10 Aprile 2021

Desenzano Calvina- Sporting Franciacorta Serie D: Recino e Franzoni ribaltano il vantaggio di Pagano e rilanciano Florindo verso i playoff

Le più lette

Piacenza-Lucchese Serie C: Corbari di testa riporta l’equilibrio al Garilli, ai toscani non basta il gol di Bianchi

Piacenza e Lucchese si sfidano al Garilli nel match valevole la trentaquattresima ventosa giornata di campionato. Scazzola, reduce da...

Bomba di mercato da Centallo, Fabricio De Peralta è un nuovo calciatore rossoblù

Mercato chiuso? Macché. Quando le trattative sono aperte mai niente è scontato, neanche per la Giovanile Centallo. Le trattative...

Lecco Primavera 3, ufficiali le dimissioni di Giovanni Cristiano: panchina affidata a Roberto Mastrolonardo

Lo avevamo anticipato questa mattina, ora è arrivata anche la conferma ufficiale da parte della società: Giovanni Cristiano non...

Nel derby bresciano valido per il 19° turno di stagione il Desenzano Calvina piega 2-1 lo Sporting Franciacorta con le reti di Recino, in chiusura di primo tempo, e di Franzoni, nella ripresa, e adesso si prepara all’imminente atterraggio in zona playoff. C’è tutto un ritorno davanti, il tempo non scarseggia più. Per i ragazzi di Florindo la pista d’atterraggio non è più avvolta dalle nebbie. Con questa vittoria nel derby, poi, arrivata dopo la difficile trasferta di sabato con la Casatese, il Desenzano Calvina ora ha raddrizzato una stagione partita in salita fin dalle prime giornate. Ci ha messo un po’, ha chiesto tempo, ma alla fine Florindo risultato dopo risultato è riuscito a riprendere il treno di testa e ora può preparare il resto del ritorno con più serenità. Insomma in questo primo assaggio di primavera anticipata il Desenzano è lì ad un punto dal Nibionno, che occupa l’ultimo posto disponibile dei playoff, e difficilmente se lo lascerà scappare. Lo Sporting invece scivola al nono posto e viene distaccato di 5 lunghezze dai cugini gardesani. Da questa trasferta sul Garda le ambizioni degli undici di Gianluca Zattarin ne escono ridimensionate, anche se nel complesso la squadra non ha giocato male soprattutto nella prima parte. Infatti è proprio lo Sporting a passare in vantaggio alla prima azione della partita con un bolide imprendibile diretto agli incroci di Nicolò Pagano, che va così a togliere le ragnatele dalla porta di Ferrara. Insomma l’avvio non è niente male e potrebbe assumere contorni più ampi se gli attaccanti franciacortini fossero stati meno spreconi. Poi la rete su calcio di rigore di Giorgio Recino in chiusura di primo tempo rimette in patta una gara che per poco non stava diventando una trappola. Nella circostanza palla da una parte e Pilotti dall’altra, anche se Firetto è stato davvero ingenuo a rovinare su uno dei bomber più temibili della categoria proprio a pochi istanti dal duplice fischio. Andare negli spogliatoi in vantaggio avrebbe potuto agevolare il gioco di rimessa dello Sporting. Poi invece a regalare la vittoria ai gardesani ci ha pensato Andrea Franzoni nel secondo tempo, capitalizzando al meglio l’assist di Recino che praticamente lo mette al cospetto di Pilotti dopo un’azione da manuale: break di Turlini, assistenza di Gubellini e Pellegrini, rifinitura di Recino. Qui Franzoni è bravo a trafiggere il portiere in uscita col piattone, per la sua seconda rete di stagione dopo quella fatta al Caravaggio. Un gol che impreziosisce anche una grande prova tutto cuore e sostanza per la causa biancazzurra. Insomma il Desenzano si è dimostrato più compatto, più determinato e più sicuro nei propri mezzi. È vero che avrebbe anche potuto uscirne malconcio se il Franciacorta avesse capitalizzato le occasioni avute nella primo tempo, ma è ancor più vero che, sia una volta sotto, sia nella ripresa, ha sempre avuto l’iniziativa della manovra per lasciare agli avversari solo il gioco di rimessa. Certo Saporetti subito dopo il gol (gran botta ad incrociare fuori di un nulla) e verso la chiusura di primo tempo (tiro in area finito sul fondo) avrebbe potuto scrivere un finale diverso, per non parlare anche della traversa scheggiata da Pagano sempre verso l’intervallo: così non è stato. Nella ripresa più Desenzano, pericoloso da subito con Sorbo di testa, poi con il tiro di Pellegrini e anche con Cazzamalli, entrambi bravi nell’impegnare Pilotti. I padroni di casa chiuderanno in 10 per l’espulsione di Sorbo nel finale e, sulla punizione derivata da quell’episodio, Saporetti ancora una volta non centra il bersaglio grosso, pur sfiorandolo con una bella parabola. Insomma il 4-3-3 di Michele Florindo ha la meglio sul 3-4-3 di Gianluca Zavattin e anche se il tecnico franciacortino recrimina giustamente per lo sciupio dei suoi nel primo tempo, il Desenzano è però stato bravo nel rimanere composto nonostante lo svantaggio a freddo e l’infortunio di Franchi nel primo tempo (uscito dopo un quarto d’ora per Gubellini). In un altro periodo forse i biancazzurri sarebbero crollati mentalmente, stavolta invece no. Insomma al netto della sfortuna e delle assenze il Desenzano ormai è lì, la manovra di atterraggio ai playoff è incominciata.

IL TABELLINO

DESENZANO CALVINA 2
SPORTING FRANCIACORTA 1

RETI: 2’ pt Pagano (SF), 48’ pt rig. Recino (D), 19’ st Franzoni (D).
DESENZANO CALVINA (4-3-3): Ferrara 6.5; Turlini 6.5, Chiari 6, Sorbo 6.5, Zanolla 6.5; Pellegrini 6.5, Mazzotti 6.5, Cazzamalli 6.5; Franzoni 7.5 (43’ st Missaglia sv), Recino 8 (38’ st Mauri sv), Franchi sv (16’ pt Gubellini 6) . A disp: Bolzoni, Ruffini M., Treccani, Tonani, Mazzurega, Ricciardi. All: Michele Florindo 6.5.
SPORTING FRANCIACORTA (3-4-3): Pilotti 6.5; Fiorentino 6, Lelj 6.5, Bagatini 6; Fanti 5.5 (27’ st Sow sv), Giorgino 6.5, Mozzanica 6 (28’ st Bithiene sv), Firetto 5 (30’ st Zambelli sv); Saporetti 5.5, Bertazzoli 6, Pagano 7. A disp: Filigheddu, Facelli, Marazzi, Boschetti, Muhic, Ndiaie. All: Gianluca Zattarin 6.
ARBITRO: Campobasso di Formia 6 gestisce la gara senza particolari sbavature, è sempre vicino all’azione.
AMMONITI: Mazzotti (D), Fiorentino (SF), Turlini (D), Lelj (SF).
ESPULSO: 45’ st Sorbo (D) per somma di ammonizioni.

LE PAGELLE

DESENZANO CALVINA
Ferrara 6.5 Non può nulla sul bolide di Pagano, poi al di là di qualche incertezza è riuscito a concludere la gara senza altri rischi, solo forse sul malinteso con Chiari nella ripresa.
Turlini 6.5 Spinge discretamente, si propone spesso e dà sulla destra un ottimo apporto alla manovra offensiva. Buona la precisione nei passaggi, il giallo attesta il suo agonismo, incomincia anche l’azione della vittoria.
Zanolla 6.5 Ogni tanto mostra dei buoni guizzi come quando si accentra in un semi sombrero e prova la conclusione, poi rimpallata: comunque buone iniziative.
Mazzotti 6.5 Gran punizione verso la mezz’ora che sibila vicino agli incroci, poi nel secondo bel sinistro ancora fuori di un nulla: aggiustata la mira è sempre al top.
Chiari 6 Buona prestazione, sempre attento su Saporetti e buono anche il tempismo negli anticipi: bene così.
Sorbo 6.5 Il capitano c’è sempre e come sempre vince quasi tutti i contrasti aerei, rendendosi sempre pericoloso una volta in area avversaria: sfiora anche il gol nella ripresa.
Pellegrini 6.5 Contribuisce alla manovra del 2-1, prova di tutto rispetto contraddistinta da grande sacrificio e abnegazione nel mezzo.
Cazzamalli 6.5 Al centro la sua esperienza è fondamentale per gli equilibri, le misure e le architetture dei compagni, esperienza da vendere come sempre, quando girà è tutto più facile per il Dese.
Recino 8 Il bomber principe rimane sornione un tempo poi dal dischetto ripristina l’anomalia del primo tempo: poi nel secondo anche in versione assistman. Crea dipendenza.
Franchi sv Esce dopo un quarto d’ora per problemi fisici derivanti da un duro contrasto, anche se prima della gara non era al meglio. (16’ pt Gubellini 6 Entra a freddo per l’infortunio di Franchi e ha bisogno di un po’ per entrare in clima gara: gli manca solo un pizzico di iniziativa in più, ma ottima la partecipazione per il 2-1).
Franzoni 7.5 Ottima partita, tanto movimento e ottimo fraseggio con i compagni: dopo il gol di Caravaggio mette dentro la palla più importante della sua stagione e porta alla vittoria i compagni.
All. Michele Florindo 6.5 La squadra archivia bene la pratica con la Casatese e gioca a tutto campo un derby senza evidenziare grosse defezioni: concede dei contropiedi nel primo tempo ma quando si attacca è normale: buona la forza caratteriale della squadra.

 

SPORTING FRANCIACORTA
Pilotti 6.5 Risponde bene a diverse conclusioni dei gardesani e anche se non riesce ad evitare la sconfitta della squadra è comunque autore di una buona prova.
Fiorentino 6 Si becca un giallo ma nel complesso gestisce bene le zone designate lottando su ogni pallone con spirito di sacrificio. Non male.
Firetto 5 Proprio in chiusura stende in piena area Recino per il rigore del pareggio: era importante chiudere davanti, non una bella trovata.
Giorgino 6.5 Tra i migliori dei suoi, la sua intelligenza tattica lo agevola in diverse situazioni complicate: non dispiace.
Bagatini Morotti 6 Dà tutto quello che ha e cala solamene nel finale dopo un lungo assedio gardesano.
Lelj 6.5 Buona partita, lotta su tutti i palloni e fa il massimo che può, difficile chiedergli qualcosa in più.
Pagano 7 Gol strepitoso e grande prestazione.
Mozzanica 6 Spinge bene e mette dentro qualche buona palla, nel complesso avrebbe le qualità per incidere maggiormente.
Bertazzoli 6 Prova discreta anche se a volte concede qualcosa probabilmente accusando una forma fisica non ancora ottimale.
Saporetti 5.5 Tra i più pericolosi dei suoi, è lestissimo a liberarsi per andare al tiro anche se sicuramente avrebbe dovuto essere più preciso nella conclusione. Ha sulla coscienza qualcosa da farsi perdonare.
Fanti 5.5 Corre molto, si spende per la causa ma negli ultimi metri potrebbe essere più lucido e determinato. Può dare di più.
All. Gianluca Zattarin 6 Imposta la gara nel modo giusto passando subito in vantaggio e giocando di rimessa: giusto recriminare per i gol sbagliati delle sue punte, ma il calcio è questo.

LE INTERVISTE

MICHELE FLORINDO, TECNICO DESENZANO CALVINA
«Nel primo tempo non siamo andati malissimo, anche se siamo andati subito sotto. La partita comunque l’abbiamo fatta noi anche nel primo tempo. Certo abbiamo perso 2 o 3 palle sanguinose in fase di impostazione in cui loro avrebbero potuto farci male. Lo sapevamo, loro sono una squadra che ti lascia giocare ma ha dei giocatori per ripartire e questo l’hanno fatto anche oggi. Nel secondo tempo c’è stata solo una squadra in campo sotto il profilo della cattiverie e della voglia di vincere. Volevamo fare risultato, è stata una prova importate per quanto riguarda la coesione del gruppo. A fine primo tempo ho chiesto di giocare più veloce la palla per soffrire meno le loro ripartenze. Fortissimi i miei difensori oltre a Mazzotti che ha saputo gestire la palla al meglio. Noi sul pezzo fino al 95º, loro nel secondo tempo davanti gli ho visti poco lucidi. Poi quelli che erano stanchi gli ho tolti, come Giorgio Recino, ma comunque abbiamo retto fino alla fine. Andiamo avanti».

 

GIANLUCA ZAVATTIN, TENICO SPORTING FRANCIACORTA
«Pazzesco, abbiamo fatto tutto noi! Primo tempo incredibile, potevamo fare un risultato ben più rotondo: poi una mezza disattenzione c’è costata l’1-1. Abbiamo avuto delle occasioni importanti anche nel secondo tempo sempre con Saporetti, anche se avevamo meno lucidità rispetto al primo tempo. Comunque questa è una partita da chiudere già nel primo tempo per come l’avevamo affrontata. Abbiamo perso per un episodio perché loro erano in grossa difficoltà nel primo tempo e l’hanno parcheggiata solo per un’ingenuità nostra. Indipendentemente da quello, dovevamo essere più concreti e più cinici. Questo è il nostro limite ed è un peccato perché anche abbiamo fatto tutto noi, compresi i regali. Indipendentemente da tutto la squadra ha lottato e ha giocato: avevamo fatto una prestazione importante, peccato»


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0