13 Giugno 2021

Seregno-Crema Serie D: Alessandro Magno riconquista la vetta, Spartans resilienti e vincenti

Le più lette

Base 96-Gavirate Eccellenza: Schinetti riprende Lercara, un pareggio, due sorrisi

Si presentava come una partita di fine stagione, senza obiettivi di classifica tra due squadre che sanno proporre un...

Arcellasco Città di Erba Under 18: a tu per tu con il nuovo allenatore, il “Cholollo” Bellantone

Lorenzo Bellantone, ex allenatore dell’Under 19 del Mariano Comense, dopo cinque anni sulla stessa panchina ha deciso di iniziare...

Rappresentativa Femminile Under 15: gli organizzatori regionali si “dimenticano” di avvertire i responsabili di Varese

Ieri pomeriggio a Vedano Olona c'è stato il raduno della "zona 2" della Rappresentativa Regionale Femminile Under 15: venticinque...

Un goleador, leader e comandante, questo è stato per il suo Seregno nel big match contro il Crema, Danilo Alessandro. L’attaccante sfodera una prestazione enorme, realizzando una doppietta decisiva per le sorti della partita contro il Crema, terminata 3-2. E, chissà, forse anche per quelle del campionato, che vede dunque tornare davanti il Seregno dopo aver lasciato, per 24 ore soltanto, la testa alla Casatese, vittoriosa contro lo Scanzorosciate. Il risultato finale con il quale la squadra di casa si è imposta, è arrivato dopo una partita di grande sofferenza, condotta per quasi un tempo intero in 10 contro 11, ma che ha visto la compagine di França, pur subendo per larghi tratti il bel gioco del Crema, tenere botta ed emergere sul finale, proprio, soprattutto, grazie al suo numero 7.

 

Bomber di lusso. Che questa partita avrebbe avuto come protagonista il bomber di casa, lo si capisce subito. Pronti via, dopo cinque minuti, Alessandro da 25 metri circa, defilato sulla sinistra, lascia partire dal nulla una traiettoria  a uscire imparabile per l’incolpevole Pennesi: 1-0. Tuttavia, il Crema, colpito a freddo e di fatto incolpevole, non si scompone, gioca bene, in velocità, cercando e trovando un giro palla ficcante. Al termine di una di queste trame avvolgenti, a metà della prima frazione, Poledri pesca ottimamente dalla sinistra Ferrari, il quale sul secondo palo si fa trovare libero e di testa insacca per l’1-1. Se il Crema ha reagito al vantaggio del Seregno, fa lo stesso la squadra di casa che, immediatamente dopo aver subito il pari, in tre minuti fabbrica due occasionissime da gol con Alessandro che impatta non perfettamente una palla interessante di Bonaiti dalla destra e poi con Borghese che, di testa, su corner, costringe alla paratissima Pennesi. Si tratta di due acuti di alto livello ma il contesto del match vede chiaramente giocare meglio la squadra di Dossena che trova nel suo centravanti Ferrari una risorsa preziosissima, non solo nel concludere ma anche nel tenere palla e nello smistare il gioco. Non solo una bella manovra però: per gli ospiti ci sono anche opportunità per segnare. Al 31’ Bardelloni dalla sinistra fa un movimento a ricciolo e, convergendo, lancia Salami che però spara addosso a Lupu e al 46’ è ancora Bardelloni, stavolta “in proprio” a ispirare e a concludere alto. Si va al riposo sul parziale di 1-1 con l’inerzia, però, dalla parte del Crema.

 

Gol sbagliato, gol subito. L’onda positiva ospite ha un improvviso e probabilmente esagerato innalzamento quando l’arbitro Castellone decide di punire, al 3’ del secondo tempo Poletti, reo di aver simulato un calcio di rigore. Il secondo, severissimo, giallo per il numero 23 costa a lui l’espulsione e al Seregno una condotta di partita che, da sofferente, diventa di vera ambascia. Il Crema fiuta la possibilità di passare e comincia a bussare dalle parti di Lupu. Al 7’ Bardelloni imbecca Ferrari che tira addosso al portiere di casa e un minuto dopo è ancora Ferrari a farsi trovare libero sulla bella giocata di Poledri ma il numero 12 degli Spartans, dice ancora di no. Sembra di vedere la stessa partita del primo tempo ma, al quarto d’ora, ecco l’accadimento che non ti aspetti: Nelli commette un’ingenuità nel giocare una palla al limite e Invernizzi, scaltro e reattivo, intercetta, si porta la sfera sul sinistro e trova l’angolino per il 2-1 Seregno. Non c’è molto tempo per esultare per la squadra di casa però, visto che pochi minuti arriva il 2-2, ancora di testa, ma questa volta con Laner, perfetto nel tempismo e nella precisione sull’assist di Ferrari. Ci si potrebbe attendere un Crema che carica a testa bassa e invece gli ospiti tirano il freno, forse un po’ stanchi ed è qui che il Seregno emerge. La squadra di casa si compatta, tenendo le linee strette e trova più respiro nelle ripartenze solitarie di Alessandro. Il numero 7 dei padroni di casa è veramente in una condizione super: a cinque dalla fine con una superba giocata, insacca sul secondo palo, ma si vede annullare il gol per fuorigioco. Due minuti dopo però, la rete arriva: Zoia, inesauribile, intercetta una palla mal giocata dalla difesa ospite e regala un cioccolatino al centravanti, che ha gioco facile nello spingere in rete. Gli ospiti, già in calo, non avranno più la forza di rialzarsi. Vince il Seregno e la vittoria, vale doppio perché lancia in vetta gli Spartans e perché forse esclude dalla lotta per il campionato, gli avversari, oggi belli ma perdenti.

IL TABELLINO

SEREGNO-CREMA   3-2
RETI (1-0,1-1,2-1,2-2,3-2): 5’ Alessandro (S), 22’ Ferrari (C), 14’ st Invernizzi (S), 23’ st Laner (C), 42’ st Alessandro (S)
SEREGNO (3-5-2): Lupu 7.5, Zoia 7.5, Bonaiti 7, Tomas 6.5, Ricciardo 5 (23’ st Labas 6.5), Alessandro 8.5, Poletti 6, Bruzzone 7, Aga 6, Invernizzi 7,  Borghese 7. A disp. Colantonio, Piccinocchi, Tentoni, Mantegazza, Zanon, Jimenez, Mihaljevic, Ferrari. All. França 7
CREMA (4-2-3-1): Pennesi 7, Otabie 6.5, Gerevini 7, Nelli 6.5 (28’ st Assulin 6.5), Baggi 7, Gianola 6.5, Salami 6.5 (39’ st Campisi sv), Laner 7, Ferrari 8, Bardelloni 7, Poledri 7. A disp. Ziglioli, Adobati, Bignami, Forni, Mapelli, Ruscitto, Lekane. All. Dossena 7.5
ARBITRO: Castellone di Napoli  6
ASSISTENTI: Cardone di Catania e Puccini di Pontedera.
AMMONITI: Gianola (C), Borghese (S), Aga (S), Otabie (C).
ESPULSO: 3’ st Poletti (S) per doppia ammonizione, Tomas (S) dopo il triplice fischio.

LE PAGELLE

SEREGNO
Lupu 7.5 Si oppone, quando può, sempre bene: una sicurezza per il Seregno.
Zoia 7.5 Fluidificante di grande tecnica e intelligenza: non spreca un pallone e sul finale regala l’assist per l 3-2 di Alessandro.
Bonaiti 7 Un po’ statico nel primo tempo, cresce nel secondo andando a pressare e a coprire le traiettorie di passaggio.
Tomas 6.5 Non perfetto in impostazione ma quello che conta è che quando il Crema spinge non affonda, mostrando coraggio e autorità. Si fa buttare fuori dopo il triplice fischio finale per qualche parolina di troppo.
Ricciardo 5 Prova incolore, senza squilli. Non riesce a dare una mano al suo compagno di reparto.
23’ st Labas 6.5 Si fa notare per la sua velocità e per il suo dinamismo in avanti. Non sempre preciso ma comunque frizzante.
Alessandro 8.5 Il primo gol è da cineteca, la prestazione nel suo complesso è totale e di qualità. Il gol annullato prima e il gol trovato nel finale poi esaltano una prova di grande maturità e leadership.
Poletti 6 Alti e bassi nel difficile duello con Bardelloni. Non brilla ma non affonderebbe nemmeno. Espulso probabilmente senza colpa.
Bruzzone 7 Gioca bene nella difesa a tre, riuscendo a trovare i giusti tempi e i giusti spunti.
Aga 6 Perde qualche palla di troppo e fatica un po’ a fare filtro. Si compatta però bene, come tutta la squadra, nel finale.
Inverinizzi 7 Gioca una partita intelligente, sia quando deve coprire, che soprattutto nell’occasione del 2-1. Prezioso.
Borghese 7 Il duello con Ferrari lo vede penare ma comunque riesce a dire la sua con autorevolezza. Nelle palle contese e nei contrasti si fa valere molto bene.
All. Franca 7 Subisce i primi gol della sua gestione ma non la prima sconfitta, anzi: sa tenere salda e sul pezzo la squadra nel momento più problematico del match.

 

CREMA
Pennesi 7 Un miracolo su Borghese, un paio di buoni interventi e di uscite precise: la sconfitta non è colpa sua.
Otabie 6.5 Recupera diversi palloni in difesa, rapido e coraggioso nel proporsi in avanti.
Gerevini 7 Sulla sinistra va alla grande: fisico e qualità.
Nelli 6.5 Ci sono molte belle giocate nella sua prestazione ma anche l’ingenuità sul gol. Comunque più alti che bassi.
28’ st Assulin 6.5 Entra quando i suoi compagni di squadra sono un po’ fermi ma tuttavia dà una mano in fase di spinta.
Baggi 7 Mestiere, stile e coraggio non gli mancano.
Gianola 6.5 Bada al sodo e lo fa bene, rischiando poco o niente.
Salami 6.5 Parte benissimo con tanti guizzi che mettono in subbuglio la difesa del Seregno. Fallito il gol, cala un po’ conducendo un secondo tempo più abulico. (39’ st Campisi sv).
Laner 7 Cambia molto bene il gioco con lanci di qualità. L’assist per il gol di Ferrari è ottimo e nel complesso si fa valere alla grande in mezzo al campo.
Ferrari 8 Da applausi: due gol e tantissime palle ben giocate, protette o smistate: giocatore riferimento del miglior attacco del campionato.
Bardelloni 7 Marcarlo è difficile perché si muove dappertutto: una spina nel fianco per il Seregno.
Poledri 7 Come sopra. Le sue incursioni sono veramente da applausi e difficili da arginare per la difesa di casa.
All. Dossena 7.5 Perde per una prestazione super di un singolo e per un paio di errori individuali ma il suo Crema, a livello di gioco, lascia veramente una grande impressione.

 

ARBITRO
Castellone di Napoli 6.5
La doppia ammonizione di Poletti è un po’ severa e condiziona il match. Per il resto puntuale e ben piazzato.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli