29 Novembre 2020 - 08:44:09

Serie D, scaduto il termine per i ricorsi sulle bocciature della CoViSoD: salta il Savona

Le più lette

Ponte San Pietro Serie D, cambio in panchina: via Melosi, ecco Giacomo Curioni

Un inizio di campionato complicato con un solo punto conquistato su 5 partite per il Ponte San Pietro con...

Storie di stadi: Piero De Paoli, un monumento al Chieri e alla chieresità

C'era una volta un Chieri al centro del tessuto della città, un Chieri che aveva come casa un fortino...

Scanzorosciate Under 14, Tino Russo bergamasco per amore: «Per me il calcio è passione e sacrificio»

Dopo un inizio di stagione pirotecnico, che li ha visti passare il turno nel torneo Ciatto grazie alle roboanti...
Dennis Carzaniga
Dennis Carzaniga
Caposervizio Redazione Lombardia

È scaduto oggi alle 17:00 il termine per i ricorsi sulle bocciature della Co.Vi.So.D. al prossimo campionato di Serie D. Sulle 163 società iscritte (San Marino e Vigor Carpaneto avevano già rinunciato), 9 club erano stati bocciati: 8 di questi hanno presentato ricorso. Tutti quindi, tranne il Savona che si può considerare ufficialmente fuori dai giochi. L’esito dei ricorsi arriverà entro il 4 agosto, e solo dopo il Consiglio Direttivo della LND del 6 agosto si potrà parlare di eventuali ripescaggi.

IL COMUNICATO

Roma, 31 Luglio 2020 – Quest’oggi la Serie D ha compiuto un altro passo avanti verso la definizione dell’organico per la stagione 2020/2021. Delle 165 società aventi diritto San Marino e Vigor Carpaneto hanno rinunciato all’iscrizione; dei nove sodalizi, con istruttoria negativa a seguito della valutazione della Co.Vi.So.D, otto club hanno presentato ricorso nei termini previsti. Solo il Savona non ha presentato alcuna documentazione. La Co.Vi.So.D. esprimerà alla Lega Nazionale Dilettanti, entro il 4 agosto, parere motivato sui ricorsi proposti. La decisione sull’ammissione ai Campionati verrà assunta il prossimo 6 agosto dal Consiglio Direttivo della LND il quale potrà escludere anche quelle Società che, a seguito di accertamento, si siano rese responsabili della presentazione di documentazione amministrativa falsa e/o mendace.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli