9 Marzo 2021

Caravaggio – Desenzano Calvina Serie D: Ruffini, Perrotta e Franzoni calano il tris, crollo dei bergamaschi

Le più lette

Real Calepina-Sona Serie D: padroni di casa scarichi, puniti dal rigore di Gerevini

Giornata nera per la Real Calepina, sorride il Sona. Finisce con una vittoria esterna per 1-0 il match di...

Giana Erminio-Livorno Serie C: Palazzolo buca i labronici, boccata d’aria nello scontro diretto

Due squadre, una svolta: Giana Erminio-Livorno era una sfida da circoletto rosso per entrambe, uno scontro salvezza in piena...

Leone XIII Under 15: Giulio Guidotti, jolly di centrocampo e metronomo degli Orange

Al centro del nostro appuntamento odierno coi protagonisti del calcio giovanile milanese c’è il centrocampista del Leone XIII Under...

Dura solo 30’ il Caravaggio di Terletti che in casa crolla sotto i colpi di un Desenzano Calvina che ha ben figurato, mostrando delle ottime trame e un gioco di qualità. La prima occasione è però per i padroni di casa con Messaggi che conquista palla e lancia il contropiede: sono tre contro due i ragazzi di Terletti con il suo centrocampista che serve Perrotti che se la sposta sul mancino, ma centra Perrotta e l’azione sfuma. Al 13′ Lamesta serve centralmente Borgogna che allarga il gioco per la corrente Perrotti che si porta al limite dell’area e calcia in porta, ma la sfera esce di poco sul fondo. Al 23′ gli ospiti si rendono pericolosi con Luca Ruffini che sfonda sulla fascia sinistra, serve Mazzotti che favorisce il rimorchio di Franchi che calcia a botta sicura, ma Mauri è sulla traiettoria e devia fuori. Il Desenzano Calvina incomincia a macinare gioco e a portarsi in avanti con maggior efficacia mentre il Caravaggio non riesce più ad uscire dalla propria metà campo: al 27′ Recino viene lanciato in profondità ed entra in area, salta secco Pirola e d’esterno destro mira l’angolino basso, mancando il gol veramente di nulla. Al 36′ la gara si sblocca: sugli sviluppi di un angolo, il pallone arriva sulla testa di Marco Ruffini che anticipa Pirola e di testa riesce ad insaccare. Qualche protesta da parte del Caravaggio per una spinta ai danni del proprio marcatore, ma il gol viene convalidato. Non riescono a reagire i ragazzi di Terletti che nel finale di gara subiscono il raddoppio: Mazzotti gestisce il pallone sulla trequarti, serve in profondità Perrotta che scatta in posizione regolare e, dimenticato dai difensori convinti dell’offside, riesce a trafiggere il povero Dominici. Inizia la ripresa e il Desenzano sfiora di nuovo il gol: Recino allarga per Pellegrini che serve Luca Ruffini che si presenta davanti al portiere, ma viene anticipato all’ultimo dall’ottimo intervento di Cancelliere. Il Caravaggio prova a reagire e al 7’ è capitan Lamesta a prendere i suoi per mano: palla centrale per la corsa di Fumagalli, diagonale sul secondo palo ma Sellitto è attendo e respinge con il piedone. Poco dopo è ancora Lamesta e combinare bene con Fumagalli, con il giovane attaccante sguscia con una giocata di tacco ma davanti alla porta lascia partire un tiro troppo centrale per impensierire l’estremo difensore. Il Caravaggio prova a portarsi in avanti per riaprire la gara, ma scopre il fianco al contropiede del Desenzano Calvina che al 26’ trova il terzo gol: Franchi lancia in profondità Franzoni che si libera di forza del proprio marcatore, salta Dominici e gonfia la rete, mettendo al sicuro il risultato. Siamo ormai nei minuti finali: i ragazzi di Terletti sono sconsolati ma comunque provano a portarsi in avanti con Perrotti che la cede al solito Lamesta che caparbio prova il tiro dalla distanza, ma la sfera finisce sul fondo, spegnendo le ultime speranze di riaprire la gara.

IL TABELLINO

CARAVAGGIO 0
DESENZANO CALVINA 3
RETI: 36′ Ruffini M. (D), 45′ Perrotta (D), 26′ st Franzoni (D).
CARAVAGGIO (4-3-3): Dominici 6, Cancelliere 5.5, Frana 5.5, Marku 5, Pirola 5, Messaggi 5.5, Perrotti 6 (40’ st Caccia sv e dal 44’ st Gerosa sv), Pirovano 5.5 (32′ st Viola sv), Borgogna 5 (18’ st Comelli 6), Lamesta 6, Fumagalli 5.5 (37’ st Marchiondelli sv).  A disp. Valtorta, Gritti, D’Alessandro, Nossa.  All. Terletti 5.
DESENZANO CALVINA (3-5-2): Sellitto 6, Zanolla 6.5, Perrotta 7 (24′ st Turlini 6), Mazzotti 6.5, Ruffini M. 7 (20′ st Chiari 6), Sorbo 6, Pellegrini 6 (32′ st Crema 6), Franchi 6.5 (37’ st Gubellini sv), Recino 6 (24′ st Franzoni 7), Mauri 6.5, Ruffini L. 6.5.  A disp. Bolzoni, Missaglia, Pojani, Cazzamalli.  All. Florindo 7.
ARBITRO: Castellone di Napoli 6 Un paio di decisioni rivedibili sul finale di partita. Per il resto arbitra bene.
AMMONITI: Ruffini M. (D), Borgogna (C), Pirola (C), Crema (D)

Caravaggio Desenzano Calvina Serie D-La terna
La terna arbitrale poco prima del fischio d’inizio

LE PAGELLE

 

CARAVAGGIO
Dominici 6 Incolpevole sui gol presi. Qualche buon intervento che gli porta la sufficienza.
Cancelliere 5.5 Luca Ruffini è un cliente alquanto scomodo e lui lo soffre nella sua corsia.
Frana 5.5 Il meno peggio della retroguardia, non commette grossi pasticci.
Marku 5 Dormite condivise con il compagno di reparto. Oggi non è giornata.
Pirola 5 Lascia diversi spazi agli avversari, manca in alcuni anticipi. Urge l’immediato riscatto.
Messaggi 5.5 Non fa mai mancare la corsa e la generosità, ma oggi fa più fatica in mezzo.
Perrotti 6 Fa vedere buone cose con il suo mancino. Il secondo più pericoloso.
Pirovano 5.5 Corre tanto, ma spesso sembra a vuoto. Non riesce ad incidere lì in mezzo.
Borgogna 5 Stretto nella morsa dei difensori, fatica a destreggiarsi come vorrebbe.
Lamesta 6 L’unico che prova ad inventare qualcosa. Il migliore dei suoi per distacco.
Fumagalli 5.5 Primo tempo un po’ in ombra. Nella ripresa prova a riscattarsi con un paio di affondi.
All. Terletti 5 Dopo l’inizio di stagione ottimo, la squadra sembra aver smarrito la retta via.

Caravaggio Desenzano Calvina Serie D-Lamesta
Alessandro Lamesta, il migliore dei suoi nel crollo contro il Desenzano Calvina

 

DESENZANO CALVINA
Sellitto 6 Partita d’ordinaria amministrazione. Non deve compiere parate di grande coefficiente di difficoltà.
Zanolla 6.5 Fa su e giù con buona insistenza. Partita attenta.
Perrotta 7 Non parte benissimo, dopo 20’ rompe il ghiaccio e gioca un partitone impreziosito dal gol.
Mazzotti 6.5 Amministra bene il possesso in mezzo al campo, imbeccando gli inserimenti dei propri compagni.
Ruffini M. 7 Sempre al posto giusto al momento giusto. È lui che apre le danze.
Sorbo 6 Comanda bene il reparto e si francobolla agli attaccanti.
Pellegrini 6 Fa tanto lavoro sporco, concedendosi poche sortite ma tenendo a zero le distrazioni.
Franchi 6.5 Buon lavoro a centrocampo. Va vicino al gol del vantaggio al 25’.
Recino 6 Tanto lavoro di sponda e giocate di fino. Nella ripresa cala un po’.
Mauri 6.5 Risulta sempre efficace e frizzantino. Regala sempre buone giocate dalla metà campo in su.
Ruffini L. 6.5 Il freccia rossa della squadra, sempre pronto a proporsi in avanti e non manca mai in ripiegamento (24′ st Franzoni 7 Entra come meglio non poteva, trovando il gol dopo 2’).
All. Florindo 7 I suoi ragazzi giocano alla grande e i risultati si vedono.

Caravaggio Desenzano Calvina Serie D-Desenzano
Gli undici scelti da Florindo

LE INTERVISTE

Arriva ai microfoni visibilmente amareggiato per il risultato Terletti, anche se ha ben chiaro dove deve migliorare la propria squadra, mentre non si spiega l’inversione di rotta da inizio stagione: «La prova è positiva per i primi 20’: penso che la squadra abbia approcciato la gara nel modo giusto e dovevamo riuscire a passare in vantaggio. Abbiamo subito il gol, anche a causa di un fallo netto non visto dall’arbitro. Abbiamo provato a reagire ma dopo aver preso il secondo gol siamo scomparsi: abbiamo perso le distanze tra i reparti e avevamo troppa frenesia di concludere l’azione. È sorta un po’ di paura di tornare a casa con un altro risultato negativo. Inoltre, anche se non deve essere un alibi, ricordo che abbiamo diversi elementi fuori: Basanisi, Gritti e oggi si è aggiunto Fumagalli, a causa di un risentimento muscolare. Ribadisco però, non è un alibi perché le occasioni le abbiamo create ed è colpa nostra se non siamo riusciti a concretizzarle. Non riesco a spiegarmi il calo tra l’inizio stagione e questo momento: è passato ormai un mese dal rientro dalla sosta forzata e fisicamente dovremmo stare bene».

Molto soddisfatto invece Florindo che commenta così la prestazione dei suoi: «Oggi abbiamo fatto una buona partita, soprattutto sul piano di gestione della palla: siamo stati bravi a non essere frettoloso ma di portare la palla da una parte all’altra del campo per allargare le maglie della difesa del Caravaggio. Quando siamo passati in vantaggio la partita è inevitabilmente cambiata: si sono aperti gli spazi e siamo stati bravi a triplicare il passivo. Dobbiamo cercare di non concedere quelle ripartenze che possono costarci caro: serve un pizzico d’attenzione in più. I cambi? Ho una panchina ricca di giocatori bravi e intelligenti a capire i momenti della partita: posso scegliere uno o l’altro in base alle caratteristiche dell’avversario ma l’idea di imporre il nostro gioco non cambia e penso che oggi si sia visto. Non dobbiamo però bearci troppo di questi risultati: due mesi fa sono uscito da una trasferta subendo cinque gol e voglio che quella partita sia da monito a tutti».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli