18 Giugno 2021

Insulti su Facebook al Ministro Teresa Bellanova, il comunicato del NibionnOggiono su Davide Castagna: «Ci dissociamo»

Le più lette

Sporting Franciacorta Serie D: Emanuele Bruni non è stato confermato come allenatore dei bresciani

Promosso dall'Under 19 per centrare la salvezza dallo Sporting Franciacorta, Emanuele Bruni è riuscito a centrare l'obiettivo, ma non...

Eccellenza, il Rivoli Calcio diventa gestore del Vavassori e dei campi di via Orsiera: firmata la convenzione

«Habemus campi». Molto probabilmente non sono state le prime parole del presidente del Rivoli Calcio, Agostino Scozzaro, ma il...

Torneo Eusalp, esordio con sconfitta per la Lombardia: un gol nel finale incorona Bolzano

Si apre con una sconfitta il cammino al Torneo Eusalp della Lombardia. La formazione di Matteo Medici si è...
Dennis Carzaniga
Dennis Carzaniga
Caposervizio Redazione Lombardia

Tramite un comunicato ufficiale apparso sui canali social della società, il NibionnOggiono ha voluto prendere le distanze su quanto pubblicato sul suo profilo Facebook da Davide Castagna, attaccante classe 1991 ex di Lecco, Pro Sesto e Olginatese tra le altre. Oggetto del post, poi prontamente cancellato, il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova. «La società ASD NibionnOggiono – si legge nel comunicato – appresa la notizia di affermazioni diffamatorie rivolte alla Sig.ra Ministra Bellanova dal proprio tesserato sig. Castagna Davide su un suo canale sociale personale, si dissocia fermamente e formalmente dalle stesse, sia per quanto riguarda i toni che i contenuti. Nell’esprimere sincera vicinanza al Ministro, la ASD NibionnOggiono, ribadendo la propria totale estraneità, precisa che le affermazioni sono state espresse dal Tesserato esclusivamente a titolo personale e che la stessa Società si ritiene parte offesa riservandosi, quindi, di agire con l’ausilio del proprio legale nei confronti dello stesso per il danno d’immagine subito. Da ultimo, la ASD NibionnOggiono comunica che il tesserato è stato immediatamente sospeso dall’attività agonistica della prima squadra in quanto il comportamento tenuto dallo stesso è ben lontano dalla sana e morigerata etica sportiva a cui la Società si è sempre ispirata e che si riserva di adottare le successive opportune e necessarie determinazioni, tra cui l’ipotesi di risoluzione contrattuale».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli