22 Giugno 2021

Scanzorosciate-Vis Nova Serie D: Stefanoni show e anche Parravicini in gol, non basta Migliavacca

Le più lette

Pavia-Alcione Eccellenza: nel recupero usa la testa solo Volpini, Orange sempre più vicini alla D

Volpini nel recupero regala all’Alcione una vittoria meritata, che permette agli Orange di far fuori dalla corsa alla serie...

Sant’Angelo-Varzi Eccellenza: Bertani e Cristofoli sul velluto, aumentano i rimpianti barasini

Il Sant’Angelo con una prova autoritaria vince l’ultima partita di questo torneo non facendo sconti al Varzi di Pagano....

Sporting Franciacorta Serie D: Emanuele Bruni non è stato confermato come allenatore dei bresciani

Promosso dall'Under 19 per centrare la salvezza dallo Sporting Franciacorta, Emanuele Bruni è riuscito a centrare l'obiettivo, ma non...

Partita clamorosa tra Scanzorosciate e Vis Nova! Il match si conclude per 5-4 per i padroni di casa, che così facendo conquistano i tre punti e si rilanciano in ottica lotta salvezza, alimentando le speranze di uscire dalla zona di retrocessione diretta e di strappare un biglietto per l’accesso ai play-out. Play-out che, nella situazione attuale di classifica, disputerà anche la Vis Nova, incappata in un pomeriggio decisamente no, probabilmente perché sorpresa dalla grinta dello Scanzo. Non è bastata la tripletta di Migliavacca, anche perché per i padroni di casa ne ha segnati tre anche il classe 2002 Davide Stefanoni, protagonista di una prestazione maiuscola, coadiuvato anche dall’ottima prova di Cariello, il diez oggi veramente imprendibile e al quale è riuscito veramente tutto. Il fnale di stagione per entrambe le compagini si prospetta assolutamente interessante, soprattutto dopo questo incrocio disputato a suon di gol.

Sorpresa Scanzo. Cerca di fare la partita lo Scanzorosciate nei primi minuti e al 3’ ci prova Stefanoni, che riceve un pallone a rimorchio da Aranotu, ma l’attaccante apre troppo il piatto e non riesce ad inquadrare la specchio della porta difesa da Stropeni. Dopo qualche minuto, arriva un’altra occasione colossale per la squadra di casa, con Parravicini che cerca la deviazione vincente ma il portiere si rifugia in calcio d’angolo. Proprio sugli sviluppi del corner arriva il vantaggio dello Scanzorosciate, con Zambelli che conclude in porta dopo uno schema, facendo 1-0 quando è il 7’ sul cronometro. La partita si accende improvvisamente e arriva subito la reazione della Vis Nova, ma Cazzaniga, completamente solo davanti a Romeda, manca l’aggancio del pallone. Il pareggio arriva al 16’, con Migliavacca che raccoglie un lancio dalle retrovie e di esterno supera in pallonetto Romeda, che era uscito per cercare di chiudere lo specchio all’attaccante. Lo Scanzo però è vivo, e al 18’ prova a tornare di nuovo in vantaggio con un bel colpo di testa a girare di Aranotu, ma il pallone finisce alto sopra la traversa. Brivido per la squadra di casa al 25’, quando Molteni con una palla interessante prova a pescare la testa di Migliavacca, ma la difesa è attenta e spazza. Al 30’ protagonista ancora Migliavacca, che allarga bene per Proserpio: il numero 8 ospite fa partire il mancino verso il secondo palo, ma Romeda è attento e blocca la palla in due tempi. Al 34’ break di Stefanoni che, dopo una sgasata di Aranotu spazzata dalla difesa, prende palla a centrocampo, salta un avversario, entra in area e fa partire un tiro potente che Stropeni non riesce a intercettare: è 2-1. Non abbassa i giri lo Scanzo, che al 37’ conquista una punizione dal limite dell’area perché Fossati è costretto a fermare in maniera fallosa Aranotu: il tiro viene deviato dalla barriera e Parravicini è il più veloce ad avventarsi sul pallone, gonfiando la rete per la terza volta in favore dei padroni di casa. Dopo l’unico minuto di recupero, il signor Di Nosse di Nocera Inferiore manda le squadre negli spogliatoi.

Vera lotta salvezza. Nonostante il vantaggio di due gol, lo Scanzo scende in campo per la seconda frazione con la stessa convinzione di voler fare la partita, tenendo il pallino del gioco e cercando di rendersi pericoloso dalle parti di Stropeni, provandoci dopo appena quattro minuti con Cariello, in grandissimo stato di grazia, ma il cui tiro viene rimpallato dalla difesa. Bella combinazione tra Parravicini e Stefanoni al 13’, con quest’ultimo che salta secco un avversario in area ma viene bloccato da Fossati al momento giusto, con il capitano della Vis Nova che spazza, liberando dal pericolo. All’improvviso si riapre la partita al 17’, quando lo Scanzo sembrava in controllo: percussione di Gnaziri che parte dalle retrovie, si accentra e al limite dell’area scarica su Schingo: l’attaccante tutto solo riesce a trafiggere Romeda, facendo 3-2 e accorciando le distanze. Lo Scanzorosciate però non si demoralizza e al 20’ torna nuovamente avanti di due gol: bella combinazione di tiki taka tra Cariello e Stefanoni, con quest’ultimo che questa volta non si fa ipnotizzare dal portiere e gonfia la rete per la doppietta personale. Tripletta di Stefanoni al 27’, che dai sedici metri prende la mira e fa partire un missile terra aria, non lasciando scampo a Stropeni. A questo punto del match sembra non esserci più con la testa la Vis Nova, che si dimostra estremamente nervosa in campo, non riuscendo più a sviluppare una trama. I tentativi disperati degli ospiti vengono ripagati al 34’, quando Gambarini atterra Fadda in area, provoca un calcio di rigore e riceve un secondo cartellino giallo, dovendo quindi abbandonare il campo. Dal dischetto si presenta Migliavacca che è glaciale e col destro accorcia nuovamente. Il gol e la superiorità numerica sembrano aver galvanizzato la VisNova, che alza il ritmo e sulle ali dell’entusiasmo sfiora il quarto gol al 37’ con Della Torre, ma Romeda è attento e guadagna addirittura una rimessa dal fondo. Resta però in attacco la squadra ospite, sfruttando ovviamente l’uomo in più, portando più effettivi sulla trequarti dello Scanzo, affidandosi soprattutto alla qualità di Schingo. Il finale di gara è estremamente confusionario, con le squadre lunghissime e che si affidano alle iniziative personali. Al 46’ gli ospiti sono vicinissimi al gol del 5-4 con Fadda che su un cross colpisce di testa da posizione ravvicinata, ma il pallone schizza sopra la traversa. Subito dopo arriva il terzo gol di Migliavacca, che riduce lo svantaggio ad un solo gol dopo una buona fase di fraseggio della Vis Nova a ridosso dell’area dei padroni di casa. Ci provano in tutti i modi gli ospiti, ma allo scoccare del 50’ il direttore di gara determina la fine del match. Tre punti per lo Scanzo alla fine di un match incredibile, con 9 gol segnati in totale e tante emozioni.

IL TABELLINO

Scanzorosciate-Vis Nova 5-4
RETI (1-0, 1-1, 3-1, 3-2, 5-2, 5-4): 7′ Zambelli (S), 16′ Migliavacca (V), 34′ Stefanoni (S), 37′ Parravicini (S), 17′ st Schingo (V), 20′ st Stefanoni (S), 27′ st Stefanoni (S), 34′ st rig. Migliavacca (V), 47′ st Migliavacca (V).
SCANZOROSCIATE (4-3-3): Romeda 6.5, Cazzago 6, Corno 6.5, Binetti 6, Gambarini 5, Mazza 6, Aranotu 6.5 (25′ st Comelli 5.5), Zambelli 7, Parravicini 7.5 (32′ st Paghera sv, 35′ st Rota sv), Cariello 8, Stefanoni 9 (44′ st Ravasio sv). A disp. Berardelli, Sacchini, Baggi, Mangili, Giossi. All. Cefis 7.5.
VIS NOVA (4-3-3): Stropeni 5, Tranquillini 5.5, Gnaziri 6.5, Molteni 6.5 (21′ st Della Torre 6), De Lisio 5, Fossati 6, Cazzaniga 5, Proserpio 5.5 (30′ st Giandinoto 6), Migliavacca 7.5, Schingo 7 (44′ st Redaelli sv), Orellana Cruz 5.5 (27′ st Fadda 6). A disp. Foresti, Airoldi, Venier, Dugnani, Valtulina. All. Comi 6.5.
ARBITRO: Di Nosse di Nocera Inferiore 6.5.
ASSISTENTI: Fanara di Cosenza e Scopelliti di Reggio Calabria.
ESPULSI: 34′ st Gambarini (S).
AMMONITI: Fossati (V), Gambarini (S), Gambarini (S), Aranotu (S), Tranquillini (V).

LE PAGELLE

SCANZOROSCIATE
Romeda 6.5 Protagonista di interventi che tengono a galla la squadra nonostante alcuni svarioni difensivi, non ha paura ad azzardare l’uscita un po’ più pericolosa. Dimostra di saperci fare anche con i piedi.
Cazzago 6 Nonostante sia una partita senza squilli rilevanti la sua, fa bene il pendolino su tutta la fascia, riuscendo a farsi rispettare.
Corno 6.5 Sicuro in difesa, si propone spesso in avanti e nonostante non venga cercato molto dai suoi compagni in manovra offensiva, è comunque una preoccupazione per la difesa avversaria. Nel secondo tempo copre maggiormente dietro.
Binetti 6 Trova buone geometrie a centrocampo, prendendo bene le misure agli avversari che probabilmente non si aspettavano uno Scanzo così convinto. Importante il contributo in interdizione.
Gambarini 5 Decisamente il peggiore dello Scanzo, in difesa appare costantemente incerto e in difficoltà. Le sue scelte sbagliate costano il primo gol degli avversari e il rigore poi trasformato. Dubbi, però, sul cartellino rosso, apparso un po’ severo.
Mazza 6 Anche lui non è sicurissimo al centro della difesa, ma quanto meno riesce a svettare nel gioco aereo, interrompendo la manovra degli avversari quando gli ospiti si affidano ai lanci lunghi.
Aranotu 6.5 Partita estremamente volenterosa da parte sua: si mette al servizio della squadra e svaria per tutto il campo, su entrambe le fasce, dando anche un prezioso contributo in fase di copertura. La sua velocità mette più volte in difficoltà gli ospiti.
25’ st Comelli 5.5 Entra in un momento difficile della gara e non riesce ad incidere, tantomeno a tenere alta la squadra. Pochi palloni giocati e gestiti male.
Zambelli 7 Apre le marcature confermando l’ottimo approccio dello Scanzo al match. Oltre al gol, è autore di una bella gara perché contribuisce al pressing nei confronti del portatore di palla avversario.
Parravicini 7.5 Un gol per lui e tante sportellate con i difensori della squadra ospite: fa valere costantemente il suo fisico e la sua altezza. Si dimostra anche un rapinatore d’area, anticipando tutto in occasione del gol segnato. Di testa le prende tutte. (32’ st Paghera sv), (35’ st Rota sv).
Cariello 8 Oggi è veramente imprendibile. Gli riesce tutto, dai dribbling ai cross per i compagni, passando anche per gli interventi nei momenti di copertura. Fa ammattire i difensori avversari con i suoi scambi con i compagni di squadra.
Stefanoni 9 Un pomeriggio da ricordare. È estremamente coinvolto nella manovra di gioco e si propone continuamente per ricever palla, svariando su tutto il fronte offensivo. La tripletta è il giusto coronamento di una prestazione di altissimo livello. Quando la sua squadra è in inferiorità numerica ripiega in difesa. (44’ st Ravasio sv)
All. Cefis 7.5 Si potrebbe pensare che la sua squadra, vista la classifica, ormai si dia per vinta, e invece no. Schiera una formazione desiderosa di dare battaglia e convinta di poter dire ancora la propria nella lotta salvezza e i novanta minuti, nonostante i brividi, gli danno ragione.

VIS NOVA
Stropeni 5 Impreciso in diverse uscite, in occasione del terzo gol subito si fa anticipare in maniera fin troppo facile dall’attaccante avversario. Senza quell’errore, probabilmente, si poteva portare a casa almeno un punto, visto l’andamento del match.
Tranquillini 5.5 Non una grande partita la sua. Sulla sua fascia gli avversari fanno un po’ quello che vogliono ed è in costante affanno. Un po’ meglio in avanti, ma anche lì, non una prestazione in grado di lasciare il segno.
Gnaziri 6.5 Il primo tempo è insufficiente, c’è da dirlo: appoggi sbagliati, incapacità di non farsi saltare e difficoltà nel disimpegno. Nei secondi quarantacinque, però, si accende e dopo l’assist per Schingo inizia a giocare a tutto campo. Libero dalla tattica si dimostra un giocatore veramente pericoloso.
Molteni 6.5 Davanti la difesa cerca in tutti i modi di arginare le iniziative avversarie ed effettivamente i pericoli arrivano sulle fasce, perché i padroni di casa si rendono conto che dalle sue parti non si passa. Lotta fino a quando gli è consentito.
21’ st Della Torre 6 Entra bene, rendendosi pericoloso appena entrato con un bel tiro-cross che impensierisce il portiere e poco dopo con una conclusione ravvicinata sulla quale però non è fortunato.
De Lisio 5 Giornata da mal di testa per lui: la rapidità degli avversari che giocano dalle sue parti è altissima e lui non è assolutamente in grado di tenere il passo, facendosi saltare puntualmente e lasciando sempre i suoi compagni in inferiorità numerica nelle situazioni difensive.
Fossati 6 Lì dietro, nonostante i cinque gol subiti, è veramente uno dei migliori. Fa valere la sua grinta e aggredisce gli attaccanti avversari. In fase di impostazione del gioco dimostra buone qualità e tanta precisione nei lanci.
Cazzaniga 5 Prova decisamente opaca. Corpo estraneo rispetto alla già debole manovra della VisNova, fatica a trovare la sua posizione in campo e non riesce a dare ai suoi compagni un apporto che sia effettivamente utile.
Proserpio 5.5 Non inizia male, ma col passare dei minuti si spegne e finisce per perdersi tra le maglie dei padroni di casa, i cui ritmi sono troppo alti per lui.
30’ st Giandinoto 6 La partita era difficilissima al suo ingresso, ma lui è abile nel capire con intelligenza cosa deve fare, ossia pressare il portatore di palla: ci riesce molto bene, non facendo ragionare gli avversari.
Migliavacca 7.5 Tripletta per colui che alimenta i sogni di rimonta della VisNova. Al di là dei gol lo si vede poco in campo, in realtà, ma anche perché i compagni non lo supportano. Quando viene chiamato in causa, tuttavia, risponde sempre presente.
Schingo 7 Un gol e tanta corsa per il numero 10, che con la sua fantasia e la sua qualità cerca di punzecchiare più volte la difesa avversaria. Abbina una discreta dose di quantità alla buona qualità presente nei suoi piedi, dando anche una mano in difesa. (44’ st Redaelli sv).
Orellana Cruz 5.5 Le sgasate della prima metà del primo tempo sembrano illudere tutti quanti sul fatto che questa poteva esser la sua partita. Dopodiché, il nulla. Tanti dribbling fermati sul nascere e, di conseguenza, tanti palloni persi.
27’ st Fadda 6 Ingresso che in realtà dice poco alla gara, perché non lo si vede quasi mai in campo. Tuttavia, ha il merito di conquistarsi il calcio di rigore che riapre le speranze della sua squadra.
All. Comi 6.5 La sua squadra inizia malissimo, forse sorpresa dall’atteggiamento degli avversari. In qualche modo, tra garra ed episodi, i suoi ci credono fino all’ultimo, ma il risultato premia la squadra di casa che, nell’arco dei novanta, ha fatto complessivamente meglio. I cambi, tuttavia, gli hanno dato ragione.

ARBITRO
Di Nosse di Nocera Inferiore 6.5 In generale, il fischietto gestisce bene tutta quanta la gara e non ci sono particolari errori. Giusta la decisione sul rigore, forse doppio giallo e conseguente cartellino rosso è un po’ severo.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli