12 Aprile 2021

Riozzese Como – Fiorentina Coppa Italia Femminile: viola a valanga, Sabatino e Piemonte sono le mattatrici

Le più lette

Sporting Franciacorta-Fanfulla Serie D: i bianconeri di Ciceri salgono al 3° posto grazie ad un eurogol di Agnelli

Il Fanfulla di Ciceri viaggia a vele spiegate e si conferma ancora una volta come una delle squadre più...

Seregno-Crema Serie D: Alessandro Magno riconquista la vetta, Spartans resilienti e vincenti

Un goleador, leader e comandante, questo è stato per il suo Seregno nel big match contro il Crema, Danilo...

Bra-Lavagnese Serie D: un grande Capellupo non basta agli uomini di Daidola

Le partite si possono controllare, ma per vincere serve qualcosa in più. Daidola non può essere felice: i suoi...

Il gap tra le due squadre è indubbio: la Fiorentina è tra le big del campionato di Serie A e alcune sue giocatrici sono in forze alla Nazionale italiana, la Riozzese Como, attualmente in Serie B, è una realtà giovane che si sta facendo le ossa. Le differenza si vede anche sul campo, con la squadra di casa costretta ad affrontare un’altra difficoltà: per proseguire il percorso in Coppa, la vittoria è l’unico risultato possibile. Arriva invece una pesante e bruciante sconfitta per 6 a 1. La chiave della partita va letta nel tandem Neto-Sabatino. La centrocampista viola ha giocato tutto il primo tempo sola in mezzo al campo, smarcatissima, e libera di prendere l’iniziativa senza essere quasi mai contrastata. Difficile da contenere anche la bomber Sabatino: per lei doppietta e assist, oltre ad aver confezionato le palle più insidiose, a metà tra il portiere e le attaccanti. Sofferenza anche sulla fascia sinistra della Riozzese Como, dove Agosta ha avuto fin troppe gatte da pelare. Ad aprire le danze è la “solita” Sabatino: la prima rete arriva al 10’, libera di calciare in area dalla destra, e il raddoppio è al 20’ con l’allungo determinante sulla parabola disegnata dalla punizione di Breitner. La Riozzese fatica a prender palla e inizia a subire lo svantaggio: sbagliando, sceglie spesso di alzare la palla, andando inevitabilmente a perderla, perché la Fiorentina ha centimetri in abbondanza. Il gioco delle ospiti, tutto o quasi sviluppato su uno massimo due tocchi, porta ai risultati sperati e all’intervallo la gara si chiude sul 3 a 0, grazie al gol di Pires Neto: il primo in maglia viola, su assist di Sabatino che la calcia all’indietro e trova la compagna libera. Nella ripresa, Wergifker prova a sparigliare le carte: toglie Cascarano, Fusar Poli e Cama. Dentro Cavicchia, Pellegrinelli e Gelmetti per ridare nuova linfa alla squadra, ma l’inerzia della partita non cambia. La Fiorentina continua su ritmi alti e al 14’ è 4 a 0 grazie al pallonetto dalla distanza segnato da Bonetti. Onore alla Riozzese che resta in partita e al 16’ trova anche la rete con Ambrosetti: un tiro imprendibile dalla distanza, d’esterno destro, che si insacca nell’angolino alla sinistra di Forcinella.  Qui potrebbe esserci la svolta, ma sono in poche a credere alla rimonta: qualche sprazzo di lucidità lo regalano Rognoni, Ferrario e Pellegrinelli, senza riuscire mai però a concludere un’azione con un vero tiro nello specchio della porta. Le squadre si allungano e la Fiorentina divora gli spazi enormi che si creano: al 30’ Piemonte si tuffa in area e raccoglie di testa il cross di Thogersen dalla destra per il 5 a 1. Piemonte sempre protagonista pochi minuti dopo. Suo l’ eurogol del 6 a 1 finale: una conclusione al volo da posizione defilata che sorprende Bettineschi tra i pali. Vittoria netta e meritata per le viola che affronteranno in Coppa, nello scontro decisivo del girone, il San Marino Academy, mentre la testa è già alla prossima gara di campionato contro la Roma.

IL TABELLINO 

RIOZZESE COMO – FIORENTINA 1 – 6
RETI (0-4; 1-4; 1-6): 10’ Sabatino (F), 20’ Sabatino (F), 38’ Pires Neto (F), 14’ st Bonetti (F), 16’ st Ambrosetti (R), 30’ st Piemonte (F), 39’ st Piemonte (F).
RIOZZESE COMO(4-2-3-1):   Vergani 6.5, Dubini 5.5, Cascarano 5.5 (11’ st Cavicchia 5.5), Fusar Poli 5 (20’ st Pellegrinelli 6), Agosta 6, Segalini 5.5, Ambrosetti 6 (34’ st Roventi 6), Cama 5.5 (20’ st Gelmetti 6), Ferrario 6, Rognoni 6.5, Bettineschi 5. A disp. Russo, Bianchi, Badiali, Gomez Olivares, Franco. All. Wergifker 5.
FIORENTINA (3-4-1-2): Jensen 6.5, Breitner 6.5, Pires Neto 8 (11’ st Middag 6.5), Sabatino 7 (20’ st Piemonte 7), Bonetti 7 (20’ st Kim 6), Quinn 7, Catena 6.5 (20’ st Clelland 6), Forcinella 6, Fusini 6.5, Thorgsen 7, Zanoli 6.5 (1’ st Ripamonti 6.5). A disp. Cordia, Adami, Vigilucci, Schroffenegger. All. Cincotta 7.
ARBITRO: Papale di Torino 6.5 Arbitra una partita tranquilla, nella quale non è costretto ad intervenire più di tanto.
AMMONITI: Ambrosetti (R).

LE PAGELLE

RIOZZESE COMO
Vergani 6.5 Di sicuro la grinta non le manca e la mette in campo fino all’ultimo secondo.
Dubini 5.5 Giornata difficile in mezzo alla difesa, ma l’avversario è superiore.
Cascarano 5.5 Gira a vuoto per quasi tutto il primo tempo: non a suo agio. (11’ st Cavicchia 5.5)
Fusar Poli 5 Da annotare solo un paio di palloni recuperati bene. (20’ st Pellegrinelli 6)
Agosta 6 Di incoraggiamento. E’ la più giovane e avrebbe dovuto fermare Thogersen, tra le più forti.
Segalini 5.5 Tra Sabatino, Neto e Catena i pericoli arrivano da ogni dove.
Ambrosetti 6  Bellissimo il suo gol: peccato che la squadra non sfrutti il momento. (34’ st Roventi 6)
Cama 5.5 Non riesce mai ad essere incisiva: rimandata. (20’ st Gelmetti 6)
Ferrario 6 La sua esperienza la salva il più delle volte, ma è sottotono.
Rognoni 6.5 La prima a crederci e l’ultima ad arrendersi: temeraria.
Bettineschi 5 Imprecisa sulle uscite fuori dai pali e spesso è costretta a parare in due tempi.
 All. Wergifker 5 Per avere qualche speranza, Neto e Sabatini andavano ingabbiate.

FIORENTINA
Jensen 6.5 Un colosso difficile da spostare, ma anche da aggirare.
Breitner 6.5 Pennella un paio di cross ed una punizione deliziosi.
Pires Neto 8 E’ la padrona del campo e mette in mostra tutte le sue qualità. (11’ st Middag 6.5)
Sabatino 7 Esperienza e qualità: da vero bomber, tocca due palloni e segna due gol. (20’ st Piemonte 7)
Bonetti 7 Il bel pallonetto impreziosisce una prestazione già ottima. (20’ st Kim 6)
Quinn 7 Padroneggia in difesa grazie ai suoi centimetri: ha fisico, testa e tanta grinta.
Catena 6.5 Sempre più una certezza nel tandem offensivo con Sabatino. (20’ st Clelland 6)
Forcinella 6 Al suo esordio, sempre sicura tra i pali, non rischia nulla.
Fusini 6.5 Le mezze palle e i secondi tocchi sono tutti roba sua.
Thorgsen 7 Inarrestabile sulla fascia destra quando punta e se ne va.
Zanoli 6.5 Riesce sempre a dare ampio respiro alla manovra. (1’ st Ripamonti 6.5).
All. Cincotta 7 Il merito è quello di essere riuscito a tenere alta l’attenzione su una gara “facile” sulla carta.

LE INTERVISTE

Riozzese Como Fiorentina Coppa Italia Femminile
Il tecnico della Riozzese Como, Pablo Wergifker

Il tecnico di casa Wergifker era consapevole delle difficoltà che avrebbero affrontato le sue ragazze: «La differenza tra le due squadre è netta e si vede. Non sono alibi, ma un dato di fatto. Il nostro è un gruppo giovane, che ha visto una decina di nuovi acquisti. Dunque siamo all’inizio della nostra crescita, la quale passa anche dagli errori. Ne abbiamo commessi alcuni in questa gara che poi si sono rivelate determinanti. Queste partite sono difficilissime, perché si spreca tanta energia per provare a non far giocare l’avversario e poi non si riesce ad arrivare lucidi alla conclusione».

Riozzese Como Fiorentina Coppa Italia Femminile
L’allenatore della Fiorentina Antonio Cincotta

L’allenatore viola Cincotta ha commentato così la prestazione delle sue giocatrici: «Massimo rispetto per il nostro avversario, una realtà emergente, contro il quale siamo riusciti a mantenere alta la concentrazione e portare a casa una vittoria soprattutto di squadra. L’approccio è stato sicuramente determinante per indirizzare la partita». Il risultato ha agevolato anche il tecnico a sperimentare nuove posizioni in campo: «Da sottolineare la prestazione di Kim, per lei è stato un esordio: proviene dagli Stati Uniti e siamo contenti di averla fatta debuttare nel campionato italiano». Prima dei saluti un pensiero a Martino Brumana, anima storica del calcio femminile a Como, da poco scomparso: «Sono vicino alla figlia Paola e a tutti i suoi famigliari. E’ stato un grande dirigente».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0