25 Giugno 2021

Virtus Ciserano Bergamo-Fanfulla Serie D: il ritorno al gol di De Angelis coincide con la sesta perla di Ciceri

Le più lette

Aurora Olgiate Promozione: Gandolfi il primo volto nuovo, ufficiali anche un ritorno e una riconferma

L'Aurora Olgiate inizia a prepararsi per il prossimo campionato presentando i primi tre elementi della rosa. Rispetto alla stagione...

Vanchiglia-Lucento All Stars Under 16: Amrhar fa una magia, i granata volano in semifinale

Quando trovare gli spazi è difficile, quando nessuno vuole mollare un centimetro e quando due squadre con due difese...

In Val d’Aosta nasce il River Plaine, Fenusma e Quart si uniscono

Far fronte comune per ovviare alle difficoltà di questo periodo e costruire un futuro roseo all’insegna della comunione d’intenti....

Un Fanfulla quasi perfetto nel primo tempo allunga la sua striscia vincente a sette partite in casa di una Virtus Ciserano Bergamo che commette troppi errori banali nella fase iniziale e incappa nel terzo stop consecutivo. 3-2 il risultato finale con la doppietta di De Angelis dal dischetto. A nulla è servito il ritorno della Virtus che ha trovato la rete con Confalonieri e Spini, sfruttando anche la superiorità numerica per il doppio giallo a Laribi. Con una maggiore spietatezza in fase realizzativa l’undici allenato da Andrea Ciceri avrebbe chiuso la contesa molto in anticipo e con un punteggio più altisonante; forse tardiva la reazione dei ragazzi guidati da Ivan Del Prato, che comunque hanno tenuto la contesa in vita sino alle battute finali.

 

Tris bianconero. Parte con più vigore il Fanfulla e al 4′ ha già una opportunità per sparigliare il punteggio, Laribi da pochi passi dalla porta mette di testa il pallone nelle mani di Matteo Colleoni. E il gol ospite si materializza al 9′, filtrante in area per Spaneshi, rasoterra arretrato per Queros che la mette nell’angolino basso dove Matteo Colleoni non può arrivarci. Il Fanfulla sfrutta l’abbrivio del vantaggio e al 11′ Anastasia è nettamente atterrato in area, sul dischetto si presenta l’ex di giornata De Angelis che spiazza il numero uno bergamasco. Sussulto dei padroni di casa per qualche minuto, che produce soltanto un tiro centrale di Ambrosini bloccato da Cizza. E’ sempre il Fanfulla a essere più pericoloso nei 16 metri e al 17′ un destro a giro dello scatenato Qeros è deviato e finisce di poco sul fondo. Al 20′ finalmente la Virtus Ciserano dà segni di vita e un sinistro di Spini dal limite fa gridare al gol, il pallone, invece, sfiora soltanto il palo e finisce dietro la rete. 29′, fallo in area di Muchetti su De Angelis, anche qui non ci sono dubbi e Negrelli concede il secondo rigore di giornata ai bianconeri: De Angelis fa la fotocopia del primo penalty, spiazza Matteo Colleoni, doppietta personale e 0-3 sul tabellone. I bianconeri non accennano a fermarsi e al 32′ non vanno lontani dalla quaterna con una incornata di Palmieri, messa in corner da Matteo Colleoni. Finalmente Ciserano al 38′, punizione calciata velocemente da Ricozzi per Daniele Pozzoni, cross immediato e Confalonieri in spaccata accorcia le distanze. C’è ancora una partita. Non accusa il colpo il Fanfulla, discesa imperiosa di Palmieri, sinistro a colpo sicuro dal dischetto e miracolosa parata con i piedi di Matteo Colleoni. Ancora protagonista il portiere di Del Prato al 43′, in uscita su Anastasia. È l’ultima emozione di un primo tempo dominato dal Fanfulla, con una partita ancora aperta grazie alla rete dell’1-3 di Confalonieri.

 

Spini non basta. Squadre in campo nella ripresa senza cambi nelle due formazioni e, ovviamente, sono i padroni di casa ad accelerare per provare a segnare la rete che renderebbe pepata la contesa. Episodio al 9′ che potrebbe riportare ancora di più in partita la Virtus Ciserano Bergamo, capitan Laribi commette fallo a centrocampo e Negrelli lo ammonisce per la seconda volta, la prima pochi minuti prima era stata per proteste, e il Fanfulla resta in 10 uomini. Così i bergamaschi provano a spingere per accorciare ulteriormente le distanze ma è più pericoloso il Fanfulla con due contropiede di Qeros. Spingono i padroni di casa che si rendono pericolosi su calci da fermo, al 39′ con il colpo di testa di Haoufadi, che sfiora la traversa. Ancora pericolosa la Virtus Ciserano Bergamo al 41′, zuccata di Muchetti, i padroni di casa stanno già per esultare e Cizza fa il miracolo deviando in angolo. La Virtus Ciserano Bergamo accorcia le distanze al 45′ con sinistro al volo, imparabile per Cizza. Nei cinque minuti di recupero non c’è il miracolo per la Virtus Ciserano Bergamo e Fanfulla conquista la settima vittoria consecutiva con un punteggio striminzito rispetto alle occasioni da rete costruite in 95 minuti di partita.

IL TABELLINO

VIRTUS CISERANO BERGAMO-FANFULLA  2-3
RETI: 9′ Qeros (F), 11′ rig., 29′ rig. De Angelis (F), 38′ Confalonieri (VCB), 45′ st Spini (VCB).
VIRTUS CISERANO BERGAMO (4-3-3): Mat. Colleoni 7, Bonfanti 6 (20′ st Haoufadi 6), Pellegrini 5.5, Ricozzi 6.5, Del Carro 6, R. Nessi 5, D. Pozzoni 6 (10′ st Chiarparin 6), Muchetti 6.5, Ambrosini 5.5, Confalonieri 7, Spini 6.5. A disp.: Mau. Colleoni, Capitanio, N. Nessi, Jaouhari, Galdoune, L. Pozzoni, Moioli. All. Del Prato 5.5.
FANFULLA (4-2-3-1): Cizza 6.5, Spaneshi 6.5 (21′ st Cirigliano 6), Bernardini 7 (48′ st Casali sv), Laribi 6, Pascali 6.5, Serbouti 6.5, Qeros 7.5 (32′ st Agnelli sv), Guerrini 6.5, De Angelis 7 (27′ st Comi 6) Palmieri 7, Anastasia 6 (16′ st Baggi 6). A disp.: Carriello, Fabiani, Touré, Bertelli. All. Ciceri 7.
ARBITRO: Negrelli di Finale Emilia 6.
ASSISTENTI: Mamouni di Tolmezzo e Bonaccorso di Catania.
AMMONITI: R. Nessi, Chiarparin (VCB), Spaneshi, Pascali, Baggi, Palmieri (F).
ESPULSO: Laribi al 9′ st per somma di ammonizioni (F).

LE PAGELLE

VIRTUS CISERANO BERGAMO
Mat. Colleoni 7
Le due parate quasi miracolo su Palmieri e Anastasia negli ultimi minuti del pimo tempo tengono a galla la Virtus Ciserano Bergamo.
Bonfanti 6 Si impegna lodevolvolmente e prova anche a proporsi in avanti; esce quando ha finito le energie.
20′ st Haoufadi 6 Ci mette tanto impegno nella parte di gara concessagli da Del Prato e usa il fisico in area.
Pellegrini 5.5 Non è sicuramente la miglio vesione vista in questo campionato, cross prevedibile e un paio di tiri sparacchiati
Ricozzi 6.5 La squadra gira intorno a lui, sostanza e qualità e una piccola furbizia nell’azione della rete di Confalonieri.
Del Carro 6 Usa l’esperienza e tutto quello che conosce nei confronti impegnativi con De Angelis, Palmieri e Anastasia.
Nessi 5 Trasforma la grinta in nervosismo e ciò non fa certamente il bene della squadra.
Pozzoni 6 Uno dei pochi a non affondare sotto il triplice colpo del Fanfulla, serve a Confalonieri l’assist per il gol della speranza
10′ st Chiarparin 6 Sprizza energia quando sostituisce Daniele Pozzoni.
Muchetti 6.5 A 36 anni al capitano non fanno difetto carisma e intensità che mette al servizio dei compagni.
Ambrosini 5.5 Si dà da fare, si sbatte come si dice in gergo, però risultato toppo fumoso e va a sbattere conto la fisicità dei difensori ospiti.
Confalonieri 7 Mette in mostra degli ottimi numeri e ha il merito di tenere viva una partita che sembrava strachiusa con un gol di ottima fattura.
Spini 6.5 Partita da sei fino al 90′, poi il grand gol, anche se inutile, di sinistro al volo da fuori area gli regala mezzo punto in più.
All. Del Prato 5.5 Squadra arrendevole e imprecisa per quasi 45 minuti, avrebbe dovuto dare una scossa già nel primo tempo.

 

FANFULLA
Cizza 6
Classica partita da sei di stima, una parta da applausi su Muchetti gli valgono mezzo scatto in più.
Spaneshi 6.5 Difensore tignossissimo, difficilmente perde un contrasto con l’avversario di turno.
21′ st Cirigliano 6 Entra in campo per tenere il pallone il più lontano possibile dalla propria area.
Bernardini 7 Fluidificante sinsitro, come si diceva una volta, dai buoni piedi; non dimentica la fase difensiva. (48′ st Casali sv).
Laribi 6 Voto abbassato per aver lasciato i compagni in inferiorità numerica per quasi un tempo; ingenua la prima ammonizione per proteste.
Pascali 6.5 Stopper d’altri tempi, forte di testa e bada al sodo negli interventi di rottura sugli attaccanti.
Serbouti 6.5 Con Pascali compone una coppia di corazzieri al servizio del tecnico Andrea Ciceri; prestazione essenziale.
Qeros 7.5 È semplicemente immarcabile, un «arma illegale» per la categoria. Un gol segnato di pregevole fattura e altri due sfiorati. (32′ st Agnelli sv).
Guerrini 6.5 Centrocampista con poco peso ma tanta sostanza; soltanto qualche errore da correggere in impostazione.
De Angelis 7 Fa valere la legge dell’ex e con una doppietta su calcio di rigore contribuisce alla grande al settimo successo di fila dei bianconeri.
27′ st Comi 6 Fa tempo a guidare qualche sortita offensiva di alleggerimento dei bianconeri.
Palmieri 7 La classica fantasia al potere; è da appalusi la discesa da slalomista con cui va viico al gol, soltanto una paratone di Matteo Colleoni lo ferma.
Anastasia 6 Spreca il pallone del poker bianconero, con cui la partita sarebbe finita con 45 minuti di anticipo.
16′ st Baggi 6 Si sistema nelle retrovie al suo ingresso e difende il fortino.
All. Ciceri 7 La sua formazione funziona come un orologio svizzero per almeno 45 minuti.

 

ARBITRO
Negrelli di Finale Emilia 6 Fischia quello che deve fischiare, non sbagliando praticamente nulla in una gara comunque non difficile.

 

LE INTERVISTE

Non è stata sicuramente una delle giornate migliori per la Virtus Ciserano Bergamo la sfida casalinga con il lanciatissimo Fanfulla, che è valsa ai bergamaschi la terza sconfitta consecutiva nell’ultima settimana di campionato. Cosa non ha funzionato tra le file dei rossoblù? «L’approccio alla partita è stato inefficace – ha dichiarato a fine partita l’allenatore ciseranese Ivan Del Prato -, abbiamo regalato la prima mezzora di partita a un Fanfulla che ci non ci ha lasciato respirare tenendo alto il ritmo. Noi abbiamo commesso tanti errori tecnici e tattici, giocando al contrario di come ci eravamo preparati durante la settimana. Resta di buono soltanto la nostra reazione nel secondo tempo, che ci ha permesso di rimettere quasi in piedi una partita che potevamo già avere straperso alla fine del primo tempo. Con questo atteggiamento non possiamo fare punti e adesso dobbiamo guardarci alle spalle». L’obiettivo della Virtus Ciserano Bergamo per questo rush finale di campionato? «Il nostro traguardo da tagliare sono i 40 punti – ha risposto Del Prato -, solo a quella soglia potemmo dire di essere salvi. Peccato per le te sconfitte consecutive, con più attenzione saremmo potuti già essere vicini alla permanenza in Serie D. In questa settimana dobbiamo allenarci al meglio e correggere le situazioni che ci hanno portato a queste ultime tre sconfitte e soprattutto all’ultima con il Fanfulla. I ragazzi hanno commesso errori che, solitamente, non fanno; sono situazioni che non ci possiamo permettere nei prossimi scontri diretti che ci attendono contro Vis Nova Giussano, Ponte San Pietro e Tritium».

 

Non ci sono ostacoli sul cammino del Fanfulla, a Ciserano i bianconeri timbrano la settima vittoria consecutiva per la ovvia gioia del direttore generale Andrea Luce. «Il Fanfulla è in un momento di grazia, lo ha confermato il rendimento della squadra nel primo tempo in casa della Virtus Ciserano Bergamo. L’unico appunto che posso fare è che con maggiore precisione sotto porta e cattiveria saremmo andati al riposo con un paio di gol in più all’attivo e i tre punti già assicurati. Già sul 3-0 per noi stavamo gestendo il punteggio, il gol dei padroni di casa nel finale del primo tempo e l’espulsione del nostro capitano Laribi nella fase iniziale della ripresa ci hanno costretti a uno sforzo ulteriore per difendere il doppio vantaggio. La nostra vittoria non è mai stata in discussione». Qual è il traguardo per questo Fanfulla che non sa più perdere? «Dobbiamo lottare fino in fondo per dare fastidio a un super squadrone come il Seregno, purtroppo in termini di classifica stiamo pagando l’unico periodo di difficoltà avuto nella stagione, a gennaio; era in atto un processo di miglioramento della rosa per puntellare la squadra dove avevamo problemi. Risolta la situazione il Fanfulla ha cominciato a volare». Una delle differenze tra la partita d’andata e quella di ritorno è l’ex Ciro De Angelis? «Ciro è stato sicuramente un acquisto azzeccato e averlo o non averlo nella propria squadra fa tutta la differenza, lui e gli alti innesti ci hanno aiutato a spiccare il olo aprendo la striscia di sette successi di fila, che speriamo di chiudere il più tardi possibile». Si vocifera di un tuo disimpegno nel Fanfulla? «È voce totalmente falsa, sono al fianco dei ragazzi ogni giorno e, anzi, il mio impegno nel Fanfulla andrà a crescere».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli