12 Maggio 2021

NibionnOggiono Serie D, Commisso amaro dopo la sconfitta con la Real Calepina: «Noi lenti e puniti da un episodio»

Le più lette

Varzi-Alcione Eccellenza: Truzzi chiama su assist di Selpa, Caputo risponde su invito di Lopane

ll big match del girone B termina sul punteggio di 1-1. Entrambe falliscono la prima possibilità di minifuga: il...

Torino-Sampdoria Under 17: Toma e Vaiarelli non bastano, colpo blucerchiato con super Polli

Gli errori aiuteranno a crescere, come ha affermato il tecnico Menghini a fine partita, però lasciano l'amaro in bocca...

Caravaggio-Casatese Serie D: Tricarico rimane in dieci e Basanisi, Messaggi e Bangal fanno tris

Vittoria fondamentale per il Caravaggio che con questi tre punti accorcia le distanze con le concorrenti ai playout e...

Giuseppe Commisso analizza così la sconfitta del suo NibionnOggiono contro la Real Calepina a margine del triplice fischio: «Abbiamo preparato la gara proprio come poi alla fine si è voluta. Ci aspettavamo una Real Calepina con un atteggiamento difensivo perché venivano da cinque sconfitte di fila e quindi tutto portava a una partita tosta contro una formazione che pensava prima a non prenderle, cosa che hanno sempre avuto nell’ultimo periodo nonostante le sconfitte». I lecchesi perdono così la possibilità di scavalcare il Crema, sconfitto in casa dal Brusapoto, e agganciare così il terzo posto. Il tecnico dei lecchesi continua nell’analisi della gara valevole per la 26° giornata deìi Serie D: «Siamo stati imprecisi nella manovra e poco lucidi, in partite del genere poi l’episodio risulta decisivo. Dopo lo svantaggio non abbiamo velocizzato il gioco, solo nella fase iniziale del secondo tempo siamo stati bravi a prendere campo ma di occasioni nitide nostre non ne conto. Spiace non aver dato continuità alla buona prova di sabato, è un limite di personalità di una squadra giovane, che però sta facendo benissimo».

Il NibionnOggiono è chiamato a una rapida reazione in casa di un’altra squadra alla ricerca di punti per la salvezza come lo Scanzorosciate. I giallorossi di Valenti hanno subito un 2-0 per mano del Fanfulla arrivato solamente, però, nella ripresa, con il raddoppio firmato da Anastasia siglato a inizio recupero. Poi guardando un po’ più in là ecco la capolista Seregno, che grazie al solito Alessandro è riuscito a superare il Breno e ora è a +5 dalla Casatese, caduta nell’extra time per mano del Ponte San Pietro.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli