12 Maggio 2021

Desenzano Calvina – Ponte San Pietro Serie D: Franzoni croce e delizia, Ibe la riprende, ma decide tutto Ruffini

Le più lette

Concordia Under 17: voglia di continuare e fedeltà indiscutibile, Landriani veste biancoazzurro

Christian Landriani è il tecnico dell’Under 17 del Concordia; fedelissimo alla società, allena dal 2015 e nel mentre ha...

Zingonia Verdellino-Castiglione Eccellenza: Piccinardi asso piglia tutto, Micheletti e Lambiase non bastano ai gialloverdi

Partita spettacolare e con il risultato incerto fino all’ultimo. Si può riassumere così la gara tra Zingonia Verdellino e...

È Luca Ruffini l’uomo della provvidenza in casa Desenzano Calvina nel match valido per la 25° giornata del girone B di serie D: è infatti il numero 11 a coronare un’ottima prestazione personale col gol, arrivato in pieno recupero, che regala la seconda vittoria consecutiva ai padroni di casa, al termine di una partita dalle tante sfaccettature e carica di molte emozioni. Desenzano Calvina che con questi tre punti si mantiene in piena corsa per la zona playoff, mentre dall’altra parte il Ponte San Pietro cade dopo quattro risultati utili consecutivi e può recriminare per non essere riuscito a sfruttare del tutto la superiorità numerica avuta nella seconda frazione di gioco.

Predominio biancoazzurro. Il primo tempo è comandato dagli uomini di Rocelli (in panchina al posto dello squalificato Florindo) che, dopo un inizio aggressivo degli ospiti, prendono possesso della metà campo avversaria. Le trame del Desenzano Calvina sono precise ed efficaci, come testimonia la prima vera occasione al 13′: palla in verticale di Recino per Mauri, che la accomoda per Franzoni, il cui destro da centro area trova la grande opposizione di Pagno. A parte una grande occasione a metà frazione, con palo esterno colpito da Ibe su cross basso di Ferreira Pinto, gli uomini di Curioni faticano a mantenere il possesso delle operazioni, andando in difficoltà di fronte al pressing alto del Desenzano: in una di queste occasioni Costa si fa soffiare palla da Recino, il cui destro trova ancora pronto il portiere ospite. Sono però soprattutto i movimenti di Mauri e Franzoni a mandare in crisi la retroguardia del Ponte San Pietro: il primo si allarga infatti spesso a sinistra, creando superiorità numerica e lasciando spazi per gli inserimenti del numero 7, che si rende ancora pericoloso con un sinistro alto in piena area e alla terza occasione trova la via della rete, la sua terza in campionato. L’assist è proprio di Mauri da sinistra, il destro di Franzoni è preciso alla sinistra di Pagno, che nulla può.

Emozioni continue. Dopo l’intervallo però il Ponte San Pietro si dimostra subito più aggressivo, con un baricentro più alto e maggiore intensità; Curioni cambia inoltre assetto tattico ai suoi, schierando Manzoni sulla trequarti alle spalle di Ibe, con i movimenti tra le linee del numero 19 che la linea difensiva del Desenzano fatica a leggere. Dopo pochi minuti arriva così una grande occasione, con Ibe che non riesce a correggere in porta un cross tagliato di Mandelli. I padroni di casa soffrono la pressione, ma sembrano riorganizzarsi, fino al 64′: Franzoni, ammonito pochi minuti prima, trattiene ingenuamente Manzoni sulla trequarti e deve abbandonare il campo per doppio giallo. Il Desenzano ha subito una buona occasione con Recino, il cui destro è respinto da Pagno, ma deve poi chiudersi nella propria metà campo, con il Ponte San Pietro alla ricerca del pari. Gli ospiti non trovano occasioni per far male, ma in due minuti cambia tutto: prima Ibe si divora di testa da pochi passi un cioccolatino di Ferreira Pinto, poi si riscatta segnando con un sinistro preciso dopo ottima iniziativa di Kritta. Il finale, in 11 contro 10, parrebbe apparecchiato per un assedio del Ponte San Pietro, che però si accontenta del pareggio, calando di intensità e di aggressività. Al contrario, sono i padroni di casa a cercare con maggior insistenza la vittoria: prima Sorbo colpisce il palo con un colpo di testa perentorio su angolo di Mazzotti, poi nel recupero arriva la rete decisiva: Luca Ruffini, migliore in campo, si sgancia dalla difesa e dopo uno slalom in area col sinistro buca le mani di un incerto Pagno. È il gol che regala al Desenzano tre punti fondamentali in ottica playoff; il Ponte San Pietro rimane invece in piena zona playout, a lottare per la salvezza.

 

 IL TABELLINO

DESENZANO CALVINA-PONTE SAN PIETRO 2-1
RETI: 34’ Franzoni (D), 35’ st Ibe (P), 46’ st Ruffini L. (D).
DESENZANO CALVINA (3-5-2): Sellitto 6, Turlini 6.5 (13’ st Zanolla 5.5), Perotta 6 (22’ st Tomasini 6), Mazzotti 6.5, Chiari 6, Sorbo 6.5, Franzoni 6, Crema 5.5, Recino 5.5 (37’ st Da Mota sv), Mauri 6.5 (33’ st Segalina sv), Ruffini L. 7.5. A disp. Ferrara, Ruffini M., Missaglia, Cazzamalli, Ricciardi. All. Rocelli 7.
PONTE SAN PIETRO (4-3-3): Pagno 5.5, Salvi 5.5, Kritta 7, Mandelli 6 (30’ st Moraschi 6), Costa 5.5, Alborghetti 6, Ruggeri 5.5, Rota 5.5 (1’ st Manzoni 6), Ibe 6.5, Ferreira Pinto 7, Capelli 5.5 (43’ st Zambelli sv). A disp. Nozza Bielli, Zenoni, Mara, Bonassi, Brignoli, Ferrari. All. Curioni 6.
ARBITRO: Russo di Torre Annunziata 7.
ASSISTENTI: Mauriello di Bologna e De Luca di Merano
AMMONITI: Franzoni (D), Zanolla (D), Tomasini (D).
ESPULSI: 19’ st Franzoni (D) per doppia ammonizione; 29’ st, dalla panchina, Ruffini M. (D) per espressione blasfema.

 

LE PAGELLE

DESENZANO CALVINA
Sellitto 6 Nonostante il predominio ospite nella ripresa, non è chiamato ad interventi di rilievo; le migliori occasioni del Ponte San Pietro non trovano infatti lo specchio. Nulla può sul gol di Ibe.
Turlini 6.5 Un fattore sulla destra, con il Desenzano che sfrutta l’ampiezza delle fasce e lo cerca spesso; finisce presto la benzina, sostituito a inizio ripresa.
13’ st Zanolla 5.5 Fatica a contenere le iniziative di Kritta sulla sua fascia, perde Ibe in occasione del pareggio ospite.
Perotta 6 Dalle sue parti orbita Ferreira Pinto, pericolo numero uno. Se la cava senza infamia e senza lode, viene sostituito dopo l’espulsione per motivi tattici.
22’ st Tomasini 6 Entra in un momento di sofferenza della squadra, si piazza a destra e cerca di aiutare i compagni in fase difensiva.
Mazzotti 6.5 Nel primo tempo detta i tempi in mezzo al campo, orchestrando ogni azione dei suoi e toccando un’infinità di palloni. Nella ripresa la vede meno, complice la spinta degli ospiti.
Chiari 6 Tiene con ordine la posizione sul centro-destra della difesa; diligente, non va mai in difficoltà.
Sorbo 6.5 Guida con autorevolezza, da vero capitano, la linea difensiva e, dopo il pareggio ospite, colpisce un clamoroso palo di testa a portiere battuto.
Franzoni 6 Il voto è una media tra il 7 del primo tempo, con inserimenti continui e il meritato gol personale, e il 5 dovuto alla sciocca doppia ammonizione che lascia in 10 i suoi compagni per mezz’ora.
Crema 5.5 Più in ombra rispetto ai compagni di reparto, fatica a mettersi in mostra sia in fase offensiva che in interdizione.
Recino 5.5 Polveri bagnate quest’oggi per il capocannoniere del girone, che trova sulla sua strada un attento Pagno. Fatica a tenere su la squadra nel momento di maggiore sofferenza. (37’ st Da Mota sv).
Mauri 6.5 Nel primo tempo è una minaccia costante per la difesa ospite, con i suoi movimenti che mandano in crisi la squadra di Curioni. Cala notevolmente nella ripresa, non riuscendo a legare il gioco tra centrocampo ed attacco. (33’ st Segalina sv).
Ruffini L. 7.5 Parte largo come quinto di centrocampo, finisce come terzino. Garantisce spinta costante, anche con la squadra in inferiorità numerica, ed aiuta Perotta in fase difensiva. Tutto suo il gol decisivo, con palla riconquistata a metà campo, slalom perfetto e sinistro che batte Pagno.
All. Rocelli 7 Non si percepisce l’assenza di Florindo in panchina; la squadra domina la prima frazione, ma nel secondo tempo soffre, complice l’espulsione di Franzoni. I suoi ragazzi non mollano però mai e trovano il gol che porta in dote una vittoria pesantissima.

 

desenzano calvina ponte san pietro serie d
Luca Ruffini esulta per il gol decisivo allo scadere

PONTE SAN PIETRO
Pagno 5.5 Si fa trovare pronto ed attento su Franzoni e Recino; è grave però il mancato intervento nel finale, che regala il definitivo vantaggio ai padroni di casa.
Salvi 5.5 Poco aiutato, nel primo tempo soffre tremendamente la coppia Ruffini-Mauri. Nella ripresa prova a spingere, aiutando con discreta gamba Ferreira Pinto.
Kritta 7 Quando la squadra alza il baricentro nella ripresa, è protagonista quasi in ogni azione, salendo notevolmente di colpi. Suo l’assist filtrante che manda al gol Ibe.
Mandelli 6 Tanta grinta in mezzo al campo, fatica però nella gestione del possesso, non dando molta qualità alla manovra offensiva.
30’ st Moraschi 6 Si piazza accanto ad Ibe e aiuta la squadra a salire alla ricerca del pari.
Costa 5.5 Nel primo tempo soffre la pressione offensiva del Desenzano e con un suo errore manda in porta Recino; per sua fortuna è attento Pagno.
Alborghetti 6 Nella prima frazione fatica come tutta la squadra a leggere i movimenti degli attaccanti ospiti. Meglio nel corso della seconda frazione.
Ruggeri 5.5 Si trova di fronte Franzoni e nel primo tempo non riesce mai a leggerne gli inserimenti e a seguirlo. Manca di incisività anche nella metà campo offensiva.
Rota 5.5 Anche lui in ombra nel centrocampo ospite, non si fa notare né per inserimenti pericolosi né in fase di recupero palla.
1’ st Manzoni 6 Non crea tanti pericoli, ma la sua presenza sulla trequarti offensiva è preziosa e viene letta a fatica dalla difesa del Desenzano; provoca l’espulsione di Franzoni.
Ibe 6.5 Il più pericoloso dei suoi nel primo tempo, con palo esterno colpito da posizione difficile. Si divora un gol che sembrava facile a pochi passi dalla porta, si rifà immediatamente col sinistro chirurgico del momentaneo pareggio.
Ferreira Pinto 7 Non è molto mobile, ma è pur sempre classe ’79. Col pallone tra i piedi fa però valere tutta la sua qualità ed è da lui che passano tutte le azioni pericolose della squadra. Manda in porta Ibe due volte, ma i suoi assist non vengono sfruttati.
Capelli 5.5 Invisibile nel primo tempo, prova a farsi notare maggiormente nella ripresa; manca però sempre qualità nelle assistenze, è poco connesso coi compagni. (43’ st Zambelli sv).
All. Curioni 6 Gli avversari erano ostici e lo hanno dimostrato nel primo tempo. Quando però il tecnico cambia assetto, le scelte pagano e viene raggiunto il pareggio. Nel finale però ci si aspettava un atteggiamento più arrembante.

ARBITRO
Russo di Torre Annunziata 7 Pochi cartellini, ma tutti corretti, compreso il doppio giallo a Franzoni. Partita di buona gestione ed autorevolezza.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli