22 Giugno 2021

Inter-Lazio Women Primavera Femminile: Pavan firma la vittoria, nerazzurre qualificate per la Final Four

Le più lette

Il Saluzzo brinda alla salvezza in Serie D, Boschetto: un miracolo

Moltissimi titolari provenienti dall’Eccellenza della passata stagione; con ogni probabilità il budget più basso del girone; allenamenti di sera....

Volpiano-Chisola All Stars Under 14: Fiore apre le danze, Frazzetta e Peradotto completano la rimonta

Match giocato ad altissima intensità e con una fitta pioggia di occasioni da una parte e dall’altra. Le due...

Carmagnola: Ecco Mattia Abate Daga, lo Special One dei 2006

Rivoluzione in casa Carmagnola che mostra con i fatti tutti i buoni propositi per la prossima stagione e non...

Dopo una gara d’andata terminata 6-1 per l’Inter, la rincorsa alla Final Four per le nerazzurre era tutta in discesa: a giocarsi il tutto per tutto, in fondo, sarebbe dovuta essere la Lazio mentre la squadra di De La Fuente si sarebbe dovuta giocare in tutta tranquillità la gara, attenta solo a non regalare troppo alle avversarie. Così non è stato: dopo un primo tempo senza reti, ecco che nei successivi quarantacinque minuti è ancora l’Inter ad uscire ed a mettersi in tasca la vittoria. Succede tutto nei primi dieci minuti dal rientro in campo e tutto ad opera di Pavan, che nel giro di quattro minuti firma una doppietta. Per il resto della gara, la Lazio si trova spesso schiacciata nella propria metà campo, da cui esce per sporadiche azioni, travolta dalla furia delle nerazzurre che acquistano sempre più spazio e pericolosità. Finisce così 2-0 per l’Inter, che ora potrà accedere alla Final Four in programma al Mapei Football Center dal 27 al 29 maggio.

Primi quarantacinque minuti tranquilli. Nel corso del primo tempo, le azioni interessanti da parte delle due formazioni si contano sulla punta delle dita. Le squadre, infatti, nei primi minuti sono equilibrate, si studiano, cercano spazi. Intorno al 20′ la Lazio prova a rispondere agli attacchi delle avversarie con Giudici e Sara Di Guglielmo, che insieme e a grandi falcate attraversano il campo, ma so allungano troppo e non riescono a concludere. A questo primo colpo, l’Inter prova a rispondere con Colonna, che, ormai prossima all’area di rigore, fa un retropassaggio di tacco alla compagna Lonati, che in quel momento è in corsa ed in una buona posizione per poterne approfittare, ma il pallone si rivela troppo centrale e termina sul portiere. Alla mezz’ora è ancora Lonati a provarci, ma arrivata davanti all’estremo difensore, si allunga troppo, perdendo l’attimo. Nei minuti finali, sono ancora le nerazzurre a rendersi insidiose con Vergani, chiamata a tirare una punizione al limite dell’area che passa sotto la difesa laziale: provvidenziale l’intervento del portiere, che riesce a salvare la squadra dall’1-0. Qualche minuto dopo, è ancora Lonati a dare del filo da torcere alle avversarie: l’azione parte da Dragoni, che fa salire la squadra e riesce a trovare libera la Lonati, la numero 11 in una frazione si gira e prova il tiro, prendendo in pieno la traversa. Le squadre tornano negli spogliatoi sullo 0-0.

Inter in dieci minuti. Al rientro in campo, la strada per le nerazzurre si fa in discesa. Dopo tre minuti, la squadra di De La Fuente si trova tutta nell’area avversaria: in quel momento la palla è tra i piedi di Poli, che percorsa la fascia, regala l’assist perfetto a Pavan, che prova va al tiro, insaccando. Qualche minuto dopo, è ancora Pavan ad andare al gol, questa volta di testa, approfittando di un errore dell’estremo difensore laziale, che si fa scappare il pallone dalle mani. Da quel momento in poi, le cose per la Lazio si fanno complesse: chiudendosi a riccio nella propria metà del campo, danno la possibilità alle avversarie di prendere piede e di poter rendersi pericolose. È il caso di Vergani, che intorno al 23′ si mangia la terza rete ad un passo dalla porta con il pallone che finisce sul fondo accarezzando il palo sinistro. Le celesti, in seria difficoltà, provano a mantenere il gioco sul 2-0, cercando di non subire ulteriormente, ma non riuscendo a trovare il modo di costruire azioni offensive volte ad uscire dalla propria metà campo ed a creare qualche occasione. Termina così 2-0 per l’Inter.

IL TABELLINO

INTER-LAZIO WOMEN 2-0
RETI: 5′ st Pavan (I), 7′ st Pavan (I).
INTER: Gilardi 6, Passeri 7, Fracaros 6.5 (1′ st Toffano 6.5), Panetta 7 (35′ st Parolo sv), Colonna 6.5 (13′ st Gentile 6.5), Vergani 6.5, Poli 6.5, Dragoni 6.5, Pavan 7 (13′ st De Zen 6.5), Gallazzi 6.5, Lonati 7. A disp. Ricciardi, Raimondo, Demaio, Pastrenge, Cochis. All. De La Fuente 6.5.
LAZIO WOMEN: Martinoli 5, Di Bernardino 5, Gargiulo 5.5, Pagiarino 5.5, Giudici 5 (10′ st Cicchinelli 5), Della Vecchia 5 (18′ st Verrecchia 5), Felici 6 (39′ st Dotti sv), Di Guglielmo 6, Serao 6 (39′ st Cruciani sv), Sgambato 5, Mattei 5.5. A disp. Di Tomassi, Bullari, Conti, Di Guglielmo, Miotto. All. De Angelis 5.5.
ARBITRO: Massari di Torino 6.
ASSISTENTI: Rubolino di Milano e D’Agostino di Cinisello Balsamo.
AMMONITE: Passeri (I).

LE PAGELLE

INTER
Gilardi 6
Oggi non ha molto lavoro da svolgere, soprattutto nel corso del secondo tempo, ma nelle poche azioni, risponde “presente” all’appello con molta reattività. Prova superata.
Passeri 7 Ottimo elemento che sicuramente dà sicurezza e concretezza alla squadra nerazzurra, nelle azioni offensive è il vero perno per la costruzione del gioco e l’avanzata delle sue compagne.
Fracaros 6.5 Prestazione sopra alla sufficienza anche per la numero 3 della formazione nerazzurra, difende bene la propria area, non lasciando passare nessuno
1′ st Toffano Lavora meglio nelle retrovie rispetto ad altre sue compagne, ma anch’essa è comunque un’ottima ancora di salvezza per far salire la squadra e costruire azioni offensive pericolose.
Panetta 7 Anche la prestazione della numero 4 è ottima. Va spesso in soccorso delle compagne più avanzate, specie di Poli e Lonati, lavorando molto sulla fascia e facendo crescere la squadra in fase offensiva (35′ st Parolo sv). 
Colonna 6 Prestazione leggermente sotto la media della squadra, ma comunque sufficiente per la nerazzurra e di supporto alla squadra. (13′ st Gentile 6.5)
Vergani 6.5 Si mangia un paio di gol, uno nel corso del primo tempo e uno nel secondo:  per tutta la durata della gara rimane un perno per la squadra.
Poli 6.5 Davanti alla difesa avversaria è un vero mastino in grado di rendersi pericolosa e tagliente in diverse occasioni e di andare in supporto alle compagne più avanzate al fine di integrare e intensificare il ritmo del gioco.
Dragoni 7 Grande match anche per la numero 8, che con grinta e tenacia porta a casa un match giocato ad altissimi livelli.
Pavan 7 Dà tutta sé stessa per far sì che la squadra faccia del proprio meglio per portarsi a casa la vittoria. Ed è così che macina chilometri, che la vedi far salire le sue sia costruendo sulla fascia, che in posizione più accentrata. Ottimo lavoro (13′ st De Zen 6.5).
Gallazzi 6.5 Ottima conduzione della gara: anche lei va sempre in supporto alle compagne più avanzate e torna indietro a difendere quando è necessario, rendendosi importante per la conduzione della gara.
Lonati 7 È dura da battere, esce sempre vittoriosa, anche nello scontro con due avversarie e per di più è l’anima della festa: si rende pericolosa davanti alla difesa avversaria, costruisce, inventa, ci prova. Buonissima prova.
All. De La Fuente 6.5 Mette in campo una squadra praticamente perfetta, che sfrutta i contropiede, costruisce, gestisce ed amministra con grande maestria per tutta la durata del match.

LAZIO
Martinoli 5 Non è la sua giornata. Davanti a lei c’è la guerra, con nerazzurre che arrivano da tutte le parti e che le sue riescono a contrastare ben poco. In più è suo l’errore che porta al secondo gol l’Inter, facendosi scivolare dalle mani il pallone, con l’avversaria pronta ad approfittarne a pochi centimetri.
Di Bernardino 5 Non si fa vedere per tutta la durata della gara, non riuscendo ad emergere mai completamente.
Gargiulo 5.5 Gara sotto la media anche per lei, che lascia scoperta la sua area di competenza un po’ troppo spesso.
Pagiarino 5.5 Rispetto alle compagne, va meno in difficoltà, riuscendo ad anticipare le avversarie ed a proteggere il pallone in diverse occasioni, soprattutto nel secondo tempo. Nonostante questo però la prestazione non è sufficiente.
Giudici 5 Rimane nell’ombra per tutta la gara, non facendo uscire completamente la personalità e la grinta. (10′ st Cicchinelli 5)
Della Vecchia 5 È un po’ spenta, nello scontro con le avversarie perde quasi sempre palla, non riuscendo ad aggredire né ad essere d’aiuto in fase difensiva (18′ st Verrecchia 5).
Felici 6 Ha molto fiato e volontà, prova a buttarsi a capofitto nell’area avversaria, ma le poche palle che le arrivano sono inutilizzabili perché troppo lunghe o distanti dal suo raggio d’azione. È una delle poche che prova a rubare palla alle avversarie e a pressare (39′ st Dotti sv).
Di Guglielmo 6 Lavora molto sulla fascia, da dove riesce ad amministrare bene la palla ed a costruire delle azioni interessanti, soprattutto nel corso del primo tempo.
Serao 6 È di grande aiuto e sostegno per tutto il tempo, va in appoggio alla Di Guglielmo nella fase di costruzione, agevolando molto le azioni (39′ st Cruciani sv).
Sgambato 5 Prova insufficiente: prova a lavorare in mezzo al campo, ma tra palle lunghe e troppi ripensamenti, non riesce a costruire a dovere, non portando avanti le azioni.
Mattei 5.5 Prestazione non del tutto convincente la sua, ma c’è comunque di bello che riesce ad andare in soccorso alle proprie compagne, soprattutto in fase difensiva.
All. De Angelis 5.5 Gara complicata, soprattutto se si è reduci da un’andata in cui hai subito molte reti. Davanti all’Inter, la squadra dell’allenatrice non può fare altro che lottare come può mettendo in campo tanta energia e grinta.

ARBITRO
Massari di Torino 6 Amministra una gara pulita con grande sicurezza ed efficienza. Prova sicuramente sopra alla sufficienza.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli