La crisi non finisce. Il Bra di Fabrizio Daidola perde l’occasione di sbloccarsi anche in casa contro il Ligorna che fino a domenica alle 14.59 era appaiata ai giallorossi in fondo alla classifica. Daidola si affida ad un undici titolare abbastanza rodato e i primi 20′ sembrano potergli dare ragione. Infatti Tettamanti e Cuoco dalle vie centrali architettano una buona tela di passaggi e un gioco arioso che riescono più volte a mandare Sarr a tupertu con Zunino. Il gioco c’è, la qualità del gioco anche manca però l’ultimo tocco/passaggio come al 6′ quando Tettamanti da piazzato imbecca Brancato sul secondo palo, ma il terzino non riesce a trovare lo specchio da buona posizione. Proprio il terzino braidese si propone come regista esterno in tandem con Sarr e al 19′ confeziona un buon filtrante per il taglio di Cuoco sulla destra. Cross insidioso che si trasforma in tiro e centra il palo lontano servendo Rossi che non riesce a coordinarsi bene e manda alto. Da qui in avanti, lentamente, Vergnano e Tuzza abbassano il ritmo e i genovesi guadagnano metri in mediana. Gnecchi guadagna libertà in mediana e riesce spesso a imbeccare il tridente Corsini-Kacorri-Chiarabini. Questi ultimi però cominciano solo con qualche tiro dalla distanza senza centrare lo specchio fino al 27′ quando Bonofiglio raccoglie facilmente la conclusione di Castorini. Rossi e Tos sembrano gestire la cosa, ma alla lunga, con un colpo di fortuna, il Ligorna la sblocca. Chiarabini affonda a destra e mette un cross teso sul secondo palo dove Pondaco in acrobazia batte in porta. Bonofiglio scatta e la prende sulla riga, ma sulla ribattuta Kacorri di petto insacca. 0-1. Casolla prova a rispondere con un tiro al volo pochi secondi dopo, ma l’ultima occasione del primo tempo finisce a lato.

Nella ripresa è di nuovo Kacorri subito a ergersi protagonista, ma in negativo, perchè sbaglia il raddoppio da pochi metri dopo qualche secondo. I padroni di casa annusano il pericolo del raddoppio e reagiscono, anche se non troppo ordinatamente con tanti lanci verticali. Al 13′ l’azione più bella e pericolosa sull’asse Tettamanti-Tuzza, con quest’ultimo che mette una palla nell’area piccola insidiosa, ma Ferrante e compagni riescono a sparecchiare in qualche modo. La girandola di cambi di Daidola non dà l’effetto sperato almeno fino al 22′ quando Capellupo con una punizione imbecca Rossi: stacco di testa e doppio miracolo di Bulgarelli sul capitano giallorosso e su Tettamanti (quest’ultimo in fuorigioco). Il forcing sembra poter produrre risultati, ma al 26′ Chiarabini taglia le gambe all’Attilio Bravi con un missile dal limite su sponda di Kacorri. 0-2. Daidola le prova tutte affiancando a D’Antoni e Casolla anche Armato, ma i lanci che arrivano sono troppo prevedibili dagli attentissimi Ferrante, Danovaro e Zunino. Niente da fare, il Bra rimane fermo a 0 punti in solitaria suscitando la reazione dei tifosi che nel finale chiamano Daidola e Scanzi a rapporto per un confronto. Testa a Sanremo con la consapevolezza che ora serve un miracolo.

Bra Ligorna Serie D La contestazione
Bra Ligorna Serie D La contestazione a fine partita. Daidola a confronto coi tifosi.

IL TABELLINO DI BRA – LIGORNA SERIE D 0-2
RETI: 42′ Kacorri (L), 26′ st Chiarabini (L).
BRA (4-3-3): Bonofiglio 6.5, Rossi 6, Tos 6 (35′ st Armato 5), Cuoco 5.5, Tuzza 5.5 (21′ st Ghidinelli 5.5), Tettamanti 5.5, Sarr 5.5 (12′ st D’Antoni 5), Brancato 6.5 (12′ st Capellupo 6), Casolla 5.5, Cucchi 5, Vergnano 5 (12′ st Marchisone 5.5). A disp. Pietropaolo, Ciccone, De Santi, Bosio. All. Daidola.
LIGORNA (3-4-2-1): Bulgarelli 7, Danovaro 7, Gulli 6.5 (29′ st Capotos 6.5), Pondaco 7 (32′ st Grani sv), Ferrante 6.5, Gnecchi 6.5, Zunino 7, Castorani 6, Kacorri 7.5, Chiarabini 7 (41′ st Fasce sv), Corsini 7 (46′ st Vallerga sv). A disp. Ventura, Gallotti, Gilardi, Moretti, Glarey. All. Monteforte 7.5.
ARBITRO: Guida 5.5 di Torre Annunziata. Fischio frenetico che spezzetta troppo il gioco. A tratti pecca in autorità.

LA PAGELLE DI BRA LIGORNA SERIE D

PAGELLE BRA
All. Daidola 5 Buon gioco per troppo poco tempo. La squadra si sfilaccia troppo presto per poter vincere. Il lavoro c’è ma i risultati pesano sempre di più.
Bonofiglio 6.5 Quando può para in modo efficace compiendo anche mezzi miracoli.
Rossi 6 Il capitano gestisce bene la difesa nella prima frazione facendosi vedere anche in avanti sui piazzati (su cui è il più pericoloso). Classica maglia sudata.
Tos 6 Nessuna colpa singola, né particolare di reparto. 35′ st Armato 5 Mai decisivo su una palla.
Cuoco 5.5 Architetto nelle prime battute, ma perde tantissimo terreno dalla mezz’ora in avanti.
Tuzza 5.5 Come Cuoco parte con gamba e idee che scemano man mano. 21′ st Ghidinelli 5.5 Non sposta il suo equilibrio.
Tettamanti 5.5 Idealista e faro della fase offensiva. Non aiuta troppo in mediana quando servirebbe.
Sarr 5.5 Abile nel puntare, meno fortunato nell’esito delle sue scorribande. Reo di non spostare la partita. 12′ st D’Antoni 5 Pochi palloni mal giocati.
Brancato 6.5 Regista largo tra i promotori della prima fase di gioco. 12′ st Capellupo 6 La punizione con cui imbecca Rossi è simbolo di un piede educato con cui prova perlomeno a fare qualcosa.
Casolla 5.5 Serve una sua giocata per sbloccare la squadra. Tra errori in costruzione della squadra e pecche personali la prova non può dirsi convincente.
Cucchi 5 Spesso fuoriposizione in fase propositiva. Serve turbo anche a sinistra.
Vergnano 5 Qualche contrasto lo vince, ma è poco deciso nelle giocate. 12′ st Marchisone 5.5 Daidola conta su di lui per mettere freschezza in fascia… Rimane deluso.

PAGELLE LIGORNA
All. Monteforte 7 Vittoria quadrata ottenuta con carattere e organizzazione dei suoi che sanno colpire il Bra nei punti e nei momenti giusti.
Bulgarelli 7 Lesto e sempre attento. I due miracoli sul fuorigioco valgono lo stesso come simbolo di una buona partita.
Danovaro 7 Dietro non passa niente. Chiude sempre di giustezza.
Gulli 6.5 Spinge poco, ma è il mandato di Monteforte. Ottima gestione di Cucchi. 29′ st Capotos 6.5 Chiude ermeticamente la squadra con energie fresche.
Pondaco 7 Decisiva la mezza rovesciata sul gol. Cavalca come un matto in fascia ed esce pulito dal confronto con Brancato. 32′ st Grani sv
Ferrante 6.5 Per vie centrali non si passa. Punto.
Gnecchi 6.5 Con l’andare dei minuti acquista quella consapevolezza e quel carisma completamente assenti nella partita di Chieri.
Zunino 7 In avvio costretto agli straordinari. Nel finale tiene alto il morale e la concentrazione della squadra da buon capitano.
Castorani 6 Lavoratore silenzioso nel senso positivo e negativo. Strappa la sufficienza considerata l’intesa con Gnecchi.
Kacorri 7.5 Prende botte (pulite) dai due mastini là dietro. Aspetta silente e paziente il momento giusto per colpire al veleno. Rinvigorito dal gol.
Chiarabini 7 Riesce spesso a liberarsi della marcatura fino al limite dell’area di rigore. Prova qualche tiro finchè non pesca il jolly nell’angolino basso. 41′ st Fasce sv
Corsini 7 Come Chiarabini, svaria e procura buoni spai per le conclusioni da fuori. 46′ st Vallerga sv

LE PAROLE A FINE GARA DI LUCA MONTEFORTE (LIGORNA)