25 Giugno 2021

Independiente Ivrea-Pinerolo Serie C Femminile: la coppia Mellano-Gueli non perdona, orange sconfitte

Le ragazze di Chiarenza rimangono in solitaria al secondo posto

Le più lette

LG Trino-La Biellese, il film della partita raccontato dalle emozioni sugli spalti del Picco

Gradinate piene, cori da stadio di Serie A e fumogeni: un’atmosfera meravigliosamente surreale, che finalmente torna ad esserci dopo...

La Folgore Caratese e l’intero calcio giovanile lombardo piangono la scomparsa di Marco Rigato

La Folgore Caratese e il calcio giovanile lombardo piangono la prematura scomparsa di Marco Rigato, giovane calciatore classe 2005....

Il Saluzzo brinda alla salvezza in Serie D, Boschetto: un miracolo

Moltissimi titolari provenienti dall’Eccellenza della passata stagione; con ogni probabilità il budget più basso del girone; allenamenti di sera....

Si è consumata una vera e propria battaglia nel match di oggi tra Independiente Ivrea e Pinerolo. Una partita molto equilibrata, ricca di occasioni da gol e di tanti duelli individuali in ogni zona del campo. Alla fine la spuntano per 1-0 gli ospiti del Pinerolo, oggi in divisa blu. Decide un gol della numero 9 Mellano, servita perfettamente dalla compagna di reparto Gueli Vetri tra le linee difensive orange, oggi non impeccabili. Un successo importantissimo per le ragazze di Vincenzo Chiarenza che riescono a tenere il secondo posto in classifica, sempre a -8 dalla Pro Sesto. Una sconfitta dura da digerire per l’Indipendiente, soprattutto se si considerano le tante occasioni avute nel corso dei 90′. Il rigore sbagliato da Tosetto ed il reparto offensivo mai veramente convinto davanti al portiere hanno pesato nell’economia dell’incontro. Classifica che resta “tranquilla” per le eporediesi, a +12 dalla zona retrocessione.

La grinta in mezzo al campo. Primo tempo in cui l’aggressività delle ventidue in campo ha avuto la meglio. Il 4-3-3 di Pairotto ed il 3-5-2 di Chiarenza nascono proprio per creare molta densità in mezzo al campo e lasciare vuote le corsie esterne per favorire la velocità dei laterali di entrambe le squadre. Nel cerchio di centrocampo, di conseguenza, nascono fin da subito molti duelli individuali veramente appassionanti. La partita diventa molto nervosa e non lascia alla tecnica la possibilità di avere libera espressione. Proprio per questo, quindi, si registrano poche occasioni da rete, soprattutto a causa delle reiterate interruzioni del direttore di gara per falli e duri contrasti in mezzo al campo. La posta in palio è alta: il Pinerolo per restare in scia della Pro Sesto, l’Independiente per fare bella figura sul proprio terreno di gioco. Le azioni migliori, nonostante il risultato finale ci dica il contrario, capitano alle orange. Al 28′ Mussano, tutta sola in area, sbaglia un semplicissimo controllo che le avrebbe permesso di calciare e bucare il portiere. All’ultimo secondo, uno spettacolare intervento sulla linea di Civalleri dopo un calcio d’angolo salva il Pinerolo dallo svantaggio.

Sorpasso vincente del Pinerolo. Il secondo tempo parte esattamente come era finito il primo: Independiente all’attacco. Una buona combinazione tra le tre del reparto offensivo libera Grassino in area che, però, calcia male e centrale. Oggi prestazione non indimenticabile per la numero 10 orange. Dopo pochi minuti, però, ecco l’episodio che indirizza la partita. Sulla trequarti eporediese è libera la 10 del Pinerolo Gueli Vetri. E’ lei la regista della squadra, nonostante giochi in attacco. Si abbassa per ricevere il pallone e vede il bel movimento della compagna Mellano. La numero 9 riceve il bel filtrante, sfrutta tutta la sua velocità per bruciare i difensori avversari e sola davanti al portiere non perdona. Vantaggio, se vogliamo, non pienamente meritato dagli ospiti che, tuttavia, hanno saputo difendersi alla grande dalle offensive dell’Independiente. La squadra di casa sembra aver subito il colpo. Svantaggio forse inaspettato, ma il valore tecnico della coppia offensiva avversaria, alla fine, è venuto fuori. Al 20′ le ragazze di Pairotto hanno la possibilità di recuperare lo svantaggio. Viene fischiato un calcio di rigore per un intervento scomposto in area ai danni di Grassino. Sul dischetto di presenta Tosetto. Una breve rincorsa ed il piattone sinistro finisce alto sopra la traversa. Occasionissima sprecata dalle eporediesi, ma, nonostante l’errore, cresce la fiducia di poter pareggiare e la partita si fa molto più avvincente. Negli ultimi 25′ le squadre si allungano molto, ed è allora compito delle giocatrici più dotate tecnicamente di aiutare le compagne e di inventarsi qualcosa di concreto. Nell’Independiente, come sempre, ci prova Cantoro. Anche oggi la 8 ha fatto la solita prestazione di sostanza in mezzo al campo. Prestazione che per poco non le regala la gioia del gol, proprio negli ultimi minuti, in seguito ad una mischia da corner. Nel Pinerolo, invece, è sempre la 10 Gueli. Riceve il pallone e smista per la 9 Mellano, infaticabile, o per la subentrata Iuliano. Proprio la numero 16 è protagonista di un episodio ambiguo nell’area di rigore avversaria. Riceve palla dalla 10, tanto per cambiare, poi supera la 4 Giulia Dreon, entra in area e manca il tiro proprio per un intervento in recupero della stessa Dreon, forse troppo irruenta. L’arbitro lascia correre, ma il dubbio che quello fosse rigore rimane. Nonostante l’Independiente sia tutto riversato in attacco, il gol del pareggio proprio non arriva. Vince così il Pinerolo al termine di 90′ molto avvincenti. Vince la squadra più rodata, che ha saputo soffrire e rialzare la testa per portarsi a casa i tre punti.

IL TABELLINO 

Independiente Ivrea-Pinerolo    0-1
RETE: 6′ st Mellano (P).
INDEPENDIENTE (4-3-3): Mognol 6, Sterrantino 6, Tosetto 5, Dreon Giulia 6, Ambrosi 6, Trabucco 6 (35′ st Angela sv), Lavarone 6.5, Cantoro 6.5, Mussano 5.5, Grassino 6, Di Bitonto 5.5 (11′ st Baudin 6). A disp. Salvati, Noascone, Spinelli, Gulino, Pinet, Corzetto, Hanganu. All. Pairotto 5.5.
PINEROLO (3-5-2): Milone 6, Rigolino 6.5, Graziotto 6, Civalleri 6.5, Armitano 6, Felizia 6 (15′ st Culasso 6), Ippolito 6, Aimetti 6 (15′ st Iuliano 6.5), Mellano 7.5, Gueli 7, Usseglio 6. A disp. Serale, Fortunato, Cardillo, Favaro, Ughetto, Leccese, Giraudo. All. Chiarenza 6.5.
ARBITRO: Alessandro Pizzi di Bergamo  6.
COLLABORATORI: Francesco Merlo di Chivasso  e Emanuele Innocente di Biella.
AMMONITE: 31′ Armitano (P), 47′ st Civalleri (P).
NOTE: Rigore Fallito: 21′ st Tosetto (I).

LE PAGELLE

INDIPENDIENTE IVREA

Mognol 6 Sul gol non può nulla. Un paio di interventi nel secondo tempo sono invece decisivi a tenere su la squadra.

Sterrantino 6 Prestazione sufficiente in fase difensiva. Mai troppo propositiva oggi sulla corsia destra

Tosetto 5 Prestazione macchiata dall’errore sul dischetto che ha compromesso le chance di rimonta delle sue compagne.

Dreon G. 6 Oggi è meno precisa del solito negli interventi difensivi. L’intervento dubbio in area salva comunque le sue dal possibile 0-2.

Ambrosi 6 Lotta in mezzo al campo come tutte le giocatrici oggi. Non si vede quasi mai in attacco. Centrocampista molto più propensa alla fase difensiva che offensiva.

Trabucco 6 Prestazione sufficiente come per la collega di reparto Dreon. Lascia il campo negli ultimi minuti per provare il tutto per tutto (35′ st Angela s.v).

Lavarone 6.5 Prestazione di sostanza. Insieme a Cantoro è sempre presente nelle offensive delle orange nonostante parta da centrocampo. Utile anche in difesa, dove fa sentire la sua presenza.

Cantoro 6.5 Mai insufficiente. E’ la migliore dell’Indipendiente anche oggi. La sua qualità, alla lunga, viene fuori. Va vicino al gol negli ultimi istanti di gara.

Mussano 5.5 Ha un’occasione d’oro nel primo tempo, ma sbaglia un banalissimo controllo palla che le avrebbe permesso di calciare. E’ questa l’unica occasione della sua partita. Nonostante l’errore, però, si batte molto per la squadra.

Grassino 6 Un paio di belle giocate nel primo tempo la portano al tiro, senza mai riuscire a superare il portiere. Nel secondo tempo cala, ma rimane sempre il faro dell’attacco orange.

Di Bitonto 5.5 Mai realmente pericolosa oggi. Duetta bene con Mussano o con Grassino, ma non fa un tiro verso la porta.

11′ st Baudin 6 Entra con il piglio giusto. Aggressività, grinta e voglia di incidere.

All. Pairotto 5.5 Le sue ragazze oggi sono troppo sprecone. Quel rigore sbagliato non verrà dimenticato facilmente. Forse qualche cambio in più andava fatto.

 

PINEROLO

Milone 6 Risponde presente quando chiamata in causa. Deve offrire una cena a Civalleri per aver preso il suo posto sulla linea di porta a fine primo tempo.

Rigolino 6.5 Buona prestazione. Sempre attenta e concentrata, non lascia la possibilità a Mussano di superarla in velocità e di andare verso la porta.

Graziotto 6 Svolge il compitino sulla corsia sinistra. Presente sia in difesa che in attacco.

Civalleri 6.5 Bene in fase di impostazione dal basso, ma negli occhi di tutti c’è ancora i bell’intervento sulla linea a salvare il Pinerolo.

Armitano 6 Sempre presente in difesa e precisa negli interventi. Mezzo voto in meno perchè si fa ammonire ingenuamente e la sua partita è quindi condizionata.

Felizia 6 Bene anche la terza giocatrice del pacchetto difensivo del Pinerolo. Dalle sue parti orbita Di Bitonto. Vince facilmente il duello.

15′ st Culasso 6 Entra per difendere il vantaggio.

Ippolito 6 Anche per lei, come Graziotto, prestazione sufficiente in entrambe le fasi.

Aimetti 6 Lotta in mezzo al campo e cerca di infastidire le avanzate di Cantoro. Lascia il campo perchè ha dato tutto.

15′ st Iuliano 6.5 La migliore delle subentrate oggi. Sfrutta la sua velocità per impensierire la difesa orange e per poco non ci riesce.

Mellano 7.5 E’ lei la match-winner. Bel gol, ma soprattutto tanta tecnica e voglia di fare. Ha altre occasioni nel corso della partita e si dimostra spesso immarcabile.

Gueli 7 La più dotata tecnicamente del Pinerolo non manca all’appello. Suo l’assist per il gol vittoria, ma tante altre belle giocate che mandano le compagne in porta.

Usseglio 6 Anche lei è una delle protagoniste dei tanti combattimenti in mezzo al campo. Ne esce da vincitrice.

All. Chiarenza 6.5 Vittoria importante per il Pinerolo. Mantiene il secondo posto in classifica, ma soprattutto dimostra di saper soffrire e di sapersi difendere alla grande.

 

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli