18 Giugno 2021

Brusaporto – Seregno Serie D: Tentoni firma il colpaccio dei brianzoli, Consonni e Vitali sbattono sul palo

Le più lette

Ghisalbese-AFG Azzano Under 17 Torneo Cassera: le foto più belle della finale della Fase Provinciale

Ecco la fotogallery della finale della Fase Provinciale del Torneo Cassera, la manifestazione più importante di Bergamo, giocata domenica...

Torino-Juventus Primavera 1, le pagelle dei bianconeri: Iling match-winner, difesa perfetta

Le pagelle dei bianconeri di Torino-Juventus, ventinovesima giornata del campionato Primavera 1. Garofani 7.5 Il migliore in campo in assoluto,...

Chieri-HSL Derthona Serie D: la fotogallery della partita

I colpi di reni di Rosti e l'imbucata perfetta di Mutti per Spoto. Con questi due fattori l'HSL Derthona...

Il big match della quindicesima giornata non tradisce le attese e regala continue emozioni per oltre novantacinque minuti. A beneficiarne è il Seregno, che conquista tre punti pesanti grazie a un colpo di testa di Tentoni nel primo tempo e mantiene la vetta della classifica con un punto di vantaggio sulla Casatese. A un generoso Brusaporto non basta giocare tutta la ripresa in superiorità numerica per l’espulsione di Bonaiti per ribaltare il risultato, complice lo scarso cinismo degli attaccanti e la sfortuna per i legni colpiti da Consonni e Vitali. Migliore in campo Gavazzeni, che para un rigore ad Alessandro e si rende protagonista di alcuni interventi provvidenziali.

I padroni di casa si presentano alla partita come la squadra più in forma del campionato, con quattro vittorie nelle ultime quattro giornate e un ruolino di marcia casalingo impressionante che ha fruttato ben 19 punti sui 21 disponibili, con soltanto 3 gol concessi agli avversari. Carobbio spariglia le carte cambiando ben quattro uomini rispetto alla vittoria di Breno: dentro Beduschi, Valsecchi, Vitali e Sokhna, fuori Menni, Tomasi, Grandi e Galelli. Tra gli ospiti Franzini conferma dieci undicesimi della formazione che ha avuto la meglio sul Villa Valle, inserendo soltanto Bonaiti al posto di Azzi.

Gavazzeni para il rigore ad Alessandro

I brianzoli approcciano meglio la sfida e si rendono pericolosi già al 7’: punizione dalla trequarti di Alessandro, Borghese sul secondo palo ci arriva in allungo e colpisce il palo; sul pallone si avventa Tomas, che di tacco libera Tentoni, il cui tiro viene respinto centralmente da Gavazzeni, prodigioso a superarsi anche sulla ribattuta ravvicinata di Da Silva. Suardi allontana male la sfera e il più lesto a recuperarla è Poletti, che anticipa Seck conquistando un calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Alessandro che viene ipnotizzato da Gavazzeni, bravo a intuire la direzione del tiro e respingere col ginocchio. Al 18’ arriva la risposta del Brusaporto con una fantastica conclusione di Consonni dai 35 metri che si stampa sul palo interno a portiere battuto. Passano pochi minuti e ci prova anche Rodolfi, sempre dalla distanza, costringendo Colantonio a una respinta corta su cui fa buona guardia Ferrari, che anticipa Alvitrez e spazza l’area mettendo in fallo laterale. A dieci minuti dall’intervallo il Seregno passa in vantaggio con Tentoni che, pescato bene sul secondo palo da un preciso cross di Poletti, incrocia di testa disegnando una parabola perfetta che lascia impietrito Gavazzeni. Al 43’ follia di Bonaiti, già ammonito, che interviene in ritardo su Alvitrez a centrocampo e viene espulso dal direttore di gara. Franzini corre subito ai ripari passando al 4-4-1, accentrando Tentoni e arretrando Alessandro nel ruolo di esterno sinistro. Nel recupero altra occasione per i bergamaschi con Beduschi, il cui tiro deviato finisce ad Alvitrez in mezzo all’area: la girata del numero 8 gialloblu viene murata da Ferrari, che consente ai suoi di conservare il prezioso vantaggio al rientro negli spogliatoi.

Nella ripresa il Brusaporto si riversa nella trequarti avversaria alla ricerca del pareggio. All’ottavo cross di Alvitrez dalla sinistra, sponda volante di Sokhna per Vitali che gira di prima intenzione colpendo il palo a Colantonio battuto. Sulla carambola ci prova Valsecchi dal limite, ma la sua conclusione viene murata da Da Silva. I padroni di casa insistono e sfiorando ripetutamente il gol in pochi minuti: prima Sokhna centra dalla destra ma Vitali viene anticipato sul più bello al limite dell’area piccola; poi, su cross di Beduschi. Seck fa sponda per Alvitrez che chiama l’estremo difensore ospite al miracolo. Sulla respinta clamorosa occasione per Valsecchi che svirgola a porta vuota, palla che sbatte sul ginocchio di Tentoni e per pochissimo non s’infila incredibilmente sotto la traversa. Carobbio prova ad alzare ulteriormente il baricentro inserendo Menni e Grandi per Suardi e Valsecchi, ma il primo a rendersi pericoloso è ancora Consonni che scocca un destro rasoterra dal limite parato dal portiere. L’ultima occasione capita sui piedi di Grandi che, liberato da una bella imbucata di Vitali, incrocia di prima intenzione costringendo Colantonio a superarsi nuovamente. Domenica il Brusaporto proverà a riscattarsi sul campo del Desenzano Calvina, che oggi ha superato il Villa Valle per 3-2 portandosi a sole due lunghezze dai gialloblù. Il Seregno, invece, sarà atteso dall’atteso scontro al vertice contro la Casatese, che oggi ha superato il Breno nel finale.

L’esultanza dei giocatori del Seregno al gol di Tentoni

IL TABELLINO

BRUSAPORTO 0
SEREGNO 1
RETE: 35’ Tentoni (S).
BRUSAPORTO (4-3-3): Gavazzeni7.5, Beduschi 6.5, Suardi 5 (26’ st Menni 5.5), Ondei 6, Seck 5.5, Valsecchi 5.5 (29’ st Grandi 6.5), Rodolfi 6.5, Alvitrez 7, Sokhna 6.5 (15’ st Galelli sv, 32’ st Vertua sv), Vitali 5.5, Consonni 6.5. A disp: Asnaghi, Esposito, Iovine, Allegrini, Tomasi. All. Carobbio 6.
SEREGNO (4-4-2): Colantonio 7, Ferrari 7, Borghese 7, Tomas 6.5, Zoia 6, Poletti 7, Da Silva 6 (34’ st Invernizzi 6.5), Bonaiti 4.5, Tentoni 7, Ricciardo 5.5 (13’ st Aga 6.5), Alessandro 5 (41’ st Mihaijevic sv). A disp: Lupu, Casiroli, Labas, Zanon, Jimenez, Lazzaroni. All. Franzini 6.5.
ARBITRO: Domenico Mirabella di Napoli 6,5 Non sempre coerente col metro di giudizio adottato, generando proteste e nervosismo tra i giocatori. Bene su rigore, espulsione e nel non abboccare alla simulazione di Vitali.
AMMONITI: Alvitrez (B), Vitali (B), Tomasi (B), Colantonio (S), Ferrari (S).
ESPULSO: Bonaiti (S) al 43’.

LE PAGELLE

BRUSAPORTO
Gavazzeni 7.5 Due minuti da assoluto protagonista: prima due miracoli sui tiri a botta sicura di Tentoni e Da Silva, poi ipnotizza l’ex capocannoniere Alessandro dagli undici metri.
Beduschi 6.5 Si perde Borghese quando colpisce il palo da due passi, poi si riscatta spingendo con costanza e creando diversi pericoli con cross molto insidiosi.
Suardi 5 Libera male l’area in occasione del rigore. Incerto anche più tardi quando serve Gavazzeni con un retropassaggio corto, venendo salvato dal compagno.
26’ st Menni 5.5 Viene inserito per aumentare la spinta sulla fascia sinistra, ci prova spesso ma non riesce mai a rendersi pericoloso.
Ondei 6 Sicuro nei primi minuti quando il Seregno si rende pericoloso, nel secondo tempo si limita a fare buona guardia sull’unica punta avversaria negandogli le ripartenze.
Seck 5.5 Primi minuti da incubo: provoca in rigore e sbaglia un passaggio facile offrendo agli avversari una buona occasione. Si riprende bene e dà il suo contributo accompagnando frequentemente la manovra offensiva.
Valsecchi 5.5 Ha una grande occasione da due passi per pareggiare ma svirgola clamorosamente il pallone.
29’ st Grandi 6.5 Entra nel finale e chiama Colantonio al miracolo con un rasoterra infido.
Rodolfi 6.5 Buona prestazione in cabina di regia, ci prova con un tiro dalla distanza costringendo il portiere a una corta respinta.
Alvitrez 7 È una costante spina nel fianco del Seregno mostrando grande intraprendenza in fase d’impostazione. Abile a provocare l’espulsione di Bonaiti.
Sokhna 6.5 Un paio di ottime sponde, tra cui quella che Vitali calcia sul palo da ottima posizione.
Vitali 5.5 A inizio ripresa si rende protagonista di una goffa simulazione che gli costa il cartellino giallo. Sfortunato quando prende il palo, arriva spesso con un attimo di ritardo sui cross dei compagni.
Consonni 6.5 Sfiora due volte il gol, prima con una staffilata da trenta metri che si stampa sul palo interno, poi con un sinistro rasoterra dal limite. È in ritardo quando Poletti crossa per il gol di Tentoni.
All. Carobbio 6 Nel primo tempo concede qualcosa di troppo al Seregno. Domina quando rimane in 11 contro 10 e le prova tutte per ribaltare il risultato, ma la sua squadra è sfortunata e poco cinica.

 

SEREGNO
Colantonio 7 Non perfetto nel primo tempo sul tiro dalla distanza di Rodolfi, nella ripresa salva il risultato su Alvitrez, Consonni e Grandi.
Ferrari 7 Sempre attento, fondamentale quando anticipa Alvitrez a porta vuota sulla respinta di Colantonio e poco dopo quando mura la girata a botta sicura del n. 8 avversario.
Borghese 7 Colpisce un palo clamoroso a inizio gara, poi sventa innumerevoli volte la minaccia dominando nella sua area.
Tomas 6.5 Protagonista in avvio nell’area avversaria quando libera al tiro Tentoni con un pregevole assist di tacco. Nella ripresa dà un prezioso contributo liberando l’area in diverse occasioni.
Zoia 6 Il meno attento del reparto difensivo, si fa trovare un paio di volte fuori posizione facendosi superare dai cross avversari.
Poletti 7 Guadagna il calcio di rigore e serve l’assist a Tentoni. Decisivo.
Da Silva 6 Si fa respingere da Gavazzeni un tiro a botta sicura dal cuore dell’area di rigore. Poi si sacrifica per la squadra e contribuisce ad alzare il muro per blindare i tre punti.
Bonaiti 4.5 Lascia i suoi in 10 nel finale del primo tempo rimediando un secondo giallo assolutamente evitabile.
Tentoni 7 Gran colpo di testa per il gol che vale i tre punti. Nel recupero del primo tempo perde un pallone sanguinoso al limite dell’area, poi si riscatta nella ripresa quando anticipa Consonni che si apprestava a insaccare a porta vuota.
Ricciardo 5.5 Si fa vedere poco e non si rende mai pericoloso. Sottotono.
13’ st Aga 6.5 Entra bene in partita con grinta ed energia. Recupera un paio di palloni importanti al limite della sua area.
Alessandro 5 Pesa il rigore sbagliato calciando debole e centrale. Nella ripresa si sacrifica provando a tenere su il pallone per far respirare la difesa, anche se ci riesce poche volte.
All. Franzini 6.5 La capolista approccia bene la partita. Quando resta in inferiorità numerica alza il muro ma rischia troppo perché i suoi non riescono mai a ripartire. Salvato dai legni e da un grande Colantonio.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli