12 Giugno 2021

Inter-Empoli Serie A Femminile: rincorsa pazza nei minuti finali, Acuti e Knol ottengono il pareggio

Le più lette

Villa Valle, Luciano Pisoni seguirà l’agonistica: Paolo Rossoni in Élite, Luca Todeschini allenerà i 2008

Il Villa Valle è pronto ad affacciarsi alla prossima stagione. La società Bergamasca del presidente Piergiorgio Castelli ha provveduto...

Alcione-Città di Sangiuliano Eccellenza: Zingari-Grasso-Orrico, gli uomini di Crucitti fanno il colpaccio e riaprono tutto

Grande sorpresa al "Kennedy", dove l’Alcione, che con una vittoria sarebbe balzata in testa alla classifica, subisce invece un...

Fanfulla-Caravaggio Serie D: la doppietta di Messaggi tiene vivo il sogno salvezza per i biancorossi. Ora ci si gioca tutto all’ultima giornata

Serviva un’impresa per tenere vivo il sogno salvezza, e l'impresa è stata fatta. Un Caravaggio perfetto tatticamente espugna la...

Partita finita con il botto quella che si è giocata tra Inter ed Empoli sul campo dello “Suning YDC in Memory of Giacinto Facchetti”. Un inizio non proprio roseo per le ospiti, che per gran parte del primo tempo hanno fatto fatica ad emergere e ad uscire dalla propria metà campo, sotto il peso delle nerazzurre, che entrano in gara con la voglia di combattere e di macinare chilometri al fine di concretizzare e portare a casa il match. I sogni, però, si spezzano nel corso del secondo tempo, quando l’Empoli inizia ad uscire ed a ritrovare la grinta necessaria per controbattere. Se nel corso dei primi quarantacinque minuti, infatti, a portare a casa il gol sono solo le padrone di casa, nella seconda metà di gara le formazioni si dilungano in un grande botta e risposta e, se sulle prime ne esce bene l’Inter, ottenendo due reti, ad un certo punto la situazione si ribalta completamente a favore delle azzurre, che recuperano alla grande, riportando il risultato sul pareggio: finisce così 3-3.

Inter, avanti tutta. Il primo tempo è a favore delle nerazzurre, che riescono a costruire il gioco ed a dettare i tempi. È il caso di Marinelli, che già al 4′ si mangia un gol che finisce di poco fuori dallo specchio della porta. Dopo qualche minuto è ancora l’Inter con Rincon a regalare qualche brivido alla difesa avversaria: è proprio lei, infatti, a cercare l’incrocio dei pali con un destro a giro, che non arriva a meta per pochissimo. Alle numerose manovre dell’Inter, corrispondono comunque delle risposte da parte delle ospiti, che però non concretizzano. Sono al contrario le nerazzurre a farlo, al 27′ del primo tempo e grazie al piede della francese Debever, che in mezzo alla mischia trova il modo e il tempo giusto per insaccare. Nei minuti finali, il gioco si stabilizza e nessuna delle due formazioni riesce in alcun modo a concretizzare e sbloccare il risultato. Dopo un minuto di recupero, si torna quindi negli spogliatoi sull’1-0 per l’Inter.

Sorpasso Knol. L’intervallo porta consiglio alle ospiti, che tornano in campo con un piglio decisamente diverso. Se nella prima fase della gara, infatti, non sono riuscite a concretizzare e a costruire delle azioni veramente pericolose, ecco che nei secondi quarantacinque minuti le cose si trasformano. Ma non subito. Infatti, all’inizio, nonostante la strenua lotta, sono ancora le nerazzurre a colpire. Siamo al 5′ e una fantastica Baresi passa di tacco la palla alla compagna Marinelli, che in quel momento si trova in una posizione favorevole e riesce ad andare al gol. Alla seconda rete, risponde al 12′ l’Empoli, con Cinotti, che riesce ad infilarsi tra le avversarie ed ad andare al tiro, non inquadrando però lo specchio della porta. Le interiste rispondono con Marinelli, che al 17′ riesce ad infilarsi ed andare al gol portando così la propria squadra sul 3-0. E a questo punto che la padrona di casa, sentendosi ormai al sicuro, rallenta il gioco e permette alle avversarie di affondare i colpi che porteranno al pareggio. Siamo ormai al 30′, infatti, e Acuti, trovando il pallone con la testa, riesce ad insaccare. Ed è ancora lei ad andare ancora a rete dopo undici minuti, grazie ad un bel cross che non lascia scampo al portiere nerazzurro. Dopo un minuto, la fantastica rimonta azzurra ha il suo culmine con Knol, che infilandosi tra i difensori avversari e senza esitare un attimo trova il gol del 3-3. Si conclude così un pazzo match, che ha lasciato tutti con il fiato sospeso fino al fischio finale.

IL TABELLINO

INTER-EMPOLI LADIES 3-3
RETI (3-0, 3-3): 27′ Debever (I), 5′ st Marinelli (I), 17′ st Marinelli (I), 30′ st Acuti (E), 41′ st Acuti (E), 42′ st Knol (E).
INTER (4-4-2): Gilardi 6.5, Bartonova 6.5, Debever 7, Alborghetti 6.5, Merlo 7, Marinelli 7, Simonetti 6.5, Rincon 7.5, Pandini 6.5, Tarenzi 6.5 (35′ st Gallazzi sv), Baresi 7.5. A disp. Aprile, Brustia, Fracaros, Marchitelli, Auvinen, Passeri, Vergani. All. Sorbi 7.
EMPOLI LADIES (3-4-3): Capelletti 6, Di Guglielmo 6, Brscic 6, Knol 6.5, Prugna 6, Cinotti 5.5, Caloia 6, Acuti 6.5, Glionna 6, Toniolo 6 (18′ st Binazzi 6), Miotto 5.5 (29′ st Iannazzo 6). A disp. Fabiano, De Rita, Dompig, Bellucci, Verrino, Morreale, Nicolini. All. Ulderici 7.
ARBITRO: Stefano Milone di Taurianova  5.5.
ASSISTENTI: Mattia Regattieri e Emanuele Spagnolo di Reggio Emilia.
AMMONITE: Merlo (I), Prugna (E).

LE PAGELLE

INTER
Gilardi 6.5 Non può fare molto sui gol, che la spiazzano. Nella prima metà della gara non ha molto lavoro da svolgere, le avversarie si vedono poco, al contrario di quello che accade nel rush finale. È comunque molto attenta e guardinga e non si lascia intimidire.
Bartonova 6.5 Copre bene la sua area di gioco ed è difficile che le avversarie trovino lo spazio necessario per penetrare nell’area di rigore. Una buona prestazione anche la sua.
Debever 7 Autrice del primo gol, la francese classe ’88 dà filo dal torcere alle avversarie per tutta la durata della gara con le sue giocate insidiose ed in grado di fare davvero male. Nel corso del secondo tempo, tra l’altro, si mangia un altro gol: si porta a casa una partita giocata davvero bene.
Alborghetti 6.5 Sempre pronta a soccorrere le compagne, anche questa calciatrice si porta a casa un match indubbiamente sopra alla media.
Merlo 7 Corre su e giù per tutto il campo, trovando spesso l’aggancio giusto per servire le compagne più centrali e portare a casa delle azioni ben costruite e, a tratti, pericolosissime.
Marinelli 7 L’autrice di una doppietta entra in campo con il piglio giusto: dà tutta sé stessa, soprattutto in fase offensiva, dove sa colpire davvero duro. E in questo match lo ha sicuramente dimostrato.
Simonetti 6.5 Lavora molto in mezzo al campo, dove riesce a costruire delle azioni degne di nota e dove riesce ad essere di appoggio alle compagne più avanzate.
Rincon 7.5 Giocatrice dalle grandi abilità, la classe ’93 dà del gran filo da torcere per tutta la durata della gara. In mezzo al campo è una vera mina impazzita, in grado di costruire delle azioni importanti, grazie anche all’ausilio delle compagne di squadra. Ottima partita anche per lei.
Pandini 6.5 È bello vederla giocare: sa rendersi pericolosa, come nel caso del primo tempo, quando si porta a spasso il pallone per tutta la metà campo avversaria, provando anche il tiro, che però si rivela troppo centrale e finisce dritto sul portiere.
Tarenzi 6.5 Grande prestazione per l’attaccante, che riesce a rendere il gioco frizzante quanto basta per tenere tutti con il fiato sospeso. (35′ st Gallazzi sv)
Baresi 7.5 Il capitano c’è, e si vede. Ha fiato da vendere, non la si vede mai cedere di un centimetro, corre per l’intera ora e mezza senza sosta e fa delle giocate incredibili. È lei ad andare d’appoggio alle compagne durante la costruzione di gioco, è lei che dà davvero tutta sé stessa davanti all’area di rigore avversaria. Le sue giocate di tacco, poi, sono la ciliegina sulla torta di un match giocato benissimo.
All. Sorbi 7 La formazione messa in campo quest’oggi dà del vero filo da torcere alle avversarie, costrette, soprattutto nei primi minuti, a lottare con i denti. Degna di nota l’entrata di Baresi e Rincon dal primo minuto, che hanno reso la formazione ancora più vivace e fantasiosa.

EMPOLI
Capelletti 6 Partita sopra la sufficienza per l’estremo difensore azzurro, che in questa giornata ha dovuto lottare con delle avversarie competitive e pericolose.
Di Guglielmo 6 Gara difficilissima anche per il difensore azzurro, che tutto sommato riesce a mantenere la propria prestazione in assoluto equilibrio.
Brscic 6 Alcune volte pecca di incertezza, ma c’è da dire che ha l’arduo compito di coprire la zona da un attacco spericolatissimo ed insidioso.
Knol 6 Autrice del gol che ha portato la squadra sul pareggio, è una giocatrice che esce e cresce nel corso della partita, riuscendo a cucire il proprio spazio soprattutto nella fase finale della gara.
Prugna 6 Gara durissima e di forza anche per la classe ’97, che deve lottare e stringere i denti per tutti i novanta minuti, combattendo contro delle avversarie davvero toste.
Cinotti 5.5 Match sottotono per la centrocampista, che oggi non ha spiccato e non ha creato delle azioni interessanti.
Caloia 6 Come le compagne di squadra, anche lei esce sul finale: mano a mano trova spazio e si fa avanti. Nei pochi minuti che separano dal fischio finale, si mangia anche un gol, non trovando il tempo e rimuginando troppo sul pallone.
Acuti 6.5 Una delle giocatrici più in forma dell’Empoli: crea spazi, prova a far crescere la squadra, costruisce e ultimo, ma non per importanza, si porta a casa una doppietta che vale oro che consente alla squadra di pareggiare e portare a casa un punto.
Glionna 6 Primo tempo sottotono, meglio negli ultimi quarantacinque minuti, dove trova anche la fantasia e i piedi delle compagne di squadra Acuti e Caloia, che permettono alla squadra di costruire ed avanzare, portando spesso la squadra sottoporta e rendendosi pericolose.
Toniolo 6 Come Glionna, migliora anche lei nel corso del secondo tempo, dove riesce a dare il meglio di sé e a trasformare il match in una vera e propria lotta all’ultimo gol (18′ st Binazzi 6)
Miotto 5.5 Entrata dal primo minuto al posto di Morreale – sostituita a pochi minuti dal fischio d’inizio – non ha brillato quest’oggi, rimanendo un po’ nelle retrovie (29′ st Iannazzo 6).
All. Ulderici 7 Dopo un primo tempo poco interessante e decisamente sottotono, trasforma la squadra, che alla ripresa ha un piglio decisamente diverso ed è finalmente pronta alla sfida. I minuti finali, dove vengono sfruttati la stanchezza e l’allentamento del gioco da parte delle avversarie per riportare la partita sul pari, poi, è la ciliegina sulla torta.

ARBITRO
Milone di Taurianova 5.5 Nonostante la gara sia tutto sommato pulita e rispettosa, in certi frangenti è un po’ indeciso e poco incisivo.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli