12 Maggio 2021

Azalee-Alessandria Serie C femminile: buona la prima per Colombo che sbanca il Maino grazie a Coppola e Lettieri

Le più lette

Città di Varese-Castellanzese Serie D: Mazzoleni frena ancora, Ebagua nel finale pareggia la doppietta di Fusi

Una delle squadre più in forma del momento, il Città di Varese, con 7 punti nelle ultime 3, contro...

Virtus Ciserano Bergamo Serie D, Del Prato avverte i suoi: «Manca ancora qualche punto per la salvezza»

Le due vittorie consecutive in altrettanti scontri diretti hanno permesso alla Virtus Ciserano Bergamo di raggiungere la famigerata quota...

Eccellenza B, Albese e Pro Dronero (quasi) fuori dai giochi

Dopo il pareggio nello scontro diretto (1-1), Albese e Pro Dronero dicono definitivamente addio al sogno Serie D. Entrambe...

La doppietta di Coppola e il gol su rigore di Lettieri stendono l’Alessandria e benedicono l’esordio di Paolo Colombo, che alla sua prima uscita sulla panchina delle Azalee porta a casa tre punti pesanti. Una partita dominata dal primo all’ultimo minuto dalle padrone di casa che, nonostante qualche piccola sbavatura in fase difensiva, non hanno mai dato l’impressione di andare in difficoltà. Primo tempo di fuoco: tre gol, tanto gioco, tante idee e cinismo nell’area avversaria; l’obiettivo della ripresa è sembrato chiaro: amministrare il vantaggio senza prendere rischi, ma senza mai rinunciare a pressare ed attaccare. Coppola si dimostra ancora una volta infallibile da dentro l’area: segna una doppietta e si procura il rigore che Lettieri, oggi in campo da trequartista, trasforma in gol; oltre alla freddezza dagli 11 metri, alla 17 delle Azalee va premiata anche la generosità e la fantasia in fase offensiva: gli assist per i due gol di Coppola portano infatti la sua firma. Vischi si dimostra decisiva anche quando è chiamata a ricoprire un ruolo non propriamente suo: quello del mediano; ottima prestazione anche oggi. Linea difensiva che commette qualche errore di troppo in occasione di alcuni disimpegni, ma che aldilà di questo non ha mai sofferto l’attacco ospite. Non una grande partita per l’Alessandria che non riesce mai a rendersi davvero pericolosa. Nel secondo tempo, dopo i tre gol subiti, non c’è stato il minimo cenno di una reazione.

Affondo Coppola. Nei primi minuti le squadre si studiano e le Azalee provano ad impostare la manovra dal basso e uscire palla al piede, evitando di giocare solo ed esclusivamente in profondità. Dopo dieci minuti di gioco arriva la prima sbavatura difensiva casalinga: una palla persa dal Del Raso favorisce Bagnasco che corre in campo aperto, supera Presutti con una finta, ma proprio quando dovrebbe soltanto appoggiare il pallone in rete a porta vuota Maschio interviene in scivolata sul pallone salvando tutta la squadra da un gol fatto. Dopo un quarto d’ora arriva il vantaggio delle Azalee: Barbini lancia Lettieri in profondità, la 17 evita l’intervento di un’avversaria spostando il pallone con la suola e poi imbuca in area un cross basso per Coppola che è intelligente nel fintare di calciare con il sinistro portandosi la palla sul destro e piazzare la palla nell’angolo con il piede forte. Passano appena tre minuti e Barbini fa una giocata pazzesca sulla sinistra liberandosi di Lupi con un sombrero per poi servire Coppola con un bel filtrante: Luison cerca di intervenire per portarle via palla, ma in scivolata commette fallo e costringe il direttore di gara ad indicare il dischetto. Dagli 11 metri Lettieri non si fa ipnotizzare da Fara e insacca calciando di precisione con il destro per il gol che vale il raddoppio. Alla mezz’ora Vischi si inventa un fenomenale filtrante no-look che premia l’incursione sulla sinistra di Lettieri: Coppola accoglie perfettamente il suo cross a centro area calciando di potenza con il destro siglando il 3-0 casalingo e mandando l’Alessandria in KO tecnico.

Controllo. Nella seconda frazione non sono molte le emozioni, ma il possesso palla delle Azalee è piacevole da vedere: le ragazze di Colombo continuano a giocare e non rinunciano alla fase offensiva nonostante il risultato fosse già ampiamente in cassaforte. Le ospiti infatti dovrebbero provare a reagire per instaurare un tentativo di rimonta, ma di fatto non si avvicinano neanche all’area difesa da Presutti. Numerosi sono i tentativi di andare in gol da parte di Barbini e Clerici, ma un po’ di imprecisione sotto porta non permette al risultato di cambiare. Il Maino di Gallarate torna a sorridere alle Azalee che conquistano tre punti molto importanti in chiave secondo posto e che, dopo aver voltato la pagina Prestifilippo, provano a ripartire da qui.

IL TABELLINO

Azalee-Acf Alessandria 3-0
RETI: 14′ Coppola (Az), 18′ rig. Lettieri (Az), 32′ Coppola (Az).
AZALEE (4-3-3): Presutti 6.5, Pozzi 6.5, Del Raso 6, Berlato Martina 6.5 (10′ st Crestan 6), Maschio 7 (22′ st Seghetto 6.5), Marchiori 6.5 (34′ st Russillo 6), Vischi 7, Lettieri 7.5 (29′ st Petruzzi 6.5), Barbini 6.5, Clerici 6.5, Coppola 7.5 (9′ st Diefenthaeler 6.5). A disp. Migliazza, Belloni, Apadula, Colombo. All. Colombo 7.
ACF ALESSANDRIA (4-2-3-1): Fara 5.5 (3′ st Dalerba 6), Lardo 5.5, Lepre 5 (41′ st Salerno sv), Luison 5, Lupi 5.5, Garavelli 5 (34′ st Francesca Avello 6), Di Stefano 4.5, Ravera 5.5 (16′ st Stella 5.5), Arroyo 5.5, Bagnasco 5, Bergaglia 5 (25′ st Cavallero 5). A disp. Zampieri, Mazzotta. All. Giovanetti 5.
ARBITRO: Li Vigni di Palermo  6.5.
ASSISTENTI: Gabriele Bongarzone di Como e Alessandro Liuzza di Milano.

LE PAGELLE

Azalee 

Presutti 6 Si fa saltare da Bagnasco sullo 0-0, è Maschio a rimediare all’errore. Un po’ indecisa su alcune uscite, ma termina la gara con porta inviolata.
Pozzi 6.5 Terzino di spinta: anticipa sempre Ravera e si fa vedere anche in sovrapposizione davanti. In forte crescita.
Del Raso 6 Non la solita partita perfetta: perde un bruttissimo pallone nel primo tempo e sbaglia in impostazione nel secondo. Copre però molto bene su Bergaglia e Cavallero.
Berlato 6.5 Più lucida della compagna di reparto, sempre attenta agli inserimenti avversari. Non deve intervenire spesso: pomeriggio quasi senza pericoli (10’st Crestan 6).
Maschio 7 Come Pozzi si propone più volte anche in fase offensiva, permettendo a Clerici di entrare dentro il campo. Quell’intervento in scivolata su Bagnasco vale come un gol: provvidenziale (22’st Seghetto 6,5).
Marchiori 6.5 Ottima gara in entrambe le fasi, precisa nel giocare la palla e si muove bene per favorire gli inserimenti di Lettieri tra le linee (34’st Russillo 6).
Vischi 7 Chiamata a sostituire Masciaga in mediana risponde presente. Garanzia di qualità e grande invettiva. Il no-look per Lettieri è materiale per le scuole calcio.
Lettieri 7.5 Un gol e due assist: onnipresente in ogni manovra offensiva. Si muove benissimo tra le linee e domina sulla trequarti campo. Fredda dal dischetto (29’st Petruzzi 6.5).
Barbini 6.5 Un po’ in ombra nel primo tempo, corre tanto nel secondo. Le manca solo il gol, un po’ imprecisa negli ultimi metri.
Clerici 6.5 Come Barbini esplode nel secondo tempo, sbaglia un gol apparentemente facile sotto porta, ma non molla mai e rischia di calare il poker con un rasoterra diagonale negli ultimi minuti.
Coppola 7.5 Ancora una volta torna a casa con il titolo di “bomber di razza”. I 16 metri sono la sua casa, quando riceve palla calcia con cattiveria e non sbaglia (9’st Deifenthaeler 6.5).
All. Colombo 7 Buona la prima. Qualche cambio nello stile di gioco, più possesso palla, più costruzione dal basso. La qualità delle calciatrici non gli manca. Ottimo punto per ripartire e continuare ad inseguire l’obiettivo che si chiama secondo posto.

Alessandria

Fara 5.5 Non può nulla sui gol delle avversarie. Brava ad intuire l’angolo sul calcio di rigore, non altrettanto a respingere il tiro.
3’st Dalerba 6 è l’imprecisione delle attaccanti avversarie a salvarle la faccia, ma almeno non prende gol.
Lardo 5.5 Contiene bene Clerici nel primo tempo, ma si fa sovrastare nel secondo. Cerca di tenere in gara le compagne, ma lo fa invano.
Lepre 5 Non riesce mai a marcare bene Coppola che in area fa quello che vuole. Decisamente non in giornata (41’st Salerno sv).
Luison 5 Abbocca alla finta di Coppola sull’1-0 e la stende in area causando il rigore del raddoppio. Pomeriggio tutt’altro che positivo.
Lupi 5.5 Bello il duello con Barbini, ma troppe volte lo perde e si fa saltare in velocità dalla 7 delle Azalee.
Garavelli 5 Il palleggio avversario mette in difficoltà lei e tutta la linea mediana. Non è mai in grado di servire una palla pulita per le attaccanti (34’st Avello 6).
Di Stefano 4.5 Non riesce a gestire mai bene la palla e allarga le braccia in ogni occasione in cui il possesso avversario la mette fuori dai giochi. Nel secondo tempo si arrende totalmente e smette anche di correre.
Ravera 5.5 Di fronte ad una Pozzi così in forma non deve essere facile giocare sulla fascia, ma non riesce mai ad essere concreta neanche centralmente (16’st Stella 5.5).
Arroyo 5.5 Brava a sfruttare la sua potenza fisica per fare la differenza sui calci piazzati. Anche lei però, non riesce a rendersi pericolosa come vorrebbe.
Bagnasco 5 Quell’occasione sciupata sullo 0-0 la sognerà per qualche notte. Il recupero di Maschio è incredibile, ma altrettanto lo è il non essere riuscita a segnare a porta sguarnita.
Bergaglia 5 Non le arrivano palloni giocabili, prova a pressare alto, ma viene sempre saltata dal palleggio avversario (25’st Cavallero 5).
All. Giovanetti 5 Partita gestita male. In visibile difficoltà per tutto l’arco della partita. Nel secondo tempo dovrebbe scattare una reazione per cercare di rimettere in piedi la partita, ma di questa reazione non vi è neppure traccia.

ARBITRO

Li Vigni di Palermo 6.5 Partita gestita con polso e senza troppi problemi. L’intensità e la cattiveria agonistica non mancano ma sono nel complesso ben sedate.

LE INTERVISTE

Colombo a fine partita si dimostra ampiamente soddisfatto del gruppo ed è fiducioso per il proseguo del campionato: «Bello l’impatto con le ragazze, c’è tanta voglia di lavorare, tanta voglia di fare e soprattutto di giocare. Un’ottimo esordio, abbiamo fatto un gran primo tempo. Nella seconda fase di gara è calato il ritmo, ma era giusto amministrare il vantaggio per portare a casa ciò che davvero era importante: i tre punti. C’è stata qualche imprecisione in alcuni disimpegni, ma sono errori che accetto, perché dobbiamo sempre giocare la palla senza buttarla via».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli