25 Giugno 2021

Fanfulla-Scanzorosciate Serie D: Palmieri e Anastasia annientano i bergamaschi nella ripresa

Le più lette

Torneo Eusalp, la Lombardia chiude al terzo posto: battuto il Veneto dopo i calci di rigore

Si conclude con un ottimo terzo posto l'avventura al Torneo Eusalp della Lombardia. La squadra di Matteo Medici ha...

Ac Leon-Lumezzane Eccellenza, le pagelle: Martignoni mette le mani sulla D griffata Bonseri, per Politti serata da dimenticare

Un gol di Bonseri decide lo spareggio in favore del Leon sul Lumezzane (clicca qui per la cronaca), e...

Union BB Vallesusa, ecco i primi due acquisti della prima squadra: arrivano Toscano e Libro

Primi volti nuovi a casa Bussoleno. L'Union Vallesusa di Silvio Foch inizia a costruire l'organico della Promozione che verrà,...

Più passano le giornate, più viene spontaneo porsi il seguente quesito. Chi fermerà il Fanfulla? Già, perché i ragazzi di Ciceri proseguono incontrastati la loro corsa e non accennano minimamente a fermarsi. 18 punti nelle ultime sei giornate, tutti conquistati con solo un gol subito. E con la sconfitta della Casatese in casa del Ponte San Pietro, il secondo posto dista a tre punti. Ma la vittoria di oggi non è stata di certo una passeggiata come qualcuno poteva ipotizzare, visti i 20 punti di distanza che separavano il Guerriero dallo Scanzorosciate. I giallorossi hanno eretto un muro difensivo difficilmente scardinabile, ma alla fine Palmieri di testa e Anastasia oltre il novantesimo hanno condannato alla sconfitta i bergamaschi.

 

Ordine. Il canovaccio della partita è chiaro sin dal prime battute: il Fanfulla controlla il possesso palla, lo Scanzo si rintana nella propria metà campo tentando, quando possibile, di ripartire con lanci lunghi alla ricerca di Parravicini. I bergamaschi difendono ordinati e compatti, lasciando pochi varchi ai lodigiani, a loro volta non sempre precisi nelle giocate. La prima occasione della gara nasce infatti da una palla ferma ed è un calcio di punizione dal limite dell’area ospite alla mezz’ora. Qeros disegna un sinistro morbido a scavalcare la barriera, ma Berardelli in tuffo riesce a deviare in angolo. Il tempo scorre e i ragazzi di Ciceri, pur aumentando l’intensità, non riescono a pungere. Fino a quando, ad un minuto dal duplice fischio, riescono a cogliere per la prima volta la difesa ospite mal posizionata e a ripartire in contropiede. Qeros pesca con un filtrante Serbouti, la cui conclusione è ribattuta dall’estremo difensore di Valenti. Sulla respinta, De Angelis non riesce a coordinarsi al meglio e il suo tap-in acrobatico termina largo.

 

Il crollo del muro. Ad inizio ripresa, lo Scanzo rientra in campo con un piglio diverso. I giallorossi evitano unicamente di trincerarsi e alzano il proprio baricentro, provando a gestire il possesso in maniera ragionata. Dopo quattro minuti, Aranoutu ha la prima chance di giornata, ma liscia malamente un bel cross di Cariello. Sul ribaltamento di fronte, Palmieri sciupa la ripartenza, con un innocuo tiro-cross. Ma sedici minuti più tardi, il centrocampista del Guerriero si rifà e, di testa, porta avanti i suoi. Il solito Qeros alza un lob che il numero dieci deve solo spingere in rete. La reazione dello Scanzo è timida, affidata esclusivamente ad una zuccata di Parravicini, terminata a lato. Il Fanfulla controlla e gestisce fino alla fine e, in pieno recupero, trova anche il raddoppio. De Angelis recupera la sfera in area con un contrasto da stopper puro, scarica a rimorchio per il subentrato Anastasia che, di piattone, insacca all’angolino e chiude definitivamente il discorso.

IL TABELLINO

FANFULLA-SCANZOROSCIATE 2-0
RETI: 21’ st Palmieri (F), 48’ st Anastasia (F).
FANFULLA (3-4-2-1): Cizza 6, Baggi A. 6.5, Bernardini 6 (51’ st Sanogo sv), Guerrini 6.5 (42’ st Laribi sv), Serbouti 6, Fabiani 6, Qeros 7 (45’ st Anastasia 6.5), Brognoli 6, De Angelis 6, Palmieri 7 (38’ st Bertelli sv), Cirigliano 5.5 (44’ st Spaneshi sv). A disp. Carriello, Tourè, Agnelli, Casali, Sanogo. All. Ciceri 7.
SCANZOROSCIATE (4-3-1-2): Berardelli 6.5, Cazzago 6.5 (39’ st Stefanoni sv), Mangili 6 (35’ st Mazza 6), Di Lauri 6.5, Gambarini 6, Sacchini 6, Zambelli 5.5, Baggi P. 5 (25’ st Binetti 5.5), Parravicini 6, Cariello 6 (32’ st Lizzola 6), Aranotu 6 (24’ st Paghera 6). A disp. Romeda, Rota, Spampatti, Malvestiti. All. Valenti 6.
ARBITRO: Santarossa di Pordenone 6.5.
ASSISTENTI: Santini di Savona e Di Meo di Nichelino.
AMMONITI: Aranotu (S), Di Lauri (S), Brognoli (F), Sacchini (S), Spaneshi (F), Sanogo (F).

LE PAGELLE

FANFULLA
Cizza 6 Non riceve nemmeno un tiro in porta. Mantiene alta la concentrazione e va più che bene così.
Baggi A. 6.5
Prima stretto, poi largo, poi ancora stretto. Cambia poco, la sua duttilità gli consente di giocare ovunque e di non calare di rendimento.
Bernardini 6
Impreciso nei cross, ma ordinato e attento sulla sinistra. (51’ st Sanogo sv).
Guerrini 6.5
Cervello del centrocampo bianconero, è utile anche in fase di non possesso con contrasti e posizionamenti corretti. (42’ st Laribi sv).
Serbouti 6
Giornata tranquilla, in controllo. Sfiora il gol nel primo tempo, ma Berardelli gli chiude la porta.
Fabiani 6
Con Pascali squalificato è lui a comandare il reparto arretrato. Lo fa bene, vista anche l’inesistenza offensiva dello Scanzo.
Qeros 7
Quando parte dalla destra è inarginabile. Pesca nel primo tempo Serbouti che non realizza. Nella ripresa offre a Palmieri un altro cioccolatino, questa volta concretizzato al meglio.
45’ st Anastasia 6.5 Entra e chiude i conti da pochi passi.
Brognoli 6
Rientra dalla squalifica rimediando immediatamente un giallo. Corre tanto e aiuta il centrocampo.
De Angelis 6
Il gol manca da tanto, troppo tempo, ma si rende utile come al solito in svariati modi. Lodevole il recupero che porta al 2-0.
Palmieri 7
Ogni tanto opta per un tocco di troppo che rallenta l’azione. Ma è sempre pimpante e attivo in mezzo al campo e il gol pesa, e non poco. (38’ st Bertelli sv).
Cirigliano 5.5
Il discorso è sempre lo stesso. Corre come un dannato, ma è troppo impreciso al tiro e oggi anche nella rifinitura. (44’ st Spaneshi sv).
All. Ciceri 7
Prima a tre dietro, poi a quattro, poi di nuovo a tre. Poco importa, altro giro, altra vittoria.

 

SCANZOROSCIATE
Berardelli 6.5 Si oppone a Qeros e Serbouti nel primo tempo, salvando il risultato. Non può nulla sulla testata da pochi passi di Palmieri e sulla zampata di Anastasia.
Cazzago 6.5
Attento in fase difensiva, ma soprattutto sempre lucido quando deve giocare la palla. (39’ st Stefanoni sv).
Mangili 6
Bloccato dietro e poco propenso alla fase offensiva, tiene bene botta su Qeros. (35’ st Mazza).
Di Lauri 6.5
Scherma molto bene i suoi centrali, intercettando diverse iniziative avversarie. Sempre a testa alta, massimo a due tocchi, avvia l’azione dei suoi.
Gambarini 6
Il marcantonio della difesa giallorossa è attento e tempestivo nelle chiusure, soprattutto quelle aeree, sfruttando la sua imponente stazza.
Sacchini 6
Segue le orme del suo compagno di reparto e disputa una partita seria, senza sbavature.
Zambelli 5.5
Tiene la posizione e poco altro, non dà mai l’impressione di essere pericoloso.
Baggi P. 5
Il più in ombra a metà campo. Non trova la sua collocazione in campo e risulta invisibile. (24’ st Binetti).
Parravicini 6
Generoso. Combatte su ogni campanile alzato dai suoi compagni, prende botte, le dà. Difficile chiedergli di più.
Cariello 6
Poco servito dato il tema tattico della gara ma, quando viene servito, ha la palla incollata al piede e non la perde mai. (32’ st Lizzola).
Aranotu 6
Liscia malamente la migliore delle occasioni dello Scanzo, ma si impegna fino a quando è in campo, svariando e dando fastidio ai difensori avversari. (24’ st Paghera).
All. Valenti 6
I suoi disputano un’ottima fase difensiva, ma sono quasi inesistenti davanti.

 

ARBITRO
Santarossa di Pordenone 6.5 Sicuro nelle decisioni, ammonisce quando deve.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli