21 Aprile 2021

Lavagnese-Arconatese Serie D: Livieri sfrutta le ali per realizzare il sorpasso, a Lavagna molto da cancellare per i Ranieri boys

Le più lette

Sporting Franciacorta Serie D: Zattarin esonerato, al suo posto Bruni dell’Under 19

Gianluca Zattarin non è più l'allenatore dello Sporting Franciacorta. La terza sconfitta consecutiva, tutte senza segnare una rete e...

Brianza Olginatese-Castanese Eccellenza: uragano bianconero, Pizzini cala il tris e rilancia Arioli

La Brianza Olginatese spazza via la Castanese imponendosi con il risultato rotondo di 5-0. Dopo la sconfitta di domenica...

Alessandria-Caprera Serie C Femminile: Angelica Dalerba mette le ali, compagne salve dalla beffa

Il pari sta stretto all'Alessandria per gioco e possesso palla. Le due strepitose parate del portiere grigio Angelica Dalerba...

Complice una serie di risultati negativi dei padroni di casa (solo 3 punti nelle ultime 6 partite, ottenuti per giunta contro il fanalino di coda Fossano) e una bella trafila di risultati utili dell’Arconatese, al Riboli va in scena non solo uno scontro tra due squadre appaiate in classica, ma anche un vero e proprio sorpasso in graduatoria. Infatti, la vittoria dei lombardi permette a Livieri di arrivare alla gara di domenica contro il Chieri con la giusta serenità.

Le novità di formazione in casa Arconatese sono molteplici, anche a causa dei match ravvicinati: dal primo minuto parte Principi a metà campo in coppia con Vecchierelli, mentre in avanti spazio a Marra-Pastore per far rifiatare Santonocito e Pavesi. Le modifiche più evidenti riguardano però la difesa, dove Gatelli e Marcone trovano spazio e permettono così a Menegazzo di riprendersi il proprio ruolo da laterale di destra, con anche la fascia al braccia. Manco a dirlo, bastano 53 secondi per vederlo eseguire un taglio da manuale, sfuggire alla marcatura del giovane Profumo ed insaccare la rete del vantaggio oroblù. Il gol è un’iniezione di fiducia per la squadra di Livieri, entrata in campo con il piglio giusto. Il pressing è sempre alto ed intenso, la palla gira a 2 tocchi e sempre con l’obiettivo di arrivare alla conclusione. La risposta della Lavagnese porta la firma dell’esterno destro D’Orsi, uno dei più abili nel dribbling, che dalla metà campo giunge sin dentro l’area di rigore, vedendosi però respinta la conclusione. Il trio difensivo guidato da Bianchi è abile nelle letture, nelle marcature preventive, ma anche nella circolazione di palla, che comincia sempre da uno dei due braccetti. Inoltre, la trappola del fuorigioco funziona a menadito. La chiave tattica della Lavagnese è invece quella di innescare le ali con profonde sventagliate, cambiando quindi rapidamente campo per attaccare il lato lasciato scoperto dall’Arconatese. Nella seconda frazione di gioco Livieri effettua subito un cambio: fuori Marconi, dentro Ientile. Si intuisce, sin dai primi minuti, che le ali oroblù continueranno ad essere un pericolo per la difesa della Lavagnese: dopo soli 10 minuti ecco il pareggio dei lombardi. Marra si defila sulla destra, salta l’uomo ed effettua un cross teso sul quale si presenta Foglio. Lo 0-2 fredda la squadra di casa, che aveva anche cominciato bene la ripresa, realizzando una serie di azioni ben congeniate (anche se bloccate dal fuorigioco notificato dall’assistente). La proposta offensiva della Lavagnese nasce dai piedi di Cantatore, che con una staffilata intorno al 63′ obbliga Botti alla respinta in corner. Sugli sviluppi del calcio d’angolo nasce l’errore che avrebbe potuto cambiare le sorti della gara: Ientile spinge ingenuamente Rossini e l’arbitro assegna il calcio di rigore. Penalty realizzato da Buongiorno e gara riaperta con ancora 30 minuti da giocare. Un regalo nato da un calo di concentrazione bello e buono, anche perché fino a quel momento i padroni di casa non erano riusciti a far rientrare a referto alcuna occasione degna di nota. Da quel momento però, l’Arconatese si impaurisce, rischiando di compromettere una partita dominata per lunghissimi tratti. Il cambio di atteggiamento denota il principale problema di questa squadra: non la tattica, bensì la mentalità, poiché non è la prima volta che una rete (anche fortunosa o carambolesca) mina le sicurezze degli oroblù. Gli ingressi di Oddiego e Romanengo vivacizzano maggioramente l’attacco dei padroni di casa, ed è proprio lo stesso Oddiego a pennellare per Cantatore, che si vede respingere la conclusione di testa da un miracoloso Botti. L’espulsione di Rossini a 5 dalla fine mette fine alle sofferenze degli ospiti, che chiudono la gara tirando un sospiro di sollievo: questi 3 punti sono meritati, ma è troppo semplice affliggere gli umori dei ragazzi di Livieri.

IL TABELLINO

Lavagnese-Arconatese 1-2 (0-1, 1-2)
RETI: 1′ pt Menegazzo (A), 10′ st Foglio (A), 21′ st Buongiorno (L)
Lavagnese (4-4-2): Boschini 6, Oneto 5, Profumo 5.5, Bacigalupo 5.5, Basso 6, Rossini 4, Cantatore 6.5, Alluci 6, Buongiorno 6.5, D’Orsi 6 (25′ st Addiego 6.5), Rovido 5 (20′ st Romanengo 6.5). A disp. Bova, Di Lisi, Orlando, Bei, Bagnato, Di Vittorio, Tripoli. All. Ranieri 5.5
Arconatese (3-4-1-2): Botti 7, Marcone 6 (1′ st Ientile 5), Gatelli 6, Vecchierelli 7, Bianchi 6.5, Principi 6.5 (30′ st Romeo SV), Menegazzo 7, Foglio 6.5, Gobbi 6.5 (25′ st Santonocito 6), Pastore 5 (30′ st Albini SV), Marra 6 (34′ st Pavesi SV). A disp. Alio, Di Maggio, Coulibaly, Serafini. All. Livieri 6.5
Arbitro: Gregoris di Pescara 6
Assistenti: Pinna di Pinerolo e Zanon di Vicenza
Amm: Oneto(L), Foglio(A), Basso(L), Ientile(A)
Esp: 40′ st Rossini(L)

LE PAGELLE

LAVAGNESE

Boschini 6 Senza colpe sui gol, sempre attento se chiamato in causa.
Oneto 5 Prestazione negativa da parte di uno dei giocatori più affidabili della rosa. Capita a tutti.
Profumo 5.5 Nel complesso non una cattiva prova, ma pesa la semplicità con la quale si perde Menegazzo dopo appena 53 secondi.
Bacigalupo 5.5 Qualche disimpegno errato di troppo.
Basso 6 Impedisce ogni tipo di estro e giocata a Pastore.
Rossini 4 Non così male nel corso dei suoi 85 minuti, ma prendere un cartellino rosso a 5 dalla fine, in una partita dove l’inerzia è passata in mano ai tuoi, non può essere giustificabile. Tanto più se a commettere l’ingenuità è qualcuno con il suo curriculum.
Cantatore 6.5 Senza dubbio il più pericoloso dei giocatori offensivi di Ranieri. Ci prova in ogni modo, persino di testa, ma Botti vince il duello.
Alluci 6 Lavoro di grande intelligenza tattica per tutti i 90 minuti, anche se leggermente macchiato da alcuni errori tecnici.
Buongiorno 6.5 La torre di Lavagna si prende la responsabilità del rigore e realizza senza particolari apprensioni. Alza il livello col passare dei minuti.
D’Orsi 6 Il migliore negli strappi, è in grado di condurre il pallone pericolosamente per lunghi tratti di campo. Spesso, troppo spesso, perde però i tempi per la giocata migliore (25′ st Addiego 6.5 Si mette a disposizione della squadra e gioca 20/25 minuti ad alto livello)
Rovido 5 Non riesce mai a rendersi pericoloso nonostante gli inviti dei compagni (20′ st Romanengo 6.5 Ingresso positivo)
All. Ranieri 5.5 La sua squadra subisce due gol fotocopia contro un’Arconatese che fa delle ali i propri punti di forza.

ARCONATESE

Botti 7 Puntuale nelle uscite alte, infonde sicurezza a tutta la squadra. Nel secondo tempo disinnesca un paio di tiri pericolosi, prodigioso in particolare sul colpo di testa di Cantatore. Si conferma un prodigio.
Marcone 6 Con Menegazzo completa una catena di destra affidabile sia a difendere che a costruire (1′ st Ientile 5 La disattenzione che riapre la partita porta la sua firma. Avrebbe potuto costar caro)
Gatelli 6 Sempre vigile e attento.
Vecchierelli 7 Prova di spessore del tuttocampista di Livieri: corre e lotta, ma ha anche la qualità nel far cominciare l’azione, dettare i tempi o far cambiare marcia ai suoi. Con un pizzico di concentrazione in più in alcune giocate può alzare maggiormente il proprio status.
Bianchi 6.5 Leader difensivo oroblù, guida i suoi e vince tutti i duelli con le punte. Si concede anche qualche galoppata palla al piede.
Principi 6.5 Segue il ritmo di Vecchierelli: qualità e quantità come richiedono i compiti dei due mediani (30′ st Romeo SV)
Menegazzo 7 Pronti via, cambia subito l’inerzia della gare. L’analisi su questo ragazzo non va fatta sulla sua prestazione di oggi, ma sulla duttilità e sulla completezza del proprio bagaglio tecnico. Non può uscire dal campo, oggi ne ha dato nuovamente dimostrazione.
Foglio 6.5 Come per Menegazzo, è autore della rete del momentaneo 2-0 ed è, giornata dopo giornata, imprescindibile su quella fascia sinistra. A causa di qualche colpo, cala di livello nel finale e rischia di concedere qualcosa di troppo al suo avversario.
Gobbi 6.5 Momento di forma straordinario. Con grande classe inventa le giocate e con grande sacrificio lotta e guadagna (25′ st Santonocito 6)
Pastore 5 Non riesce ad entrare in partita (30′ st Albini SV)
Marra 6 Dopo tante gare da subentrato, gioca dal primo minuto una buona gara, aiutando i compagni. La qualità c’è, ora occorre mantenere il livello al massimo nel corso di tutta la partita. (34′ st Pavesi SV)
All. Livieri 6.5 Calcio, coraggio, idee e proposta. Ottimo lavoro, anche se una disattenzione rischiava di costargli 2 punti pesanti. Deve lavorare sulla mentalità dei suoi.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0