Crescita del ginocchio: l’avversario più temuto

187
Osgood-Schlatter: crescita del ginocchio
Il morbo Osgood-Schlatter

Morbo di Osgood-Schlatter, ovvero ‘la crescita del ginocchio’ che affligge tantissimi ragazzi in età tra i 10 e i 16 anni in età di sviluppo. Focus e consigli utili per affrontare con serenità un malanno proprio ‘della crescita’.

Si presenta in studio, accompagnato dalla mamma, un aspirante calciatore: Luca (nome di fantasia); 14 anni, sofferente da qualche tempo di dolori davanti al ginocchio destro. Luca è reduce da una visita ortopedica che gli ha diagnosticato un principio di morbo di Osgood-Schlatter, un problema abbastanza frequente nei ragazzi in età evolutiva che si manifesta con forti dolori localizzati nella parte anteriore delle ginocchia causati da un eccesso di tensione del muscolo anteriore della coscia.

E’ questo uno degli spartiti più classici che può verificarsi nel corso del percorso di crescita calcistico (o generalmente sportivo) di un giovane atleta: ma come è possibile essere certi che si tratti proprio di morbo di Osgood-Schlatter? In virtù di quali sintomatologie? E soprattutto: quali cure è necessario seguire?

Su questi interrogativi prova a fare chiarezza Fabrizio Tencone, medico chirurgo specialista in Medicina dello Sport, direttore del centro Isokinetic di Torino. «Il morbo di Osgood-Schlatter (il termine italiano è apofisite tibiale anteriore) è una patologia sportiva che coinvolge i ragazzini in crescita – spiega il professore -. L’età in cui è possibile soffrire del morbo è corrispondente ad una fascia che varia dai 10 ai 16 anni».

A pagina 2 di SprinteSport, una pagina dedicata ai consigli del Prof. Fabrizio Tencone, le opinioni dei responsabili delle società del Piemonte e della Lombardia e il racconto testimonianza di chi sta combattendo contro questo ‘avversario’.

Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.