18 Giugno 2021

Acf Alessandria multata, ma una parte della sentenza è approssimativa

Ammenda di 1.500 euro tra le troppe persone in tribuna ed espressioni offensive al Direttore di gara

Le più lette

Viscontini-Rhodense Pulcini: Totaro a tutto campo, raffica Gammino, gli Oranges ritrovano lo smalto con Anzani

Cosa c'è da raccontare di una partita che finisce dodici a uno? Molto più di quanto si possa pensare....

PDHAE-Borgosesia Serie D: la fotogallery della partita

Un tiro da fuori di Areco fa esplodere di gioia i granata, ma Filip e Varvelli la ribaltano nel...

Padova-Alessandria Serie C: ci provano Hallfredsson ed Eusepi, ma i discorsi per la Serie B sono rimandati al ritorno

Ogni discorso di promozione in Serie B è rimandato a giovedì prossimo, perché il match di oggi tra Padova...

Ci risiamo, dopo il caso Azalee torna a far discutere una sentenza del Giudice Sportivo relativa alla Serie C: questa volta è l’Acf Alessandria a farne le spese. A seguito della partita contro l’Independiente Ivrea la società grigia è stata multata di € 1.500,00 con queste motivazioni apparse sul Comunicato Ufficiale n° 76 del Dipartimento calcio femminile.

Per la presenza in tribuna di circa 50 spettatori non riconducibili a personale dirigente della società, in palese violazione delle disposizioni normative e federali per il contenimento della pandemia da covid-19. Un gruppo di tifosi, inoltre, posizionati dietro la rete di recinzione che delimita il campo di gioco, unitamente a quelli posizionati sugli spalti, per tutta la durata della gara rivolgevano espressioni offensive e minacce all’indirizzo del Direttore di gara. Al termine della gara i medesimi, rivolgevano ulteriori espressioni offensive nei confronti dell’arbitro, con atteggiamento violento e minaccioso, fino al suo rientro negli spogliatoi. Alcuni di detti tifosi reiteravano tale comportamento mentre l’arbitro consegnava ai dirigenti i documenti al termine della gara‘.

La parte poco chiara e che già fu contestata dalle Azalee è la prima, quella relativa alla presenza del pubblico. Il numero approssimativo stimato è di ‘circa 50‘ ed è scritto specificatamente ‘non riconducibili a personale dirigente della società‘. In questo punto si ignora però una parte fondamentale scritta chiaramente nel protocollo nell’area delle partite da disputare a porte chiuse.

Nel protocollo si parla di 140 persone ammesse al campo tra calciatori, medici, forze dell’ordine, steward, vigili del fuoco, raccattapalle, giornalisti, rappresentanti federali e personale di servizio.

L’arbitro, in questo caso Rihai di Lovere, ha fatto una segnalazione come lecito che sia. Semmai è il Giudice Sportivo ad aver comminato una multa senza verificare l’identità delle persone presenti. Al campo la nostra testata era presente, e il numero di persone sulle tribune era decisamente inferiore alle ‘circa 50‘ indicate. Così anche la seguente considerazione ‘in palese violazione delle disposizioni normative e federali per il contenimento della pandemia da covid-19′ non trova riscontri.

La multa avrebbe dovuto dunque essere limitata alla seconda parte della sentenza, quella relativa a ‘espressioni offensive e minacce all’indirizzo del Direttore di gara […] minacce all’indirizzo del Direttore di gara’. 

È stato anche inibito il medico della società, Lorenzo Lomonaco, fino al 21 giugno 2021, ovvero il giorno dopo l’ultima di campionato. Questa la motivazione: ‘Per esser, a fine gara, con atteggiamento gravemente irriguardoso entrato per richiedere il proprio documento ma senza che ne fosse autorizzato, nello spogliatoio della terna arbitrale, violando volutamente anche il protocollo COVID-19 previsto dalle disposizioni federali; rivolgeva, inoltre, espressioni offensive nei confronti del direttore di gara‘.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli