10 Aprile 2021

Casatese – Sporting Franciacorta Serie D: polveri bagnate di..Franciacorta, la capolista spinge ma non sfonda

Le più lette

Canegrate Under 16: voglia di vincere e di regionali, Crispino resta fino al 2022

Antonello Crispino, allenatore dell’Under 16 del Canegrate, è in società da ormai tre anni; il tecnico ha allenato i 2002...

Scanzorosciate, Matteo Speranza sul futuro: «Ho varie opzioni fra le quali scegliere, ma non escludo la permanenza»

Il futuro di Matteo Speranza è ancora un libro aperto, tutto da scrivere. Allo Scanzorosciate da un anno, il...

Crudelizia: Arrigo Sacchi, il Signor Nessuno che rilanciò in grande stile il Milan

Il Milan fine anni ottanta del neo presidente Silvio Berlusconi, in procinto di progettare il futuro, decise di affidare...

La Casatese attacca, colleziona calci d’angolo, tira tanto (fuori e dentro lo specchio della porta), ma non riesce a sfondare il solido e ben costruito muro dello Sporting Franciacorta. Il risultato è digerito male dalla capolista, considerato l’ottimo momento di forma della squadra (7 vittorie nelle ultime 8) e la posizione in classifica dello Sporting, lontana dal gruppo di testa. Non è però un passo indietro dal punto di vista del gioco per i biancorossi (oggi in blu) perché i ragazzi di Tricarico la partita la fanno e la fanno bene. Già dai primi minuti le sgroppate esterne di Isella e Pontiggia costringono gli esterni del 3-5-2 di Zattarin a una condotta difensiva, che rimarrà tale per tutto l’arco del match. Il colpo di testa al 10’ di Bertazzoli per il Franciacorta è estemporaneo: sarà l’unica azione offensiva degli ospiti nel primo tempo. La Casatese è propositiva sempre, addirittura arrembante dal 20′ in poi. Il tiro a botta sicura di capitan Baldan al 22’ è il primo di una lunga serie di attacchi verso la porta di Pilotti. Isella al 26’ da dentro l’area di rigore conclude con un tiro alto dopo aver lavorato bene la palla, poi è Candido alla mezz’ora a colpire bene il pallone spiovente, mandandolo di poco sopra la traversa. Diversi cross bassi, sempre ben respinti dalla difesa dello Sporting anticipano l’ultima chance del primo tempo, ovvero il colpo di testa di Isella, ancora non a bersaglio. Coach Zattarin nell’intervallo cambia la disposizione della difesa, portando a sinistra Firetto e soprattutto inserisce Bithiene: sarà la mossa fondamentale per creare qualche break offensivo e aumentare la corsa e la rapidità della squadra che comunque condurrà ancora una gara prevalentemente difensiva. “Manco a dirlo”, sono ancora Isella e Candido i primi due a provarci nella seconda frazione ma i loro tiri sono fuori misura. Più pericolosa è invece la palla capitata a Sordillo al 17’, che da ottima posizione spara un destro che si infrange sulla folta difesa ospite. Un bellissimo slalom dalla destra di Bithiene che si protrae fino all’area piccola, rompe gli schemi, facendo venire i brividi alla retroguardia di casa che comunque non correrà altri pericoli, a parte un tiro alto di Saporetti, bomber del Franciacorta, oggi entrato dalla panchina. Un altro colpo di testa alto di Pontiggia, servito da Candido e la combinazione veloce dei subentrati Sassella-Crea, terminata con un tiro fuori misura, sono le ultime cartucce che la Casatese spara, ma la retroguardia dello Sporting tiene, soffrendo complessivamente meno rispetto ai primi 45 minuti. Manca per gli ospiti la vera occasione da gol per fare il colpo grosso, ma per Zattarin va bene così: un punto sul campo della capolista, specie dopo due sconfitte consecutive non può non essere gradito. Per i padroni di casa invece ovvio rammarico, ma anche consapevolezza sempre più crescente dei propri mezzi. La Casatese vista oggi perde due punti ma lascia la sensazione di solidità e compattezza che possono far ben sperare Isella e compagni per sperare nella vittoria del campionato.

Gambazza e Bithiene si sfidano a tutta velocità sulla fascia

IL TABELLINO

CASATESE 0
SPORTING FRANCIACORTA 0
CASATESE (4-3-1-2):
Ferrara 6.5, Sordillo 6.5 (26’ st Frigerio A. 6.5), Gambazza 6.5, Perez 7.5, Perego 7.5, Bello 7, Baldan 7.5 (26’ st Crea 6), Candido 7 (35’ st Mandelli 6.5), Pennati 6.5, Isella 7, Pontiggia 6.5 (41’ st Sassella s.v.). A disposizione: Pirola, Frigerio F., Morganti, Morlandi, D’Amuri. All. Tricarico 7.
SPORTING FRANCIACORTA (3-5-2): Pilotti 6.5, Firetto 6.5 (29’ st Fanti 6.5), Bagatini 6.5, Giorgino 6 (17’ st Marazzi 6.5), Fiorentino 6.5, Lelj 7.5, Pagano 6.5, Sow 7, Bertazzoli 6.5 (21’ st Saporetti 6.5), Mozzanica 6.5 (1’ st Bithiene 7.5), Boschetti 7. A disposizione: Fligheddu, Facelli, Muhic, Ndianye, Zambelli. All. Zattarin 6.5.
ARBITRO: Viapiana di Catanzaro 7 Ben posizionato, preciso, non va mai in tilt.
AMMONITI: Fiorentino (SF), Lelj (SF), Perego (C).

Uno dei tantissimi duelli del pareggio a reti bianche in quel di Casatenovo

LE PAGELLE

CASATESE
Ferrara 6.5 Per quasi 70 minuti sarebbe stato da senza voto poi fa bene un paio di rilanci e di uscite.
Sordillo 6.5 Partenza attenta, secondo tempo più attivo nel quale sfiora anche il gol. (26’ st Frigerio A. 7 Entra bene, senza alcun timore, stantuffando alla grande sulla destra).
Gambazza 6.5 Pulito ed efficace nei pochi interventi difensivi ai quali è chiamato.
Perez 7.5 Sorprende per personalità e leadership: è il faro, instancabile, del centrocampo.
Perego 7.5 Precisissimo, non sbaglia nulla e prende un’ammonizione intelligente l’unica volta in cui deve correre ai ripari.
Bello 7 Gioca bene in anticipo ed è sempre posizionato eccellentemente.
Baldan 7.5 Instancabile: recupera palloni, si smarca spesso, serve assist e tira. Più di così.. (26’ st Crea 6.5 Non inquadra la porta nell’ultimo tiro dei suoi ma la sua presenza è positiva per la squadra).
Candido 7 La qualità c’è sempre e si traduce in ottimi suggerimenti per gli attaccanti e bei tiri da fuori. (35’ st Mandelli 6.5 Pochi minuti ma fatti con un bello sprint).
Pennati 6.5 Nel primo tempo incide poco, nel secondo esibisce grinta e giocate interessanti.
Isella 7 Come sempre si fa notare per giocate di classe, spunti di livello e tiri da varie posizioni.
Pontiggia 6.5 Meno finalizzatore del solito, svaria comunque bene sul fronte offensivo dei suoi.
All. Tricarico 7 Squadra offensiva, compatta, determinata: il risultato è una X ma prestazione è da 1.

 

SPORTING FRANCIACORTA
Pilotti 6.5 Si oppone bene ai tiri, più o meno ravvicinati, che gli arrivano costantemente.
Firetto 6.5 Tiene bene sia a destra nel primo tempo che sulla sinistra nel secondo: sempre sul pezzo. (29’ st Fanti 6.5 Spinge e si propone nonostante entri in campo come terzino).
Bagatini 6.5 Se la cava bene, con personalità e con la giusta dose di agonismo.
Giorgino 6 Arretra troppo, insieme a tutto il centrocampo. Sufficiente per la buona qualità dei pochi palloni distribuiti in avanti. (17’ st Marazzi 6.5 Aggiunge un po’ di verve e di rapidità alla mediana).
Fiorentino 6.5 Bene sul centrodestra difensivo, specialmente nelle palle alte.
Lelj 7.5 Anticipi, uscite palla al piede, contrasti vincenti: manuale del difensore centrale doc.
Pagano 6.5 Mobile e sempre vivo, seppur poco servito.
Sow 7 Se nel primo tempo è troppo timido, nel secondo è più dinamico e incisivo.
Bertazzoli 6.5 Rapido e presente in mezzo all’area: è sua l’unica chance nel primo tempo dei suoi. (21’ st Saporetti 6.5 Gioca con buona intensità i 25 minuti a sua disposizione: di certo un’arma in più per lo Sporting).
Mozzanica 6.5 Conduce bene le rare transizioni offensive della squadra. (1’ st Bithiene 7.5 Bravissimo: aggiunge qualità e dinamismo al centrocampo statico dei primi 45 minuti).
Boschetti 7 Bella gara di sacrificio a sinistra: la sua corsa e la dedizione tattica sono preziose per il punto conquistato.
All. Zattarin 6.5 il suo undici è sì messo alle corde ma non è mai allo sbando.

 

LE INTERVISTE

Non può certo sorridere il tecnico Danilo Tricarico, nel post partita. La sua Casatese ha giocato una delle migliori gare della stagione ma porta a casa un solo punto, invertendo prestazione e risultato rispetto alla gara di andata contro lo Sporting: «In casa loro avevamo vinto ma soffrendo tantissimo, oggi invece usciamo con un pari ma dopo una prestazione veramente importante». Le lodi non sono solo per gli undici titolari ma anche per coloro che sono subentrati dalla panchina, i quali hanno contribuito all’infruttuoso ma generoso assalto alla porta di Pilotti: «Sono fortunato perché posso contare su tanti giocatori: oggi chi è entrato ha fatto bene e la condizione generale fisica della squadra è buona, non posso che essere fiducioso». L’ottimismo dell’allenatore non può non essere giustificato, nonostante il Seregno, vincitore sul campo del Sona si sia rifatto sotto, a soli due punti: «La bontà delle nostre prestazioni mi fa ben sperare, siamo forse la squadra più continua del campionato ma se vogliamo stare dobbiamo confermarci sotto il profilo della personalità e del coraggio, oggi comunque eccellenti». La Casatese dunque alza il profilo e non si nasconde. I biancorossi, partita dopo partita si stanno confermando ad altissimi livelli e, il comunque sempre equilibrato coach, non si scompone di fronte alle luci e alle pressioni che il primato in classifica comporta: «Nelle ultime partite siamo passati in testa alla classifica e abbiamo le carte in regola per restarci; sono le prestazioni che lo confermano e noi dobbiamo solo pensare a continuare così».

 

Soddisfazione piena, invece, senza se e senza ma per l’allenatore del Franciacorta Zattarin che dopo aver fermato sullo 0-0 il Seregno, riserva lo stesso trattamento anche alla Casatese: «Mi aspettavo di soffrire parecchio e sono comunque contento per come la squadra ha difeso. Nel primo tempo potevamo fare qualcosa di più ma contro una Casatese sulle ali dell’entusiasmo con grande qualità, va bene così». I cambi in corsa hanno aiutato non poco, specialmente l’ingresso di Bithiene si è rivelato un toccasana per il suo Sporting: «Billy è bravissimo nell’uno contro uno; l’ho risparmiato perché volevo partire un po’ cauto». Il Franciacorta appunto si è rivelato un osso duro per le prime due della classe e, secondo il tecnico, non lo è stato per caso: «In stagione forse solo una volta abbiamo approcciato male al match, siamo sempre determinati. Ero sicuro che avremmo tirato fuori il carattere e non sono stato tradito». Sulle possibilità di risalita e di un campionato di più alto profilo nel girone di ritorno Zattarin però frena, puntando ancora una volta deciso sul grinta e temperamento: «E’ difficile fare un pronostico su dove finiremo e su che tipo di campionato faremo. In genere creiamo molto e lottiamo bene. I frutti arriveranno».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0