14 Aprile 2021

Bra – Fossano Serie D: i Blues durano poco più di mezz’ora, i giallorossi calano il tris in 6′

Le più lette

Angolo Eccellenza: da questo venerdì il nuovo format targato Sprint e Sport

Da venerdì 9 aprile alle ore 19 in punto vi aspetta il nuovissimo appuntamento live "Angolo Eccellenza". Ogni settimana...

Torinese, in arrivo l’Under 19 dalla stagione 21/22: via alle valutazioni per la panchina

Un altro annuncio importante da parte della società di Sante Squillace. Dalla stagione 2021/22 la Torinese avrà una formazione...

Promozione, le strade tra la Torinese e Roberto Sorrentino si separano

Mai come in questo caso si può dire la classica frase "era nell'aria". Finisce definitivamente il matrimonio tra i...
Avatar
Daniele Moccia
Responsabile Eccellenza - Promozione Piemonte Promozione Girone B

Il Bra archivia la pratica Fossano nel primo tempo, vincendo con un rotondo e mai in discussione 3-0 il terzo derby su tre negli ultimi 2 anni di Serie D. A firmare la vittoria ci pensa capitan Lillo Rossi (su una gran punizione di seconda), Olger Merkaj dal dischetto e Francesco Bongiovanni. Al Fossano di Viassi resta una buona mezz’ora in fase difensiva, ma a parte due azioni pericolose i Blues non hanno mai impensierito Guerci. La sfida al Borgosesia di domenica può definirsi una delle ultime spiagge per rilanciare la marcia verso il miracolo salvezza.

Il Bra affida il reparto offensivo a Olger Merkaj e a Luca Marchisone, incaricati di sostituire il peso offensivo dell’assente (e partente) Gaeta. Con il classico 3-4-1-2 Daidola schiera il solito terzetto Rossi-Tos-Saltarelli davanti a Guerci; Capellupo a impostare e Daqoune a dare quantità in mediana; Reeb e Baggio sulle corsie esterne con il 2001 Bongiovanni a dare qualità sulla trequarti.
Senza Alfiero Viassi schiera ancora Ricky Romani punta centrale nel suo 4-3-3: Merlano tra i pali e linea a 4 con Specchia terzino destro, Coviello a sinistra e Bellocchio-Scotto al centro; Lazzaretti in regia con ai lati Fogliarino e Brondi; davanti a supporto dell’ex Bisceglie Galvagno ala destra e Coulibaly sulla corsia mancina.

I Blues dimostrano fin da subito un buon assetto tattico, rischiando poco e tenendo botta al Bra. I langaroli fanno la partita da subito, tentando di sfondare soprattutto sulle fasce con Baggio e Reeb, ma la grande attenzione dei terzini di Viassi è lodevole, ben aiutati dai ripiegamenti dei compagni di squadra. Tra tutti si mette in mostra Coviello, attentissimo nel primo quarto d’ora di partita, sia nei duelli con Baggio che nelle palle centrali. Il primo lampo, infatti, è del Fossano: al 16′ Romani si mette in proprio sulla destra, salta un paio di avversari, arriva sul fondo per crossare ma Fogliarino manca il tap in facile grazie a un super intervento di Baggio. Il 14 in giallorosso si ripete poco dopo in una chiusura eroica su Coulibaly lanciato a rete (timide proteste dei Blues per un presunto rigore), mentre il gemello di sinistra Reeb innesca al 18′ l’azione del gol dell’1-0 del Bra (punizione del 15 giallorosso, sponda Rossi, colpo di testa di Saltarelli), annullato però per fuorigioco.

La sequenza del gol annullato a Saltarelli

 

Il Bra si trova così costretto ad alzare il ritmo, coinvolgendo tutti gli effettivi nella manovra offensiva: salgono a turno i difensori per andare a colpire di testa in area o da fuori, ma il Fossano è ben piazzato e per impensierire i Blues servono tiri da fuori, come quello di Marchisone al 26′ che trova una bella risposta di Merlano.

In una partita che sembra davvero bloccata, ci vuole la giocata giusta e imprevedibile per trovare la chiave di volta. E a trovarla è proprio il capitano del Bra Lillo Rossi, che al 34′ si traveste da Ronald Koeman e con un destro potentissimo da calcio piazzato (smarcato dal tocco di Capellupo) trova l’incrocio dei pali e insacca alle spalle di Merlano, che la tocca ma non basta. Nell’ingranaggio Fossano, che sembrava girare bene fino a quel momento, si rompe qualcosa, lasciando scoperto il fianco che il Bra sfrutta per affondare il colpo. I giallorossi infatti poco dopo trovano il raddoppio su calcio di rigore con Merkaj (Marchisone ruba il tempo a Fogliarino, che lo trattiene in area), che non risparmia Merlano con il suo mancino ad incrociare; al 40′ la chiude invece Bongiovanni, letale a staccare in area dopo un cross da sinistra di Reeb.

La rete su punizione di Lillo Rossi e l’esultanza con i compagni

 

La ripresa ha poco da dire, con la partita che è completamente nelle mani del Bra. Il Fossano ritrova la quadratura difensiva (complice anche una minore pressione dei giallorossi in zona offensiva), ma non riesce ad andare all’attacco con costanza. Viassi prova a mischiare le carte gettando nella mischia il 2003 Di Salvatore e le geometrie di Reymond, ma la differenza a conti fatti è poca, troppo poca per poter tentare di riaprire la partita. Il Bra d’altro canto non fa troppo per dilagare, preferendo conservare le energie in vista della partita in trasferta contro la Folgore Caratese. Gli unici a concedersi ancora a un paio di strappi verso l’area di Merlano sono i due laterali Baggio e Reeb, con il primo che si mette in proprio al 24′ con una bella azione personale (sventata dalla difesa Blues) e il secondo ancora pericoloso da corner al 26′, pescando Saltarelli in area e un altrettanto bravo Merlano.
Con il ritmo sempre più calante il Bra si porta a casa il 3-0 del derby e si conferma nuovamente al secondo posto insieme alla Castellanzese: la sfida contro la Folgore può diventare un altro crocevia importante.

 

IL TABELLINO

BRA – FOSSANO 3-0
RETI: 34′ Rossi (B), 38′ rig. Merkaj (B), 40′ Bongiovanni (B)
BRA (3-4-1-2): Guerci 6, Rossi 7.5, Tos 6.5 (27′ st Olivero 6), Saltarelli 7, Merkaj 7 (28′ st Campagna 6), Baggio 7 (29′ st Magnaldi 6), Reeb 7.5, Marchisone 7 (35′ st D’Ambrosio sv), Bongiovanni 7.5, Capellupo 6.5 (26′ st Hoxha 6), Daqoune 6.5. All. Daidola 6.5. A disp. Giaccardi, Bruno, Petracca, Lala.
FOSSANO (4-3-3):
Merlano 6.5, Specchia 6, Bellocchio 6, Scotto 6, Galvagno 5, Romani 5.5, Brondi 5.5, Coviello 6.5 (37′ st Lanfranco sv), Fogliarino 5 (3′ st Di Salvatore 6), Coulibaly 5.5 (17′ st Manuali 6), Lazzaretti 6 (12′ st Reymond 6). All. Viassi 5.5. A disp. Bosia, Bergesio, Volpatto, Medda, Brero.
AMMONIZIONI:
Fogliarino (F). 
ARBITRO: 
Silvestri di Roma 1 6.5 Prende le decisioni più importanti nel modo giusto, fischiando il giusto e senza utilizzare i cartellini. Nel complesso una direzione più che positiva.
ASSISTENTI: Lo Calio di Seregno e Manni di Savona.
NOTE: Angoli 5-2 Bra.

La fotogallery dell’incontro

 

 

LE PAGELLE

BRA
All.Daidola 6.5 Partita mai in discussione, poteva diventare insidiosa ma i suoi ragazzi sono stati bravi a sbloccarla e a dilagare nel giro di 6′. Ordinaria amministrazione la ripresa, incitando sempre e comunque ogni suo reparto.
Guerci 6 Guantoni praticamente puliti, nessun intervento che lo impegna nel corso dei 90′.
Rossi 7.5 Si mette in luce subito con l’assist per il gol annullato Saltarelli, poco dopo decide di regalarsi un gol su punizione degno del miglior Ronald Koeman. Leader nato.
Tos 6.5 Nel terzetto difensivo è quello che si sgancia di meno in fase offensiva, ma quando ce n’è bisogno sa sempre come e quando intervenire.
27′ st Olivero 6 20′ grintosi e senza grattacapi particolari.
Saltarelli 7 Il guardalinee e Merlano sono i suoi nemici di giornata: potrebbe inserirsi anche lui nei marcatori, ma non è la sua giornata fortunata. Resta comunque una prestazione eccellente.
Merkaj 7 Nell’inedito ruolo occupato in precedenza da Gaeta rispetta a pieno le attese. Il rigore calciato e segnato è solo la ciliegina sulla torta di una gara giocata con grande sacrificio al servizio della squadra.
28′ st Campagna 6 Fa a sportellate con i difensori Blues.
Baggio 7 Assoluto protagonista in ripiegamenti difensivi sotto gli occhi di papà Dino. Il Fossano potrebbe andare in gol due volte, ma lui ci mette una pezza. Non da meno la prestazione in fase offensiva.
29′ st Magnaldi 6 Solita corsa e quantità sull’esterno, dona linfa fresca alla manovra.
Reeb 7.5 Il suoi traversoni sono una delle spine nel fianco maggiori nelle retrovie del Fossano. In tutta la partita risulta imprendibile per chiunque lo sfidi in rapidità.
Marchisone 7 Anche nel ruolo di attaccante più avanzato fa vedere colpi d’alta classe. Non riesce ad andare in gol, ma crea comunque costanti pericoli, come nell’azione che ha portato al rigore del 2-0.
35′ st D’Ambrosio sv
Bongiovanni 7.5 Dinamismo costante, tecnica da vendere e stacco imperioso alla Ronaldo: mix perfetto per un match impeccabile sotto tutti i punti di vista.
Capellupo 6.5 Il Bra non può fare a meno delle sue geometrie: un elemento che, anche se non si vede in zona gol o con assist decisivi, ha un peso specifico non indifferente.
26′ st Hoxha 6 Altri minuti importanti per entrare nei ritmi della squadra.
Daqoune 6.5 Spezza il gioco avversario e si presta al gioco fisico, concedendosi qualche inserimento quando si apre qualche varco.

FOSSANO
All.Viassi 5.5 75′ di un’ottima fase difensiva, ma gli errori sulla fine del primo tempo costano carissimo alla squadra. Era difficile già in principio, se si aggiungono delle sbavature individuali diventa impossibile.
Merlano 6.5 Nonostante il passivo risulta uno dei migliori con un paio di interventi decisivi.
Specchia 6 Non ha vita facile con Reeb su quella corsia, ma riesce comunque a limitare i danni delle scorribande avversarie.
Bellocchio 6 Giornata difficile, chiamato agli straordinari in più di un’occasione. Fa quel che può per alzare la diga e limitare le azioni pericolose del Bra.
Scotto 6 Come il compagno di reparto fa fatica, ma nel complesso salva molte situazioni che sarebbero potute culminare in qualcosa di molto peggio.
Galvagno 5 Praticamente mai cercato dai compagni, che preferiscono affidarsi a Coulibaly dall’altra fascia. Quel poco che riesce a giocare lo fa senza incidere particolarmente.
Romani 5.5 Inizia bene, dando il parere di essere uno dei più pericolosi del Fossano. A parte un paio di strappi nel primo tempo non si fa sentire in attacco.
Brondi 5.5 Soffre l’intensità del centrocampo giallorosso, risultando spesso in ritardo rispetto agli avversari. Prova a farsi vedere sia in impostazione che negli inserimenti, ma con scarsi risultati.
Coviello 6.5 Tra tutti è quello che tiene maggiormente botta quando il Bra alza il ritmo. Bravo a fare le diagonali e propositivo in avanti, anche se poche volte trova l’aiuto del reparto offensivo.
37′ st Lanfranco sv
Fogliarino 5 Inizia con discreta qualità la sua partita, pattugliando bene la sua zona di campo. Quando il Bra alza il ritmo va in grande difficoltà, causando inoltre l’ingenuo rigore del 2-0.
3′ st Di Salvatore 6 Entra e prova a fare pressing in un match che è ormai compromesso. La rocciosità dei difensori del Bra è ancora troppo per il giovane 2003, ma l’impegno c’è e si sente.
Coulibaly 5.5 Inizio di gara pimpante, sfrutta tutto il campo a sua disposizione per attaccare la profondità ed inserirsi in area. Il suo impeto però dura poco più di 20′: viene cercato di meno ed esce virtualmente dalla partita.
17′ st Manuali 6 Corsa e intensità per una buona mezz’ora di gioco.
Lazzaretti 6 Esegue ambedue i compiti di regia e interdizione con dedizione, suonando spesso la carica per i compagni. Fa comunque ciò che può per limitare il Bra fino alla sua uscita.
12′ st Reymond 6 Dona una marcia in più sia in cabina di regia che in zona gol con un paio di conclusioni da fuori.

 

LE INTERVISTE POST GARA


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0