22 Giugno 2021

Virtus Ciserano Bergamo-Crema Serie D: Bardelloni festeggia il compleanno con una doppietta da quarto posto

Le più lette

Asti-Chisola Eccellenza, la fotogallery della vittoria e della festa biancorossa

Un momento che la Asti calcistica aspettava da ben 6 lunghi anni. Dopo una stagione praticamente perfetta, fatta di...

Ciliverghe Eccellenza: si separano le strade tra il tecnico Cogliandro e la società dopo due anni

Dopo due stagioni complicate più dai fattori esterni che dai risultati in sé le strade di Vincenzo Cogliandro e...

Nuova Frontiera, il futuro non fa paura. Il DS Attilio Mapelli: «Stiamo costruendo una realtà solida che punti a valorizzare i giovani sempre di...

Pandemia? Crisi del calcio dilettantistico? Vocaboli e concetti che sembrano non aver sfiorato la Nuova Frontiera, società che si...

Seconda vittoria consecutiva mantenendo la porta inviolata per il Crema sul campo della Virtus Ciserano Bergamo grazie alla doppietta su rigore di Bardelloni. Tre punti importanti in chiave playoff, viste le cadute di NibionnOggiono e Desenzano Calvina. Moduli speculari per le due squadre, entrambe con il 4-3-3, con Del Prato che si affida fra i pali a Mauro Colleoni che rimpiazza Matteo. La coppia collaudata Del Carro-Nessi guida la difesa completata da Daniele Pozzoni e Pellegrini. Ricozzi in mediana con Careccia e Chiarparin. Tridente con al centro Esposito e sui lati Spini e Haoufadi. Dossena non ha a disposizione Adobati e Gianola, rispettivamente per squalifica e infortunio, quindi al centro della difesa c’è Forni con Baggi. Il primo, essendo un under, permette al tecnico degli ospiti di schierare Assulin titolare largo a sinistra nel tridente, completato da Salami e Bardelloni, fresco di festeggiamenti per il suo 31° compleanno. Panchina sia per Ferrari che per Cocci. Mediana con Nelli, che arriva dal suo primo gol stagionale, con Laner e Poledri.

 

Bardelloni di ghiaccio. Partenza importante per il Crema che al 3′ si fa già vedere in avanti con un’azione solitaria di Assulin. Classica giocata per l’israeliano che punta Pozzoni, porta palla sul destro e dal limite incrocia sul primo palo, attento Colleoni a respingere. Sulla ribattuta si avventa Salami che cade a terra su contatto con Del Carro, ma per Petrov di Roma 1 non ci sono gli estremi per il calcio di rigore. La Virtus, in una situazione di classifica relativamente tranquilla, gioca a viso mantenendo il possesso del pallone, con i cremaschi che possono anche giocare in velocità una volta conquista palla. All’8′ Poledri cambia gioco da sinistra a destra pescando l’inserimento di Salami, bravo ad anticipare Pellegrini e agganciare in area, ma non altrettanto nella conclusione di sinistro praticamente dal dischetto, pallone che termina a lato. La grande occasione scuote i rossoblù che provano ad alzare il baricentro, grazie al lavoro sulle palle alte di Esposito, gioco che però non porta a creare pericoli alla porta di Ziglioli. La mole di gioco del Crema porta frutti al 29′: Poledri imbuca in area per Bardelloni vicino al lato corto di sinistra, il capitano e numero 10 ospite protegge palla su Nessi che si fa aggirare sull’esterno e in scivolata tira giù l’avversario. Petrov è posizionato perfettamente e fischia il rigore. Dal dischetto va lo stesso Bardelloni che apre il destro e piazza la sfera sotto la traversa rendendo inutile il tuffo dalla parte giusta di Colleoni. Al 35′ la reazione della Virtus è affidata a un calcio piazzato dai 25 metri decentrato sulla sinistra. Alla battuta va Ricozzi che sceglie la battuta rasoterra, ma che termina a lato con Ziglioli in controllo. Gli spazi esaltano gli avanti del Crema che al 38′ conquista un altro rigore. Nelli porta palla centralmente e serve Assulin sulla sinistra, sterzata centrale con tunnel su Pozzoni, che lo stende appena dentro al vertice dell’area. Altro rigore solare e altra rete di Bardelloni, che questa volta cambia l’angolo e spiazza Colleoni. Al tramonto del primo tempo, 43′, la Virtus va vicinissima al gol che avrebbe riaperto la partita con Careccia che si accentra dalla sinistra e prova il destro, Baggi interviene in scivolata e fa impennare la traiettoria del pallone che si spegne alto sopra la traversa di un immobile Ziglioli di pochi centimetri. L’ultima occasione però della frazione è del Crema che sfiora il tris con il destro a giro di Poledri che va vicinissimo all’incrocio. Termina 2-0 un bel primo tempo con due squadra che giocano a viso aperto, a fare la differenza il maggior tasso tecnico degli attaccanti di Dossena.

 

La Virtus non sfonda. Del Prato non effettua cambi durante l’intervallo, ma la sua squadra esce bene dagli spogliatoi e nei primi minuti schiaccia il Crema nella propria trequarti, ma i bergamaschi non riescono a concludere in maniera pulita verso la porta di Ziglioli. Al 10′ l’ex tecnico del Brusaporto gioca la carta Confalonieri, che preleva Chiarparin e la Virtus passa al 4-2-3-1 con il nuovo entrato che si posiziona dietro a Esposito. La mossa tattica dà maggior spinta offensiva anche se continuano a mancare le conclusioni in porta. Al 17′ Ziglioli si sporca i guanti e lo fa con una parata non banale su Esposito che, azionato da una sponda aerea di Confalonieri, calcia da buona posizione con un destro al volo, ma trovando la respinta del portiere avversario. La spinta offensiva della Virtus apre spazi invitanti per i contropiedi del Crema che al 20′ trova l’imbucata giusta per Bardelloni, palla a Assulin, che si fa chiudere, ma la sfera rimane in possesso bianconero con Salami che cambia gioco sulla sinistra e pesca in area Bardelloni, sinistro al volo che soffia vicino al primo palo. Al 24′ proteste vibranti della Virtus per un contatto in area fra Confalonieri e Nelli, ma per l’arbitro è tutto regolare con grande disappunto per Del Prato che prima viene ammonito e poi espulso per qualche parola di troppo nei confronti del direttore di gara. Crema arroccato nella propria trequarti a chiudere ogni spazio e allora la Virtus ci prova da fuori e al 31′ con Spini, ma è strepitoso Ziglioli ad allungarsi alla propria destra e a deviare in angolo il destro dal limite. A tempo ormai scaduto Leonardo Pozzoni colpisce la traversa con una bella girata di testa su corner di Ricozzi, a certificare una giornata non particolarmente fortunata per i suoi. Termina così la sfida che lancia il Crema al quarto posto staccando NibionnOggiono, Desenzano Calvina e Brusaporto.

IL TABELLINO

VIRTUS CISERANO BERGAMO-CREMA 0-2
RETI: 30′ rig. Bardelloni (C), 38′ rig. Bardelloni (C).
VIRTUS CISERANO BERGAMO (4-3-3): Colleoni Mau. 6, Pozzoni D. 5 (25′ st Bonfanti 6), Pellegrini 5.5, Ricozzi 6, Del Carro 6, Nessi 5.5, Careccia 6.5, Chiarparin 5.5 (10′ st Confalonieri 6.5), Esposito 6.5, Haoufadi 5.5 (25′ st Pozzoni L. 6), Spini 6 (41′ st Ambrosini sv). A disp. Colleoni Mat., Capitanio, Jaouhari, Nessi, Galdoune. All. Del Prato 5.
CREMA (4-3-3): Ziglioli 7, Otabie 6, Russo 6, Nelli 7 (43′ st Mapelli sv), Baggi 7, Forni 6.5, Salami 6, Laner 6, Assulin 7 (32′ st Ferrari 6), Bardelloni 7.5 (46′ st Tomella sv), Poledri 7. A disp. Ghidini, Gerevini, Biglietti, Stringa, Bignami, Cocci. All. Dossena 7.
ARBITRO: Petrov di Roma 1  6.5.
ASSISTENTI: Cimmarusti di Novara e Mirarco di Treviso.
AMMONITI: Nelli (C), Laner (C), Russo (C), Del Carro (V)
ESPULSO: 25′ st All. Del Prato (V)

LE PAGELLE

VIRTUS CISERANO BERGAMO
Colleoni Mau. 6 Bardelloni lo batte per due volte con dei rigori perfetti. A conti fatti non deve effettuare nessuna parata importante dopo il destro di Assulin al 3′.
Pozzoni D. 5 Assulin gli fa venire il mal di testa già al terzo minuto e lo sorprende con un tunnel in occasione del fallo che porta al secondo rigore. Nella ripresa prova a dare il suo contributo con qualche cross dalla destra. (25′ st Bonfanti 6).
Pellegrini 5.5 Salami non lo sollecita più di tanto, ma lui non riesce mai a trovare spazio in avanti per portare un’alternativa sulla fascia.
Ricozzi 6 Suona la carica con qualche calcio di punizione che non impegna Ziglioli. Dal suo piede nascono sempre pericoli per la difesa del Crema.
Del Carro 6 Il capitano rossoblù è quello che riesce ad assorbire meglio i movimenti di Bardelloni, che infatti preferisce giocare su Nessi.
Nessi 5.5 Si fa aggirare troppo facilmente da Bardelloni e commette fallo da rigore. Prova a riscattarsi con qualche buona chiusura, ma ormai la frittata è fatta.
Careccia 6.5 Non trovando spazi buoni per servire gli attaccanti, ci prova spesso da fuori, ma trova davanti a sè un muro.
Chiarparin 5.5 Le trame rasoterra della mediana del Crema lo mandano fuori fase e tempo nel pressing. Fatica a trovare la soluzione giusta quando ha la palla fra i piedi.
10′ st Confalonieri 6.5 La sua presenza in area di rigore appena qualche metro dietro a Esposito si fa sentire eccome. Nelli non può più impostare con la calma del primo tempo e il Crema ne risente.
Esposito 6.5 Si muove a collegare centrocampo e attacco. Beneficia dell’ingresso di Confalonieri e trova un super Ziglioli a negargli il gol.
Haoufadi 5.5 Il duello con Otabie è molto equilibrato. Anche quando prova ad accentrarsi sul destro non trova mai lo spazio giusto, anche per merito del raddoppio sistematico di Laner. (25′ st Pozzoni L. 6).
Spini 6 Anche in un primo temp difficile cerca di farsi vedere anche abbassando la sua posizione. È l’autore del tiro più pericoloso dei suoi, ma oggi Ziglioli non si batte. (41′ st Ambrosini sv).
All. Del Prato 5 Gioca con una squadra più forte e si sa, ma il fatto di aver optato per una partita a viso aperto non fa altro che avvantaggiare il Crema che può contare su calciatori molto bravi nell’uno contro uno. I falli da rigore ne sono un esempio.

 

CREMA
Ziglioli 7 Primo tempo da spettatore, anche quando Baggi devia un tiro di Careccia che sfiora la traversa. La ripresa è di tutt’altro tenore e compie due buonissime parate su Esposito e Spini.
Otabie 6 Ordinato e preciso in copertura. Oggi non c’era così tanto bisogno della spinta sulle fasce.
Russo 6 Stesso discorso di Otabie, anche se Spini è molto più vivace di Haoufadi, anche se lui è bravo a controllarlo.
Nelli 7 Altra prestazione molto convincente del regista di Dossena che spacca in due la mediana avversaria in occasione dell’azione che porta al secondo rigore. (43′ st Mapelli sv).
Baggi 7 Chiude qualsiasi spazio che la Virtus può eventualmente sfruttare. Esposito non è un cliente facile e la sfida fra i due e una delle cose più belle della partita.
Forni 6.5 Senza Gianola e Adobati viene scelto e ripaga la decisione con una prestazione attenta e all’altezza dell’impegno e importanza della gara.
Salami 6 Ancora non è qual giocatore che mette a ferro e fuoco le difese avversarie. Anche se la manovra dei suoi predilige la fascia di Assulin. Comunque sufficiente anche per l’impegno in chiusura nella ripresa.
Laner 6 Non si nota molto con la palla fra i piedi, ma è autore di quel lavoro oscuro fatti di raddoppi che tutti gli allenatori amano.
Assulin 7 Che sia in giornata lo si vede subito al 3′ minuto con sterzata e destro sul primo palo. Si guadagna il calcio di rigore del 2-0 con una giocata uguale dove manda al bar Daniele Pozzoni. (32′ st Ferrari 6).
Bardelloni 7.5 Glaciale dal dischetto per due volte con conclusioni impeccabili. Giocate determinanti per tutto l’arco della partita. Esce dolorante al flessore ed è forse l’unico neo della giornata del Crema. (46′ st Tomella sv)
Poledri 7 La solita corsa al servizio della squadra da parte della mezz’ala bianconera. In fase di pressing avanzato va a prendere Ricozzi per non concedergli un’uscita facile dalla zona calda.
All. Dossena 7 I suoi partono forte e la scelta di Assulin lo ripaga in pieno. Secondo tempo di sofferenza, anche se era un rischio calcolato.

 

ARBITRO
Petrov di Roma 1 6.5 I due rigori per il Crema sono evidenti e facili da fischiare. Gara tutto sommato tranquilla, a parte l’episodio fra Nelli e Confalonieri che accende le proteste. Lui è sicuro della sua scelta e lo dimostra espellendo Del Prato per qualche parolina di troppo.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli