22 Giugno 2021

Orobica C.B.-Cesena Serie B Femminile: squillo di Porcarelli, poi Foti nel finale riaccende la lotta per la salvezza.

Le più lette

Valdruento Promozione, fatta per il trasferimento di Riccardo Di Nunno dal Lucento

Tante voci che si sono rincorse e una trattativa più lunga del previsto, che però si è conclusa con...

Sant’Angelo-Varzi Eccellenza: Bertani e Cristofoli sul velluto, aumentano i rimpianti barasini

Il Sant’Angelo con una prova autoritaria vince l’ultima partita di questo torneo non facendo sconti al Varzi di Pagano....

Castellanzese-Folgore Caratese Serie D: Chessa, Ghilardi e Fusi segnano il secondo posto dei neroverdi, Longo saluta definitivamente i playoff

Castellanzese per continuare a sognare e a ottenere la miglior posizione in classifica, Folgore Caratese per provare ancora a...

Si dividono la posta in palio Orobica e Cesena, con le locali che hanno creato diverse situazioni pericolose ma che non sono riuscite ad essere abbastanza ciniche da concretizzarle mentre le ragazze di Rossi, alla prima vera palla gol, sono passate in vantaggio creando molta apprensione tra le fila degli Sharks. Porcarelli apre i conti e spaventa l’Orobica, immischiata in piena corsa salvezze. Al tramonto del secondo tempo però, un tocco morbido delizioso di Foti ha riacceso le speranze per le padrone di casa, che ora si giocheranno il tutto per tutto sul campo del Perugia in attesa di buone notizie da Cesena dove sarà impegnata la Roma, diretta avversaria in questa entusiasmante corsa per rimanere nel campionato cadetto.

Tanta Orobica, l’infortunio e zero gol. Nella prima frazione l’Orobica prova a recuperare palla velocemente, alzando la linea di pressing e andando poi a cercare l’imbucata per le attaccanti, sfruttando l’estro di Galli e De Vecchis. Di contro il Cesena prova ad amministrare la sfera a centrocampo in attesa di un varco tra le maglie avversarie. Le prime ad essere pericolose sono proprio le padrone di casa con Lazzari che ruba palla vincendo un contrasto con Pavana e prova la conclusione di prima intenzione, ma il pallone termina alto sopra la traversa. Poco dopo è una punizione di Magni a mettere in apprensione la difesa del Cesena, ma l’azione termina in un nulla di fatto. Brutto episodio al 24’ quando Montes va a contrasto con un’avversaria e nel cadere impatta il terreno di gioco con la testa. L’intervento dei sanitari arriva forse con un po’ di ritardo, facendo arrabbiare la dirigenza del Cesena che chiedeva maggior celerità da parte del direttore di gara nel fermare il gioco, con la giocatrice costretta ad abbandonare il campo. Dopo una lunga pausa, si può ricominciare a giocare e al 36′ la partita riprende: è ancora l’Orobica a rendersi pericolosa con Magni che serve Zigic che calcia in porta con il mancino, ma è attenta Pacini a bloccare in due tempi.

Il timbro di Porcarelli e il pallonetto di Foti. Inizia la ripresa e il canovaccio della partita è più o meno lo stesso, con le locali che sfiorano il gol subito nei primi minuti con De Vecchis che porta palla centralmente, entra in area e calcia in porta, ma la conclusione viene murata dalla difesa di Rossi. Sulla ribattuta arriva Foti che ci prova come viene, ma la sfera finisce di molto alta sopra la traversa. Al 23’ è invece Magni ad andare vicinissima al gol con un calcio di punizione che sfila sul fondo di pochissimo. Il Cesena ha un sussulto e alla prima vera azione riesce a sbloccare la gara: Porcarelli viene lanciata in profondità, si contende il pallone con Visani che sbaglia l’intervento lasciando la propria avversaria tutta sola e libera di mettere il pallone alle spalle del portiere. Subisce il contraccolpo l’Orobica che una manciata di secondi dopo rischia di subire il raddoppio grazie ad una bella sponda di Costi per Porcarelli che non riesce ad angolare e trova le mani di Nardi. Siamo nei minuti finali, la palla arriva tra i piedi di Foti che resiste alla carica di un’avversaria, si porta ai venticinque metri, vede Pacini fuori dai pali e come fece Totti, in un Roma-Inter di qualche anno fa, infila il pallone in rete con un pallonetto delizioso, suonando la carica per le proprie compagne. Negli ultimi istanti di gara sono proprio le ragazze di Marini a sfiorare il vantaggio con Salvi che da appena dentro l’area riesce a trovare un bel destro che centra la traversa, spegnendo le speranze di quella che sarebbe stata ai punti una meritata vittoria.

Orobica C.B. Cesena Femm - Foti
Foti Orobica C.B

IL TABELLINO

Orobica C.B.-Cesena Femm 1-1
RETI (0-1, 1-1): 29′ st Porcarelli (C), 42′ st Foti (O).
OROBICA C.B. (4-3-1-2): Salvi 6.5, Lazzari 5.5, Foti 7, De Vecchis 6.5, Zigic 6 (13′ st Asta 6), Nardi 6, Poeta 6, Galli 6 (45′ st Kalasic sv), Magni 6 (31′ st Antolini 6), Visani 5.5, Hilaj 6.5. A disp. Galimberti, Fumagalli, Caccamo, Madaschi, Bertazzoli, Trevaini. All. Marini 6.5.
CESENA FEMM (3-5-2): Pacini 5.5, Pavana 6, Casadei 6.5, Costi 5.5, Petralia 6 (38′ st Paolini sv), Porcarelli 6.5 (38′ st Zani sv), Montes De Oca Munoz Estibaliz 6 (34′ Bizzocchi 6.5), Cuciniello 6.5, Simei 6 (25′ st Georgiou 6), Papaleo 5.5 (25′ st Orlando 6), Pastore 6.5. A disp. Damiano, Carlini, Pignagnoli, Del Francia. All. Rossi 6.
ARBITRO: Andrea MIgliorini di Verona 6.
ASSISTENTI: Gilberto Laghezza di Mestre e Luca Gibin di Chioggia.
AMMONITE: Zigic (O), Bizzocchi (C).

LE PAGELLE

OROBICA

Salvi 6.5 Sempre puntuale negli interventi e decisa. Non sbaglia mai una lettura difensiva.
Lazzari 5.5 Stretta nella morsa delle avversarie, fatica a girarsi e a creare pericoli alla retroguardia del Cesena.
Foti 7 Recupera un sacco di pallone e si dà da fare. Il gol poi è veramente magnifico, una perla che vale il prezzo del biglietto.
De Vecchis 6.5 Prova ad inventare la giocata con la qualità che la contraddistingue. Brava a muoversi tra le linee.
Zigic 6 Qualche errorino tecnico lì in mezzo, prova a buttarsi tra le linee appena ne ha l’occasione. Ne sciupa anche un paio.
13′ st Asta 6 Chiamata in causa, si dà da fare andando a pressare a tutto campo.
Nardi 6 Incolpevole sul gol preso, poi per il resto della partita fa da spettatrice non pagante.
Poeta 6 Volante del centrocampo. Non fa grandi giocate e non inventa nulla, ma è sempre precisa in tutti i passaggi che fa e detta i tempi.
Galli 6 Nel primo tempo parte un po’ in sordina, nella ripresa poi migliora. Esce stremata. (45′ st Kalasic sv).
Magni 6 Intraprendente e vivace, sfiora il gol in un paio di circostanze. Brava a creare superiorità numerica. Cala un po’ con l’andare della partita. (31′ st Antolini 6).
Visani 5.5 Un vero peccato: la partita sarebbe largamente sufficiente se non fosse per quell’errore che è costato il gol.
Hilaj 6.5 Baluardo della difesa degli Sharks. Sempre pronta a chiudere tempestivamente e a mettere una pezza.
All. Marini 6.5 I cambi hanno dato maggior grinta, anche se dal 1’ le sue ragazze avrebbero meritato qualcosa in più.

Orobica C.B. Cesena Femm-Orobica
Le ragazze di Marini

CESENA

Pacini 5.5 Compie qualche buon intervento, ma sul gol sembra un po’ troppo fuori.
Pavana 6 Qualche errorino di troppo in fase d’impostazione, regalando qualche pallone di troppo alle avversarie.
Casadei 6.5 Insuperabile in marcatura, di sicuro la migliore del pacchetto arretrato.
Costi 5.5 Fa fatica a divincolarsi dalla marcatura di Salvi e non riesce a creare occasioni degne di nota.
Petralia 6 Diga davanti alla difesa. Va a fare da frangi flutti in mezzo al campo ed è pronta a lanciare appena possibile. Talvolta pecca di precisione. (38′ st Paolini sv).
Porcarelli 6.5 Trova il gol che sblocca la gara con grande scelta di tempo, andando a sfruttare poi l’errore di Visani. (38′ st Zani sv).
Montes De Oca Munoz Estibaliz 6 Buono il suo approccio, peccato che deve abbandonare il campo anzitempo.
34′ Bizzocchi 6.5 Bravissima nel lavoro di ostruzione delle linee di passaggio, non fa rimpiangere la propria compagna.
Cuciniello 6.5 Bravissima a spingere sulla corsia di sinistra, ottimo lavoro anche in copertura.
Simei 6 Partita ordinata. Fa il compitino senza grossi patemi e cercando qualche timida sgroppata. (25′ st Georgiou 6).
Papaleo 5.5 Poco coinvolta nella manovra, non riesce ad incidere come vorrebbe in attacco. Hilaj la guarda sempre da vicino e non riesce a staccarsene. (25′ st Orlando 6).
Pastore 6.5 Anche lei è sempre una pedina fondamentale del pacchetto arretrato. Trasmette sicurezza al reparto.
All. Rossi 6 Partita un po’ opaca da parte delle ragazze in fase offensiva, ma la quasi assenza di obiettivi può essere un’attenuante.

Orobica C.B. Cesena Femm-Porcarelli
Porcarelli Cesena

ARBITRO

Migliorini di Verona 6 Non deve compiere grandi decisioni. Sull’infortunio di Montes non è aiutato con tempestività dal suo assistente.

LE INTERVISTE

OROBICA

È felice della prova delle ragazze Marini, anche se si rammarica per le occasioni sprecate: «Sono contentissima dell’atteggiamento: dal primo all’ultimo minuto le mie ragazze hanno dato l’anima in campo e hanno sfiorato il gol in diverse occasioni. Nel primo tempo in particolare dovevamo chiudere in vantaggio, ma abbiamo sciupato delle belle situazioni, soprattutto con Zigic e Magni. Nella ripresa abbiamo subito gol e ci ha assalito un po’ di panico di non raccogliere quanto abbiamo seminato. Siamo una squadra molto giovane, quindi ci stanno queste cose, ma siamo state bravissime a reagire e i cambi hanno dato quella grinta maggiore che ci serviva. Il bilancio? Abbiamo avuto diversi problemi quest’anno, infortuni e covid, che non ci hanno permesso di esprimerci al meglio e sinceramente pensavo di far meglio. Ora dobbiamo rimanere concentrate per l’ultima contro il Perugia, per riuscire a giocare la serie B anche l’anno prossimo. Spero solo che il Cesena giochi così anche con la Roma e le metta in difficoltà».

CESENA

Meno contento della prestazione invece Rossi, che comunque è felice della stagione della squadra: «È stata una partita molto intensa. Nel primo tempo l’orobica ha fatto meglio di noi e meritavano qualcosa di più: abbiamo fatto tanti errori tecnici e abbiamo consentito diverse ripartenze all’orobica. Nel secondo tempo invece abbiamo fatto meglio, trovando il gol con un’azione in profondità che ha sbloccato la gara. L’Orobica ha spinto tanto, ci ha messo li e penso che il pareggio sia il risultato più giusto. Loro hanno fatto una partita migliore della nostra e non meritavano di tornare a casa a mani vuote. Il loro atteggiamento era molto aggressivo, ci costringevano a non costruire da dietro e inoltre molti nostri errori gratuiti hanno facilitato le cose. Inoltre, in questo momento in cui gli obiettivi del campionato vengono meno è più difficile rimanere sul pezzo e tenere alta la soglia dell’attenzione. La nostra stagione è sicuramente molto positiva: abbiamo raggiunta la salvezza in maniera molto tranquilla, facendo un campionato di ottimo livello, nonostante diversi infortuni che ci hanno colpito lungo il percorso di


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli