22 Giugno 2021

Real Meda-Campomorone Serie C Femminile: super Ripamonti non basta, Bargi e Fallico valgono un’impresa

Le più lette

Città di Sangiuliano Eccellenza: esonerato Paolo Crucitti

Con una nota diffusa sulla propria pagina Facebook, a distanza di due giorni dal termine del campionato il Città...

NibionnOggiono Serie D ufficiale: gli associati dicono basta, la storia finisce qui

Era ormai una notizia che era nell'aria da diverse settimane e nel pomeriggio odierno è arrivata l'ufficialità: il NibionnOggiono...

Novara-Alessandria Under 17 Serie C: Barisone su rigore risponde a Bonacina, pari e patta a Novarello

Finisce col segno X la stagione di Novara e Alessandria nel campionato Under 17 di Serie C. Un girone...

Vince il Campomorone per 1-2 il match contro il Real Meda, giocatosi al campo sportivo Icmesa di Meda, al termine di una partita equilibrata per la maggior parte dei minuti, ricca di agonismo, in cui ha vinto la maggiore grinta mostrata dalla squadra ospite. Fin dal primo minuto, il Campomorone sembra crederci maggiormente, mentre la squadra di casa, nonostante la maggiore qualità tecnica, appare meno motivata, soprattutto dopo il gol del momentaneo vantaggio di Ferrario, sicuramente la più ispirata delle sue. Il match è stato caratterizzato da numerose azioni da ambo le parti, ma le conclusioni sono arrivate soprattutto dalle ragazze in maglia arancio, a cui la rete è stata più volte negata da un’ottima Ripamonti, capace nel mantenere il vantaggio in diverse occasioni. Il Real Meda ha, invece, cercato diverse volte di entrare in area di rigore per impensierire Denevi, ma non ha mai trovato la giocata corretta, dimostrandosi poco pericoloso. Con il passare dei minuti, la partita si è assestata su un ritmo divertente per chi era sulle tribune, con qualche errore sia in fase di chiusura che in fase di ripartenza, motivo per il quale la partita sarà difficilmente considerata memorabile sul piano tecnico-tattico. Ciò che è memorabile, invece, è la voglia di vincere mostrata dalle ragazze di Pampolini, che riescono a trovare il gol del sorpasso nei minuti finali, con Fallico, dopo aver giocato quasi tutto il match in parità grazie alla rete di Bargi, al termine di 90′ in cui ogni ragazza ha sputato sangue per ottenere questi tre punti. Una vittoria meritata, con la dimostrazione che non basta la qualità, ma serve grinta per portarsi a casa i risultati.

Bargi risponde a Ferrario. Il primo tempo parte con la squadra ospite che appare più grintosa già nei primi minuti di gioco, ma il Real Meda riesce a chiudere qualsiasi spunto e, grazie alla velocità delle sue ragazze, a rivelarsi pericolosa in ripartenza. Proprio su una di queste ultime, al 10′, dopo un cross di Roma, Ferrario si avventa sulla respinta di Denevi e non sbaglia. La squadra di Reggiani si porta così in vantaggio. Il Campomorone prova subito a reagire e arriva ad avere un paio di occasioni, prima con Bettalli, il cui tiro viene deviato, poi con Bargi, che sfiora il palo. È sempre Bargi, però, a segnare il gol del pareggio al 18′; dopo aver colpito il palo, a portiere battuto, riprende il pallone e lo deposita in rete a porta sguarnita. Il Real Meda riparte forte in cerca del gol, mostrando di sapere come accelerare all’occorrenza, ma la squadra ospite continua a pressare alto con grande grinta, mettendo in difficoltà le ragazze in maglia nera e non lasciandole respirare. Al 26′ Ripamonti compie un importantissimo intervento su un tiro della solita Bargi, dopo una bella giocata di Traverso. Nei minuti finali della prima metà di gara, i ritmi rallentano e le squadre si fanno più lunghe, ma nessuna delle due compagini riesce a trovare il guizzo per fare la giocata vincente. La squadra di casa prova a salire affidandosi ai singoli, mentre il Campomorone prova a farlo in modo compatto, per cercare di mettere in difficoltà una difesa ben schierata. Nessuna delle due organizzazioni si mostra però efficace e le squadre vanno negli spogliatoi con un risultato di parità, giusto per quanto si è visto nei primi 45′.

Fallico vale tre punti, Ripamonti non basta. Il secondo tempo comincia equilibrato, sulle stesse note della conclusione del primo. Le squadre provano a creare occasioni pericolose, ma entrambe le difese si dimostrano compatte e riescono a chiudere con facilità, complici anche errori in fase di creazione. Le azioni si susseguono da ambo le parti, ma è ancora il Campomorone a cercare la conclusione, anche dalla distanza. Al 24′, Bettalli, al termine di una bellissima azione personale, serve Bargi, che tira, ma Ripamonti ci mette i guantoni e salva la sua porta. Il Real Meda prova soprattutto a giocare in ripartenza, lasciando attaccare le avversarie, ma si trova in difficoltà a centrocampo, dove i suoi talenti non sembrano in giornata e il pallone diventa facile preda delle maglie arancioni. Ripamonti si fa protagonista ancora di due importanti parate, evidenziando la sempre maggiore pressione del Campomorone, che, nonostante il match sia equilibrato, sembra maggiore desideroso dei tre punti. Al 43′, quando ormai la partita sembra destinata a concludersi in parità, Bettalli fornisce un bellissimo cross e, sulla parata di Ripamonti dopo una prima conclusione, si avventa Fallico, che, a porta sguarnita, non può sbagliare. Le ragazze di Pampolini si portano così in vantaggio a una manciata di minuti dalla fine, il Real Meda prova il tutto per tutto, riversandosi in attacco, ma sembra aver accusato il colpo e non riesce neanche avvicinarsi all’area di rigore avversaria. Il triplice fischio segna la fine del match, portando ad un’enorme festa del Campomorone e ad un silenzio irreale per le ragazze di Reggiani, che sicuramente si aspettavano di portare a casa almeno il pareggio.

IL TABELLINO

Real Meda-Campomorone S.O. 1-2
RETI (1-0, 1-2): 10′ Ferrario (R), 18′ Bargi (C), 43′ st Fallico (C).
REAL MEDA (4-3-3): Ripamonti 7, Badiali 5.5 (34′ st Podda sv), Arosio 6, Ferrario 7, Molteni 5.5, Gastaldo 6.5, Rovelli Chiara 6, Ragone 6, Moroni 5 (19′ st Longo 6), Zorzetto 5.5 (22′ st Vai 6), Roma 6. A disp. Pizzi, Beretta, Porro, Mariani, Venturi, Alluvi. All. Reggiani 6.5.
CAMPOMORONE S.O. (4-2-3-1): Denevi 6, Cozzani 6, Casciani 6, Bettalli 7.5, Fallico 7, Nietante 5.5, De Blasio 6, Fernandez 6, Bargi 7, Poletto 6.5, Traverso 6.5. A disp. Brullo, Grasso, Cipollone, Giunta, Spiga, Trichilo. All. Pampolini 7.
ARBITRO: Bonasera di Enna 6.
ASSISTENTI: Cappello di Milano e Filipponi di Monza.

PAGELLE

REAL MEDA

Ripamonti 7 Quando si dice “portiere salva risultato” ci si riferisce sicuramente ad una gara come la sua. Sempre attenta, decisiva su più azioni, senza di lei la sconfitta avrebbe potuto essere ben peggiore. Incita le compagne e continua a mostrarsi presente fino alla fine. Un estremo difensore fondamentale in un campionato combattuto come questo.
Badiali 5.5 Ci mette grinta e impegno, più di altre sue compagne, ma rimangono fini a se stesse. Ogni volta che ha il pallone sembra in difficoltà e rischia di perderlo. Corre, ma a vuoto, senza essere davvero utile alle compagne (34′ st Podda sv).
Arosio 6 Una partita di chiusure pulite, senza mai strafare, ma portandosi a casa il suo compito con grande eleganza. Cresce a vista d’occhio come difensore centrale, anche se a volte sembra stare stretta nel ruolo. I suoi palloni da ferma sono sempre insidiosi, a volte serve però maggiore grinta.
Ferrario 7 C’è sempre, non ci sarebbe altro da aggiungere, appena inizia la partita sai che sicuramente saprà come lasciare il segno o, almeno, ci proverà a lasciarlo. Fa sembrare facile segnare, corre fino alla fine, prova a tenere alta la squadra in diverse occasioni. Se si può fare però un appunto, nei minuti finali sembra lasciarsi andare come le compagne, quando servirebbe crederci di più.
Molteni 5.5 Non si sa davvero se sia in campo 90′, perché si vede davvero in sporadiche occasioni e, nella maggior parte di esse, perde palla. Ha qualità e si vede nelle pochissime giocate che le riescono, ma non è assolutamente la sua giornata. Manca anche agonismo.
Gastaldo 6.5 Mezzo punto in più di altre sue compagne per la grinta mostrata e messa in campo fino al triplice fischio, che le permette di chiudere le avversarie con un atteggiamento “alla pari” e non tirare indietro il piede. Cresce moltissimo nella seconda metà di gara, dopo un primo tempo in cui appare un po’ troppo cauta.
Rovelli 6 Sprazzi di luce e ombra, un’alternanza di ottime chiusure e errori che possono costare carissimo alla sua squadra. Va detto però che non era una partita facile sul piano fisico e che, alla fine, riesce quasi sempre a portarsi a casa la giocata.
Ragone 6 Sufficienza pienamente raggiunta nel secondo tempo, perché nella prima metà di gara appare solamente nervosa e spesso in ritardo. Bisogna dire che doveva chiudere tutti i buchi lasciati da Moroni e, infatti, cresce moltissimo dopo la sua uscita dal campo.
Moroni 5 Entrare in campo con un atteggiamento di sufficienza in una partita in cui “grinta” era la parola chiave dimostra di non avere davvero fame di vittoria. Si può non essere in giornata, ma qui si parla di non provarci nemmeno. Dispiace dare una bocciatura così pesante ad una giocatrice che ha qualità da vendere, ma oggi è una enorme croce rossa sulla sua prestazione (19′ st Longo 6).
Zorzetto 5.5 Come Badiali, ci mette tanta grinta e tanta voglia di fare, atteggiamento che la contraddistingue sempre, ma oggi appare insapore palla al piede, dove fatica a crearsi spazio al fine di risultare pericolosa. Sicuramente non la sua miglior prestazione (22′ st Vai 6).
Roma 6 Senza infamia e senza lode in una partita in cui chiude quasi sempre le avanzate avversarie, ma si mostra molto restia a salire troppo, soprattutto vista la pericolosità avversaria sul campo ampio. Gioca una partita intelligente e si merita la sufficienza.
All. Reggiani 6.5 La squadra c’è e può sicuramente fare di più, soprattutto dal punto di vista della fame, perché oggi è apparsa inferiore proprio in quello.

CAMPOMORONE

Denevi 6 Viene chiamata poco in causa, sul gol aveva svolto il suo compito e si fa trovare presente quando viene servita. Una partita gestita bene.
Cozzani 6 Le avversarie sono ostiche e vanno via in un paio di occasioni, ma ci mette la faccia e riesce a compiere interventi difensivi di grande spessore e importanza, in una partita così tirata ed equilibrata. Alla fine esce dal campo sapendo di aver portato a casa ciò che doveva fare.
Casciani 6 Come la sua compagna di reparto sopra riportata, compie alcuni errori, ma sa sempre come rimediare, nonostante la forza avversaria. Si fa trovare pronta, ci mette grinta e impegno e chiude le iniziative che possono essere pericolose.
Bettalli 7.5 Il premio di migliore in campo va a lei perché riassume in sé l’essenza della sua squadra e delle sue compagne: grinta, fame, voglia di vincere. A tutto questo, ci aggiunge classe e qualità, che mostra di avere ogni volta ha il pallone tra i piedi. Si fa regina del centrocampo e si fa largo tra avversarie ben quotate. Una partita da gigante.
Fallico 7 La sua rete vale tre punti e arriva a coronamento di una gara dove dà tutto, senza mai arretrare, nonostante l’alto ritmo del match. Mette spesso in difficoltà le avversarie, torna ad aiutare le compagne e si mostra una giocatrice importante, come dimostra la rete nel finale.
Nietante 5.5 Una partita condotta un po’ sottotono, dove mostra di subire la velocità delle avversarie, che riescono a salire soprattutto dalla sua parte. Alla fine, riesce sempre a metterci una pezza, ma compie qualche ingenuità di troppo.
De Blasio 6 Una partita giocata in modo sufficiente, in cui non spicca, ma fa spesso il lavoro sporco a centrocampo, concedendo alle compagne ampi spazi. Si mostra sempre attenta e sa come chiudere le ripartenze delle avversarie.
Fernandez 6 Una partita di alti e bassi, in cui però ci mette una grinta e un agonismo importanti, che le permettono di portare a casa duelli all’apparenza molto complicati con una tranquillità incredibile. Prova a che a spingere in più occasioni e lo fa bene.
Bargi 7 Immensa e pericolosissima, è l’altra anima della squadra, quella che sguscia via senza farsi prendere in diverse occasioni. A volte poco precisa, riesce però ad arrivare in area con relativa facilità e una sola rete sta quasi stretta viste tutte le occasioni avute.
Poletto 6.5 E’ bello vedere giocare una giocatrice con così tanta grinta e così tanta forza fisica per tutta la partita. Sa come sfruttare le sue qualità, ma, soprattutto, sa come non mollare mai e tiene alti palloni importanti nei minuti finali, dopo il vantaggio, che valgono tre punti.
Traverso 6.5 Come la compagna sopra riportata, si affida a corsa, grinta, fisico per spostare avversarie quotate, salire sulla fascia e servire le compagne. Sa come costringere le avversarie ad arretrare e il suo spirito combattivo è quello di tutta la squadra.
All. Pampolini 7 Tre punti meritati al termine di una gara equilibrata, dove serviva quel qualcosa in più per sbloccare il risultato. Qualcosa che le sue ragazze hanno avuto, per la grinta e la fame di vittoria. Chapeau.

ARBITRO

Bonasera di Enna 6 Gestisce la gara con personalità evitando di estrarre cartellini.

LE INTERVISTE

MARCO REGGIANI, REAL MEDA
«È stata una partita credo divertente, sia per agonismo che per idee espresse in campo. E’ stata, secondo me, una partita equilibrata, il loro pregio è stato provare spesso il tiro sporco, noi siamo state più avare, anche se secondo me il pareggio sarebbe stato un risultato più giusto. Devo però fare i complimenti a loro, perché si sono dimostrate una grande squadra. Il secondo gol è arrivato per una nostra disattenzione, in un momento dei minuti finali, ma ha portato ad una sconfitta pesante. Noi dobbiamo cercare di disabituarci alle situazioni avverse, dobbiamo essere forti e rialzarci, perché ora è sicuramente difficile farlo».

MARCO PAMPOLINI, CAMPOMORONE
«Prima di tutto voglio fare i complimenti alle avversarie, è stata una bella partita. Ogni volta che veniamo in questo campo ci sono sempre belle battaglie. Sono molto contento della partita, siamo una squadra con grandi relazioni all’interno e credo che questo si sia visto oggi. Ci siamo dimostrati una bella squadra. I complimenti devo farli alle ragazze, io alla fine le metto solo in campo, poi giocano loro, oggi hanno giocato molto bene e hanno meritato questa vittoria».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli