ripresa le Titane non sono riuscite a rimettere in gabbia le Leonesse, perché una volta rientrate dagli spogliatoi queste sono tornate a ringhiare con una super Lumina (palo clamoroso), con le discese sulla destra di una Tengattini ispiratissima e con in mezzo una Giorgia Zonca in giornata di grazia. Quando poi sono entrate Panza, Mombelli e Plodari l’intensità non è calata, e fino alla fine, nella savana di Paratico, sono state le bresciane a condurre il gioco. Certo, una leonessa non fa primavera – è vero – ma questa vittoria non può far altro che riaccendere i sogni delle biancazzurre.

Bella e brava: Raffaella Belli è stata autrice di una grande prova fin dal via e con la rete l’attaccante ha interrotto anche il suo digiuno da gol in campionato

IL TABELLINO

BRESCIA CALCIO FEMM. 2
SAN MARINO ACADEMY 1
MARCATORI 6’ pt Belli (B), 17’ pt rig. Stirati (B), 26’ pt rig. Pirini (S).
BRESCIA (4-2-3-1) Zanaglio, Zamblera, Olivini, Zonca (25’ st Panza), Canobbio, Ragnoli. Tengattini, Stirati (38’ st Mombelli), Belli, Lumina, Algisi (13’ st Plodari). A disp. Bibe, Marcandelli, Sonzogni, Nicoli, Perini. All. Alessandro Mondini.
SAN MARINO (4-3-3) Scotti, Cardova, Bonera, Cecchini, Paolini, Princide (10’ st Cascone), Sanchi (1’ st Grandoni), Pirini (33’ st Generali), Kalaja, Giuliani (46’ st D’Orazio), Modesti (1’ st Sietchiping). A disp. Torriani, Casali, Caocci. All. Filippo Zaghini.
ARBITRO Luca Paris di Bergamo 6 Partita gestita bene, senza particolari sviste: bravo nel concedere senza esitazioni i due rigori per parte.
AMMONITE 8’ pt Pirini (S).

LE PAGELLE

BRESCIA CF

Zanaglio 7.5 Salva le compagna con un paio di ottime parate che valgono il prezzo del biglietto, sicuramente ha grandi margini di miglioramento.
Zamblera 7 Prova indubbiamente positiva, non era facile mantenere l’attenzione per tutto l’arco della gara ma alla fine lo fa brillantemente e aiuta così le compagne a resistere fino alla fine alle sammarinesi.
Olivini 7 Ottima prova sulla corsia di destra, ci mette tanta corsa e molta grinta per contrastare le avversarie: dalle sue parti non si passa.
Zonca 7 Corre tantissimo e recupera una miriade di palloni, con lei nel mezzo è come mettere i soldi in banca: una sicurezza.
Canobbio 7 Stesso discorso per la compagna di reparto: ottime letture e buon tempismo negli anticipi e nei contrasti, non era facile dopo così tanto tempo ai box. Very good.
Ragnoli 7 Sulla corsia di sinistra controlla ogni folata avversaria e poche volte concede metri alle dirimpettaie: cosa chiederle di più? Ha dato tutto con grande generosità.
Tengattini 7.5 Grande partita, è tra le migliori in campo: cresce alla distanza soprattutto nella seconda parte di gara quando può liberare la sua corsa; bella sorpresa.
Stirati 7.5 Freddissima in occasione del rigore del raddoppio, il suo apporto è stato determinante per la vittoria delle compagne: deve sempre giocare, nel mezzo con lei è un’altra cosa.
Belli 7.5 Apre le marcature in avvio di gara con una gran rete che coglie di ripresa tutti: la sua fiamma mette sul binario giusta la partita, grande performance.
Lumina 7.5 Le manca solo il gol, ma ci va vicinissima quando centra il palo con una gran botta da fuori: difficile fermare i suoi spunti e i suoi dribbling, giocoliera.
Algisi 7 Sfiora il gol ma nel complesso ci mette il giusto agonismo e dà un grande contributo alla causa biancazzurra: ottima prova fin che ne ha.
All. Alessandro Mondini 7 Dà continuità alla vittoria contro il Chievo rimediata ad ottobre, non era facile. Ha saputo motivare le ragazze e spronarle fino alla vittoria: questa squarta potrà prendersi ottime soddisfazione nel prosieguo di campionato

 

Le Leonessine di Brescia prima della gara contro le sammarinesi, già pronte a ringhiare sul Comunale di Paratico

SAN MARINO ACADEMY

Scotti 6.5 Non male la sua prova, forse in occasione del primo gol paga un pizzico d’emozione vista la govanissima età, ma una volta rotto il ghiaccio tiene vive le speranze fino all’ultimo: grande prestazione.
Cardova 6 Non male la sua gara, tanti corsa e contrasti che la fanno sempre entrare nel vivo delle azioni difensive.
Bonera 6 Accusa il lungo stop a livello fisico e infatti fatica un po’ a ritrovarsi, poi piano piano cresce alla distanza.
Cecchini 6 Molto polemica col direttore di gara, forse sente troppo la partita e perde di lucidità.
Paolini 6 Sul pezzo, è sempre attenta nel contrastare duro e ci mette il giusto tasso agonistico.
Princide 6 Fa tutto quello che le viene chiesto e forse anche di più, solamente una giornata sfortunata per lei.
Sanchi 6 Non è facile giocare contro un Brescia così compatto e corto, lei prova con qualche spunto ma alla fine è costretta ad arrendersi.
1’ st Grandoni 6 Entra bene e ci mette la sua energia per cercare di invertire il trend, non male.
Pirini 7 Era un momento della partita in cui serviva assolutamente segnare per rimettere in pista le compagne, col suo gol rianima tutta la squadra.
Kalaja 6.5 Grande sacrificio per la causa, fa il massimo che può anche se la difesa bresciana si chiude bene quando prova ad andare via.
Giuliani 6.5 Difficile chiederle di più perché si è spesa fino all’ultimo per la causa e poi in ultimo è costretta ad uscire stremata.
Modesti 6 Dà tutto quello che ha ma ci sono poche occasioni per andare a colpire: la squadra soffre e lei risente della difficile prova delle compagne.
1’ st Sietchiping 6 Entra col piglio giusto, fa quello che può per la causa sammarinese: sarà per la prossima.
All. Filippo Zaghini 6 Le sue non partono al meglio e faticano molto a guadagnare metri ed a creare occasioni. La trasferta non è stata facilissima, forse le sue pagano il lungo stop.

 

Le undici di partenza del San Marino Academy Primavera in procinto di affrontare le rivali del Brescia Calcio per il 5° turno di campionato

LE INTERVISTE

ALESSANDRO MONDINI, TECNICO BRESCIA
«L’attesa è stata lunghissima, infinita. Un po’ le ragazze sentivano la partita, l’avevo capito anche dall’allenamento di venerdì sera. Però diciamo che siamo partite bene. Perché comunque nei primi 20’ abbiamo sciorinato anche un bel gioco ed eravamo già in vantaggio 2-0. Il loro gol è arrivato su una nostra palla stupida persa, che diciamo ha rotto un po’ l’equilibrio. Anche perché loro sono una buonissima squadra e infatti abbiamo rischiato il pareggio verso la fine del primo tempo. Nel secondo 2 occasioni per parte, potevamo chiuderla noi e verso la fine loro potevano pareggiare ma ha fatto una bella parata Alessandra Zanaglio. Tutto sommato la vittoria ci sta, non abbiamo rubato nulla. E’ chiaro che adesso dovremo affinare i movimenti con le partite, quindi già domenica a Verona ci butteremo con corpo, anima e cuore. La condizione fisica, anche se un po’ provate alla fine forse per lo stress nervoso, è stata buona perché ho visto fare delle belle corse: i nostri attaccanti e i nostri esterni hanno corso tanto e quindi verso il finale eravamo un po’ stremate. Certo, poi questa settimana ci servirà per buttare altra benzina in corpo. Le migliori? Penso che nei primi 30’ Luminari sia stata incontenibile, loro hanno provato in ogni modo a fermarla ma non ci riuscivano. Peccato per il palo, avrebbe potuto fare il terzo gol. Mi è piaciuta tanto Stirati in mezzo al campo, per non dimenticare anche del super lavoro di Raffaella Belli davanti. Queste secondo me hanno dato qualcosa in più, anche se tutta la squadra mi è piaciuta e non è da meno. La classifica è molto compattata quindi non sappiamo dove potremo arrivare, dovremo vedere ogni domenica il livello della squadra. Sicuramente vincere serve per creare entusiasmo perché abbiamo bisogno anche di questo, poi chiaramente il nostro lavoro è quello di far fare il salto di categoria a qualche ragazza per l’anno prossimo: lì qualcuna ci deve andare»

 

Alessandro Mondini, tecnico del Brescia Calcio Femminile Primavera, in una foto di repertorio tratta dal sito bresciacalciofemminile.it

FILIPPO ZAGHINI, TECNICO SAN MARINO
«Si parte sempre per vincere le partite, ma sicuramente non mi aspettavo una sconfitta. Però devo dire che il Brescia ha avuto sicuramente dal punto di vista della determinazione qualcosa in più di noi, soprattutto nel vincere i contrasti e nell’arrivare prima sulle seconde palle. Inoltre nel primo tempo il gol dell’1-0 ci ha rovinato i piani, nel senso che abbiamo preso un goal un po’ ingenuo. Anche se il nostro portiere ha fatto un errore che ci può stare: Asia Scotti è molto piccola, del 2006 e non ha mai giocato a 11, per cui ha fatto una buona gara per essere stata la sua prima volta da titolare in una primavera nazionale. Mentre il rigore del 2-0 ci può postare perché poi l’abbiamo avuto anche noi. Il secondo tempo è stato abbastanza confusionario, potevamo prendere il 3-1 così come potevamo pareggiare noi in un paio di occasioni.Però alla fine devo dire che la nostra prestazione non è stata all’altezza della partita. La preparazione delle mie era buona, sicuramente a livello di ritmo e di gioco entrambe le squadre hanno sofferto la lontananza dalle gare ufficiali, però devo dire che dalle mie mi aspettavo qualcosa di più. Nel senso che abbiamo fatto una discreta gara però siamo mancate in quelle individualità che di solito ci fanno la differenza. Delle mie buona gara per Kalaja, Pirini e Giuliani. Per il futuro dovremo migliorare l’atteggiamento e l’intensità, poi magari il fatto di ritornare a giocare con continuità ci farà tornare l’abitudine alla gara»


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0