12 Agosto 2020 - 12:11:14

Serie D, ora è ufficiale Pro Sesto-Levico si rigioca!

Le più lette

#stiamoincontatto Brescia: ripartono campionato e BresciaOggi. Pasquali: «Fiducioso sui protocolli»

Condotta e moderata dal delegato Alberto Pasquali, martedì 4 agosto alle ore 20 sulla piattaforma Cisco Webex si è...

Novara, è ufficiale: Sergio Zanetti nuovo allenatore della Berretti

Mancava solo l'ufficialità per l'approdo di Sergio Zanetti al Novara. L'argentino allenerà la Berretti prendendo il posto di Giacomo...

Fossano, Sangare saluta e continua l’intrigo Aloia

La telenovela Aloia continua. L'attaccante 2000 della Giovanile Centallo ha fatto parlare di sé andando a fare il primo...

Serie D Pro Sesto-Levico Molto aveva fatto discutere il match valido per la 9° giornata del Girone B tra la Pro Sesto di Francesco Parravicini e la formazione trentina del Levico Terme guidata da Roberto Cortese. Il match, vinto dai sestesi per 3 reti a 1 [5′ Monni (P), 16′ Monni (P), 26′ rig Esposito (L), 46′ st Capelli (P)], verrà dunque rigiocato, come riportato nel comunicato uscito oggi del LND (CLICCA QUA PER LEGGERE L’INTERO COMUNICATO).
Dunque in sostanza la società trentina ha vinto il ricorso che aveva esposto, ed ecco integralmente la sentenza emessa dal Giudice Sportivo in merito alla vicenda:

“PRO SESTO S.R.L. – LEVICO TERME Il Giudice Sportivo, – esaminato il reclamo fatto pervenire, a seguito di tempestivo preannuncio, dalla U.S.D. LEVICO TERME e con il quale si deduce l’irregolare svolgimento della gara e se ne richiede la conseguente ripetizione, poiché l’Arbitro sarebbe incorso in errore tecnico, avendo comminato un provvedimento di espulsione ai danni del calciatore n. 4 della S.S.D. PRO SESTO SRL, GATTONI TOMMASO, solo a seguito della terza ammonizione comminata al 85′ e successiva alle precedenti del 20′ e del 75′, comminate sempre all’indirizzo del medesimo calciatore; – lette le controdeduzioni depositate dalla S.S.D. PRO SESTO SRL, con le quali si chiede nel merito, in via principale, di dichiarare l’inesistenza e, in via subordinata, la non decisività e ininfluenza dell’errore tecnico lamentato dalla ricorrente e, in via istruttoria, l’inammissibilità dei mezzi di prova prodotti; – rilevato come ai sensi dell’art. 61, comma 2, CGS, codesto giudice sportivo ha piena facoltà di utilizzare riprese televisive o “altri filmati”, come quello allegato dalla reclamante a riprova delle proprie affermazioni, quale mezzi di prova volti a dimostrare che i documenti ufficiali indicano quale ammonito soggetto diverso dall’autore dell’infrazione; – rilevato che il direttore di gara, con proprio supplemento di referto inviato il 30 ottobre 2019, ha espressamente riconosciuto l’errore nel quale è incorso, affermando di “aver commesso un errore in buona fede, ammonendo per ben tre volte lo stesso giocatore” individuato nel calciatore n. 4 della S.S.D. PRO SESTO SRL; – considerato che nella fattispecie di cui è causa si è concretizzato un errore non valutabile con criteri esclusivamente tecnici e che ha inciso sul regolare svolgimento della gara, ai sensi dell’art. 10, comma 5, let. c) CGS.”

Per ora dunque vanno tolti tre punti alla formazione sestese in attesa del match. Un attesa che però non intacca il primato della formazione di Parravicini che, per il momento, porta a solamente un punto il margine di vantaggio sul Seregno di Gianluca Balestri.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli