22 Giugno 2021

Torino Women-Spezia Serie C Femminile: Levis immarcabile e solita Annalisa Favole, granata a valanga

Vantaggio delle ragazze di Petruzzelli a 40'' dal fischio iniziale: rete di Maino

Le più lette

Fanfulla-NibionnOggiono Serie D: le interviste post-partita ai due allenatori

Il finale thrilling dell'atto conclusivo dei play-off di questa infinita stagione ha lasciato naturalmente l'amaro in bocca al tecnico...

Giovanile Centallo, Nicola Giordana lascia il calcio per dedicarsi … alla montagna

La vita è una questione di scelte e ci sono momenti in cui bisogna prendere delle decisioni, più o...

Tritium, inizia comporsi il quadro degli allenatori dell’agonistica: confermati Pala, Gregori, Tarabella e Schifano

Nicola Bassani, responsabile del settore giovanile della Tritium, scioglie i primi dubbi riguardo quello che sarà il prossimo organigramma...

Finisce con una roboante ottina la partita tra Toro e Spezia, grazie anche a un primo tempo devastante di Maria Speranza Levis che oltre a segnare il secondo gol ha messo in crisi tutta la fascia destra delle ligure che dal canto loro non hanno quasi mai messo in discussione il risultato.

Un inizio complicato. Potrebbe sembrare un titolo fuorviante, perché effettivamente il match inizia col botto: passano appena 20” dal fischio iniziale ed è subito la solita Annalisa Favole ad inventare calcio, in pochi metri si ritaglia lo spazio necessario per far partire un bel destro a giro da fuori area che Maarouf para in angolo. Dal corner, tra i secondi 40 e 50, bravissima Benedetta Maino a deviare il cross di Sara Borello in fondo al sacco alla destra del portiere. 1-0. Sembrerebbe una partita subito in discesa, ma la trama deve essere coerente al titolo del paragrafo. È il 13′ ed è il turno di Carlotta Buono di far vedere le sue qualità. La numero 7 spezzina sulla sinistra supera prima Arianna Lombardo e poi Maino ad accentrarsi, ma il suo tiro ad incrociare viene neutralizzato da Monica Malosti. Torna presto in attacco però il Toro al 15′ prima con una punizione dalla trequarti destra con un cross di Favole non sfruttato e poi, poco dopo, con un altro calcio d’angolo della Borello sul quale si avventa Maria Levis, ma il suo colpo di testa finisce di poco a lato. È una fase concitata, sul ribaltamento di fronte è lo Spezia che arriva alla conclusione: batti e ribatti in area granata e il pallone rotola mogio fuori dall’area, arriva Georgiana-Denisa Predoi che però spara fuori di molto. Sale il pressing degli ospiti. Al 20′ il pasticciaccio che avrebbe forse cambiato le sorti della gara: Malosti esce su un rinvio troppo lungo della difesa spezzina ma manca clamorosamente l’impatto con il pallone, ma è ancora più clamoroso l’errore della Buono che dai 20 metri, a porta sguarnita, forse tradita dalla fretta, manca totalmente il bersaglio. È lo Spezia, ora, a mettere in difficoltà i granata, ed è sempre Carlotta Buono a creare i pericoli dalla sinistra. Al 28′ sempre la 7 ligure taglia la difesa come un grissino nel tonno Rio Mare, si accentra ma il suo tiro finale finisce a lato. Petruzzelli sente la sofferenza delle sue ragazze e comanda a gran voce di alzare il baricentro. Il momento chiave arriva al 39′, quando l’attacco granata alza il pressing e spinge all’errore la difesa avversaria in impostazione, poi palla a Maria Levis che supera mezza difesa e arrivata a metà area da sinistra lascia partire il destro con il pallone che si insacca ancora una volta alla destra di Maarouf. 2-0 e ora sì, la partità sarà tutta in discesa. Sono infatti appena 4 i minuti che passano prima del terzo gol: è il 43′, il Torino orchestra un contropiede pressocché perfetto in pochissimi tocchi, palla a Jennifer Serna che a centrocampo salta Serban con il primo controllo, salta anche Maarouf in uscita e a porta sguarnita ma da posizione defilata segna il gol del 3-0.

Il gol di Levis (foto Valletta)
Il gol di Levis (foto Valletta)

Un secondo tempo alla Ghali. Sì perché proprio come il rapper milanese che a Sanremo 2020 volò giù per gli scalini dell’Ariston, nei secondi 45′ di via Nitti 6 i gol sono arrivati a valanga. Ma andiamo con ordine. Il primo dei restanti cinque gol arriva al 12′, quando dopo un calcio d’angolo spezzino le padrone di casa partono in contropiede che termina con un tiro meraviglioso della capitana Annalisa Favole che infila in basso a sinistra. 4-0, palla al centro. Poi il quinto,  e stavolta è Cristiana Ara a coronare una grandissima prestazione con il gol. Sorpresa la difesa delle ragazze di Erbetta da un filtrante che mette fuori causa tutta la retroguardia, e al 18′ la numero 18 si ritrova a tu per tu con Maarouf e la buca nell’angolo finora inviolato: il destro. 5-0. Ara ancora all’attacco, pressa e recupera un pallone che rende subito offensivo, bellissimo pallone fuori area per la neo entrata Giuseppina Vitiello che di prima lascia partire un bolide che sfiora la traversa di poco e gol sfiorato. La sesta rete, invece, arriva al 33′ e parte dai piedi di un’altra neo entrata: Giulia Crisantino fa quel che vuole sulla fascia destra, entra in area e serve un pallone delizioso che andava solo spinto in rete e la Favole fa proprio quello. 6-0. Poi il settimo sigillo, ma non è un film di Ingmar Bergman bensì ancora della Crisantino che in fotocopia taglia l’area da destra, ma stavolta si mette in proprio e tira da posizione molto angolata. Non perfetta Nisrine Maarouf nell’occasione, 7-0. Ne manca uno. Un gol che arriva da calcio di rigore, non su calcio di rigore: 41′, Vitiello si incunea in area e supera facilmente Serban, la numero 5 non ci sta e trattiene l’attaccante con il numero 40, rigore solare. Va la stessa Vitiello, tiro, para Maarouf ma sulla ribattuta è un falco ancora Vitiello che spedisce il pallone in rete. 8-0 e arriva qualche minuto dopo il tanto atteso quanto inevitabile fischio finale che inscrive nella roccia il tabellino della partita.

IL TABELLINO

TORINO WOMEN-SPEZIA 8-0
RETI: 1′ Maino (T), 39′ Levis (T), 43′ Serna (T), 12′ st Favole (T), 18′ st Ara (T), 33′ st Favole (T), 38′ st Crisantino (T), 42′ st Vitiello (T).
TORINO WOMEN (4-3-3): Malosti 5.5, Lombardo Ar. 6, Maino 6.5 (13′ st Archinà 6), Boccardo 6, Borello 6.5 (21′ st Palmisano 6), Rinero 6.5 (21′ st Crisantino 7), Di Lascio 6 (39′ st Gonnet sv), Ara 7, Favole 7.5, Serna 6.5 (13′ st Vitiello 6.5), Levis 8. A disp. Scicli, Capello, Nicco, Tidona. All. Petruzzelli 6.5.
SPEZIA (4-3-3): Maarouf 6, Buselli 5.5 (30′ st Duce sv), Berti 6 (25′ st Ciampi sv), Lapperier 6 (1′ st Martinelli 5.5), Gasperini 5.5, Serban 5.5, Desmerean 6 (1′ st Lombardo Al. 5.5), Pascotto 6, Predoi 6, Battolla 5.5 (1′ st Bernardi 5.5), Buono 6.5. A disp. Gatti, Paita. All. Erbetta 5.5.
AMMONITI: 25′ st Serban (S).

LE PAGELLE

TORINO WOMEN

Malosti 5.5 Impegnata pochissimo, ma quell’uscita a vuoto a centrocampo poteva costare caro.

Lombardo Ar. 6 Soffre molto la Buono nel primo tempo, molto meglio nel secondo. Si spinge spesso e volentieri in attacco per creare occasioni da rete.

Maino 6.5 Oltre al gol a neanche un giro di lancette una partita decisamente ordinata. Dovrebbe migliorare nei rinvii.

(13′ st Archinà 6) Entra a risultato già più che rotondo, la sua è stata la classica ‘ordinaria amministrazione’.

Boccardo 6 Autrice di un match alquanto buono, dalle sue parti i pericoli si vedono poco le attaccanti ospiti. Come tutto il reparto ha avuto qualche amnesia nel primo tempo.

Borello 6.5 Bene in copertura, benissimo in attacco. Perfetto il suo cross per il primo gol di Maino e sempre pericolosissima quando trova spazio.

(21′ st Palmisano 6) Anche per lei un’entrata tranquilla in campo in una partita già decisa da tempo.

Rinero 6.5 Match di sostanza il suo, tanto lavoro sporco e tanta grinta messa in campo, non ha mai mollato l’osso.

(21′ st Crisantino 7) Impatto devastante sulla gara, entra e fa letteralmente a brandelli la difesa ospite prima con l’assist per Favole e poi col gol di pura cattiveria.

Di Lascio 6 Prestazione così così la sua, qualche imprecisione di troppo nei passaggi ma un buon lavoro come filtro davanti la difesa (39′ st Gonnet sv).

Ara 7 È ovunque in mezzo al campo, corre, lotta e mette in grande difficoltà le avversarie con le sue geometrie. Il suo gol è solo la firma per una grande partita.

Favole 7.5 Non sembrava essere la sua partita nel primo tempo, ma ecco la smentita nella ripresa con una bellissima doppietta.

Serna 6.5 Lavoro di fisico nelle maglie della difesa avversaria, tante sportellate e freddissima nell’azione del suo gol.

(13′ st Vitiello 6.5) Ottima entrata in campo la sua, sempre pericolosa e soprattutto reattivissima sulla respinta del proprio rigore.

Levis 8 Senza dubbio la migliore in campo, sulla sinistra è indomabile e sfiora più volte la doppietta. Forse una delle sue migliori partite.

All. Petruzzelli 6.5 Non è mai scontato vincere contro le squadre di bassa classifica, ma il risultato parla chiaro: il lavoro c’è stato e i risultati si sono visti.

 

SPEZIA

Maarouf 6 Ne ha presi 8, ma ha comunque parato un rigore e effettuato vari interventi importanti evitando forse una caduta peggiore alle compagne.

Buselli 5.5 Aveva il compito più difficile, ma non è riuscita a metter freno alla devastate Levis. (30′ st Duce sv).

Berti 6 La numero 3 è tra le più propositive, si spinge spesso in attacco sulla fascia sinistra e dialoga bene con Buono nel primo tempo(25′ st Ciampi sv).

Lapperier 6 Nonostante il risultato fa un buon lavoro mettendo in grande difficoltà il centrocampo di casa con la sua pressione.

(1′ st Martinelli 5.5) Come tutto l’attacco poco incisiva, quasi mai si rende pericolosa

Gasperini 5.5 Soffre anche lei le cavalcate di Levis, in grande difficoltà anche nel secondo tempo.

Serban 5.5 Si lascia saltare con troppa facilità da Serna in occasione del terzo gol, poco reattiva su Favole e Crisantino nel secondo tempo.

Desmerean 6 È tra quelle che ha corso di più nel primo tempo, poi si fa male ed è costretta a rimanere negli spogliatoi.

(1′ st Lombardo Al. 5.5) Anche lei come tutte le neo entrate spezzine può veramente poco di fronte allo strapotere granata.

Pascotto 6 Fa quel che può e nel primo tempo disegna anche qualche bel pallone. La buona volontà c’è stata, anche se non è bastata.

Predoi 6 Corre tantissimo e svaria per tutto il centrocampo. Suo il primo tentativo spezzino, finito però alle stelle.

Battolla 5.5 Terminale offensivo di un attacco che di offensivo ha avuto ben poco, marcata bene dalla difesa ospite.

(1′ st Bernardi 5.5) Come le sue compagne di sostituzioni offensive della ripresa, può fare veramente poco.

Buono 6.5 Dimostra tutto il suo talento con delle sgroppate che hanno mandato in tilt la fascia destra di casa almeno in un paio di occasioni, la migliore tra le sue.

All. Erbetta 5.5 Le sue ragazze escono da via Nitti con le ossa rotte, le sostituzioni non hanno apportato i risultati sperati.

ARBITRO: Davide Cerea di Bergamo 6.5 Un solo cartellino e tanti gol da segnarsi, il rigore era nettissimo. Partita molto fluida.

L’INTERVISTA

Queste le parole di Gianluca Petruzzelli, allenatore delle granata: «Oggi è stato molto importante non prendere gol, dopo le ultime partite questo è un successo fondamentale. Le ragazze sono scese in campo con la testa giusta, ho visto dei bei passi avanti».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli