18 Giugno 2021

Real Calepina-Villa Valle Serie D: Cavagna e Sogno infilano la quarta, Giangaspero non basta

Le più lette

Speranza Agrate Eccellenza, Parla Pizzi:«Contento per la prima vittoria ma non facevamo drammi prima perché c’erano le prestazioni»

Per la Speranza Agrate di Gianmaria Pizzi è ormai il momento di tirare le somme riguardo il percorso intrapreso...

Lorenzo Viano e Tommaso Boscaro, dal Chisola sognando il Bologna

Entrambi vestono la maglia del Chisola, entrambi sognano quella del Bologna. Lorenzo Viano e Tommaso Boscaro in comune hanno...

Rezzato Calcio Dor Under 19, Alessio Ippomei è il nuovo allenatore: «Obiettivi importanti, dovremo lavorare sodo»

Alessio Ippomei sarà il nuovo allenatore dell’Under 19 del Rezzato Calcio Dor per la stagione 2021/2022, insieme ai collaboratori...

Una partita stupenda. La gara tra Real Calepina e Villa Valle non ha risparmiato emozioni, con una bella sfida agonistica tra due compagini in condizione. Il risultato finale di 1-2 premia gli ospiti, che ottengono il quarto successo consecutivo e proseguono nella loro rincorsa alla salvezza agganciando temporaneamente il 14° posto a 33 punti, inguaiando, di contro, i padroni di casa, che si ritrovano con la pericolosissima zona play-out a pochi passi, con due sole lunghezze di vantaggio proprio sui diretti avversari odierni. La squadra guidata per l’occasione da Perini (il tecnico Carminati era assente per un problema di natura familiare) ha mancato le occasioni nei momenti chiave del match, in primis con il tiro dal dischetto di Gullit parato da uno strepitoso Pisoni che avrebbe potuto cambiare le sorti dell’incontro. Errore non commesso dai giallorossi, i quali ringraziano un implacabile Cavagna dagli undici metri. Nella ripresa è Sogno a punire la troppa generosità della Real Calepina, che riemerge con Giangaspero ma senza il secondo squillo che sarebbe valso il pareggio. Risultato, va detto, che sarebbe stato oggettivamente quello più giusto per il gioco espresso, ma la truppa di Mussa ha saputo capitalizzare al meglio gli episodi e ha saputo soffrire nel secondo tempo contrastando il furore avversario. Unica consolazione per la squadra di casa l’exploit di Ungaro, che ha disputato una ripresa sontuosa e ha dimostrato di poter essere molto utile alla causa.

Primo tempo di rigore. La squadra di casa parte fortissimo con un tentativo di Duda da circa 40 metri, che prova a sorprendere Pisoni appostato fuori dai pali: il suo tiro termina di poco a lato, altrimenti staremmo gridando al capolavoro dopo neanche un minuto. Atteggiamento molto propositivo nei primi istanti da parte degli uomini di Perini: da corner, al 3’ di gioco, Paris viene trattenuto dal suo oppositore in mezzo all’area e l’arbitro Pirriatore non può non concedere la massima punizione, che Gullit fallisce calciando malissimo, con lo stesso Pisoni che riesce persino a bloccare la sfera tra le braccia. La partita è vivissima: il capitano prova a farsi subito perdonare, azionando una bella combinazione che porta al colpo di testa di Giangaspero, il quale non riesce a inquadrare lo specchio. Reazione ospite che si manifesta con una bella ripartenza bloccata dalla retroguardia avversaria proprio al momento della battuta a rete. Il Villa Valle non concede punti di riferimento e lavora con molti cambi di versante, aggredendo in particolare con De Meio a destra (che al 12’ invoca inutilmente un rigore per un presunto intervento al momento dell’ingresso in area) e con Crotti a sinistra, molto bravo nel disorientare i diretti marcatori con dei movimenti interessanti che non riescono, però, ad avere sfogo decisivo. La gara, dopo aver viaggiato su ritmi elevatissimi nel primo quarto d’ora, tende a rallentare col trascorrere delle lancette, proprio in virtù del dispendio di energie prodotto nelle fasi iniziali. Serve un altro episodio per sbloccare il match, ed è un’ingenuità di Piacentini al 29’ a causare il rigore concesso stavolta in favore dei giallorossi: Cavagna calcia alla sinistra di Gherardi, spiazzando l’estremo difensore e portando in vantaggio i suoi. Nei minuti successivi la carica agonistica sale, con il gioco spezzettato e qualche cartellino giallo che viene sventolato da una parte e dall’altra. Serve un sussulto: al 37’ Gullit prova nuovamente a rimediare all’errore in apertura con una bella progressione palla al piede sulla destra, ma la sua conclusione appena giunto in area finisce alla sinistra del portiere avversario. La stanchezza accompagna le squadre al rientro negli spogliatoi, dopo un primo tempo divertente.

Sogno vs Giangaspero. L’esordiente Ungaro, subentrato in avvio di secondo tempo, si innesta bene nei meccanismi di gioco e prova a guidare la reazione della Real Calepina, tornata sul terreno di gioco motivata alla ricerca del pari. Al 3’ di gara una bella azione costruita dalla squadra di Perini porta alla girata di testa di Gullit, il quale non riesce a colpire a rete. La squadra di casa si sbilancia in modo eccessivo, e al minuto 8 concede una ripartenza letale, finalizzata dagli ospiti con un bel tracciato di Sogno, che col mancino dal vertice dell’area infila dolcemente il pallone rasoterra bucando Gherardi. Sembra la mazzata definitiva, ma non è così: Ungaro si dimostra davvero un colpo coi fiocchi, e sulla destra riesce a sfoderare un bel cross per la testa di Giangaspero, che stavolta salta più in alto di tutti e da pochi passi trafigge Pisoni, riaprendo immediatamente il match. I cambi si rivelano importantissimi: anche Messali, entrato da qualche minuto, confeziona al 19’ un bel cross per la testa del solito Giangaspero, che stavolta non riesce a piazzarla a dovere. La partita è agonisticamente bellissima, con due squadre atleticamente in forma e che lottano su ogni pallone, senza mai perdere tempo. Il nuovo asse Duda-Messali sulla sinistra prova a dare la spinta, ma è ancora Giangaspero il più pericoloso: al 24’ scambia nello stretto in area con un altruista Gullit, che riserve il pallone al numero 9, il quale da pochi metri calcia rasoterra senza angolare e favorendo la presa sicura dell’estremo difensore avversario. Dieci minuti più tardi è ancora un subentrato, Esposito, a rendersi pericoloso con una sventola di esterno destro dai 25 metri che finisce non di molto lontano dal bersaglio. L’intensità cala, ed è Chiossi al 43’ a rendersi più pericoloso con un altro tiro da fuori, ma Pisoni è sicurissimo in tuffo e blocca: è la chiosa del match.

IL TABELLINO

REAL CALEPINA-VILLA VALLE 1-2
RETI (0-2, 1-2): 29’ Cavagna rig. (V), 8’ st Sogno (V), 13’ st Giangaspero (R).
REAL CALEPINA (4-3-1-2): Gherardi 5.5, Fini 6, Duda 6.5, Belotti 6, Paris 6.5, Piacentini 5 (1’ st Ungaro 7), Lussignoli 6.5 (13’ st Messali 6.5), Valois 6 (16’ st Esposito 6.5), Giangaspero 7 (35’ st Colonetti sv), Chiossi 5.5, Gullit 5.5 (35’ st Bosio sv). A disp. Rossi, Cerri, Capelli, Locatelli. All. Perini 6.5.
VILLA VALLE (4-3-3): Pisoni 7.5, Brioschi 6 (48’ st Micheli sv), Crotti 6.5 (39’ st Lapadula sv), Cavagna 7, Sogno 7 (18’ st Granillo sv), Austoni 6 (23’ st Tarchini sv), Lleshaj 6, Albani 6 (33’ st Stazione sv), De Meio 6.5, Rondelli 6.5, Meregalli 6. A disp. Cristini, Bonfanti, Ghisalberti, Picozzi. All. Mussa 6.5.
ARBITRO: Pirriatore di Bologna 6.5.
ASSISTENTI: Meraviglia di Pistoia e Rossini di Genova.
AMMONITI: Lleshaj (V), Fini (R), Gullit (R), Granillo (V), Paris (R).

LE PAGELLE

REAL CALEPINA
Gherardi 5.5 Spiazzato sul rigore, quasi mai chiamato in causa nel primo tempo. Esce in occasione del raddoppio: forse poteva fare qualcosa di meglio nella circostanza.
Fini 6 Partita nella norma, non regala grossi sussulti ma è sempre puntuale.
Duda 6.5 Coraggioso in avvio, regala qualche guizzo. Nella ripresa viene allargato sulla sinistra e con Messali coesiste alla grande.
Belotti 6 Rischia l’ammonizione nel primo tempo, sempre sul pezzo in marcatura.
Paris 6.5 In difesa tiene come spesso gli accade, mantenendo un’alta reattività. Conquista il calcio di rigore sciupato da Gullit nei primi minuti di gara.
Piacentini 5 Due grosse ingenuità nel primo tempo, ed una costa il rigore che porta in vantaggio gli avversari: pesa tantissimo.
1’ st Ungaro 7 Esordio per lui molto importante. Soluzione che si prospetta molto interessante in vista del finale di stagione, grazie al suo gioco palla a terra e ai suoi inserimenti molto dinamici. Splendida la giocata e l’assist per Giangaspero, ha degli spunti micidiali: si potrebbe già definire necessario per la Real Calepina.
Lussignoli 6.5 Sempre molto lucido, mette ordine quando i suoi si fanno prendere da eccessiva foga.
13’ st Messali 6.5 Bell’impatto, con un assist per Giangaspero dalla sinistra non sfruttato al meglio.
Valois 6 Male nel primo tempo, si nota molto di più con il cambio tattico nella ripresa, almeno fino a quando resta in campo.
16’ st Esposito 6.5 Conclusione al 34’ che avrebbe meritato un esito migliore.
Giangaspero 7 Ci prova di testa al 5’. Con i suoi movimenti permette alla squadra di appoggiarsi a lui, favorendo l’allargamento dei suoi compagni di reparto. Assistito da Ungaro non fallisce l’appuntamento col gol, davvero meritatissimo. Spreca un paio di buone occasioni per strappare il punto. (35’ st Colonetti sv).
Chiossi 5.5 Il tiro allo scadere del primo tempo è indicativo di 45 minuti giocati sottotono. Sale nella ripresa, con una conclusione insidiosa sul finire di partita.
Gullit 5.5 Errore clamoroso in occasione dal rigore, calciato davvero debolmente. Prova a riscattarsi e l’impegno non manca, ma la prova è condizionata dal mancato gol dagli undici metri. (35’ st Bosio sv).
All. Perini 6.5 Curiosamente ha guidato i suoi anche nella gara di andata, terminata sul 2-2. Stavolta, manca qualcosa per ottenere il medesimo punteggio. Nella ripresa inserisce Ungaro e abbassa Duda nel ruolo di mezzala, scombinando le carte e puntando sull’imprevedibilità offensiva. Il miglioramento è tangibile, ma non basta.

VILLA VALLE
Pisoni 7.5 Rigore debole ma lui non si fa spiazzare e blocca un tentativo che avrebbe potuto indirizzare la gara già dopo pochi minuti. Bravo in uscita al 30’ della ripresa sull’agguato di Giangaspero, è sicurissimo nella presa sulle conclusioni avversarie. Disputa un incontro notevole.
Brioschi 6 Gara di sacrificio per lui: sufficienza piena. (48’ st Micheli sv).
Crotti 6.5 Dribbling e velocità nei movimenti caratterizzano la partita del numero 5. Esperienza e qualità tecniche indiscutibili, costringe gli avversari a ricorrere più di una volta al fallo. (39’ st Lapadula sv).
Cavagna 7 Freddo nel trasformare il calcio di rigore che spezza l’equilibrio dell’incontro.
Sogno 7 Si fa notare nei primi minuti, poi è glaciale nel raddoppiare e mettere a frutto il bel lavoro in ripartenza di tutti i compagni. (18’ st Granillo sv).
Austoni 6 Schierato a sorpresa in concomitanza dell’infortunio di Ghisalberti, si dimostra all’altezza. (23’ Tarchini sv).
Lleshaj 6 Ex dell’incontro, mantiene equilibrio. Riceve un cartellino giallo forse esagerato nel primo tempo.
Albani 6 Partita ordinaria, aiuta e supporta i compagni per quanto possibile. (33’ st Stazione sv).
De Meio 6.5 Forse gli manca un rigore, ma di certo non il dinamismo. Partita di sostanza.
Rondelli 6.5 Efficace, riesce a contenere nel primo tempo un brillantissimo Giangaspero. Al 22’ è letteralmente maestoso nel vincere il duello con il numero 9 avversario, riuscendo ad impedirgli il controllo del pallone con un anticipo fisico e pulito. Nella ripresa cede qualcosa ma resta comunque tra i migliori dei suoi.
Meregalli 6 Gara senza particolari degni di nota, ma c’è sempre tanto impegno.
All. Mussa 6.5 I suoi sfoderano un gran primo tempo, grazie agli splendidi tagli e ai cambi di campo molto ampi. Nel secondo tempo gioca principalmente di rimessa. Ottima la tenuta difensiva.

ARBITRO
Pirriatore di Bologna 6.5 Risparmia un giallo su Belotti che poteva starci nel primo tempo. Mantiene comunque nei ranghi la sfida e tiene sempre in pugno il match.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli