9 Marzo 2021

Breno-NibionnOggiono Serie D: a Commisso basta Barzotti dal dischetto per i tre punti, granata tosti ma mai pericolosi

Le più lette

Eccellenza, i dubbi di De Bellis (Corneliano Roero) sulla ripresa: «Siamo ancora in forse, aspettiamo il 10 marzo prima di decidere»

Indecisione rossoblù. Nonostante le parole di Gravina, che nella giornata di venerdì 5 marzo ha annunciato la ripresa del...

Le bandiere: i colossi di Morozzo, 1422 volte Azzurra

Per loro cinque onorare la maglia dell’Azzurra è una questione di cuore, perché quei colori ormai sono intrecciati con...

Gavirate Under 16, Fumagalli: «Non ho uno squadrone, ma c’è dell’ottimo materiale per lavorare»

Impegno e sacrificio i cardini del Gavirate Under 16 allenato da Roberto Fumagalli. Progetto fermato sul più bello dallo...

Agli uomini di Commisso basta la rete su calcio di rigore di Bartozzi per conquistare tre punti importanti in chiave playoff sul difficile campo del Breno. I granata si sono dimostrati un avversario tosto con una difesa solida, ma negli ultimi trenta metri è mancata la scintilla giusta per fare male alla sempre attenta retroguardia ospite.
Arriva così a undici la striscia positiva per gli azzurri, mentre i padroni di casa non riescono a ripetere quanto di buono visto contro il Villa Almè nella scorsa giornata. Da segnalare l’assenza per squalifica di Tocci, terzino sinistro titolare della difesa a quattro del NibbionOggiono. L’inizio di gara è stentato per entrambe le formazioni, complice sicuramente il campo gelato in molte aree soprattutto sulle fasce, il che limita non poco la possibilità di giocare palla a terra e rende impossibile accelerare. La partita si fa dunque da subito dura e molto fisica, con molti palloni alti e batti e ribatti. La prima occasione è per gli ospiti: Arrigoni salta secco il diretto avversario mettendo nel mezzo un pallone interessante, ma Tota è attento ad intervenire anticipando Citterio. La risposta del Breno non si fa attendere: Melchiori supera un paio di avversari sulla fascia sinistra in velocità, solo l’intervento in extremis di Boni gli impedisce di puntare la porta. Alla mezz’ora si accende Donadio, il numero undici azzurro fino a quel momento apparso fuori dal gioco parte in progressione dalla propria metà campo mettendo in seria difficoltà la retroguardia granata, Brancato è costretto a stenderlo poco fuori area. Dopo cinque minuti Donadio si ripete mettendo un delizioso pallone rasoterra nel cuore dell’area dei padroni di casa ma nessuno riesce a raccogliere il suggerimento. Unico tiro del primo tempo è l’insidioso calcio di punizione battuto da Arrigoni che dalla distanza impegna Tota in un bel tuffo. Prima frazione che termina dunque a reti bianche, poche emozioni e i padroni d casa che non riescono a trovare soluzioni efficaci negli ultimi trenta metri.
Nel secondo tempo gli uomini guidati da Commisso si mostrano più in palla dei granata e iniziano a guadagnare campo grazie alle giocate in mezzo al campo di Arrigoni e Barzotti. All’ottavo minuto i due dialogano bene sulla trequarti, Barzotti imbuca per il compagno ma Tota è attento nell’uscita. Pochi minuti dopo Donadio, innescato dal solito Arrigoni sfreccia sulla sinistra ed entra nell’are di rigore avversaria, Tagliani lo stende ed è rigore contestatissimo in favore degli azzurri. Barzotti è glaciale e dal dischetto spiazza Tota. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere, i granata alzano il baricentro con decisione ma non riescono mai ad essere pericolosi dalle parti di Guarino. Al trentesimo è il neoentrato Braidich a farsi pericoloso rubando un pallone vacante a Fumagalli, bello l’uno due con il compagno che gli serve un pallone invitante a centro area ma all’ultimo interviene Fognini in spaccata salvando il risultato per i suoi. Partita che diventa sempre più spezzetta e nervosa, con poche azioni fluide e molti falli. L’ultima emozione della gara passa ancora da Braidich, l’attaccante si ritrova il pallone a mezz’altezza dentro l’area piccola ma non riesce di testa ad impattare dei migliori dei modi e il pallone esce di poco. La gara termina per 0-1, partita sicuramente non bella anche per le condizioni del campo che di certo non hanno favorito lo spettacolo. Prestazione comunque buona da parte di entrambe le squadre che non si sono risparmiate fino all’ultimo minuto. Breno che è apparso determinato a non mollare di un centimetro dietro quanto disorganizzato in fase offensiva, mentre il NibbionnOggiono ha gestito la gara da squadra superiore quale è: pochissimi rischi dietro e costruzione di diverse palle gol per un risultato finale che ci sta tutto.

 

IL TABELLINO

BRENO 0
NIBIONNOGGIONO 1
RETE:
12′ st Barzotti (R)
BRENO: (4-3-3) Tota 6.5, Ndiour 6, Boldini 5.5 ( 26′ st Sorteni s.v.), Tagliani 5.5, Lordkipanidze 6, Melchiori 6, Triglia 5, Mondini 5.5, Sampietro 6 (39′ st Tanghetti s.v.), Brancato 5.5, Libertazzi 5 (15’st Braidich 6) st. A disp. Serio, Carminati, Pelamatti, Galati, Nolaschi, Trovandini, . Allenatore Tacchinardi 5.5.
NIBIONNOGGIONO: (4-3-3) Guarino 6, Premoli 6.5, Fognini 6.5, Fumagalli 6.5 (20’st Albini 6), Boni 6, Antonini 6.5, Idrissi 6, Arrigoni 7, Citterio 6, Barzotti 7 (36′ st Iori s.v.), Donadio 7.5.A disp. Attianese, Bernardi, Ballabio, Romano, Villa, Albini, Calmi, Tremolanda. Allenatore Commisso 6
ARBITRO: Menozzi di Treviso 5.5 Dal rigore concesso in avanti perde il controllo della partita che diventa nervosa e spezzettata anche a causa delle sue decisioni poco uniformi.
AMMONITI: Brancato (B), Tagliani (B), Braidich (B).

 

LE PAGELLE

BRENO
All. Tacchinardi 5.5 La squadra si dimostra solida e piena di grinta fino alla fine, non pervenuta la fase offensiva decisamente da rivedere.
Tota 6.5 Il migliore del reparto arretrato, compie un paio d’interventi decisivi per rimanere in partita.
Ndiour 6 Gestisce bene la sua fascia senza andare mai in affanno, poca spinta forse per le sue qualità.
Boldini 5.5 Recupera molti palloni e lotta con generosità, a volte è poco preciso al momento di verticalizzare.
Tagliani 5.5 Non lascia respiro al numero nove avversario, buona prestazione peccato per il rigore procurato che costa la sconfitta per i suoi.
Lordkipanidze 6 Tanta corsa e contrasti, spesso si trova in mezzo tra il batti e ribatti di testa e non riesce ad imporsi.
Melchiori 6 Davanti è l’unico a prendere qualche iniziativa, ma niente di che.
Triglia 5 Spesso lontano dal gioco, oggi è apparso decisamente fuori forma.
Mondini 5.5 Fatica a trovare i giusti tempi di inserimento, anche lui “preso in mezzo” tra le tante palle alte.
Sampietro 6 Prestazione sufficiente solo per i tanti contrasti vinti e palloni recuperati.
Brancato 5.5  In difficoltà clamorosa su Donadio, il giovane attaccante ha decisamente un altro passo rispetto a lui.
Libertazzi 5 L’impegno c’è, viene marcato bene dalla coppia azzurra, ma davvero troppi palloni sprecati e poco aiuto concreto alla squadra.

 

NIBIONNOGGIONO
All. Commisso 6 La squadra non disputa una grande partita ma rischia niente e sa soffrire. La lunga striscia positiva non è un caso.
Guarino 6 Compie ben pochi interventi ma quando serve si fa trovare pronto.
Premoli 6.5 Prestazione ordinata e attenta, dialoga bene dalla sua parte anche se il ghiaccio lo limita non poco nella fase offensiva.
Fognini 6.5 Un salvataggio provvidenziale riassume la sua prestazione: sbaglia poco e niente oggi.
Fumagalli 6.5 Si inserisce bene tra le linee, oggi il campo non era dalla sua ma nonostante questo la sua prestazione è largamente positiva.
Boni 6 Attento e concentrato nel non concedere nulla alle ripartenze granata.
Antonini 6.5 Leader della difesa: ogni pallone alto è roba sua.
Idrissi 6 Anche lui viene penalizzato fortemente dal ghiaccio, per la prima mezz’ora più che correre è un continuo slittamento.
Arrigoni 7 Migliore del centrocampo, è lui la mente della squadra da cui passano tutti i palloni importanti della gara.
Citterio 6 Lotta per tutta la gara ma è marcato bene dai centrali avversari, buono il lavoro per i compagni però.
Barzotti 7 Prestazione non eccelsa, ma la sua freddezza dal dischetto vale i tre punti ed è questo che conta di più.
Donadio 7.5 Si accende a sprazzi ma quando parte è impossibile fermarlo, più continuità nei novanta minuti e questo diventa un signor giocatore.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli