27 Gennaio 2021

È mancato il presidente della Caronnese Augusto Reina, Gatti: «Era speciale»

Le più lette

Padroni della fascia: la rubrica dedicata agli esterni del settore giovanile

Proseguono i focus targati Sprint e Sport sui ragazzi del settore giovanile. Sul giornale in edicola (e sul nostro...

Pontese, Promozione femminile: «Il calcio valtellinese deve ancora crescere, ma ci sono le basi»

Il vice allenatore Stefano Ramponi ha una propria, chiara, idea sul calcio femminile in Lombardia, che vorrebbe più incisivo:...

Sestri Levante Gozzano Serie D, i corsari fermano la capolista: Allegretti risponde a Puricelli

A Sestri Levante vince l'equilibrio. Nel match di cartello della sedicesima giornata di Serie D, i "corsari" fermano la...

E’ venuto a mancare ieri sera, mercoledì 19 febbraio, il Presidente della Caronnese, nonché patron dell’azienda Disaronno, Augusto Reina. In seguito ad un lungo e commosso comunicato, firmato dal consiglio direttivo della società rossoblù, la notizia si è sparsa e messaggi di vicinanza e condoglianze sono arrivati da tutte moltissime società lombarde e da quasi tutte le squadre “avversarie” nel Girone A di Serie D.

Entrato nel mondo Caronnese negli anni ’90, Augusto Reina ha portato la società dalla Promozione ad una stabilissima permanenza in Serie D, dimostrando anche le ambizioni di poter affacciarsi nel mondo professionista. Il tutto partendo dalla sua passione per il calcio giovanile, come conferma il comunicato del club: «Sono stati numerosi i giovani cresciuti all’interno del settore giovanile della società promossi in prima squadra e che poi hanno fatto il salto nelle categorie professionistiche. Augusto Reina ha sempre dimostrato grande passione per la crescita sportiva dei più piccoli campioni in erba (molto spesso era presente sugli spalti anche a tifare per le squadre più giovani)».

Si unisce alle condoglianze alla famiglia il tecnico della prima squadra, Roberto Gatti:«è una grave perdita per il calcio e per la società. E’ difficile trovare parole in questo momento. Sicuramente posso dire che aveva qualcosa di speciale, qualcosa che lascia il segno. L’ho conosciuto solo quest’estate e subito ho letto il suo carisma, non a caso è diventato quello che è diventato».

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli