25 Giugno 2021

Caronnese-Folgore Caratese Serie D: meravigliosamente Drogba, entra e la decide nel finale

Le più lette

San Gallo Settimo: nuovo campo a San Benigno e fine settimana ‘galattico’

Settimana col botto per il San Gallo Settimo! Dopo aver disputato una serie di amichevoli di prestigio con Torino...

Alcione-Cremonese Under 15: Guerrisi risponde a Chiapperini, pareggio di lusso per Fontana

Test match importante al centro sportivo dell’Alcione, che vede gli orange strappare un pareggio di lusso contro i pari...

Pergolettese Under 17: Michele Riboli, Gabriele Tacchinardi e Gabriele Pessolani alla guida del sogno proibito gialloblù

L'ultimo atto domenica pomeriggio in quel di Renate, in una partita che per la Pergolettese Under 17 può valere...

L’obiettivo allo stadio Comunale di Caronno è uno e uno solo: portarsi a casa la vittoria e i 3 punti tanto ambiti. A riuscirsi sarà solo una delle due contendenti: la Folgore Caratese del tecnico Longo. Reduce da una vittoria in extremis contro il Sestri Levante, la Caronnese riesce a creare tante occasioni, ma purtroppo nessuna riesce a sbloccare il risultato. Dal canto suo, la Folgore Caratese cerca il riscatto dalla lontana vittoria del 24 Febbraio, e riesce a farlo. Lo sblocco arriva al 43′ del secondo tempo e viene firmato dall’appena subentrato Drogba, che in area di rigore apre le danze e chiude la partita. La punizione arriva in area Bini, che la scarica a Drogba: 0-1 per gli ospiti e 3 grandi punti nel sacco. Tanto rammarico, invece, per la Caronnese di Gatti che scivola più giù.

Quanti brividi. La partita parte subito a razzo, con squadre fresche e veloci che cercano spazi liberi per poter far male. A provarci per primi sono i padroni di casa, con due conclusioni di Vernocchi che finiscono però oltre la traversa. Al 7’ è ancora la Caronnese ad avere il boccino tra le mani; su errore del numero 4 Bini, Banfi recupera palla ma è troppo lento a servire in area capitan Corno. Rispondono per la prima volta gli avversari al 9’ con la loro punta d’eccezione Ngom, che spalla a spalla con Coghetto conclude decisamente troppo alto. Al 13’ la Caronnese riguarda verso l’alto e a farlo è il numero 8 Putzolu, con una conclusione dal limite dell’area d’esterno destro potente, ma ancora una volta troppo alta. Partita molto equilibrata, al 15’ rispondono ancora gli ospiti. L’iniziativa è tutta personale del numero 32 Di Stefano, che dalla fascia sinistra controlla, riesce ad accentrarsi e buttarla verso la porta, ma troppo lontana per poter far male. Al 20’ sono ancora gli ospiti a ritentare, con un bellissimo spunto a centrocampo del numero 21 Cozzari che la apre a sinistra per Tronco, ma il numero 20 conclude troppo piano. Arriva il grande brivido per la Caronnese al 23’. Sulla fascia sinistra è ancora Di Stefano, vede in area libero Cozzari, che vola più in alto di tutti: i guantoni di Marietta riescono però a dire di no, sventrando un’azione bellissima che avrebbe potuto trasformarsi benissimo in gol. Al 28’ la Caronnese inizia un po’ a sbloccarsi, velocizzando un po’ il gioco. Lo spunto è di Putzolu, che apre sulla fascia sinistra per capitan Corno: entra in area, ma conclude di potenza e non di precisione oltre la traversa. Ci riprovano ancora una volta i rossoblù, e ancora con Putzolu. Su una palla indietro per Bertozzi, il portiere controlla male e il numero 8 riesce quasi a rubargli il pallone. Ancora la Caronnese si rende pericolosa al 34’, il passaggio è di Banfi per capitan Corno che al limite dell’area la prova d’esterno, ma la conclusione è troppo debole. Dopo nemmeno un giro d’orologio è ancora altro brivido per i padroni di casa. Il cross in area dalla fascia destra trova Cozzari, che la schiaccia a terra sprecando un’occasione importantissima. I minuti passano e la Caronnese gestisce il possesso fino alla fine dell’unico minuto di recupero, ma il gioco è lezioso e troppo lento, senza alcuna azione degna di nota. 0-0 alla fine dei 45 minuti di gioco.

Il gol finale che sblocca. La ripresa vede la prima sostituzione per i rossoblù, con l’uscita di Vernocchi e l’entrata di Torin, il tecnico Gatti cerca di dare più rapidità a centrocampo. I primi 15 minuti passano senza tantissime occasioni, con squadre distese e giocate leziose. Poi la Folgore Caratese guarda in alto. A farlo è il numero 26 Troiano, che sulla fascia sinistra corre come un treno, ma arrivato in area dalla foga non connette bene e spreca una grande occasione. La Caronnese tenta di difendersi e di creare qualcosa di innovativo, ma le palle perse sono tante e la concentrazione poca. Inizia a smuoversi qualcosa quando si tocca quasi la mezz’ora. Al 27’ sono gli ospiti a provarci: l’iniziativa è del numero 7 Ngom, che salta diversi giocatori, la scarica per Di Stefano ma la sua conclusione è troppo debole. La partita inizia a riaccendersi dopo mezz’ora di letargo. Rispondono i rossoblù con l’occasione più grande del match. Il cross arriva dalla fascia destra e trova totalmente libero in area capita Corno, che la calcia davanti alla porta troppo alta. È ancora 0-0 allo stadio comunale. La Folgore Caratese risponde molto bene con due conclusioni piazzate di Ngom e di Bini su punizione da fermo. Ci riprova la Caronnese, con il neo-entrato Becerri che arriva con il piede destro sul cross di Rocco ma non trova la porta. È ancora il numero 17 Becerri a rendersi pericoloso; il minuto è il 33’, Becerri è sulla bandierina del calcio d’angolo, ma al posto che metterla in area, tenta il tiro: è incrocio dei pali e tanta sfortuna. Anche gli ospiti cambiano e sostituiscono i propri giocatori cercando lo spunto giusto, ma riescono a creare poco e niente. A provarci ancora è infatti la Caronnese, quando al 40’ sulla fascia destra Torin s’invola saltando due avversari, ma il suo cross viene prontamente respinto. Forse con fortuna, forse anche per la qualità, la Folgore Caratese al 43’ trova il sorpasso. La punizione è dai 20 metri, termina in area sui piedi di Bini che non la controlla benissimo e la scarica a Drogba: il giocatore buca la rete, sbloccando finalmente il risultato. La Caronnese subisce la botta e cerca di rispondere subito. Al 44’ la palla è nei piedi di Torin, che in area di rigore su un doppio rimpallo non dà abbastanza forza alla palla per poter segnare. Al 48’ il rischio lo prendono i padroni di casa, con una palla per Drogba che vede l’uscita quasi a vuoto di Marietta, ma nessun problema per i rossoblù. La Caronnese continua a spingersi in avanti, ma gli ospiti si difendono alla meglio senza rischiare niente. Gli animi sulla fine si scaldano, soprattutto sullo scontro Becerri-Bini che vede volare parole e quasi mani. La Caronnese non riesce a pareggiare i conti, arriva il fischio finale dell’arbitro: è 0-1 a Caronno.

IL TABELLINO

CARONNESE-FOLGORE CARATESE 0-1
RETI (0-0; 0-1):
43’st Drogba (F).
CARONNESE (4-3-3): Marietta 6.5, Coghetto 6, Travaglini 6.5, Galletti 6.5, Cosentino 6, Gargiulo 6, Banfi 6 (17’st Rocco 6), Putzolu 6.5, Siani 5.5 (23’st Becerri 6.5), Corno 6, Vernocchi 6 (1’st Torin 6.5). A disp. Angelina, Yamba, MZoughi, Cattaneo, Boschetti, Arcidiacono. All. Gatti 6.
FOLGORE CARATESE (3-4-3): Bertozzi 6, Bini 6, Ciko 6, Monticone 6, Ngom 6 (44’st Derosa sv), Tronco 6, Cozzari 6.5 (23’st Drogba 7.5), Marconi 6, Troiano 6.5 (35’st Paoluzzi sv), Kaziewicz 6, Di Stefano 6.5 (35’st Silvestro sv). A disp. Pizzella, Alabiso, Buono, Finessi, Cacciatori. All. Longo 6.5.

ARBITRO:  Giorgio Di Cicco di Lanciano 6.

ASSISTENTI:  Fanara di Cosenza e Giaretta di Bassano del Grappa.
AMMONITI: 41’ Cozzari (F), 40’st Bini (F), 50’st Bertozzi (F), 21’st Cosentino (C), 45’st All. Gatti (C).

LE PAGELLE

CARONNESE
Marietta 6.5 Inizia ad essere più impegnato dal 10’ in poi, quando su diverse conclusioni dice la sua. Al 23’ riesce a lasciare inalterato il risultato, con una respinta formidabile e riflessi prontissimi. Nel secondo tempo è già più impegnato, ma dimostra a tutti il suo valore. Sul gol subito può poco e niente, ottima prestazione.
Coghetto 6 La marcatura assegnatagli è difficile: Di Stefano. In più occasioni viene saltato facilmente, altre volte riesce ad anticiparlo mettendoci il fisico.
Travaglini 6.5 Sulla fascia sinistra fatica un po’ durante il primo tempo. Nel secondo tempo dimostra a pieno la sua forza e grinta, con diverse situazioni in cui il giocatore va in progressione.
Galletti 6.5 Nella prima frazione di gioco è in difesa è il migliore, riesce benissimo a chiudere e anticipare i tagli di Ngom.
Cosentino 6 I duelli con Ngom sono tantissimi, su alcuni fatica un po’ di più, come sul gol subito. Su altri gioca d’anticipo e riesce ad anticipare il giocatore.
Gargiulo 6 Durante il primo tempo è un po’ assente, a centrocampo non crea più di tanto. Così come il secondo tempo, prestazione in sordina.
Banfi 6 Assente durante la prima frazione di gioco, tocca il pallone veramente poco se non in una bell’occasione che viene scaricata a Corno.
17’st Rocco 6 Entra a pieno in partita, dimostra su più occasioni di poter far male agli avversari ma non riesce a concludere in niente.
Putzolu 6.5 Aggressivo e fisico, incoraggia i suoi su ogni azione per spronarli a far meglio. Artefice di due conclusioni interessanti che avrebbero potuto sbloccare il risultato durante la prima parte di gioco.
Siani 5.5 Non tocca nemmeno il pallone in 45 minuti di tempo, è un peccato per un giocatore così qualificato come lui. Durante il secondo tempo inizia a sbloccarsi un po’, ma è ben più sotto le alte aspettative.
23’st Becerri 6.5 Ottimo ingresso, sembra l’uomo che può sbloccare la partita per la Caronnese con la sua freschezza, velocità e grinta.
Corno 6 Il capitano riesce a creare più occasioni durante il primo tempo, nel secondo tempo è un po’ più assente.
Vernocchi 6 Prestazione in sordina, forse per un dolore all’interno coscia non riesce a creare ciò che sa fare. Sicuramente può fare molto di più.
1’st Torin 6.5 Il giovanissimo entra a pieno in partita, dimostrando tutta la sua qualità e tecnica. Crea grandi occasioni sulla fascia destra e quasi sblocca il risultato, ma non riesce a mettere a frutto ciò che produce.
All. Gatti 6 La Caronnese gioca una partita equilibrata, creando e costruendo dal basso sin dai primi minuti. Prende diversi rischi durante il primo tempo, nel secondo tempo invece crea molto di più. Subisce un gol troppo semplice che la fa affondare. Ora occupa il sesto posto a 2 punti dal Sestri Levante, riuscirà a tornare in zona playoff?

FOLGORE CARATESE
Bertozzi 6 Il portiere dimostra a pieno le sue caratteristiche su tutte le palle che la Caronnese gli propone. Ottima prestazione.
Bini 6 L’età e l’esperienza si vedono e sentono. Pulito e attento su ogni conclusione e occasione, non lascia scampo a Siani. Durante il secondo tempo forse un po’ troppo fisico e violento contro Becerri.
Ciko 6 A centrocampo ha spunti interessanti e la grinta per tenere salda e alta la squadra. La spinge sempre più in alto verticalizzando la squadra.
Monticone 6 Ottima partita, il giocatore dimostra qualità ed esperienza su ogni pallone. Una certezza per la squadra.
Ngom 6 Ha la velocità e gli spunti per poter fare male alla Caronnese e lo dimostra su tantissime occasioni. L’importante è riuscire a chiuderlo e fermarlo. (44’st Derosa sv)
Tronco 6 Sulla fascia destra corre più veloce di tutti, ma il suo avversario è nientemeno che Travaglini che
23’st Drogba 7.5 Dopo nemmeno 20 minuti sigla e mette la firma sul gol che sblocca la partita e chiude i conti. Primo gol per il classe 2000 nel mondo dei Dilettanti.
Cozzari 6.5 Durante il primo tempo è l’artefice di più occasioni che fanno male ma non abbastanza da creare gol. Ottimo giocatore da grandi qualità, bellissima prestazione e partita. (35’st Paoluzzi sv)
Marconi 6 Il capitano sulla fascia sinistra chiude bene e si porta spesso in progressione, aprendo spazi alla propria squadra. L’esperienza c’è tutta.
Troiano 6.5 Grande primo tempo per questo giocatore, che riesce a creare diverse palle, ma forse per sfortuna non trova il gol o l’occasione favorevole. Prestazione più che sufficiente.
Kaziewicz 6 Sulla fascia destra copre benissimo gli spazi, lanciando sempre più in alto Tronco. Fatica un po’ all’ingresso di Becerri.
Di Stefano 6.5 Sulla fascia sinistra colpisce e fa davvero male alla Caronnese in più occasioni. Il migliore in campo durante la prima frazione, durante la seconda frazione è un po’ più assente. (35’st Silvestro sv)
All. Longo 6.5 La Folgore Caratese arriva preparata e pronta contro un avversario più che temibile. L’esperienza in difesa c’è tutta, così come a centrocampo. Trova tantissime palle interessanti, finalmente al 43’st sblocca il risultato. Forse sarebbe stato più giusto un pareggio, ma i 3 punti fanno tanto bene a questa squadra che non vedeva una vittoria da un po’.

ARBITRO Di Cicco di Lanciano 6 Corretto e pulito nei fischi, non ferma il gioco né troppo spesso né troppo poco. Ottima collaborazione con gli assistenti.

LE INTERVISTE

In presentazione di partita, il tecnico Emilio Longo della Folgore Caratese aveva raccontato: «La partita presenta un alto indice di pericolosità, ritorniamo in campo dopo la sosta forzata causa covid rispetto l’incontro contro il Varese. Speriamo di riprendere una continuità, nelle ultime due partite la squadra non è stata eccezionale sotto più punti di vista, però abbiamo voglia di rimetterci in carreggiata. L’insidia della partita è il valore dell’avversario, dobbiamo combattere con umiltà. La cosa più importante è essere determinati, dare il massimo, provare ad essere più concreti. Quando abbiamo fatto bene siamo riusciti a portarci un po’ più in alto anche come altezza di squadra, dobbiamo cercare di mettere in partita quell’atteggiamento che ci ha caratterizzato nell’inizio difficile di quest’anno. Dobbiamo capire cosa migliorare e cosa cancellare rispetto al percorso fatto, che rimane comunque positivo.

Subito dopo il match, invece, il tecnico racconta: «La partita è stata preparata bene, i ragazzi sono stati veramente bravi a seguire il piano tattico contro una squadra davvero forte a centrocampo e attacco. Sono incontri in cui l’equilibro fa da padrone, chiunque avesse segnato per primo avrebbe vinto. Era importante vincere, non dovevamo dare a loro la possibilità di andare in vantaggio. Oggi la squadra è stata matura, in gamba, ha corso, sono stati bravi e devo solo fare i complimenti. Abbiamo giocato senza tre giocatori importanti eppure abbiamo dimostrato il nostro valore. Siamo una squadra giovane, Drogba ha grandi qualità nell’attacco alla profondità. Non rappresenta la punta statica, può attaccare gli spazi e la profondità, si è buttato dentro con una palla molto importante. Quando me l’ha consegnato il padre mi ha detto che non dovevo pensare al suo cognome, ha tantissima umiltà».

Meno contento, il tecnico Gatti racconta: «Una gara combattuta come all’andata, mi dispiace per il gol stupido subito, non è una zona che crea molti rischi. Siamo stati bravi, abbiamo giocato una partita intensa ma faccio i complimenti ai miei ragazzi. L’unico sbaglio è stato il gol subito. Non siamo stati bravissimi sulle situazioni di gol, abbiamo concesso pochissimo nel secondo tempo. Non ho da rimproverare nulla. Dobbiamo imparare a fare il saltino, a dimostrare di essere una grande squadra».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli