Pro Sesto – Levico Serie D: Boglic salva tutto, al Breda è 0-0

Le più lette

La Spezia – Casorate Under16: Pareggio a reti bianche

Pareggio a reti inviolate tra La Spezia e Casorate, un punto a testa che rispecchia l’equilibrio tra le due...

Lo Stresa smuove le acque, arriva Filippo Moia

Filippo Moia è l'ultimo rinforzo dello Stresa del nuovo corso Roberto Frino. I lacuali, dopo l'arrivo di Filippo Chiovenda...

Promozione: Meda e Vittuone pensano a rinforzarsi, ecco i primi innesti

Entra sempre più nel vivo il calciomercato nel Girone A di Promozione. Dopo aver salutato Marco Porta (accasatosi all'ACD Brianza),...

Termina a reti bianche il re-match tra Pro Sesto e Levico, dopo il 3-1 del 20 ottobre. Una partita disputata in un clima nervoso fin dal primo minuto. Una gara in cui si è giocato praticamente ad una porta, dove però ad avere la meglio alla fine è stata lo spirito di sacrificio, messo in campo dai trentini, sulla qualità dei ragazzi di Francesco Parravicini.
Eppure in un frizzante avvio di gara parte con buon piglio il Levico, ma la prima occasione al 4’ è targata Pro Sesto. I sestesi approfittano di un’errato disimpegno della difesa ospite, la sfera arriva sulla trequarti sui piedi di Gualdi che non ci pensa due volte e calcia. Su questa conclusione la Pro Sesto sarebbe andata in vantaggio, se l’arbitro assistito dal guardalinee non avesse ravvisato una dubbia posizione di fuorigioco di Monni ad inizio azione. La Pro, non demorde. Passano due minuti e Monni riceve un bel pallone in area da un traversone da sinistra. Ottima protezione del corpo e il 9 di casa prova la girata, ma la sua conclusione termina di poco a lato della porta difesa da Boglic. Dopo un avvio ruggente, il Levico è tutto rintanato nella propria metà campo. Al 10’, però, piccolo brivido per la Pro Sesto. Dagli sviluppi del primo corner dei trentini, Tamma fatica un po’ nel bloccare la sfera sulla quale s’avventa Monaco che spaventa, ma non graffia. Al 13’ altra occasionissima per la Pro Sesto. Dopo un’azione insistita la sfera arriva a Cominetti che crossa da destra al centro trovando la bellissima girata di testa di Monni, ma la sua girata aerea si stampa sulla traversa, strozzando in gola la gioia sestese. Al 21’ è ancora Pro Sesto in avanti. Una partita fortemente condizionate dalle polemiche del rinvio, s’accende ulteriormente visto che dopo una bell’azione in velocità, Scapuzzi innesca Monni con un bel filtrante. Netta la trattenuta ai danni del bomber sestese da parte di Togola, ma per Turrini di Firenze: tutto regolare. E il Breda s’infiamma. Alla mezz’ora il copione del match non sembra subire cambiamenti, visto che i ragazzi di Parravicini hanno preso possesso della metà campo trentina, mentre gli uomini di Mulinari faticano davvero tanto a tenere palla in avanti. La grande pressione offensiva crea un’altra grandissima occasione al 40’. Cominetti parte dall’out di destra, salta agevolmente Piacente e una volta in area scarica indietro per l’accorrente Gualdi, che si sistema la sfera e apre il suo sinistro: di un niente a lato. Si va dunque al riposo sullo 0-0.
La ripresa si apre sulla falsa riga dei primi 45’, con sempre la Pro Sesto in possesso del gioco ed il Levico costretto ad una difesa ad oltranza. Al 6’ ecco che la formazione di casa si divora, ancora una volta, la rete del vantaggio quando Gualdi da ottima posizione calcia alto una palla arrivatagli dopo una bell’azione personale di Scapuzzi. Per cercare di concretizzare il predominio sul terreno gioco, al 15’ Parravicini attinge dalla panchina buttando nella mischia Segato e Capelli al posto di Gattoni e di uno spento Scapuzzi. I cambi danno la giusta verve alla manovra biancazzurra, visto che dopo nemmeno un minuto dal loro ingresso in campo, Capelli da sinistra inizia una bell’azione che si sviluppa tramite Monni e arriva a Cominetti. Sul momento della conclusione a botta sicura dell’esterno sestese è provvidenziale il salvataggio di Piacente che devia in corner. Al 19’ è ancora il Levico a correre un grosso brivido, quando da un corner da destra Segato disegna una bella traiettoria a tagliare per la testa di Gualdi, ma la sua deviazione area termina di un niente fuori dallo specchio della porta. In questa prima parte di secondo tempo la Pro Sesto colleziona angoli senza infliggere il colpo decisivo, mentre il Levico resta rintanato nella propria trequarti difensiva sperando di portarsi in Trentino almeno un punto. Al 30’ ecco che anche Tamma entra nel match, visto che lasciato solo a sinistra Marku libera un sinistra potente sul quale il portierino sestese si supera deviando in corner. Al 40’ è ancora Monni a cercare la via del gol. Dagli sviluppi di un corner da destra, il bomber sestese – ben marcato – con una grande movimento si libera dei difensori e gira di testa verso la porta, ma la sua torsione termina di poco alta. Un minuto più tardi è sempre Monni a impensierire Boglic. Questa volta usa la specialità della casa, ovvero il tiro a giro dal limite con il destro. Ma anche in questa occasione il portiere trentino si supera e para. Il gol è nell’aria per la Pro Sesto, ma Boglic non la pensa esattamente così. Infatti al 42’ Motta mette dalla trequarti un bel pallone sul secondo palo sul quale s’avventa Segato che calcia in drop, sarebbe stato un gol fatto se non fosse per Boglic che con una prodigioso colpo di reni salva tutto. Con l’avvicinarsi del triplice fischio la Pro Sesto si riversa a testa bassa in avanti, senza però trovare il guizzo vincete. Dopo il 3-1, poi non convalidato, Pro Sesto-Levico finisce, ufficialmente, 0-0.

IL TABELLINO DEL MATCH

PRO SESTO 0
LEVICO TERME 0
PRO SESTO (4-1-4-1): Tamma 6.5, Giubilato 6, Amato 6, Gattoni 6.5 (12’ st Segato 7), Caverzasi 6, Bettoni 6, Carnevale 6.5 (31’ st Motta 6.5), Gualdi 6.5, Monni 7, Scaupuzzi 5.5 (14’ st Capelli 6.5), Cominetti 5.5. A disp. Cioffi, Viganò, Bugarella, Crosariol, Tota, Di Renzo, Capelli. All. Parravicini 6.
LEVICO TERME (4-3-3): Boglic 7, Tegola 6.5, Piacente 6.5 (25’ st Micheli 6), Voltasio 6, Pralini 7, Monaco 7, Rinaldo 6, Sartori 5 (1’t Marku 6.5), Gelasio 6 (16’ st Kojdheli 6), Esposito 5.5 (1’ st Cardore 6), Rizzerei, A disp. Bertè, Kojdheli, Gorzelewski, Benuzzi, Galtarossa, Belesi. All. Mulinari 6.5.
ARBITRO: Turrini di Firenze 5.
ASSISTENTI: Paggiola di Legnano e De Nardi di Conegliano.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Indietro
Privacy Policy Cookie Policy