10 Aprile 2021

Ponte San Pietro – Real Calepina Serie D: Bosio entra e regala tre punti a Carminati, padroni di casa senza ritmo e mai pericolosi

Le più lette

Podcast dalla redazione: gli argomenti di Sprint e Sport in edicola lunedì 12 aprile

Torna l’appuntamento settimanale con la riunione di redazione per definire gli argomenti di Sprint e Sport che sarà in...

Scanzorosciate, Matteo Speranza sul futuro: «Ho varie opzioni fra le quali scegliere, ma non escludo la permanenza»

Il futuro di Matteo Speranza è ancora un libro aperto, tutto da scrivere. Allo Scanzorosciate da un anno, il...

Lecco Primavera 3, ufficiali le dimissioni di Giovanni Cristiano: panchina affidata a Roberto Mastrolonardo

Lo avevamo anticipato questa mattina, ora è arrivata anche la conferma ufficiale da parte della società: Giovanni Cristiano non...

Successo di misura della Real Calepina che si aggiudica il derby bergamasco per 0-1 grazie alla rete del subentrato Bosio. Ospiti che tornano alla vittoria dopo la pausa forzata di due giornate a causa dei contagi in rosa. I padroni di casa interrompono a sei la striscia di risultati utili; i ragazzi di Curioni sono apparsi stanchi e privi di ritmo quest’oggi causa probabile le tre partite disputate nell’arco di sette giorni.
Gara che inizia a ritmi abbastanza blandi da entrambe le parti, con gli ospiti che in fase di non possesso si schierano in maniera molto abbottonata concedendo ben pochi spazi alla squadra di Curioni che cerca di trovare soluzioni offensive sfruttando soprattutto le corsie esterne, in special modo con Zambelli che sull’out di sinistra riesce più di una volta a guadagnare punizioni in posizioni interessanti o a crossare in area; il numero 3 è sicuramente uno dei migliori nella prime fase di gara. Nonostante una certa preminenza di gioco dei padroni di casa, la prima vera occasione da gol è per gli ospiti: sugli sviluppi di un calcio piazzato dalla sinistra Paris colpisce da pochi metri ma trova una gran risposta di Pagno che fa buona guardia sul proprio palo. Gli uomini di Carminati dopo i primi venti minuti sembrano essersi sciolti e appaiono decisamente più convinti in fase offensiva, con Cerri che si sovrappone bene a destra e mette una palla interessante per Gullit, contrastato bene da Mara. La prima vera occasione per i padroni di casa arriva solo al 27’: Ferreira Pinto da calcio d’angolo mette un pallone delizioso sulla testa di Sonzogni, che colpisce bene ma è prodigioso il riflesso di Gherardi che vola e ferma il pallone sulla linea di porta. Portieri che continuano ad essere protagonisti della gara quando dopo pochi minuti è la Real Calepina ad andare vicina al vantaggio: Gullit impatta bene di testa ma Pagno vola e respinge la conclusione indirizzata sotto la traversa; salgono a quota due gli interventi determinanti dell’estremo difensore dei padroni di casa. Ponte San Pietro che torna a farsi pericoloso a dieci minuti dal termine del primo tempo con Ibe che tenta la conclusione di sinistro da posizione defilata, ma la rasoiata esce a destra della porta. Ultimo episodio del primo tempo vede i padroni di casa lamentarsi per un contatto di mano in area di rigore, classico episodio “da Var” ma il direttore di gara lascia proseguire. Finisce dunque a reti bianche un primo tempo che ha regalato ben poche emozioni e tutte su calcio piazzato, protagonisti entrambi gli estremi difensori che si sono esaltati con interventi provvidenziali.
Nella ripresa gli ospiti sembrano essere scesi decisamente meglio in campo, alzando di molto il pressing, e dopo appena due minuti Lussignoli va vicino al gol recuperando bene il pallone sul giro palla di Costa e tentando la conclusione da posizione defilata, ma la rasoiata esce di poco. Derby che continua a rimanere bloccato con entrambe le squadre che faticano molto a trovare la via della porta avversaria se non tramite dei calci piazzati, nei quali entrambe continuano ad essere pericolose. Al quarto d’ora sono ancora gli uomini di Carminati a creare spettacolo con una triangolazione ad altissimo tasso tecnico sulla sinistra del campo che vede Gullit e Chiossi liberare Giangaspero, il cui traversone è però fuori misura. Alla mezz’ora finalmente il Ponte San Pietro riesce ad affacciarsi in avanti con più decisione grazie a Capelli che parte dal centrosinistra e si mette in proprio saltando tre avversari e arrivando fino all’area piccola; è ottima l’uscita di Gherardi che si avventa sul pallone appoggiato per Manzoni. Partita che sembra indirizzata a concludersi a reti bianche, quando a pochi minuti dal termine la difesa di casa concede agli ospiti decisamente troppo spazio: buono il dialogo sulla destra che porta al cross dal fondo, Bosio è clamorosamente libero di colpire di testa e in girata insacca il pallone alle spalle del portiere che questa volta non può proprio metterci una pezza. Negli ultimi minuti di gara i Blues tentano di aumentare il proprio baricentro e creare pericoli alla retroguardia ospite ma senza risultati, finisce dunque 0-1 la gara.
Partita avara di emozioni che ha visto confrontarsi due squadre forse non al top della forma e più preoccupate di non perdere piuttosto che di vincere, così sarebbe andata senza l’errore decisivo dei padroni di casa sul finale.

IL TABELLINO

PONTE SAN PIETRO 0
REAL CALEPINA 1
RETE: 39’ st Bosio.
PONTE SAN PIETRO (4-3-3): Pagno 6.5, Salvi 6, Zambelli 6.5 (40’ st Moraschi sv), Mandelli 6.5 (7’ st Rota 6), Costa 5, Mara 5.5, Sonzogni 6, Bonassi 6 (38’ st Kritta sv), Ibe 5.5 (15’ st Manzoni 6), Ferreira Pinto 5, Capelli 5.5. A disp.: Nozza, Zenoni, Alborghetti, Brignoli, Milesi. All. Curioni 5.
REAL CALEPINA (3-5-2): Gherardi 6.5, Valois 6.5, Messali 6, Cerri 6.5, Paris 6, Lancini 6 (14’ st Belotti 6), Lussignoli 6.5 (33’ st Manenti 6), Esposito 6.5, Giangaspero 5.5 (14’ st Bosio 7), Chiossi 6, Gullit 6 (34’ st Colonetti 6). A disp.: Rossi, Belotti, Lanza, Locatelli, Manenti, Villa, Poma, Colonetti. All. Carminati 6.5.
ARBITRO: Dasso di Genova 7 Sempre vicino all’azione, prende sempre la decisione corretta mantenendo un metro di giudizio uniforme.
AMMONITI: Capelli (P), Messali (R), Valois (R), Ibe (P), Lancini (R).

LE PAGELLE

PONTE SAN PIETRO
All. Curioni 5 La squadra è apparsa priva di energie, forse colpa dei tre impegni settimanali. Peccato perché stava per portarsi comunque a casa un punto importante.
Pagno 6.5 Nel primo tempo salva i suoi con due interventi provvidenziali, tolti questi in pratica non deve compiere altri interventi.
Salvi 6 Gara sicuramente positiva in cui ha mostrato qualità in entrambe le fasi di gioco, però dovrebbe essere più continuo nell’arco della partita.
Zambelli 6.5 Nella prima fase del primo tempo sembra quasi un’ala aggiunta viste le tantissime incursioni a sinistra; abbina qualità a solidità difensiva, bellissimo il suo duello con Valois.
Mandelli 6.5 Nei primi venti minuti di gara domina la scena nel centro del campo con qualità e quantità, sostituito all’inizio della ripresa probabilmente per qualche problema fisico.
Costa 5 Butta via una gara condotta in maniera positiva lasciando Bosio completamente libero di colpire di testa, il suo errore regala tre punti pesanti agli avversari.
Mara 5.5 Più sicuro del suo compagno di reparto ma di certo non è esente da colpe, anche se neutralizza per gran parte della gara un avversario tosto come Gullit.
Sonzogni 6 Sfiora di testa il classico gol dell’ex, per il resto non è particolarmente incisivo in mezzo al campo troppo spesso non riesce ad accelerare il gioco e trova soluzioni di facile lettura per gli avversari.
Bonassi 6 Nonostante la giovanissima età tiene bene il campo in una gara di non semplice lettura a centrocampo; che da questa prestazione possa porre le basi per il futuro.
Ibe 5.5 Pochi palloni giocabili per lui oggi. Un plauso per il pressing generoso fatto per tutto il primo tempo, spesso anche molto ruvido dato che commette numerosi falli fino a farsi ammonire un po’ ingenuamente.
Ferreira Pinto 5 Giornata no. Spesso fuori dalle trame offensive non riesce a fare valere la sua qualità superiore, complice l’attenta marcatura di Messali.
Capelli 5.5 Dopo un primo tempo decisamente opaco la sua prestazione sale di livello nella ripresa, bella l’iniziativa alla mezz’ora che stava per portare al vantaggio. Deve sicuramente trovare più continuità all’interno della gara e partecipare alla manovra in maniera più incisiva.

REAL CALEPINA
All. Carminati 6.5 Dopo le due giornate di stop forzato sicuramente la squadra non poteva avere il ritmo per condurre la gara, infatti attende per buona parte del primo tempo prendendo campo man mano. Azzeccata la scelta di buttare Bosio nella mischia sul finale.
Gherardi 6.5 Compie un solo vero intervento ma di pregevole fattura sul colpo di testa di Sonzogni. È attento anche nell’unica uscita richiesta con cui toglie le castagne dal fuoco alla difesa.
Valois 6 Inizialmente in grande difficoltà su Zambelli, poi prende le misure e nel secondo tempo riesce a guadagnare la superiorità sulla sua fascia di competenza. Il gol parte da una sua iniziativa.
Messali 6.5 Marca in maniera egregia Ferreira Pinto non lasciandogli mai la possibilità di girarsi, gara attenta e convincente la sua.
Cerri 6.5 Il migliore del trio difensivo, all’occorrenza fa anche delle sovrapposizioni fulminee che mandano in crisi la retroguardia avversaria.
Paris 6 Come ex di giornata oggi non deve essere stato semplice per lui, nonostante questo la sua prestazione è soddisfacente; concede poco o nulla a Ibe.
Lancini 6 Non può vincere il duello fisico con Ibe e allora gioca spesso e volentieri d’anticipo, così facendo guadagna parecchi falli nel primo tempo e annulla il centravanti avversario.
Lussignoli 6.5 Sfiora il gol con una bella rasoiata, accompagna spesso le azioni offensive dimostrando di essere tra i più in palla del centrocampo ospite.
Esposito 6.5 Ottima gara davanti alla difesa sia in fase di impostazione che di non possesso, metronomo della squadra, alla quale al momento opportuno fa alzare i ritmi.
Giangaspero 5.5 Impalpabile, supporta ben poco Gullit nella manovra offensiva, si lascia marcare troppo facilmente dall’attenta coppia difensiva avversaria.
14’ st Bosio 7 Entra dalla panchina e segna il gol vittoria dimostrando di essere sempre pronto a rendersi utile alla squadra.
Chiossi 6 Cercato poco tra le linee avversarie non punge, da segnalare solo la bella chiusura di un triangolo con un colpo di tacco, anche se poi l’azione si tramuta in un nulla di fatto.
Gullit 6 Il più pericoloso in avanti, lotta come un leone su ogni pallone tentando di mettere in difficoltà la retroguardia avversaria, Mara però non gli lascia un centimetro e lo annulla.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0