Borgosesia – Caronnese Serie D: Ravasi salva i granata

0
711

Il Borgosesia mantiene invitto il fortino casalingo resistendo anche alla carica della Caronnese. Marco Didu cambia solo tre interpreti della sconfitta immeritata di Fossano spostando Saltarelli sulla destra (per bloccare sul nascere le incursioni di Porcino e Sorrentino) e mettendo centrale un Costa pulito ed efficace. Da play davanti alla difesa Matera rileva Canessa e Muzzi rimpiazza Mancuso per garantire più scatto nello spazio. Dall’altra parte Gatti si affida ai soliti mostri sacri Scaringella, Corno e Sorrentino in avanti capaci di portare i rossoblù in vetta alla classifica generale e a quella dei gol fatti.

Come approccio comincia meglio la Caronnese che, spinta dalle urla di Gatti, dalla trequarti campo comincia un pressing asfissiante imbrigliando sul nascere l’impostazione del gioco granata che passa sempre dai piedi di Ferrando e Costa. Da qui nasce una partita maschia in mediana interrotta inizialmente da qualche conclusione da fuori di Sorrentino, Scaringella e Corno. Tutti senza fortuna. Matera non riesce a partecipare alla costruzione e i centrali di Didu non allargano, mandando a nozze i lombardi che capitalizzano la miglior gestione dello spazio all’11’. Matera perde una palla sanguinosa sulal trequarti, Vernocchi scippa il pallone e si lancia verso l’area facendo partire un tiro che rimbalza davanti/sotto Iali e gonfia la rete per l’1-0. Il leitmotiv non cambia e i valsesiani continuano a palleggiare bassi tra il rumoreggiare del pubblico. Col tempo però la Caronnese abbassa la linea del pressing e le verticalizzazioni nello spazio riescono a innescare qualche taglio di Muzzi e Ravasi. Dopo il primo tiro di Muzzi al 33′ i padroni di casa prendono più coraggio e al 35′ riescono anche a trovare l’episodio. Corner da sinistra di Pagliaro per Ravasi che, tagliando sul primo palo, incrocia di testa e pareggia i conti. La frazione di gioco si chiude con un’occasione per Corno che, premiato dalla punizione di Porcino, non riesce a tenere bassa la conclusione ravvicinata. Campanello d’allarme che preannuncia una riscossa varesotta nella ripresa.
Dopo il the caldo la Caronnese abbassa il pressing e Castelletto e compagni riescono a respirare di più in impostazione, anche se non basta neanche l’ingresso di Ferrandino a portare subito chiare occasioni da gol. Infatti il primo sussulto è solo al 21′ quando Tanasa sventaglia da destra sul secondo palo per Scaringella. Iali è timido e non esce, ma Scaringella spara largo da buona posizione e grazia il n°1 granata. Ci riprova ancora il centravanti di Gatti al 27′ di testa su corner, ma Iali vola e neutralizza facendo però partire un flipper aereo che si risolve a favore dei padroni di casa. La Caronnese si dimostra ben messa in campo e ben piazzata fisicamente, tanto da reggere anche la crescita di Castelletto e Beretta (fantasmi nel primo tempo) e neutralizzare anche qualche tentativo di strappo di Ferrandino dalla mezzora in poi. Quando la gara sembra bloccata spesso è un piazzato a spaccarla, specie se a batterli è Porcino, ma ogni regola aurea ha le sue eccezioni e tale strappo alla regola prende il nome di Matteo Iali che al 38′ compie un miracolo basso sul colpo di testa ravvicinato di Cosentino su una punizione appunto di Porcino. Il pareggio è ormai scritto e neanche l’ingresso di Cirigliano (nonostante sciupi due mezze occasioni) riesce a rompere l’equilibrio.
La Caronnese si gode il primato in solitaria e non riesce a espugnare il fortino valsesiano capace di far inciampare altre corazzate come Chieri, Prato, Lucchese e Casale.

Borgosesia Caronnese Serie D
Borgosesia Caronnese Serie D

IL TABELLINO DI BORGOSESIA CARONNESE SERIE D

BORGOSESIA-CARONNESE 1-1
RETI (0-1, 1-1): 11′ Vernocchi (C), 33′ Ravasi (B).
BORGOSESIA (4-3-1-2): Iali 7.5, Saltarelli 7, Renolfi 6.5, Matera 6 (32′ st Bartolini sv), Ferrando 6.5, Costa 7, Beretta 5.5, Castelletto 6.5, Muzzi 6.5 (28′ st Cirigliano 6.5), Ravasi 7, Pagliaro 6.5 (12′ st Ferrandino 6.5). A disp. Galli, Tonoli, Iannacone, Canessa, Tagliapietra, Mancuso. All. Didu.
CARONNESE (4-3-1-2): Porro 6.5, Taccogna 6.5, Curci 6 (1′ st Silvestre 6), Tanasa 6, Tarantino 6.5, Cosentino 6.5, Vernocchi 6.5 (17′ st Battistello 6), Porcino 6.5, Scaringella 5.5 (34′ st Perpepaj sv), Corno 6, Sorrentino 5.5. A disp. Matera, Meruzzi, Galletti, Putzolu. All. Gatti.
ARBITRO: Russo di Torre Annunziata 6 Il gioco è estremamente spezzettato, ma la conduzione di gara non influisce sul risultato.

LE PAGELLE DI BORGOSESIA CARONNESE SERIE D

BORGOSESIA (4-3-1-2)
All. Didu 6.5 Con equilibrio i suoi fermano la capolista. Approccio non idilliaco, ma col passare dei minuti la squadra si sistema.
Iali 7.5 Sul gol il rimbalzo è infame, ma i miracoli lo premiano come migliore in campo.
Saltarelli 7 Fase di copertura eccellente. Scelte azzeccate, buon uso del fisico e guida autorevole di Beretta nel primo tempo.
Renolfi 6.5 In netta crescita rispetto a Fossano. Prova qualche cross, ma il suo mandato principale è chiudere e lo fa alla grande.
Matera 6 Errore da matita rossa. Ravasi lo consola pareggiando i conti e la sua fiducia torna a crescere nella ripresa dove imposta con più spensieratezza e meno fiato sul collo.
Ferrando 6.5 Costringe il tridente più pericoloso del girone a calciare quasi sempre da fuori.
Costa 7 Quando può impostare lo fa (anche se con qualche neo), quando deve spazzare non si fa scrupoli. Prestazione grintosa e precisa.
Beretta 5.5 Primo tempo da incubo. Migliaia di errori tecnici e di posizione e scarsissima reattività. Leggermente meglio nella ripresa, ma non basta.
Castelletto 6.5 Come Beretta, non brilla in avvio dove non riesce a entrare nel gioco. Nel secondo tempo però non sbaglia un raddoppio e recupera tantissimi palloni.
Muzzi 6.5 Non gli arriva un pallone per circa 30′. Prova a dare più profondità e la squadra cresce. Lotta di fisico e cerca pertugi. 28′ st Cirigliano 6.5 Si procura due mezze occasioni che non riesce a finalizzare. Ultima speranza.
Ravasi 7 Fa vedere qualche sua giocata nello stretto, ma è il gol di testa a valere oro.
Pagliaro 6.5 Come Muzzi, tocca pochi palloni. Prova a inventare, ma la fortuna non lo aiuta. Costretto a inventarsi l’assist dalla bandierina. 12′ st Ferrandino 6.5 Ci mette qualche minuto a carburare, ma un paio di cross interessanti li fa.

CARONNESE (4-3-1-2)
All. Gatti 6.5 Gara ben studiata e ben approcciata. I suoi calano il pressing nella ripresa, ma si dimostrano comunque pericolosi.
Porro 6.5 Pochi tiri nello specchio.
Taccogna 6.5 Mai distratto, chiude ben l’out destro.
Curci 6 Qualche volta Muzzi gli scappa, ma riesce in un modo o nell’altro a recuperarlo. 1′ st Silvestre 6 Poco impegnato fino ai minuti finali dove lascia a Ferrandino qualche metro di troppo per crossare.
Tanasa 6 Sventagliate qua e là ci sono, ma in impostazione potrebbe fare di più per lo spazio concesso la fase difensiva è ordinata.
Tarantino 6.5 Dietro sbaglia poco o niente. L’errore sul gol è di reparto.
Cosentino 6.5 Con Tarantino gestisce bene le vie centrali e piuttosto che rischiare spara via. Iali gli nega il gol dell’1-2.
Vernocchi 6.5 Fase di pressing perfetta, anche se potrebbe costruire di più. Scippa un gran pallone e lo finalizza. 17′ st Battistello 6 Entra subito bene nei meccanismi.
Porcino 6.5 I suoi piazzati rischiano di spaccare la partita.
Scaringella 5.5 Quando riesce a farsi trovare in area non finalizza. Sciupone.
Corno 6 Svaria come sa, ci prova da fuori come sa, dialoga come sa. Manca però la sua scintilla, ma la gestione del pressing salva la prestazione.
Sorrentino 5.5 Non riesce a far vedere la sua qualità in progressione. Oggi pecca in fantasia.

LE PAROLE A FINE GARA DI ROBERTO GATTI (CARONNESE)