12 Giugno 2021

Vis Nova-Fanfulla Serie D: Ciceri eguaglia il record, i bianconeri puniscono le sfortunate lucertole nel segno di Qeros

Le più lette

Casalpusterlengo Promozione: una vecchia gloria ritorna nello staff

Come si apprende dai canali social del club, il Casalpusterlengo riabbraccia Fabrizio Angelillo, già calciatore nerobiancorosso nel 2011 e...

Torino-Atalanta Under 15 Femminile: le granata danno Battaglia ma devono arrendersi a tanta Bellagente

Un Torino che passa in vantaggio nonostante soffra per buona parte del primo tempo e un'Atalanta che proprio quando...

Monza-Cremonese Under 17: tris brianzolo, Parietti, Castaldo e Cereghini stendono i grigiorossi

La quarta giornata di ritorno tra Monza e Cremonese termina con il risultato finale di 3-0 in favore dei...

Due squadre con simili obiettivi devono darsi battaglia, non c’è storia. E Giussano non manca di certo agonismo in una partita dalle mille storie e dalle mille facce, che vede i neroverdi cadere malamente: nell’1-5 finale c’è molta sfortuna per i padroni di casa ma anche tanta programmazione da parte degli ospiti, che mostrano cinismo e letalità nel colpire con le ripartenze, raggiungendo. I bianconeri ora sono in corsa per il primo posto, le lucertole invece traballano e mettono a rischio i playout.

 

Alta tensione. Il primo tempo si gioca ad un ritmo infernale con le due squadre a darsi battaglia con grandissimo agonismo. Pronti, via e i bianconeri sono già avanti: Bertelli riceve al limite e scarica una botta imparabile per Stropeni, che può solo guardare il pallone infilarsi nel sette. Il Fanfulla approccia meglio alla partita e al 7’ è una combinazione tra Spaneshi e Comi a portare al cross Laribi, che trova ben appostato a centro area Qeros, il cui colpo di testa è facile per Stropeni. Al 12’ la risposta neroverde con Valtulina, che in progressione prova ad accentrarsi e a concludere col destro sul primo palo ma la sua conclusione lambisce l’esterno della rete. Le lucertole dopo alcuni minuti infernali provano a risalire la china e al quarto d’ora ci riprovano con Valtulina, che da posizione inversa ci prova col mancino ma non centra la porta. Lo sforzo non produce risultati perché al 17’ arriva il raddoppio ospite con l’ex di turno, Comi, che approfitta al meglio di una disattenzione di Stropeni, che su un cross piuttosto innocuo di Bernardini non respinge e consegna il pallone all’attaccante bianconero, che deposita a porta sguarnita. Al 19’ arriva però un’ottima occasione per accorciare le distanze: Proserpio termina a terra dopo un contatto con Bertelli e per il direttore di gara è penalty. Dal dischetto è freddo lo specialista Valtulina che supera Cizza, che intuisce il lato ma non tocca il pallone. Alla mezz’ora rischiano di farla grossa gli uomini di Mastrolonardo, che dopo una conclusione strozzata di Comi si complicano la vita e non spazzano il pallone, che resta a vagare in area e che rischia di terminare nella porta di Stropeni, dopo un tocco pericoloso di Proserpio all’indietro. Le lucertole continuano ad attaccare, producono tanto ma non riescono a concretizzare, non centrando quasi mai il bersaglio.

 

Un episodio dà il via. Ha del clamoroso la doppia occasione per le lucertole in apertura di tempo: cross di Cazzaniga, colpo di testa di Schingo e riflessi mostruosi di Cizza prima e salvataggio provvidenziale di Fabiani poi. Al 10’ un episodio molto dubbio va a scalfire definitivamente le ambizioni di rimonta delle lucertole: Stropeni trattiene un pallone in presa e in un contrasto con Pascali lo tocca leggermente. Per il direttore di gara non ci sono dubbi: è calcio di rigore e cartellino giallo per l’estremo difensore giussanese. Dal dischetto Qeros non sbaglia e punisce Stropeni: è 1-3. Al 18’ dilagano gli uomini di Ciceri, che puniscono in contropiede con Qeros, che a tu per tu con Stropeni, dopo uno splendido assolo di Comi, non sbaglia. È notte fonda per le lucertole, che due minuti più tardi subiscono un’altra rete con capitan Laribi, che viene servito da Bertelli, complice una disattenzione neroverde e silura Stropeni e rende vano il tentativo di Fossati di salvare. Che la fortuna non sia dalla parte delle lucertole, come se ancora non si fosse capito, lo si nota definitivamente al 29’ quando Orellana impatta da ottima posizione e col mancino colpisce in pieno il palo. Legno colpito nel finale anche da Qeros, che in contropiede aperto colpisce la traversa, dopo un ultimo periodo di gara caratterizzato da un attacco casalingo. Al Borgonovo è goleada Fanfulla, che rimane saldo al secondo posto ed eguaglia il record di nove vittore consecutive. Per Mastrolonardo, complice anche tanta sfortuna, ora si fa molto difficile.

 

IL TABELLINO

VIS NOVA-FANFULLA 1-5
RETI (0-2; 1-2; 1-5): 3’ Bertelli (F), 17’ Comi (F), 19’ rig. Valtulina (V), 12’ st rig. Qeros (F), 18’ st Qeros (F), 20’ st Laribi (F).
VIS NOVA (4-3-1-2): Stropeni 5, Tranquillini 5.5, Gnaziri 6, Molteni 6, De Lisio 5.5 (24’ st Dugnani sv), Fossati 5.5, Cazzaniga 5.5 (30’ st Della Torre sv), Proserpio 6, Migliavacca 5 (34’ st Fadda sv), Orellana Cruz 6 (37’ st Redaelli sv), Valtulina 7 (42’ Schingo 6). A disp. Foresti, Giandinoto, Airoldi, Venier. All. Mastrolonardo 6.
FANFULLA (4-3-3): Cizza 7, Baggi A. 6.5 (20’ st Agnelli 6), Bernardini D. 6 (34’ st Sanogo sv), Laribi 7, Pascali 7.5 (30’ st Tourè sv), Fabiani 8, Bertelli 6.5, Guerrini 7 (24’ st Palmieri 6), Comi 7.5 (26’ st Casali sv), Qeros 8, Spaneshi 7. A disp. Carriello, Serbouti, Anastasia, Cirigliano. All. Ciceri 8.
ARBITRO: Campobasso di Formia 5.
ASSISTENTI: Morea di Molfetta e Nigri di Trieste.
AMMONITI: Stropeni (V), Qeros (F).

 

LE PAGELLE

VIS NOVA
Stropeni 5 Leggero in occasione del momentaneo 0-2 di Comi, molto dubbio invece l’episodio della sua ammonizione e del rigore.
Tranquillini 5.5 Meno vivo del solito, spesso va in difficoltà e soffre le marcature avversarie.
Gnaziri 6 Le serpentine sono la sua specialità, non affonda molto spesso ma quantomeno ci prova.
Molteni 6 Si prende la cabina di regia con forza e la tiene per tutti i 90’, sicuramente sufficiente.
De Lisio 5.5 Il suo strapotere fisico è evidente, la percentuale dei contrasti vinti è veramente alta, nel finale cade. (24’ st Dugnani sv).
Fossati 5.5 Meno preciso del solito, prova a tenere le redini della retroguardia ma gli avversari sono in una forma straripante.
Cazzaniga 5.5 Si posiziona sulla trequarti e prova ad inventare pericoli, ma si ferma sul più bello. (30’ st Della Torre sv).
Proserpio 6 Uno dei migliori: cerca sempre la giocata migliore ed attua il consueto pressing altissimo.
Migliavacca 5 Estraneo alla manovra, non viene mai servito e non cerca di creare grandi occasioni. Bocciato.
Orellana Cruz 6 La fantasia c’è sempre, l’impegno non manca. Prova a creare qualche guizzo: il palo è l’ennesimo segnale di sfortuna. (37’ st Redaelli sv).
Valtulina 7 Il migliore in campo dei suoi è lui, rigore a parte dà sempre la sensazione di poter far male.
Dal 42’ Schingo 6 Entra e prova ad incidere ma non riesce mai a centrare il bersaglio se non a inizio ripresa, quando è un doppio miracolo a negargli la gioia del gol.
All. Mastrolonardo 6 La sua squadra paga eccessivamente gli episodi e mostra sempre una certa sfortuna. Il gioco e la prestazione propositiva non manca, il passivo è pesantissimo e dovuto ad un singolo episodio che stronca le ambizioni dei suoi.

 

FANFULLA
Cizza 7 Autore di un miracolo prodigioso sul colpo di testa di Schingo, la sua gara è racchiusa in quell’episodio, perché per quanto riguarda il resto a salvarlo è un palo e la poca precisione delle lucertole.
Baggi A. 6.5 Spinge con grande costanza mostrandosi solido là dietro, buona prestazione la sua.
20’ st Agnelli 6 Entra in partita e gestisce il risultato.
Bernardini D. 6 Non incide particolarmente sull’esito dell’incontro, fa il suo ma senza brillare eccessivamente di luce propria. (34’ st Sanogo sv).
Laribi 7 Chiude e lucchetta la mediana con grande esperienza, nella gioia del finale ha tempo anche di trovare la rete con una deviazione sporcata.
Pascali 7.5 A proposito di esperienza con lui ci sarebbe da scrivere per ore: non sbaglia praticamente nulla, salva anche il non salvabile. (30’ st Tourè sv).
Fabiani 8 Clamorosamente decisivo: salva un gol già fatto da Schingo sulla linea e mostra una enorme solidità.
Bertelli 6.5 Non si nota particolarmente perché i compagni brillano più di lui, ma nel complesso la prestazione è a dir poco positiva.
Guerrini 7 Il gol che la sblocca è una vera gemma, nel mezzo offre una prestazione di grande sacrificio, è ovunque.
Dal 24’ st Palmieri 6 Gestione del risultato e poco altro.
Comi 7.5 Torna da ex e si toglie una grandissima soddisfazione, a Giussano si mangiano le mani: i problemi fisici che lo hanno tormentato sembrano essere alle spalle. (26’ st Casali sv).
Qeros 8 Per carburare ci mette un po’ ma nei minuti finali è semplicemente straordinario: rigore perfetto e tocco dolce da oscar.
Spaneshi 7 Vivace e propositivo, per tutti i novanta minuti dà l’anima e in contropiede dice sempre la sua.
All. Ciceri 8 L’approccio alla gara è strepitoso, soprattutto nel secondo tempo, quando i suoi sfruttano l’umore degli avversari per dilagare. La fortuna non manca, ma la vittoria è costruita alla perfezione: record eguagliato e ora si può sperare nel primo posto.

 

ARBITRO
Campobasso di Formia 5 Il rigore concesso agli ospiti è sicuramente più che dubbio, ma nel complesso non riesce a tenere la gara sotto controllo. Qualche cartellino in più poteva starci.

L’INTERVISTA

Le parole di Ciceri (tecnico Fanfulla)


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli