17 Maggio 2021

Brusaporto-Sona Serie D: Sokhna spezza il digiuno di Carobbio, che si gode un super Iori

Le più lette

Lavagnese-PDHAE Serie D: continua il sogno dei valdostani, 0-3 che vale il primo posto

Allo stadio Edoardo Riboli di Lavagna i valdostani erano chiamati a fare punti per proseguire la grande stagione e...

Ardor Lazzate-Pontelambrese Eccellenza: Cavalcanti e Manta firmano i tre punti tra le polemiche

Vittoria importantissima per l'Ardor Lazzate, che permette a Bonazzi di prendersi il terzo posto in classifica alle spalle di...

L’ex Ministro Spadafora sbotta: Riforma dello Sport rinviata al #duemilamai!

La decisione (con votazione in Parlamento) di rinviare al 2024-2025 l’entrata in vigore della Riforma dello Sport che ha...

Dopo sei lunghi turni senza vittoria, torna al successo il Brusaporto grazie alla doppietta di Sokhna che stende il Sona. Veneti che raccolgono così la seconda sconfitta consecutiva. Carobbio deve fare a meno di Gavazzeni in porta, uscito con un infortunio dal derby perso contro il Ponte San Pietro, che ha visto anche la squalifica di Ondei. I gialloblù allora si affidano a Asnaghi in porta e a Beduschi al fianco di Suardi in mezzo alla difesa. Carobbio schiera i suoi con un 4-1-4-1 con Alvitrez davanti alla difesa e Galelli unica punta con Grandi non disponibile e Vitali in panchina, reduce dalla negativizzazione al Covid. Il nuovo acquisto Iori subito titolare largo sulla sinistra. Altra assenza in mediana per Carobbio che deve fare a meno di Tomasi, che viene sostituito dal suo naturale alter ego Valsecchi. I veneti di Damini rispondono con 4-2-3-1 che però non vede Rasic, appiedato dal Giudice Sportivo per una giornata. A fare da unico riferimento in avanti è quindi Marchesin che viene supportato dai tre trequartisti Gerevini-Rossi-Duguet.


Iori salva, Iori serve.
Subito decisivo il nuovo acquisto proveniente dal NibionnOggiono che prima evita il gol di Duguet e poi effettua l’assist vincente per Sokhna. Il Brusaporto parte forte, complice le sei sconfitte consecutive da cui è reduce, e già al 3′ si fa vedere in avanti. Corner dalla destra di Alvitrez che trova al centro dell’area Suardi che stacca bene, ma non riesce a inquadrare la porta di Carletti con la sfera che si perde alta non di molto sulla traversa. I padroni di casa spingono bene sulle fasce grazie al lavoro di Iori e Sokhna sulle fasce. Proprio l’esterno del 2000 al 17′ ha sulla testa la palla del vantaggio bergamasco, ma la sua conclusione su cross di Menni è centrale e non crea particolari problemi a Carletti. La risposta del Sona non si fa attendere e due minuti dopo si rendono anche loro pericolosi su palla inattiva. Boccalari dalla trequarti defilato sulla sinistra pesca sul secondo palo Gerevini che di testa però trova solo l’esterno della rete alla sinistra di Asnaghi. Con il pasare dei minuti l’inerzia della gara passa in mano ai veneti che sempre da palla inattiva al 37′ vanno vicinissimi al vantaggio. Dalla bandierina di sinistra va alla battuta lo specialista Boccalari, il suo cross scorre in aria verso il secondo palo con Duguet che arriva sul pallone e di destro al volo incrocia, ma sulla traiettoria, destinata sul palo lontano, arriva Iori che effettua la prima giocata importante in maglia Brusa. La seconda è al 41′ e porta i suoi in vantaggio. Transizione centrale di Consonni, che scarica sulla sinistra per l’ex NibionnOggiono che si porta il pallone sul destro e va al cross. Sul secondo palo arriva Sokhna che controlla di petto e da dentro l’area fulmina Carletti con un destro potente che tocca la traversa e si insacca in rete. Si chiude così il primo tempo con il Brusa avanti dopo 45 minuti comunque molto equilibrati.

 

Sokhna-bis. Nessuna novità dagli spogliatoi anche se Damini opta per lo spostamento in zona centrale di Gerevini al posto di un mai in partita Marchesini. Ma il copione della ripresa calca perfettamente l’inizio con un’unica differenza: il Brusaporto trova subito il gol. Stesso asse della prima marcatura con Iori che riceve sulla sinistra da Valsecchi, che ha dato il via alla transizione offensiva bergamasca. L’esterno di Carobbio punta Maicon e lo supera senza grande sforzo, arriva sul fondo e di destro vede l’inserimento sul secondo palo di Sokhna che deve solo spingere in rete con il corpo dopo il mancato rinvio da parte di Belem, con cui se la prende l’incolpevole Carletti. Damini prova a sfruttare la panchina con Montresor, Multari e Torri, ma i suoi faticano a trovare il giusto spazio per far male al Brusaporto. Ia gialloblù, con l’entrata di Vitali al posto di Galelli, hanno anche un riferimento migliore davanti che mantiene gli avversari sempre allerta. Al 35′ la più grande occasione del Sona per rientrare in partita. Montresor crossa dalla sinistra verso il portiere che viene anticipato da Duguet, che non inquadra la porta di pochissimo con una bella deviazione volante. Al 41′ altra occasionissima per i veneti che colpiscono il palo su calcio di punizione dai 25 metri di Gerevini, sulla respinta non riesce a concludere Duguet che si divora una grandissima occasione. Nei 7 minuti di recupero Vitali ha sul destro la palla del 3-0, ma dopo aver saltato Carletti la sua conclusione viene salvata sulla linea da un grandissimo intervento di Multari. Finisce così la sfida che permette al Brusa di tornare alla vittoria che spazza più di qualche nuvola sulla testa dei gialloblù.

 

IL TABELLINO

BRUSAPORTO-SONA 2-0
RETI: 41′ Sokhna (B), 10′ st Sokhna (B).
BRUSAPORTO (4-1-4-1): Asnaghi 6, Seck 6.5, Menni 6.5, Alvitrez 6.5 (45′ st Maspero sv), Suardi 7, Beduschi 6, Valsecchi 6.5, Consonni 6.5 (28′ st Rondi 6), Sokhna 8 (38′ st Franchini sv), Galelli 5.5 (23′ st Vitali 6), Iori 7.5 (35′ st Draghetti sv). A disp. Aceti, Iovine, Esposito, Vertua. All. Carobbio 7.
SONA (4-2-3-1): Carletti 6, Gecchele 6, Maicon 5, Belem 5.5 (20′ st Montresor 6.5), Boccalari 6.5, Dal Cortivo 6 (38′ st Zingertas sv), Numerato 5 (11′ st Multari 6.5), Gerevini 6.5, Duguet 5.5, Rossi 5.5 (20′ st Torri 6), Marchesini 5. A disp. Dal Bosco, Brizzi, Vaudagna, Belfanti, Frinzi. All. Damini 5.5
ARBITRO: Menicucci di Lanciano 6.5
ASSISTENTI: D’Ettore di Lanciano e Cufari di Torino.
AMMONITI: Belem (S), Beduschi (B), Dal Cortivo (S), Gerevini (S), Franchini (B).

LE PAGELLE

BRUSAPORTO
Asnaghi 6 Scorre gli ultimi minuti con diversi brividi ma il palo e due volte la scarsa mira di Duguet gli permettono di portare a casa la porta inviolata.
Seck 6.5 Più attento alla fase difensiva che a quella di spinta anche per coprire al meglio Sokhna. Comunque prestazione più che positiva.
Menni 6.5 Tanta corsa e sovrapposizioni sulla sinistra. La coppia che costituisce con Iori funziona già alla grande e potrebbe essere un fattore determinante nelle prossime gare.
Alvitrez 6.5 In questa posizione ha il ‘solo’ compito di fare da diga senza nessun inserimento in avanti e lo fa alla perfezione entrando, anche questa volta, nell’elenco dei migliori. (45′ st Maspero sv).
Suardi 7 Sempre attento il capitano dei gialloblù che annulla Marchesini che poteva metterlo in difficoltà con la sua velocità. Lui sopperisce alla perfezione con l’esperienza
Beduschi 6 Ormai adattato centrale se manca una pedina lì in mezzo. La sua irruenza lo condanna a giocare con il giallo per tutta la partita, ma lo fa con sicurezza senza mai rischiare.
Valsecchi 6.5 Tanta corsa e lavoro oscuro fino alla giocata che decide la partita e che porta i suoi sul doppio vantaggio.
Consonni 6.5 Entra nella gara guidando alla perfezione la ripartenza che porta il Brusa in vantaggio. Tanti interventi a metà campo che non permettono al Sona di rendersi pericoloso. (28′ st Rondi 6).
Sokhna 8 Due gol per la vittoria. Che fosse una giornata positiva lo si capiva dai primissimi minuti dove mette a ferro e fuoco la fascia. La prima rete è un misto di velocità e potenza, mentre la seconda conclude un inserimento sul secondo palo da manuale. (38′ st Franchini sv).
Galelli 5.5 Scelto per ricoprire il ruolo di prima punta viste le assenze fa fatica a pungere, ma alcuni suoi movimenti aprono il campo alle sgroppate degli esterni Iori e Sokhna.
23′ st Vitali 6 Rientra dal Covid e potrebbe subito ritornare nel tabellino, ma Multari.
Iori 7.5 Entra in qualsiasi occasione degna di nota sia da una parte o dall’altra del campo. Salva su Duguet e poi serve due assist a Sokhna. Un ottimo esordio che coincide con il ritorno alla vittoria. (35′ st Draghetti sv).
All. Carobbio 7 Una vittoria che scaccia l’ultima settimana molto pesante con la zona calda che si avvicinava a grandi passi. Prestazione convincente fin dai primissimi minuti che dimostra come il gruppo sia dalla sua parte.

 

SONA
Carletti 6 Sokhna lo fulmina con un destro imparabile. Si destreggia bene in uscita sui cross di Alvitrez da fermo.
Gecchele 6.5 Il capitano dei rossoblù è l’ultimo ad arrendersi anche con qualche buona giocata palla al piede per rilanciare l’azione.
Maicon 5 Si fa saltare da Iori sul 2-0 senza neanche colpo ferire. Cerca di essere più attento in difesa che in attacco, ma con risultati scarsi.
Belem 5.5 Macchia una buona prestazione mancano il rinvio che permette a Sokhna di depositare in rete il pallone del 2-0.
20′ st Montresor 6.5 Senz’altro più pericoloso di Belem e anche più attento in fase difensiva del compagno. Sfrutta anche l’atteggiamento ‘da remi in barca’ del Brusa quando la gara sta per finire.
Boccalari 6.5 Piede caldo quello del numero 4 che dal suo destro fa partire sempre parabole velenose che creano pericoli. E quando non lo fanno tengono in ansia lo stesso la retroguardia avversaria.
Dal Cortivo 6 Si fa risucchiare dal movimento di Galelli e lascia totalmente solo Sokhna sull’1-0, anche se l’assenza di Belem in quella occasione lo scagiona parzialmente. (38′ st Zingertas sv)
Numerato 5 Mai veramente in partita e surclassato dalla mediana avversaria. Emblema della sua gara uno tiro malamente mancato su un contropiede veneto che meritava miglior conclusione.
11′ st Multari 6.5 Dà maggior sostanza alla mediana lottando su ogni pallone. Salva sulla linea il 3-0 di Vitali e questo gli vale un mezzo punto in più in pagella.
Gerevini 6.5 Sempre al centro dei pericoli creati dai veneti con assist e conclusioni. Il palo su calcio di punizione è l’ultima grande occasione per rientrare in gara e porta la sua firma.
Duguet 5.5 Da matita blu l’occasione sprecata sul finire sulla ribattuta del palo dove si calcia praticamente fra i piedi. Si dà da fare e sfiora il gol anche con una deviazione volante. Ma quell’errore pregiudica tutto il buono fatto in precedenza.
Rossi 5.5 Il momento migliore dei suoi nella seconda metà del primo tempo coincidono con i suoi visto che si fa notare per qualche buona giocata sulla trequarti. Un po’ troppo poco per un giocatore che ha il 10 sulle spalle. (20′ st Torri 6).
Marchesini 5 Un fantasma. Assorbimento alla perfezione dalla coppia Beduschi-Suardi. Non riesce mai a scatenare la sua maggior rapidità anche quando si decentra sulla fascia.
All. Damini 5.5 Il problema del gol continua a perseguitarlo dall’inizio del campionato. Le tre vittorie consecutive di marzo gli permettono un discreto vantaggio sulle inseguitrici, ma bisogna tornare a raccogliere punti e alla svelta.

ARBITRO
Menicucci di Lanciano 6.5 La direttrice della gara odierna si destreggia bene anche nei momenti di tensione, pochi, della partita ricorrendo giustamente al cartellino giallo. Nonostante le lamentele dei padroni di casa, i 7 minuti di recupero sembrano giusti.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli