19 Gennaio 2021

Pink Bari – Juventus Coppa Italia Femminile: Bonansea incontenibile apre e chiude le danze

Le bianconere devono recuperare con il Pomigliano per approdare ai quarti

Le più lette

Settimo Milanese Eccellenza, Pacchieni sulle orme di Rovella: «Tonani mi ha lasciato molto, qua a Settimo Milanese senza pressioni»

Gabrio Pacchieni, classe 2002, arriva nell'estate 2019/2020 dall'Alcione, squadra nella quale ha militato per due anni e dove nel...

Torino Women – Genoa Serie C Femminile: i troppi errori difensivi costano 3 punti alle granata

È iniziata in salita la ripresa del campionato di Serie C per il Torino Women guidato dal tecnico Gianluca...

Altabrianza Promozione, Rossetti: dalle tappe bruciate con l’Arcellasco alla passione per il ciclismo, pedalando sempre in doppia cifra

Più di 100 gol in Promozione e una carriera vissuta sempre in doppia cifra, prima con la maglia dell'Arcellasco...

Tutto facile per la Juventus che nell’esordio stagionale in Coppa Italia vince a Bari sul campo della Pink Sport grazie ad un primo quarto d’ora fenomenale. Le bianconere dovranno recuperare ancora la partita con il Pomigliano, ma il passaggio ai quarti di finale sembra una pura formalità. La scena se la riprende Barbara Bonansea che nell’1-4 finale apre e chiude le marcature ed in mezzo incanta più volte con le sue giocate. Stratosferica prestazione anche della Zamanian e primo tempo sublime di Maria Alves. Lisa Boattin e Aurora Galli sono le grandi certezze, mentre c’è stato l’esordio assoluto in prima squadra per la classe 2003, Sara Caiazzo.

Aurora Galli
Aurora Galli

Inizio folgorante per le bianconere. Barbara Bonansea dopo qualche prestazione opaca si prende subito la scena al 4′ quando una straripante Maria Alves la serve sulla destra e BB11 appoggia comodamente in rete. La brasiliana è poi protagonista anche del raddoppio quattro minuti più tardi quando, servita da Annahita Zamanian, sola davanti a Rebecca Di Fronzo non sbaglia. La Juventus nonostante le due reti di vantaggio non molla il piede dall’acceleratore e trova il terzo gol prima del quarto d’ora: Zamanian si inventa un tiro dalla distanza imprendibile per la numero uno barese.

Per la Pink Bari è notte fonda. Anche perché la Juve anche in difesa lascia poco spazio e gente come Barbara Bonansea e Lisa Boattin oltre ad attaccare sono impeccabili e generose anche in fase difensiva. Le pugliesi hanno un sussulto solo quando Rossella Piro mette dentro un pallone che rimbalza in area e scavalca una disattenta Doris Bacic. La Juvetus va vicina al gol con Barbara Bonansea che manda di poco a lato un cross della Zamanian.

Nel secondo tempo c’è l’inatteso gol del Bari con Rofiat Sula che si invola sulla destra e

Noemi Manno
Noemi Manno

serve Emelie Helmvall che insacca con la complicità del palo e di Bacic. Le baresi si scuotono e potrebbero ulteriormente accorciare anche se l’azione che porta al secondo gol è fermata prima che il pallone entri in rete. La Juve reagisce e al quarto d’ora arriva il bellissimo gol di Bonansea che ubriaca Soro e in diagonale supera la Di Fronzo per un’azione iniziata dai piedi di Staskova.

Nel secondo tempo ci sono gli ingressi delle giovani Berti, Giordano ed Ippolito che si dimostrano all’altezza della situazione ed anzi, richiedono ulteriore minutaggio anche in campionato. Esordio assoluto in prima squadra per Sara Caiazzo che si prende anche gli applausi delle compagne per un buon intervento in fase difensiva. La Juve sorride per il risultato, ma soprattutto per la sua fantasista ritrovata: BB11 è tornata.

Sara Caiazzo all'esordio
Sara Caiazzo all’esordio

IL TABELLINO

PINK SPORT TIME – JUVENTUS  1-4
RETI (0-3, 1-3, 1-4): 4′ Bonansea (J), 8′ Maria Alves (J), 14′ Zamanian (J), 2′ st Helmvallasa (P), 16′ st Bonansea (J).
PINK SPORT TIME (4-4-2): Di Fronzo 6, Di Bari 5 (1′ st Novellino 5.5), Marrone 5.5, Soro 6 (42′ st Ceci sv), Mascia 6.5, Helmvallasa 6, Buonamassa 5.5 (32′ st Capitanelli sv), Piro 6, Silvioni 6, Manno 6 (32′ st Parascandolo sv), Sule 6. A disp. Venanzi, Larenza, Chirillo, Matouskova. All. Mitola 5.
JUVENTUS (4-3-3): Bacic 5, Lundorf Skovsen 6, Hyyrynen 6.5 (36′ st Caiazzo 6.5), Sembrant 6, Boattin 7 (5′ st Berti 6.5), Caruso 6 (5′ st Giordano 6.5), Galli 7, Zamanian 7.5, Maria Alves 6.5, Staskova 6.5, Bonansea 8 (21′ st Ippolito 6.5). A disp. Tasselli, Pedersen, Girelli, Rosucci, Cernoia. All. Guarino 7.
ARBITRO: Castellone di Napoli 6  .
AMMONITE: 7′ st Novellino (P), 24′ st Zamanian (J), 47′ st Mascia (P).

LE PAGELLE

PINK SPORT TIME BARI
All. Mitola 5 L’avversario è proibitivo, ma la sua squadra si dimentica di scendere in campo.
Di Fronzo 6 Non ha particolari colpe sui gol subiti, para quello che può parare come la conclusione dalla distanza della Bonansea.
Di Bari 5 Nel primo tempo soffre tantissimo l’onda bianconera ed esce malconcia alla fine del primo tempo. Dal 1′ st Novellino 5.5 Ci mette più grinta, ma la sua prestazione non dà spinta.
Marrone 5.5 Per lunghi tratti la sua presenza non si nota sul terreno di gioco.
Soro 6 Ci mette il carattere che la contraddistingue, ma di fronte, come le compagne, ha un muro insormontabile.
Mascia 6.5 Nel secondo tempo soprattutto si erge a leader in campo con interventi decisivi.
Helmvall 6 Il gol le regala una sufficienza altrimenti striminzita.
Buonamassa 5.5 Si fa vedere solo a sprazzi e non basta per emergere in una partita difficile.
Piro 6 È la migliore del Bari nel primo tempo, poi però sparisce dal campo.
Silvioni 6 Interventi precisi e puntuali, anche lei esce un po’ troppo presto dal campo.
Manno 6 L’unica che prova a far alzare il baricentro della squadra, ma è sempre troppo isolata.
Sule 6 Non la si vede quasi mai, ma è sua l’azione più importante delle pugliesi e l’assist per il gol della bandiera.

JUVENTUS
All. Guarino 7 Mette in campo una squadra quasi obbligata, ma che nonostante le vittorie non smette di avere fame.
Bacic 5 No, senza la Giuliani la Juventus non può dormire sonni tranquilli. Forse avrebbe solo bisogno di un po’ di minutaggio in più, ma non è sicura in nessuna occasione.
Lundorf 6 Partita tranquilla, forse anche un po’ anonima, ma non sbaglia niente.
Hyyrynen 6.5 Sempre più a suo agio in un ruolo non suo, Gama e Salvai hanno tutto il tempo per riprendersi.
Sembrant 6 Sempre attenta in una partita in cui il rischio è quello di addormentarsi.
Boattin 7 Ancora una volta sulla fascia è instancabile e poi in alcune occasioni dimostra una tecnica sopraffina. Dal 5′ st Berti 6.5 Un controllo eccezionale, stava per bersi tre avversarie.
Caruso 6 Dopo tante prestazioni da extraterrestre torna sul nostro pianeta e disputa un primo tempo normale. Dal 5′ st Giordano 6.5 Si gioca bene le sue chances, ora meriterebbe qualche minuto in più anche in campionato.
Galli 7 Quando c’è lei il centrocampo cambia ritmo, grinta e classe da vendere ed indossa la fascia da capitana nel finale.
Zamanian 7.5 Sempre al centro dell’azione, ogni sua punizione è un pericolo per le avversarie, un gol bellissimo
Maria Alves 6.5 Primo tempo sublime, peccato che nella ripresa non si ripeta.
Bonansea 8 Arrivava da prestazioni non all’altezza del suo nome, ne ha sfornata una da primissima della classe. Il secondo gol è un’azione stupenda che solo una campionessa come lei può far sembrare facile. Dal 21′ st Ippolito 6.5 L’argentina non ha troppi minuti a disposizione, ma entra subito nel vivo del gioco.
Staskova 6.5 Lotta e si impegna al massimo, peccato che non riesca ad essere così decisiva sotto porta.

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli