17 Maggio 2021

Ponte San Pietro-Casatese Serie D: Capelli risponde a Isella, poi Mandelli gela Tricarico in pieno recupero

Le più lette

Il giovane di Eccellenza B: Giacomo Giacca, gol da rapace al fotofinish

Ne aveva già fatto uno prima della sospensione, non ha ovviamente perso tempo per timbrare nuovamente il cartellino: nella...

Lucento-La Biellese: la lavagna tattica di Andrea Mantegari

Partita poco spettacolare quella tra La Biellese di Alberto Rizzo e il Lucento di Gianfranco Maione: entrambe hanno preferito...

Renate-Modena Under 17: remuntada giallo schocking, i Canarini rimettono “in gabbia” le Pantere

Non passerà alla storia come la celebre rimonta subita dal Milan col Liverpool nella finale di Champions del 2005...

Sconfitta pesantissima per la Casatese, battuta 2-1 dal Ponte San Pietro in rimonta, che vede il Seregno allungare in testa alla classifica portando a cinque le lunghezze di vantaggio. Ai biancorossi non è bastato il decimo centro stagionale di Mattia Isella, coi bergamaschi che hanno ribaltato il risultato grazie alle reti di Capelli e Mandelli. Il successo non basta ai bancoblu per uscire dalla zona playout, a causa delle contemporanee vittorie di Sona e Real Calepina, che conservano così un punto di vantaggio. Le squadre si presentano al match in condizioni opposte: con la sconfitta di Desenzano, il Ponte San Pietro ha interrotto una serie di quattro risultati utili consecutivi, ed è affamato di punti per uscire dalla zona calda; ribaltando in extremis lo Scanzorosciate, la Casatese stava provando a uscire da una crisi che le era costata due sconfitte consecutive, contro NibionnOggiono e Fanfulla, oltre al primo posto a vantaggio del Seregno. Per tentare lo sgambetto ai più quotati rivali, Curioni conferma quasi interamente la formazione schierata domenica scorsa: unica eccezione la presenza del giovane Bonassi, classe 2004, al posto di Rota. Rotazioni più accentuate per Tricarico, che ritrova Perez e Sordillo, entrambi nuovamente a disposizione dopo aver scontato la squalifica, e si affida a Mandelli in mezzo al campo.

 

Palo Ruggeri. Com’era lecito aspettarsi nella sfida tra due delle migliori difese del campionato, a regnare nella prima frazione è l’equilibrio, con le squadre che faticano a creare nitide occasioni da rete. A rendersi pericolosi per primi sono gli ospiti, grazie a un bello scambio tra Isella e Pontiggia sulla sinistra, con quest’ultimo che guadagna il fondo e prova a servire Mandelli al centro, ma l’assist non è preciso e la palla attraversa tutta l’area piccola, sfilando oltre il secondo palo. Sul ribaltamento pronta riposta dei bergamaschi: azione personale di Ibe che sguscia via tra Perez e Perego e calcia forte sul primo palo, dove Ferrara fa buona guardia e para in due tempi. Talvolta è la mancanza di precisione nel controllo a impedire di concretizzare buone opportunità, come avviene quando Bonassi stoppa male sul secondo palo un cross di Ruggeri, imitato tre minuti più tardi da Isella, liberato in area da Mandelli. Padroni di casa vicinissimi al vantaggio al 34’: Ibe sporca un passaggio di Sordillo per Perez, Ruggeri controlla al limite dell’area e piazza la sfera sul secondo palo, centrando in pieno il montante a portiere battuto. Negli ultimi minuti prima dell’intervallo le squadre si allungano scoprendo il fianco alle offensive avversarie. Al 42’ Baldan realizza di testa a due passi dalla porta, ma il suo urlo di gioia viene strozzato dalla bandierina alzata del guardalinee, che segnala come il pallone sia uscito sul cross di Pontiggia. Due giri di orologio più tardi Ruggeri premia il taglio di Capelli alle spalle della difesa. Il bomber biancoblu aggira Ferrara ma, da posizione defilata, non riesce a inquadrare lo specchio della porta.

 

Ribaltone. Dopo i tentativi fuori misura di Alborghetti e Baldan, entrambi su calcio d’angolo, è la Casatese a passare in vantaggio al 19’: Pontiggia arretra per ricevere palla e serve la sovrapposizione del neoentrato Alessio Frigerio, che entra in area dalla destra e premia il taglio sul primo palo di Isella, che anticipa Alborghetti e batte Pagno da due passi. I padroni di casa non si lasciano scoraggiare dallo svantaggio e ristabiliscono la parità dopo soli quattro minuti, grazie a un bel cambio di gioco di Ferreira Pinto per Capelli che ha spazio per puntare Alessio Frigerio, rientrare sul destro e superare Ferrara, colpevolmente sorpreso dalla traiettoria non troppo angolata. Tricarico prova a inserire forze fresche esaurendo le sostituzioni già alla mezz’ora, ma i suoi ragazzi faticano a trovare soluzioni per scardinare la difesa avversaria. A rendersi pericoloso è allora il Ponte San Pietro, che approfitta dello sbilanciamento degli ospiti per sfruttare le praterie in contropiede. Al 30’ è Ruggeri a servire Ibe in profondità, col numero 9 che, giunto davanti a Ferrara, preferisce cercare Ferreira Pinto sul secondo palo piuttosto che tentare la conclusione, permettendo a Bello di deviare il pallone rifugiandosi provvidenzialmente in corner. Per i biancorossi ci provano prima Isella con un’azione personale, poi Sassella in acrobazia, ma entrambi non riescono ad impensierire Pagno. Al 49’, con la partita indirizzata verso il pareggio, Mandelli recupera un pallone sulla trequarti offensiva anticipando Pontiggia e, dai trenta metri, scarica una sassata di che toglie le ragnatele dal sette alla destra di Ferrara. Domenica il Ponte San Pietro farà visita allo Sporting Franciacorta, squadra a caccia di un posto nella postseason ma che arriva da due sconfitte consecutive. La Casatese ospiterà il Sona, formazione in piena bagarre per evitare i playout e reduce dalla preziosa vittoria sulla Virtus Ciserano.

IL TABELLINO 

PONTE SAN PIETRO-CASATESE 2-1
RETI: 19’ st Isella (C), 23’ st Capelli (P), 49’ st Mandelli (P).
PONTE SAN PIETRO (4-3-3): Pagno 6.5, Salvi 6, Kritta 5.5 (26’ st Zenoni sv), Mandelli 7.5, Costa 6, Alborghetti 5.5, Ruggeri 7.5, Bonassi 5.5 (32’ st Ferrari sv), Ibe 6.5, Ferreira Pinto 6.5, Capelli 7 (43’ st Sonzogni sv). A disp. Nozza Bielli, Mara, Zambelli, Brignoli, Rota, Moraschi. All. Curioni 7.
CASATESE (4-3-1-2): Ferrara 5, Sordillo 5.5 (1’ st Frigerio A. 6.5), Frigerio F. 6, Perez 5.5 (31’ st Gaeta sv), Morganti 6, Perego sv (11’ Bello 7), Mandelli 6.5 (26’ st Sassella sv), Baldan 6 (12’ st Candido 5.5), Pennati 5, Isella 7, Pontiggia 7. A disp. Pirola, Morlandi, Crea, D’Amuri. All. Tricarico 5.5.
ARBITRO: Mirabella di Napoli 7.
ASSISTENTI: Fedele di Lecce e Festa di Barletta.
AMMONITI: Morganti (C), Ferrari (P).

LE PAGELLE

PONTE SAN PIETRO
Pagno 6.5
Anche se la Casatese non lo impegna tantissimo, lui para tutto il parabile arrendendosi soltanto alla deviazione ravvicinata di Isella.
Salvi 6
Pontiggia si allarga spesso per provare ad affondare dalla sua parte. Dopo qualche affanno a inizio primo tempo, prende bene le misure non concedendo più nulla sulla corsia di destra.
Kritta 5.5
Si fa sorprendere dalla sovrapposizione di Alessio Frigerio in occasione del vantaggio ospite. (26’ st Zenoni sv).
Mandelli 7.5
Se la Casatese è costretta ad allargare il gioco sulle ali è perché lui alza una barricata davanti alla difesa, annullando Pennati e chiudendo ogni varco centralmente. Condisce l’ottima prestazione con la perla che vale i tre punti.
Costa 6
Isella è un cliente scomodo, ma lui riesce a limitarne la pericolosità concedendogli pochissimo spazio.
Alborghetti 5.5
Si sapeva che non sarebbe stata una partita semplice contro il secondo miglior attacco del torneo. Non raggiunge la sufficienza solo perché si fa anticipare da Isella che sigla l’1-0.
Ruggeri 7.5 Sfiora il gol con un tiro a giro dal limite, che si stampa sul palo interno. Perfetto anche da rifinitore, mettendo Bonassi, Capelli e Ibe a tu per tu con Ferrara.
Bonassi 5.5
Lo stop sbagliato a due passi dalla porta che fa svanire una ghiotta occasione da rete, macchia una buona prestazione in cui non si fa intimidire da avversari più esperti, provando anche a inserirsi in area quando ne ha l’opportunità. (32’ st Ferrari sv).
Ibe 6.5
Svaria su tutto il fronte offensivo risultando una costante spina nel fianco della difesa biancorossa. Peccato che gli manca quel pizzico di cattiveria sotto porta, scegliendo l’assist anche quando sarebbe preferibile tentare la conclusione.
Ferreira Pinto 6.5
Non ha l’atletismo dei tempi migliori ma la classe è intatta, e la mette al servizio della squadra con passaggi e lanci illuminanti. Mette lo zampino nel gol del pareggio con un cambio di gioco millimetrico.
Capelli 7
La prima volta grazia Ferrara mettendo a lato dopo averlo superato, la seconda non sbaglia realizzando la nona rete del suo campionato. Una certezza. (43’ st Sonzogni sv).
All. Curioni 7
La squadra conferma i progressi già visti negli ultimi mesi superando una delle principali forze del campionato. Anche se non è ancora fuori dalla zona playout, continuando su questa strada appare difficile rivederla in quella posizione a fine torneo.

 

CASATESE
Ferrara 5
Nel primo tempo viene graziato prima da Capelli, che a porta vuota mette sul fondo, poi dal palo che respinge la conclusione di Ruggeri. Lo scampato pericolo non lo sveglia, anzi sull’1-1 ha più di una responsabilità, consentendo a un tiro tutt’altro che irresistibile di insaccarsi al centro della porta.
Sordillo 5.5
Rischia la frittata quando effettua con sufficienza un passaggio al limite della sua area, ma viene salvato dal palo. Poco propositivo quando c’è da accompagnare l’azione, probabilmente spaventato dalla presenza minacciosa di Capelli sulla sua fascia.
1’ st Frigerio A. 6.5
Gli bastano meno di venti minuti per incidere sulla partita servendo un assist perfetto a Isella. Meno bene sul fronte difensivo, in particolare concedendo troppo spazio a Capelli sul gol dell’1-1.
Frigerio F. 6
Dà scarso supporto alla manovra offensiva, forse preoccupato dalla presenza di Ferreira Pinto sulla sua corsia. Soffre solo quando viene lasciato in inferiorità numerica dai compagni.
Perez 5.5 Ogni azione della Casatese transita dai suoi piedi, ma non riesce a trovare la chiave per scardinare l’arcigna difesa bergamasca. (31’ st Gaeta sv).
Morganti 6
Ibe è una scheggia impazzita che spazia su tutto il fronte d’attacco, lui riesce a limitarlo centralmente disputando una partita molto attenta.
Perego sv
Un infortunio lo costringe ad abbandonare il campo dopo soli dieci minuti.
11’ Bello 7
Costretto ad entrare a freddo per l’infortunio di Perego, non si fa cogliere impreparato sbrogliando alcune situazioni complicate con almeno due interventi provvidenziali.
Mandelli 6.5
A inizio partita non arriva per centimetri sul cross basso di Pontiggia, poi si traveste da assist-man rubando palla sulla trequarti e mettendo Isella davanti al portiere. In generale offre una prestazione convincente su entrambi i lati del campo. (26’ st Sassella sv).
Baldan 6
Molto meglio quando s’inserisce in area avversaria, come dimostra il gol annullato nel finale di primo tempo, che quando ci sono da rincorrere gli avversari che partono in contropiede.
12’ st Candido 5.5
Dovrebbe essere il più fresco in mezzo al campo eppure non si nota, non riuscendo a incidere sul match come auspicato dal suo allenatore.
Pennati 5
Non riesce mai a entrare in partita, toccando pochi palloni e nessuno in modo utile a creare un pericolo per la porta di Pagno.
Isella 7
La prima volta perdona il Ponte San Pietro controllando male l’assist di Mandelli, la seconda arriva puntuale sul cross di Alessio Frigerio regalando il vantaggio ai suoi.
Pontiggia 7
È il vero regista offensivo della squadra, svariando su tutto il fronte d’attacco alla ricerca di spazi per far male alla difesa. Costruisce diverse occasioni e anche l’azione del vantaggio parte dai suoi piedi. Nel finale si dimentica di rincorrere Mandelli una volta anticipato, non provando nemmeno a contendergli il pallone, permettendogli così di calciare indisturbato e realizzare il 2-1.
All. Tricarico 5.5
Dopo aver incassato soltanto 17 gol nelle prime 21 giornate, ne ha concessi ben 8 nelle ultime cinque, con la difesa che anche oggi è parsa tutt’altro che imperforabile. Deve ritrovare rapidamente il bandolo della matassa se vuole continuare a sognare il primo posto. 

 

ARBITRO
Mirabella di Napoli 7
Dirige la partita con personalità, sorvolando sui contatti più veniali e favorendo lo spettacolo.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli