18 Giugno 2021

Arconatese-Castellanzese Serie D: Lo show di Pastore e Pavesi ribalta la Castellanzese

Le più lette

In risalto Eccellenza: Riccardo Villa da esterno a terzino del Lume sotto l’ala di Simone Pesce

Arrivato durante il mercato invernale dalla Real Calepina Riccardo Villa, terzino sinistro classe 2000, non ha impiegato molto a...

Pessano-Cornatese Pulcini B: scopri gli scatti più belli della gara tra i ragazzi di Alberto Morelli e Andrea Grieco

Pomeriggio all'insegna dello spettacolo quello tra Pessano e Cornatese, che nell'ultimo turno del proprio girone regalano una gara all'insegna...

Ardor Lazzate-Base 96 Eccellenza: Filomeno e Favari show, prima vittoria per Battistini

Finisce 1-2 l'ultima partita di questo girone di campionato, disputatasi tra Ardor Lazzate e Base 96, sotto un caldo...

Pastore Marco
Pastore Marco

Pastore e Pavesi sono stati i grandi protagonisti di un secondo tempo tutto a tinte gialloblu. Se nei primi 45 minuti il 4-3-3 di Mazzoleni ha frenato sul nascere ogni offensiva avversaria, nella ripresa nulla ha potuto contro la freschezza dei due giovani bomber padroni di casa. Per Livieri arriva così la prima importantissima vittoria stagionale. Che ripaga il duro lavoro fatto in questo inizio di stagione, e regala una buona dose di entusiasmo ad uno spogliatoio giovane ma spavaldo. La prima occasione del match capita proprio sui piedi di Pavesi. Dopo due minuti il numero 10, si trova in area col pallone sul suo sinistro. Ma non riesce ad imprimere abbastanza forza al tiro, e Porro para agilmente. Al 14′ invece è Chessa a sbloccare il risultato. Girando all’incrocio dei pali un bel cross di Marcone. I due sono sicuramente tra i neroverdi più attivi durante il primo tempo. E 5 minuti dopo il gol, è ancora Marcone a imbeccare Chessa, con un lancio alle spalle della difesa Arconatense. Questa volta il numero 7 non arriva in tempo sul pallone, e Botti, uscito dalla propria area, è bravo ad anticiparlo con i piedi. Nonostante lo svantaggio però l’Arconatese non si perde d’animo, e continua a creare gioco con tranquillità. Soprattutto dalla fascia sinistra, dove gli scambi di posizione tra Foglio e Ientile, mettono spesso in difficoltà la retroguardia ospite. Gli uomini di Livieri però, peccano in precisione, e tante potenziali occasioni si concludono con un nulla di fatto. Di contro invece la Castellanzese, forte della solidità difensiva, preferisce cercare il raddoppio sfruttando occasioni in contropiede. Come al 43′, quando Mecca con un gran cambio gioco trova il solito Chessa. Il classe ’93 però non è sinistro e si vede, e il suo tiro finisce comodo tra le mani di Botti.

Dagli spogliatoi escono gli stessi uomini, ma due squadre completamente diverse. Livieri deve aver toccato le corde giuste durante l’intervallo, e la sua squadra si ripresenta in campo con la cattiveria necessaria per ribaltare il risultato. Dopo appena 3 minuti Pastore riceve in area da uno scatenato Ientile. Il numero nove riesce a tenere la palla bassa verso il primo palo, e trova il gol che da il via alla rimonta. Completata al 6′ dal suo partner d’attacco. L’azione sembra il copia e incolla del gol dell’ 1-1. Questa volta però il tiro di Pastore è ribattuto. Ma il pallone carambola in zona Pavesi che con una volè supera un Porro inerme. Dopo il boom iniziale, il match torna sugli stessi binari del primo tempo. Anche se l’Arconatese riesce a spingere con maggiore regolarità, mentre la Castellanzese mostra qualche crepa in più in difesa, e soprattutto non riesce più a pungere. Mazzoleni prova a ridare nuova linfa alla squadra attingendo dalla panchina. Ma gli ingressi di Fusi e Colombo non danno gli effetti sperati. Così nel finale sono di nuovo i padroni di casa a tornare in cattedra, e questa volta definitivamente. Al 28′ Pavesi trova Foglio sul secondo palo, che esplode il suo sinistro verso l’angolo opposto. Questa volta il palo salva la Castellanzese, ma solo temporaneamente. Dopo pochi minuti infatti, il mani in area di Concina è palese, e Andeng non può far altro che indicare il dischetto. Dagli 11 metri Pavesi spiazza il portiere e infila il 3-1. Una mazzata per gli ospiti, che nei minuti finali si lasciano andare subendo anche il 4-1 e il 5-1. A chiudere il match ci pensa Pastore. Che al 45′ scarta Porro e insacca un gol facile facile, dopo un gran lancio del neo entrato Coulibaly. Il 4-1 invece lo realizza Ientile con uno stacco imperioso su una punizione (tanto per cambiare) calciata da Pastore. Per il capitano è sicuramente la giusta ricompensa, dopo una partita di grandissima quantità ma soprattutto qualità.

Pavesi Manuel
Pavesi Manuel

ARCONATESE-CASTELLANZESE: 5-1

RETI: 14′ Chessa (C), 3′ st Pastore (A), 6′ st Pavesi (A), 35′ st Pavesi (A), 40′ st Ientile (A), 45′ st Pastore (A)

ARCONATESE (3-4-1-2): Botti 6.5, Tumino 6, Ientile 7.5, Gomis 6.5, Bianchi 6.5, Romeo 6, Menegazzo 6, Foglio 6.5 (45′ st Veroni s.v), Pastore 7.5, Pavesi 7.5, (44′ st Marra s.v), Albini 6.5 (40′ st Coulibaly 6.5) A Disp. Alio, Giovane, Principi, Gobbi, D’Aversa, Spinelli  All. Livieri 7

CASTELLANZESE (4-3-3): Porro 6, Concina 5.5, Alushaj 6, Marcone 6.5 (34′ st Giugno s.v) Chessa 7, Negri 6, Corti 5.5 (7’st Fusi 5.5), Pedrocchi 6 (30′ Perego G. 6), Bigotto 6 (18′ st Colombo 6), Mecca 6.5, Perego A. 5.5 (30′ st Bertoletti 6) A Disp. Marchio, Ornaghi, Molinari, Indelicato  All. Mazzoleni 6

ARBITRO: Andeng della sezione di Cuneo 6

ASSISTENTE: Chianese della sezione di Napoli 6

ASSISTENTE: Ambrosino della sezione di Torre del Greco 6

AMMONITI: Romeo (A), Pastore (A), Albini (A), Botti (A), Bertoletti (C)

LE PAGELLE

PAGELLE ARCONATESE:

Botti 6.5 Non può nulla sul gol di Chessa, ma nelle occasioni in cui viene chiamato in causa risponde presente

Tomino 6 Forse il meno appariscente tra i tre difensori. La partita comunque è buona anche se nel primo tempo Chessa lo fa sudare e non poco

Ientile 7.5 Dovrebbe essere un difensore ma non sembra. Su quella fascia è ovunque. Le sue sovrapposizioni hanno messo in costante difficoltà la Castellanzese, ma questo non toglie nulla al suo apporto difensivo. Corre per 90 minuti come se la stanchezza non esistesse, e partecipa a 2 gol su 5. La gioia personale è solo la ciliegina sulla torta di una partita encomiabile.

Gomis 6.5 Un muro a protezione dei tre difensori. Recupera tantissimi palloni e spesso fa ripartire l’azione.

Bianchi 6.5 90 minuti di grandissima concentrazione. Bravo a non subire la velocità degli avversari e sovrastrali continuamente.

Romeo 6 Talvolta confuso nel primo tempo, si riprende nel secondo insieme a tutta la squadra. Meno appariscente di Gomis ma comunque utile per dare equilibrio.

Menegazzo 6 Prestazione di grande sacrificio. La sua fascia viene calcata poco a favore della sinistra. Più utile in fase difensiva che in quella offensiva.

Foglio 6.5 Gli inserimenti di Ientile sarebbero inutili senza le sue imbucate perfette. Il suo sinistro da qualità alla squadra, sfortunato al 28′ st quando colpisce in pieno il palo.

Pastore 7.5 È tra i migliori già dal primo tempo, ma nel secondo insieme a Pavesi mette in scena un vero show. Due gol un assist e tanta lotta per una partita da ricordare.

Pavesi 7.5 Completa la rimonta e allunga le distanze. Le occasioni per lui non sono tante e la percentuale di realizzazione è altissima. Bravo e glaciale dal dischetto nel spiazzare Porro e siglare il gol che probabilemnte mette fine al match.

Albini 6.5 Tra i tre davanti è l’unico che non va a segno. Ma spesso se gli altri due sono liberi di concludere è grazie ai suoi movimenti. Fondamentale nel dare il via al gol del 2-1.

40′ st Coulibaly I cinque minuti in cui rimane in campo sono abbastanza per mostrare le sue qualità. L’esterno sinistro con cui lancia Pastore sul gol del 5-1 sarebbe da vedere e rivedere.

44′ st Marra s.v.

45′ st Veroni s.v.

All. Livieri 7 Dopo il primo tempo in tanti avrebbero provato a cambiare le carte in tavola. Lui però ha totale fiducia nei suoi uomini e riparte con gli stessi undici. Scelta più che ripagata.

 

PAGELLE CASTELLANZESE:

Concina 5.5 Nel primo tempo è impeccabile ma nel secondo cambia qualcosa, per lui come per tutti i suoi compagni. Nell’episodio del rigore del 3-1 il braccio è decisamente troppo largo.

Alushaj 6 Prestazione analoga a quella del suo compagno di reparto, entrambi hanno subito la freschezza degli attaccanti avversai nella ripresa.

Marcone 6.5 Come tutti subisce nella ripresa, ma nella prima parte è tra i migliori dei sui. Da i suoi piedi nasce gol del vantaggio e anche altre occasioni.

Chessa 7 Nettamente il migliore tra i neroverdi. Oltre al gol è l’unico a provare a concludere in porta. Nel nel primo tempo, ma anche quando la partita è ormai sfuggita di mano.

Negri 6 Parte mezz’ala dove non sembra riuscire a stare al passo. Quando viene messo davanti alla difesa va sicuramente meglio.

Corti 5.5 Non riesce mai a rendersi pericoloso e dare vivacità all’azione. La forma stratosferica di Ientile certo non lo aiuta.

7′ st Fusi 5.5 Dovrebbe dare la scossa ma non funziona. A pochi minuti dal suo ingresso avrebbe anche l’occasione per ristabilire la parità, ma invece che calciare di sinistro prova a tronare sul destro e vanifica forse l’occasione più limpida per la Castellanzese nella ripresa.

Porro 6 Sui gol è incolpevole. Si sporca i guanti in altre occasioni ma non c’è mai bisogno che si superi.

Pedrocchi 6 Una buona mezz’ora poi è costretto a lasciare il campo a causa di un’infortunio.

30′ Perego G. 6 Percorso inverso rispetto a Pedrocchi. Sostituisce il capitano e si posiziona mezz’ala con Negri che scala davanti alla difesa. Talvolta subisce la fisicità di Gomis, ma prestazione è sufficiente.

Bigotto 6 La differenza di fisico rispetto a Bianchi è netta. Però lui non disdegna il duello e non tira mai indietro la gamba. Per poter giocare è spesso costretto a ricevere palla lontano dalla porta, ma quando riesce a giocare vicino all’area è decisivo. C’è anche il suo zampino nell’azione dell’ 1-0.

18′ st Colombo 6 Con lui la squadra ha un punto di riferimento davanti. È bravo a giocare di sponda ma non riesce quasi mai ad incidere.

17 Mecca 6.5 A centrocampo è sicuramente il migliore. Corre un po’ dappertutto ed è l’ultimo a mollare. Interpreta bene la doppia fase ma non basta per evitare la rimonta.

Perego 5.5 Dalla sua parte si gioca poco, ma quando Pavesi si allarga fatica a contenerlo. Non riesce a dare nemmeno grande spinta in fase offensiva.

30′ st Bertoletti 6 Entra in un momento delicato del match. Non colleziona gravi errori ma nemmeno grandi giocate.

34′ st Giugno s.v.

All. Mazzoleni 6 Parte bene e i primi 45 minuti sono di ottimo livello. La sua squadra però scompare nella ripresa, lui prova a mettere mano con molti cambi ma senza riuscire a ribaltare la situazione.

PAGELLA ARBITRI:

Andeng 6 La partita è molto maschia e i contatti sono tanti. Lui sceglie una direzione molto inglese e lascia correre molto preferendo il dialogo alla sanzione. La partita ne gode in fluibiltà ma a volte forse esagera.

Chianese 6 Non deve intervenire in situazioni difficili, comunque quando sventola sventola bene

Ambosino 6 Prestazione simile a quella del suo collega sul lato opposto. Non un lavoro eccessivo ma ben fatto

LE INTERVISTE

Dopo una grande rimonta l’Arconatese trova la prima sospirata vittoria stagionale, Livieri non può che essere contento della seconda parte di gara ma non tralascia il buon lavoro svolto nella prima frazione: «Negli spogliatoi ho detto ai ragazzi di continuare così perché mi erano piaciuti molto, e avevano creato molte occasioni con cross dal fondo dove non siamo riusciti ad arrivare per un pelo. Mi è piaciuta la tranquillità con cui la squadra ha creduto di poterla ribaltare, aggrappandosi alle nostre giocate. Una bella vittoria giocata in questo modo penso che possa dare a questi ragazzi giovani ancora più consapevolezza».

«I tre punti sono molto importanti -continua- ma non ci devono distogliere dal nostro lavoro quotidiano per migliorarci ogni giorno. La volevamo ma anche domenica scorsa abbiamo fatto una grande partita secondo me, visto che dopo 10 minuti siamo rimasti in dieci. Poi nelle prime partite abbiamo incontrato squadre come Sanremese, Chieri e Legnano quindi sapevamo che dovevamo soffrire e l’abbiamo saputo fare anche bene. Però dalla prima giornata ad oggi è stato un continuo crescendo, quindi teniamo i piedi per terra e continuiamo a lavorare. Ma per ora ci godiamo questa vittoria».

Giovanni Livieri
Giovanni Livieri

Mazzoleni invece non riesce a spiegarsi il tracollo del secondo tempo: «Magari sapessi cosa sia successo -dice ridendo- a saperlo avremmo vinto. Oggi sono state due partite in una, non siamo partiti bene ma per più di mezz’ora abbiamo creato occasioni e giocato come sappiamo giocare. Forse aver finito il primo tempo solo 1-0 è stato anche poco. Nel secondo invece è cambiato che loro hanno fatto 2 gol in 5 minuti e da un situazione di vantaggio siamo passati in svantaggio. La cosa di cui non mi capacito è che quando andiamo in difficoltà poi possiamo prendere una goleada come oggi».

«Forse è stato un calo più mentale che fisico -continua- perchè dopo il 2-1 ci sono stati 10 minuti un quarto d’ora in cui abbiamo ripreso a giocare per cercare di creare occasioni. Dopo il 3-1 invece è tornata fuori la fragilità sia mentale che fisica, che poi vanno di pari passo. E non va bene aver perso 5-1 così. Dico anche un po’ immeritatamente, bravi loro, ma forse il risultato è un po’ bugiardo e ci penalizza oltremodo rispetto a quello che abbiamo mostrato, sia nel primo tempo che dopo il loro 2-1».

Achille Mazzoleni
Achille Mazzoleni

 

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli