22 Giugno 2021

Ponte San Pietro-Sona Serie D: Gerevini non perdona (mai) e Curioni ora è nei guai

Le più lette

Città di Sangiuliano Eccellenza: esonerato Paolo Crucitti

Con una nota diffusa sulla propria pagina Facebook, a distanza di due giorni dal termine del campionato il Città...

Dove siamo stati Regionali: scopri quali partite abbiamo seguito direttamente sul campo

Per la sesta settimana consecutiva abbiamo assistito a un weekend ricco di test match. Anche in questi due giorni...

Universal, ecco un altro tassello nel puzzle del settore giovanile: Antonio Cimino guiderà l’Under 15

Antonio Cimino resta giallorosso e guiderà l'Under 15 dell'Universal nel prossimo campionato regionale. Arrivato a Solaro la scorsa estate...

Lo scontro salvezza in scena al “Legler” si conclude con una vittoria per 3-1 per il Sona che fa così un grosso balzo in avanti e stacca ulteriormente il Ponte San Pietro in classifica.
La squadra di Curioni, nonostante una buona prima mezz’ora nella ripresa, non è quasi mai sembrata davvero dentro al match ed è arrivata una sconfitta pesante tra le mura amiche. Rappresentativo della prestazione della squadra è il penalty fallito da Ferreira Pinto: il leader tecnico dei bergamaschi oggi è risultato spento e, con lui, tutta la squadra senza non ha messo in campo quella cattiveria necessaria a portare a casa almeno un punto. Il Sona ne aveva di più e ha vinto la partita.

 

Rigore sbagliato, rigore subito. La prima fase del match vede un Sona ben messo in campo e più propositivo, con gli uomini i Damini a prendere l’iniziativa nella metà campo avversaria grazie a un buon fraseggio palla a terra. Le occasioni stentano però ad arrivare. Per vedere la prima serve un erroraccio di Pagno al 23’: l’estremo difensore lombardo regala un pallone a Marchesini che si invola solitario verso la porta ma, al momento di scaricare il pallone, passa la palla in mezzo anziché tirare e l’azione sfuma in un nulla di fatto. Scampato il pericolo auto indotto, il Ponte San Pietro ribalta l’azione e Capelli è bravo ad anticipare il portiere del Sona Dal Bosco: contatto tra i due e calcio di rigore. Sembra un déjà vu dell’andata con l’esperto Ferreira Pinto sul dischetto al 24’, che lo scorso gennaio regalò la vittoria ai bergamaschi. I brasiliano spiazza Dal Bosco, ma questa volta angola troppo e calcia a lato. Il Sona non perdona. Passano appena 5’ e Torri prima dialoga bene con Marchesini al limite dell’area e poi fa partire un bel destro a giro che non lascia scampo a Pagno. La contro reazione della squadra locale è veemente. Al 36’ Rota decide di imitare Torri e con un mancino a effetto realizza il gol del pari. Ma le emozioni della prima frazione non sono ancora finite. Numerato si fa stendere in area di rigore e il direttore di gara concede il secondo rigore del match: al 40’ Gerevini angola bene e non fallisce il nuovo vantaggio sonese.

 

Il cuore non basta. Il Ponte San Pietro rientra dagli spogliatoi con un piglio diverso rispetto al primo tempo. La squadra sembra poter giocarsela e mette in difficoltà il Sona a più riprese. L’azione più importante della produzione offensiva dei bergamaschi è il colpo di testa di Sonzogni al 13’: nell’occasione è davvero bravo Dal Bosco a rispondere con un gran riflesso. Al 27’ i padroni di casa potrebbero sfruttare una punizione a due in area, ma Gecchele è audace nell’immolarsi sulla conclusione da fuori di Sonzogni. Di fatto, in seguito questa azione, si spegne la fiammella di speranze del Ponte San Pietro. Il colpo decisivo del ko lo infligge ancora una volta Gerevini, abile e freddo a infilare in fondo alla rete il pallone servitogli al bacio da Marchesini.
Il Sona si chiude bene e non rischia più niente fino al termine del match.

IL TABELLINO

PONTE SAN PIETRO-SONA 1-3
RETI: 28’ Torri (S), 36’ Rota (P), 40’ rig. Gerevini (S), 35’ st Gerevini (S).
PONTE SAN PIETRO (4-3-3): Pagno 5.5, Salvi 5.5, Zenoni 5 (30’ st Zambelli 6), Sonzogni 6, Costa 5.5, Alborghetti 6, Bonassi 6 (32’ st Kritta 5.5), Rota 7, Ibe 6, Ferreira Pinto 5, Capelli 6 (18’ st Moraschi 6.5). A disp. Nozza Bielli, Becherini, Mara, Brignoli, Ferrari, Milesi. All. Curioni 5.
SONA (4-3-3): Dal Bosco 6.5, Maicon 6.5 (29’ st Montresor 6), Gecchele 7, Belem Nacarato Lucas 6, Boccalari 6.5, Frinzi 6.5 (27’ st Dellafiore 5.5), Marchesini 6.5 (37’ st Valbusa sv), Vaudagna 6, Torri 7.5 (22’ st Belfanti 6), Numerato 6.5 (42’ st Zanette sv), Gerevini 7.5. A disp. Rosa, Rossi, Caldeo, Bentivoglio. All. Damini 6.5.
ARBITRO: Molinari di Piacenza 6.
ASSISTENTI: Pinna di Pinerolo e Cocomero di Nichelino.
AMMONITI: Vaudagna (S), Frinzi (S).

LE PAGELLE

PONTE SAN PIETRO
Pagno 5.5 Nel primo tempo prova a farsi male da solo regalando un assist a Marchesini ma viene graziato. Non può nulla sui gol subiti.
Salvi 5.5 Si vede che non gioca tranquillamente e in alcune, troppe occasioni va in affanno.
Zenoni 5 Qualche difficoltà di troppo nell’affrontare un asso come Maicon, in ritardo nelle chiusure in più di un’occasione. Gran parte dei pericoli giungono proprio dal suo lato.
30’ st Zambelli 6 Si propone bene in avanti in più di un’occasione ma non basta a dare quel qualcosa in più ai suoi per pareggiarla.
Sonzogni 6 Si fa vedere con qualche buon inserimento offensivo ma senza mai incidere veramente. È certamente uno dei migliori dei suoi.
Costa 5.5 Si fa un po’ sorprendere in occasione del primo gol, ma è anche vero che in più di un’occasione evita guai peggiori.
Alborghetti 6 Dei due centrali è quello che se la cava meglio con interventi sempre puntuali. Viene poco aiutato dal resto della difesa, oggi non irreprensibile.
Bonassi 6 Fa sostanza in mezzo al campo, rendendosi prezioso nella fase difensiva dei suoi. Prova anche senza troppa fortuna le incursioni offensive.
32’ st Kritta 5.5 È partecipe della non brillante fase difensiva che porta al 3-1 del Sona.
Rota 7 In ombra per un’abbondante mezz’ora, esce dal torpore e tira fuori un gran sinistro a giro per il pareggio. Spesso pericoloso sulla trequarti.
Ibe 6 Svaria tra le linee della difesa veronese con molto dinamismo e qualità, ma è un po’ isolato là davanti.
Ferreira Pinto 5 Non la sua solita prestazione di livello: ne è un esempio lampante l’episodio del rigore fallito che indirizza il match sulla strada di Sona.
Capelli 6 È molto attivo là davanti, lo dimostra con lo scatto che gli permette di anticipare Dal Bosco in occasione del fallo da rigore.
18’ st Moraschi 6.5 Subito in partita, dà vivacità alla manovra offensiva bergamasca.
All. Curioni 5 La sua squadra non è messa male in campo ma manca del mordente giusto per poter far più male al Sona.

 

SONA
Dal Bosco 6.5 Ingenuo nell’occasione del rigore, si riscatta ampiamente con il paratone su un colpo di testa nella ripresa. Una garanzia tra i pali.
Maicon 6.5 Spinge molto sulla fascia ma manca di qualcosa nell’ultimo passaggio decisivo. 29’ st Montresor 6 Ordinaria amministrazione nelle azioni neanche neanche troppo convinte che si sviluppano dalle sue parti.
Gecchele 7 Oggi è un muro invalicabile, le prende tutte lui, sia le palle basse che quelle alte.
Belem 6 Capisce che oggi un punto debole del Ponte San Pietro sono proprie le fasce, e lui ne approfitta proponendosi spesso e pericolosamente in avanti.
Boccalari 6.5 Con il suo senso della posizione permette al Sona di mantenere un baricentro alto e di proporre calcio nella metà campo avversaria.
Frinzi 6.5 Non giocava da tanto così tanti minuti ma, nonostante qualche comprensibile errore, risponde sempre presente.
27’ st Dellafiore 5.5 Non subentra al massimo della concentrazione.
Marchesini 6.5 Poco lucido in occasione del regalo solo da spacchettare offertogli da Pagno, si fa perdonare con non uno, ma ben due assist. (37’ st Valbusa sv)
Vaudagna 6 Bene in fase di possesso palla, va un po’ in difficoltà quando deve rincorrere. Finisce anche nell’elenco degli ammoniti.
Torri 7.5 È in palla e si vede fin dalle prime battute, l’incursione e il tiro del vantaggio Sona sono da applausi.
22’ st Belfanti 6 Gli arrivano pochi palloni giocabili, ma li gestisce comunque bene.
Numerato 6.5 Ha voglia di giocare e si vede. Diversi buoni spunti  per lui ed entra anche nell’azione che porta al rigore per i suoi (42’ st Zanette sv).
Gerevini 7.5 In avvio non sembra il solito Gerevini, ma poi trasforma con grande precisione il rigore del 2-1 e chiude la partita nel finale, è in un periodo di grazia.
All. Damini Altra bella prestazione dei suoi, che mettono in cascina 3 punti di vitale importanza in uno scontro diretto.

 

ARBITRO
Molinari di Piacenza 6 I rigori sembrano esserci entrambi, gestisce bene anche l’elenco dei cattivi. Arbitra bene un match non difficile.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli